Il Comune, in esecuzione della deliberazione di Giunta comunale organizza corsi di formazione per il rilascio di attestato di idoneità all’identificazione delle specie fungine”, ed il CORSO DI  AGGIORNAMENTO, relativamente agli aspetti normativi e tossicologici, per coloro gia in possesso di ATTESTATO, propedeutici al rilascio del PERMESSO DI RACCOLTA e commercializzazione dei funghi freschi di cui alla Legge Regionale 13 marzo 2012, n. 3.

Gli interessati, devono presentare apposita istanza di partecipazione su modelli già predisposti dall’Ufficio competente, al quale possono rivolgersi per ogni chiarimento;

-  gli interessati devono effettuare il pagamento di:                                                         '

€ 40,00 per Corso di formazione per rilascio Attestato di raccolta di funghi epigei freschi;

€ 15,00 per Corso di aggiornamento per rinnovo attestato

 Gli interessati dovranno effettuare, secondo le disposizioni Regionali, i pagamenti, direttamente presso la Tesoreria del Comune di Vico del Gargano — BANCAPULIA, Viale San Pietro, n. 1 — codice IBAN IT71R0578778700129570129290 riportando la causale: “Corso di formazione per rilascio Attestato di raccolta di funghi epigei freschi” o “Corso di aggiornamento per rinnovo attestato.

 Le domande di partecipazione ai Corsi devono essere presentate, entro e non oltre il giorno 19 ottobre 2018, all’Ufficio Segreteria o all’Ufficio SUAP con tutti gli allegati elencati nello schema di domanda;

 Per ulteriori informazioni, rivolgersi ai dipendenti: Istruttore Amm.vo Domenico del  Giudice Ufficio Segreteria — tel. 0884/998328 — Resp. Ufficio SUAP Marco Valente — tel. 0884/998338.

 

Il Sindaco

Michele Sementino

Pubblicato in Avvisi

A Vico del Gargano, considerato uno dei Borghi più belli d'Italia, viene portata avanti un'antica arte, quella della lavorazio­ne al telaio. L'attività tessile è un lavo­ro antico, ricco di storia e tradizione, simbolo della civiltà agro-pastorale pugliese (e non solo), fino agli anni Sessanta del Novecento. È bello quin­di vedere L'impegno di persone che ancora oggi si impegnano affinché questa arte non vada perduta. Un'e­scursione davvero suggestiva, quindi, può portare attraverso le strade di Vico per vedere come ancora oggi si lavora il Lino e la canapa al telaio così come si faceva nell'800. Le statistiche elencano il numero dei telai e delle tessitrici di tutta La Capitanata fin dal 1866: l'arte della tessitura è eserci­tata in 39 comuni con 2426 telai. Il numero delle addette è pari al nume­ro di telai presenti in ogni paese, ma le apprendiste non vengono contate. L'attività è concentrata quasi esclusi­vamente sul Gargano: si distinguono Vico (800 telai), Rodi (250 telai), Car­pino (200 telai), Monte Sant'Angelo (130), Cagnano Varano (80), Vieste (60), San Severo (50), Peschici (48), Ischitella (42). Fanalino di coda: Fog­gia con 12 telai e Cerignola con 10. L'arte della tessitura richiede impe­gno, dedizione e passione. Ed è que­sto che traspare appena si entra nel­

le botteghe per ammirare le signore sedute al telaio, intente a realizzare un fazzoletto ricamato, un cuscino o una tovaglia. Con il piede che va in su e giù sul pedale lasciando intendere quanta forza serva per questo anti­co mestiere. Basti pensare che per realizzare un fazzoletto al telaio si impiegano circa 10 ore di lavoro, un asciugamano 50 ore. I negozi in ge­nere sono piccoli, illuminati dai colori pastello delle Lavorazioni finite poste sulle mensole: cuscini ricamati, to­vaglie, asciugamani, borse artigianali tessute a mano. E sui tavolini di legno si trovano gomitoli colorati, fazzoletti e altre creazioni fatte rigorosamente al telaio. Che solitamente campeggia, nel pregio della sua antichità (proprio come si presentava nell'800) al cen­tro della stanza.

