A Spinazzola, il Sin­daco di Monte Sant’An­gelo, Pierpaolo d’Arienzo, è stato premiato dal Comitato antimafia Livatino-Saetta-Costa in­sieme a Matilde Montinaro (sorella del capo scorta di Giovanni Fal­cone), al Procurato­re di Trieste, alle mogli dei fratelli Luciani ucci­si lo scorso agosto a San

Marco in Lamis, al Presidente della Regione Puglia, Michele Emi­liano e alla cooperativa Agriculture (l’impresa agricola di Acqua­viva gestita dagli immigrati a cui sono stati affidati i terreni confi­scati alle mafie) tra gli altri. “È un grande onore ricevere questo riconoscimento” - ha dichiarato il Sindaco di Monte Sant’Angelo, Pierpaolo d’Arienzo - “Lo voglio condividere con tutti quei colleghi sindaci che quotidia­namente sono chiamati a fare scelte ‘giuste’, a lavorare in trincea per il bene e il riscatto sociale delle nostre comunità”.

Pubblicato in Personaggi

Torna anche quest’anno puntuale come sempre, a scandire ufficialmente il termine della stagione estiva, la Festa Patronale di Monte Sant’Angelo, in onore di San Michele Arcangelo. Anche per quest’anno le manifestazioni civili che ruoteranno attorno alle celebrazioni religiose, prima fra tutte la processione della Sacra Spada del 29 settembre, sono organizzate dal Comitato Festa Patronale guidato, come per il 2017, da Felice Piemontese, con il supporto dell’Amministrazione Comunale.

 “Sarà una festa patronale internazionale, Monte Sant’Angelo si apre al mondo. Un processo avviato già con il festival Michael e il patto d’amicizia con la Val di Susa e che prosegue con l’incontro della delegazione di Mont Saint-Michel nel segno di San Michele. Accoglieremo inoltre, le delegazioni di Sorbolo e Nova Milanese, dove forte è la presenza di nostri concittadini ancora tanto legati alle radici, alle tradizioni e al nostro Arcangelo” - dichiara Pierpaolo d’Arienzo, Sindaco di Monte Sant’Angelo, che prosegue - “Un plauso al Comitato Festa Patronale, al suo Presidente Felice Piemontese e a tutti i volontari per questo ricco programma di eventi, che unisce i montanari e che preannuncia una festa bella, pensata per tutti i target, che non manca di grandi spettacoli e concerti. Un ringraziamento doveroso ai cittadini e alle attività commerciali che con generosità sostengono ogni anno i festeggiamenti per il nostro caro Santo Patrono. Auguri di una buona festa a tutti”.

“Anche quest’anno siamo - dichiara il Presidente Felice Piemontese - riusciti ad organizzare una Festa Patronale che nella Città dei due Siti UNESCO, rappresenti anche un’offerta culturale per le migliaia di turisti che ci apprestiamo ad accogliere in questi quattro giorni di eventi. La musica, a livello trasversale per accontentare tutte le fasce d’età, la farà come sempre da padrona. Ma sarà anche l’occasione attraverso la visita del Comitato Festa Patronale di Mattinata, che ricambia la nostra visita di qualche settimana fa, per aprire un tavolo di discussione ufficiale tra i comitati feste patronali del Gargano mettendoci in rete per valorizzare sempre di più le nostre tradizioni secolari. Tutto questo - conclude Piemontese - è possibile solo grazie ad una squadra di quasi trenta persone, quasi tutte di appena 20 anni, che sotto il coordinamento professionale, silente e impeccabile dei vicepresidenti Pasquale Ciuffreda e Bernardo Bisceglia, fanno il modo che la grossa macchina organizzativa funzioni senza intoppi”.

