Venerdì, 08 Settembre 2017 11:36

Reporter della Tua Città/ Un'estate in letargo... Una Vieste in letargo!!

Anche quest'anno come ogni anno siamo quasi giunti alla fine di questa stagione estiva. Tutti iniziano a contare i numeri, le cifre, le presenze avute e tutti parlano di questo fantomatico "BOOM" di turisti. A guardarli bene questi numeri si direbbe che è stata una stagione estiva propensa e fruttuosa, ma a nessuno è venuto in mente di cercare di parlare col turista e vedere cosa pensa della nostra Vieste? Bene, io l'ho fatto, ovvero ci ho provato, e vi dico con certezza che possiamo solo ringraziare madre natura per il turismo che quest'anno abbiamo avuto, perché oltre alle chilometriche spiagge, al bellissimo sole caraibico e al celeste cristallino del mare, Vieste non ha offerto niente ai milioni di turisti che sono venuti in vacanza qui, NIENTE. Vogliamo esporre la tipica vacanza viestana? La mattina mare, il pomeriggio mare, la sera cena e giro nel centro storico, a mezzanotte coprifuoco e tutti a nanna. Lungomari completamente bui, con tutti i lidi chiusi e di conseguenza vuoti di gente, zero proprio. Il corso centrale con bar, pizzerie e ristoranti pieni nell'ora di cena, ma per il resto solito passeggio invernale. Vogliamo parlare degli eventi proposti dal comune di Vieste? Programma esistente solo ad agosto ma davvero penoso, indecoroso e vergognoso, non c'è stata una serata, non c'è stato uno spettacolo, non c'è stato un evento particolare, non c'è stato nient'altro che niente. Adesso chiedo a chi di competenza, cosa deve venire a fare un giovane in estate a Vieste? Cosa viene a fare una famiglia con figli piccoli in vacanza a Vieste? Cosa gli rispondiamo che Vieste ha i debiti da pagare e di conseguenza non si organizza niente? E no cari amministratori, non è questa la risposta da dare, che ci sono dei conti da risanare ci sta ma non di certo deve pagare il turista che viene in vacanza qui i debiti lasciati dai nostri cari concittadini incompetenti e che hanno pensato a riempire le proprie tasche in tutti questi anni. Non bisogna trattare così il turista, strisce blu ovunque, multe a non finire, carroattrezzi che agiscono alla velocità della luce senza lasciare nessun avviso, lungomari lasciati al buio, mancanza di servizi, mancanza di divertimento, solo ed esclusivamente mancanze di tutti i generi. Il turista se trattato in questo modo l'anno prossimo deciderà di trascorrere le vacanze in altri posti, il giovane che non trova divertimento, iniziative, serate estive l'anno prossimo non verrà più, e i numeri scenderanno a picco proprio. Quindi cari amministratori, a tirar le somme, questa stagione estiva è quasi andata e accontentatevi dei numeri e dei clamorosi BOOM che tanto vi vantate, ma le prossime stagioni se non ci diamo da fare i turisti non verranno più qui, e Vieste subirà un declino pazzesco, e se questo accadrà la colpa sarà anche vostra, soprattutto vostra, perché come si dice, il cliente ha sempre ragione, e se il cliente non è soddisfatto non ci torna più in quel posto. E di soddisfazioni Vieste oltre a madre natura non ne ha date, né per i turisti né per i viestani. Si è pensato solo ed esclusivamente a far cassa, pagamenti ovunque e non si è pensato minimamente ai bisogni e alle aspettative del turista. Prima o poi tutti i nodi vengono al pettine. Guardiamo la realtà per quella che è. Quindi SVEGLIA signori prima che è troppo tardi, perché se il turismo non c'è più, il lavoro non c'è più, e Vieste è completamente FINITA. A riveder i numeri.

Luca Rinaldi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ondaradio consiglia...

Lucatelli arredamento

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005