Pubblicato in Società

“Il nuovo anno scolastico inizierà regolarmente anche per la Scuola Media Michelangelo Manicone”. E’ il sindaco di Vico del Gargano, Michele Sementino, a rassicurare tutti riguardo ai lavori per la realizzazione del giunto tecnico nell’istituto scolastico Manicone. “I lavori cominceranno proprio il 17 settembre, in concomitanza con l’inizio dell’anno scolastico, perché sono la Regione Puglia e il Ministero della Pubblica Istruzione, sulla base della normativa vigente, a imporcelo”, ha aggiunto il sindaco. “Per una serie di circostanze e di passaggi burocratici obbligati, nostro malgrado è stato impossibile provvedere alla realizzazione dell’opera prima che cominciasse l’anno scolastico. I lavori, tuttavia, saranno svolti dalle ore 14 alle ore 20, e saranno completamente ultimati entro 10 giorni, secondo quanto ci è stato comunicato dalla ditta che dovrà eseguirli”. Michele Sementino, dunque, risponde anche ai dubbi sollevati dal consigliere di minoranza Daniele Cusmai, che su facebook, a proposito del via ai lavori lo stesso giorno dell’inizio dell’anno scolastico aveva utilizzato sarcasticamente l’espressione “il Paese dei balocchi”. “Se il consigliere Cusmai si misurasse concretamente con la realtà della burocrazia e di tutto il suo complesso ‘reticolato’ di norme e obblighi, comprenderebbe che amministrare un paese è cosa ben più difficile che scrivere battute sui social”, ha commentato Michele Sementino. “Speriamo e faremo in modo che l’inizio dei lavori comporti meno disagio possibile a personale ausiliario, docenti, dirigenza scolastica e studenti. L’opera che verrà realizzata è importante per la funzionalità e la sicurezza dell’edificio scolastico. Il Comune di Vico del Gargano, in ogni caso, non aveva e non ha il potere né di anticipare né di procrastinare l’inizio e il completamento dei lavori in altro periodo se non quello imposto dalle normative cui dobbiamo doverosamente attenerci, sia per rispettare le regole sia per non incorrere in contenziosi che peserebbero sulle tasche di tutta la collettività”, ha spiegato il sindaco. “Sulla scuola, per le nostre scuole, abbiamo lavorato e lavoreremo ancora molto, con passione e attenzione. Ci teniamo e ci crediamo, perché è nelle scuole il futuro dei nostri figli. Come cittadini, e nella veste di genitori, credo sia nostro dovere rispettare e sostenere il lavoro del personale ausiliario, dei docenti e dei dirigenti scolastici. Il loro è un lavoro meraviglioso e estremamente delicato e complesso. Sosteniamo i nostri ragazzi, facendo capire loro che la prima lezione da comprendere profondamente è il rispetto. Rispetto per le loro compagne e i loro compagni di scuola, rispetto per se stessi, rispetto per gli adulti che, nelle scuole, cercano di aiutarli a diventare persone capaci di senso critico e responsabilità. Buon anno scolastico a tutti, di cuore”, ha concluso Michele Sementino.    

Pubblicato in Società
Giovedì, 13 Settembre 2018 15:35

Vico del Gargano a scuola.

La prima novità di questo nuovo anno scolastico arriva dalla dirigente dell’Istituto Comprensivo Manicone – Fiorentino, Donatella Apruzzese. Armata di vernice colorata, pennelli e collaboratori si è dedicata per vari giorni nella pitturazione e colorazione di passamani, cancelli e recinzioni, dando un tocco vivace, allegro, creativo, alla scuola media “ Michelangelo Manicone “ di via Papa Giovanni XXIII. Primi rintocchi di campanella nei due edifici la mattina di lunedì 17 settembre, quando la popolazione della scuola dell’obbligo prenderà posto nelle rinnovate aule, così distribuiti: 353 alunni della Scuola Primaria; 365 alunni della Scuola Secondaria; 159 bambini della Scuola d’Infanzia, per un totale di 777 ragazze e ragazzi. Nessun decremento dovuto al calo delle nascite e comunque ancora non percepito nella sua reale dimensione. Risulta regolare la posizione delle ragazze e ragazzi della Scuola infantile sul fronte vaccini.

Risulta più o meno stabile la popolazione studentesca dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “ Publio Virgilio Marone “ della Contrada Maddalena. I dati, fornitoci dalla dirigente, Maria Carmela Taronna, fanno registrare una popolazione complessiva di 434 iscritti, divisi fra Liceo Classico e quello Scientifico, il Corso di Agraria e quello serale. Prima giorno scolastico, sabato 15 settembre.

In occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico l’Assessore alla Pubblica Istruzione, avv. Rita Selvaggio, ha inviato un saluto di buon lavoro:” L'inizio di un nuovo anno scolastico è un evento importante per la comunità, attraverso il quale vengono scritte nuove pagine di vita. Sicuramente sarà un percorso di conoscenza, cultura, condivisione e formazione. Ho avuto il piacere di incontrare le validissime presidi degli istituti scolastici di Vico del Gargano ed è già iniziato un cammino che vedrà il coinvolgimento sia della scuola che del comune, attraverso lo sviluppo di diversi progetti. Il mio augurio sincero di un buon anno va a tutto il personale scolastico, ma soprattutto agli alunni vichesi, con l'auspicio che possano fare tesoro della grande cultura e delle ricche tradizioni che caratterizzano il nostro territorio.”

Michele Angelicchio

Pubblicato in Società

Siamo vicini alla soglia dei primi cento giorni. Al cambio, o al rinnovo, di ogni amministrazione si spera e si aspetta un cambio di passo. Si rinnovano attese, si presentano nuove priorità, s’invocano nuove vie, si fa tesoro degli errori passati, si colmano i vuoti con nuovo entusiasmo. La riconferma di Sementino, e il nuovo consenso alla nuova coalizione, porta necessariamente a stabilire termini di paragone fra il primo e il secondo, fra la passata e la nuova amministrazione: quanto di vecchio c’è nella nuova compagine e quanto di nuovo si è affermato nella compagnia riconfermata. Dal bel film di Roberto Benigni, Jonny Stecchino, apprendiamo la frase che ha caratterizzato tutta la trama: “ …non me somiglia pe’ niente…” Questa considerazione potremmo applicarla all’amministrazione uscente ed entrante, oppure, direttamente al Sementino uno e Sementino due. La prima l’abbiamo conosciuta, seguita, descritta in ogni suo passaggio. Vi è una intera raccolta, centinaia di articoli sul quotidiano l’ATTACCO, articoli che per anni sono stati l’unica fonte di sostanziale “ opposizione “ alla pentammucchiata. La seconda, quella rinnovata dal voto e nelle facce, nasce sotto altra stella dalla quale i cittadini, tutti i cittadini, si aspettano un tasso di chiarezza, puntualità e governabilità sostanziale. Elementi per garantire una buona e concreta navigazione. La coalizione di centro-destra, uscita vincente dalle elezioni del 10 giugno, contiene ( lo ripetiamo ) nuovi elementi, nuovi entusiasmi, nuovi orizzonti che dovrebbero portare frutti copiosi. L’elettorato ha premiato la coalizione fra centristi e forzisti, prima giudicando le alternative e poi accogliendo un messaggio che, sostanzialmente, diceva “ ora siamo un’altra cosa, abbiamo dei limiti e commesso errori, ma ne faremo tesoro. “ Il nuovo voto e i nuovi interessi che si sono aggregati intorno al “ Sementino 2 “ richiedono che si volti pagina. Un conto è la continuità amministrativa, altra cosa sono le “ amministrazioni nuove “, capaci, cioè, di scrivere e parlare con linguaggio nuovo, diverso. Portare, insomma, fatti e contenuti nuovi, trascurati, o peggio, mai affrontati e risolti, o tentati di risolverli. L’ elenco resta invariato da anni a partire dalla questione più importante e funzionale che potrebbe imprimere una svolta, vera, alla vita del paese: il destino del patrimonio comunale. Ora che il Sementino 2 contiene quel rinnovato “ fattore governo “ tutti si aspettano maggiori risultati e diversa rapidità di scelte. L’estate, con il carico dei soliti problemi, è passata, le vacanze pure, il rodaggio credo concluso. I nuovi hanno potuto toccare con mano qualche “ vecchia “ emergenza legata ad antichi problemi che restano problemi: la monnezza, la pulizia e l’igiene dei luoghi, il traffico, i parcheggi, le processioni. Un continuo barcamenare: da un lato la bella e qualificata iniziativa come il Premio Gargano di Giornalismo “ Vincenzo Afferrante “, oppure, riempire piazzetta Castello con le note di Gerry Mulligan e Astor Piazzolla e dall’altro il sudiciume di vie e marciapiedi, colmi di monnezza e cani randagi. Ora ci si aspetta il resto: amministrare, con fatti e decisioni rapide la vita di questo paese per i prossimi 5 anni. Le stesse considerazioni, e le stesse aspettative, ricadono sul “ nuovo “ e sul ruolo del Consiglio comunale e di tutti i consiglieri. Ritorni ad essere il centro del dibattito e della rappresentanza degli interessi generali. Compito facilitato dal parziale rinnovamento delle facce di maggioranza e quelle all’opposizione. Da questa metamorfosi ci si aspetta un rilancio dell’assopito e marginale lavoro del parlamentino vichese, sperando che il preziosissimo compito di “ controllo “, di “sollecitazione “ e di “ informazione “ ritrovi nuovo slancio e vigore. Solo in questo modo potremo dire:”…non me somiglia pe’ niente…”

Michele Angelicchio

Pubblicato in Politica

Alle 11.00 di questa mattina a Vico del Gargano, all'interno del Distaccamento dell'Aeronautica Militare di contrada Jacotenente si terrà, alla presenza del Ministro della Difesa e del Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, la cerimonia di istituzione dello Squadrone Eliportato Carabinieri "Cacciatori Puglia". L’istituzione dei “Cacciatori di Puglia” si è resa necessaria alla luce della grave escalation criminale che sta vivendo il territorio di Capitanata in generale, e il Gargano in particolare dove, come rimarcato dalla DDA di Bari, è attiva una mafia feroce e cruenta.

Pubblicato in Società

Un bagno di folla a Vico del Gargano per Paolo Bonolis, Giam­piero Mughini e Diego De Silva, vincitori del Premio Gargano di Giornalismo “Vincenzo Afferran­te”. La manifestazione, intitolata al corrispondente della «Gazzetta» e direttore di «Gargano Nuovo» ha raggiunto grazie al figlio del gior­nalista, Michele Afferrante, gior­nalista anche lui e autore di pro­grammi di successo (da Porta a Porta al Festival di Sanremo, da Ciao Darwin a II senso della vita), livelli di prestigio. La conferma nelle oltre 1.500 persone che hanno assiepato la piazza per seguire la cerimonia condotta da Michele Cucuzza, aperta da un omaggio ad Antonio Facenna (il giovane al­levatore vittima dell’alluvione sul Gargano nel 2014) e all’indimen­ticato Andrea Pazienza, autore del quadro che è stato donato (in stampa) ai vincitori, grazie alla disponibilità della madre e della sorella del fumettista scomparso. I personaggi dei romanzi e i film famosi (fra i quali “Ricomincio da tre” di Troisi) che portano la firma De Silva, la passione del giorna­lista Mughini per la Juve (ma an­che per Pazienza di cui possiede delle opere prime), la professione e l’attenzione al linguaggio di Bo­nolis nelle chiacchierate sul palco. Con dei fuoriprogramma: il con­duttore ha fatto il verso allo sguar­do di Mughini rivolto verso l’alto ed è andato fra il pubblico per par­lare in... vichese. Tanti applausi ai premiati, a Michele Afferrante, al sindaco Michele Sementino che con l’assessore Raffaele Sciscio ha reso possibile la serata.

Pubblicato in Personaggi
Martedì, 28 Agosto 2018 15:40

Vico/ Dialetto che poesia!

I poeti si incontrano a Vico del Gargano nel Chiostro di S. Pietro, accompagnati dalla musica dei «Sonetti podolici», sabato 1 settembre 2018 alle ore 20.30, per regalare un'altra serata di cultura, di emozioni e di tradizioni.

A cura della Pro Loco Vico del Gargano e Nicola Angelicchio.

Pubblicato in Cultura

La sesta edizione del Premio Gargano di Giornalismo – Vincenzo Afferrante, a Vico del Gargano, vedrà protagonisti lo scrittore e giornalista Giampiero Mughini, il giornalista e sceneggiatore Diego De Silva e il conduttore e autore televisivo Paolo Bonolis, al quale sarà conferito un premio speciale. La serata, che si terrà il 29 agosto in Piazza San Domenico, a partire dalle ore 21, sarà condotta dal giornalista, scrittore e conduttore televisivo Michele Cucuzza.

“Difficile comprendere perché, davanti allo schermo di un computer, spesso ci si dimentichi delle più elementari norme del pudore e del rispetto”, ha dichiarato il sindaco Michele Sementino. “Il web è uno straordinario strumento di comunicazione e creatività. L'era di internet e della comunicazione virtuale, però, ci impone una riflessione su cosa vogliamo essere e su chi siamo. Per questo ci piace il nostro paese e ne difendiamo valori e tradizioni. Lo facciamo vivendo le piazze, i vicoli, gli slarghi, le chiese, il lungomare della nostra costa, il silenzio sinfonico della foresta. Lo continuiamo a fare incontrandoci di persona, riducendo la distanze, lasciando spento a casa il virtuale per vivere una stretta di mano vera, un saluto autentico, un mi piace detto faccia a faccia, una risata non iconica ma sonora e con gli occhi che non possono mentire. Anche di questo parleremo con tre personalità che, sulla comunicazione, hanno più di qualcosa da dire e da esprimere. Il 29 agosto, lasciamo il virtuale a casa, andiamo a vivere la realtà in mezzo alla gente di Vico del Gargano e ai tanti visitatori che verranno a trovarci”. Lo scorso 14 giugno, Bonolis ha festeggiato il suo 57esimo compleanno, a settembre tornerà sul piccolo schermo con i suoi programmi ma, prima di allora, sarà a Vico del Gargano per ricevere un importante riconoscimento. Paolo Bonolis, conduttore e autore televisivo, da oltre 30 anni uno dei personaggi più popolari della televisione italiana. Dai primi successi con Bim Bum Bam nel 1982, alla conduzione della diretta per il concerto-evento di Vasco Rossi a Modena, sono passati quasi 40 anni. Lui li ha percorsi con tenacia e leggerezza, proponendo un linguaggio e un modo di porsi al pubblico del tutto originali. Il Premio Gargano di Giornalismo, istituito dal Comune di Vico del Gargano in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti della Puglia, è intitolato alla memoria di Vincenzo Afferrante, corrispondente del quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno scomparso nel 1983 e direttore del mensile Il Gargano nuovo, nato come mezzo per la crescita culturale e sociale del Gargano. “Anche quest’anno premieremo personalità importanti”, ha dichiarato il sindaco di Vico del Gargano, Michele Sementino, “perché Giampiero Mughini, Diego De Silva e Paolo Bonolis sono esempi di originalità, bravura e grande capacità critica”. “Per il Gargano”, ha aggiunto l’assessore Raffaele Sciscio, “eventi come questo, di alto profilo e popolari insieme, sono molto importanti perché capaci di attrarre interesse e turismo anche al termine della stagione estiva”.

Pubblicato in Manifestazioni
Domenica, 26 Agosto 2018 11:13

Vico/ Dialetto che poesia!

I poeti si incontrano a Vico del Gargano nel Chiostro di S. Pietro, accompagnati dalla musica dei «Sonetti podolici», sabato 1 settembre 2018 alle ore 20.30, per regalare un'altra serata di cultura, di emozioni e di tradizioni.

A cura della Pro Loco Vico del Gargano e Nicola Angelicchio.

Pubblicato in Cultura
Pagina 1 di 21

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005