 Dal 27 al 30 settembre l’Amministrazione Comunale ed il Comitato Festa Patronale accoglieranno le delegazioni istituzionali, per oltre 200 persone, provenienti da Mont Saint-Michel (Francia), Zabbar (Malta), Nova Milanese (Milano), Sorbolo (Parma), Montefalco (Perugia). Quattro giorni di festa, quelli dal 27 al 30 settembre prossimi, che saranno però scanditi da alcune anteprime già mercoledì 26 settembre quando alle ore 18:00, in Piazza Cappelletti, ci sarà la cerimonia di posa di una Statua di San Michele Arcangelo sulla colonna originariamente presente nel Santuario seguita, alle ore 20:00 presso l’Auditorium Beato Bronislao Markiewicz dalla presentazione del film-documentario “La via dell’Angelo” sul culto dell’Arcangelo Michele in Europa a cura delle associazioni “Le vie di San Michele” e “Italia Nostra - sezione Gargano, terre dell’Angelo” con ospite il regista Germano Di Mattia. L’anteprima terminerà alle ore 20:30 in Villa Comunale con una serata di musica popolare con il gruppo “Music Therapy”, a cura del centro sociale per anziani “San Michele Arcangelo”. Si partirà quindi ufficialmente giovedì 27 settembre alle ore 11:00, in Piazza Duca d’Aosta con la Cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico 2018/2019 con la partecipazione degli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado della Città di Monte Sant’Angelo, evento fortemente voluto dall’Assessorato alla Cultura ed Istruzione del Comune di Monte Sant’Angelo. Alle ore 16:00 ci si sposterà in Piazza Papa Giovanni Paolo II (ex Piazza Vischi) per l’ “Ippoterapia”, passeggiata con gli amici a quattro zampe per bambini e disabili, a cura dell’associazione “Sitizzo Equestre” ed alle ore 20:00, in Piazza Duca d’Aosta, la solenne Accensione delle luminarie, a cura della “ditta Carbone”, alla presenza del Sindaco, del Rettore della Basilica di San Michele Arcangelo e del Comitato Festa Patronale con la consegna del Premio “San Michele Arcangelo” al gruppo folkloristico internazionale “la Pacchianella” a 95 anni dalla sua nascita. Il primo grande concerto della Festa Patronale 2018 è quello del 27 settembre, alle ore 21:00 in Piazz Beneficenza con il Tributo a Fabrizio De André, a cura del Laboratorio Musiké e la presentazione e introduzione ai brani a cura di Don Salvatore Miscio. Prima del concerto la presentazione delle squadre ed accademie sportive di Monte Sant’Angelo di calcio a 5, basket e volley, a cura delle associazioni sportive “Futsal Monte Sant’Angelo”, “Nuovo Basket Monte Sant’Angelo”, “New Volley Monte Sant’Angelo” e “Accademica Monte Calcio”. Venerdì 28 settembre, vigilia della festività del Santo Patrono e Protettore anche della Provincia di Foggia e della Polizia di Stato, si parte alle ore 09:00 con il giro per le vie del paese del complesso bandistico “Città di Monte Sant’Angelo” con termine del percorso in Piazza Duca d’Aosta. Alle ore 12:00, in Via Reale Basilica, 53 (nei pressi della Statua di San Michele Arcangelo), ci sarà invece l’inaugurazione dell’esposizione artistica del maestro Michele de Filippo, pittore ceramista del Gargano. Alle 17:00 invece, dal Palazzo di Città, il corteo per la tradizionale offerta della Cera alla Basilica da parte dell’Amministrazione Comunale accompagnato dagli alunni degli Istituti Comprensivi “Giovanni XXIII” e “G. Tancredi-V. Amicarelli”. Il corteo sarà introdotto dal Gruppo Battitori “Terra dell’Arcangelo” dell’associazione “Insieme per…” e dal gruppo “Sbandieratori e Musici Città di Lucera”. Nel frattempo, dalle ore 18:00 in Piazza Duca d’Aosta, intrattenimento per bambini con baby-dance e spettacoli a cura dell’associazione “MontecreativA”. Al termine della celebrazione eucaristica presieduta da S. E. Mons. Giacomo Cirulli, Vescovo della Diocesi di Teano-Calvi, seguirà la cerimonia di “Posa della Spada” alla statua di San Michele Arcangelo posta all’esterno della Basilica. La spada è stata ideata, costruita ed offerta dal cittadino Matteo Caputo. Il secondo giorno si concluderà quindi con il concerto, alle ore 20:00 presso l’Atrio Superiore della Basilica, della Fanfara del Comando Scuole Aeronautica Militare - 3° Regione Aerea diretta dal M° 1° Lgt Nicola Cotugno, ed alle ore 22:00 con lo spettacolo in Piazza De Galganis “Cabarock” con il comico Carmine Faraco e la sua band. Sabato 29 settembre, il giorno dedicato al principe degli angeli, del bene e protettore del popolo eletto, inizierà già con le prime luci del mattino alle ore 06:00, il Largo Tomba di Rotary, con il Concerto all’alba del quartetto d’archi di Capitanata New project quartet composto dai Maestri Oraziantonio Sarcina (Violino I), Mario Ieffa (Violino II), Donatella Lisena (Viola), e Daniele Miatto (Violoncello). Dopo la Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S. E. Mons. Luigi Renna, Vescovo della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano e Amministratore Apostolico dell’Arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo seguirà il Saluto dell’Amministrazione Comunale e del Comitato Festa Patronale ai gruppi di pellegrini in visita presso la Basilica provenienti da Vieste e San Marco in Lamis, a cura del gruppo Scout “Agesci” Monte Sant’Angelo. Alle ore 17:00, partirà invece la processione per le vie della Città della Sacra Spada di San Michele Arcangelo. Sarà la Ghaqda Madonna tal-Grazzja Banda San Mikiel Zabbar (Banda Madonna delle Grazie e San Michele Arcangelo - Direttore: M° David Agius) di Zabbar, Malta, in occasione dei 135 anni dalla sua fondazione, la Banda che eseguirà sulla cassa armonica di Piazza Duca d’Aosta il tradizionale concerto bandistico del 29 settembre, a partire dalle ore 20:30. Il terzo giorno di festa però non finisce qui perché in Piazza Papa Giovanni Paolo II (ex Piazza Vischi), alle ore 22:30, ci sarà il grande concerto dei primi grandi ospiti di quest’anno: i Boomdabash, vincitori del premio “Power Hits Estate” di Rtl 102.5 e del premio “EarOne” del Wind Summer Festival, band salentina protagonista indiscussa dell’estate 2018 con il brano “Non ti dico no” insieme alla regina del rock italiano Loredana Bertè. La band terminerà proprio a Monte Sant’Angelo il tour estivo “Barracuda Tour”. Dalle 24:00 via gli strumenti e spazio alla console con la discoteca del Comitato Festa Patronale. Tornano in console dopo il successo dello scorso anno il dj Remo Amatore insieme al vocalist Marco Guacci, speaker di RadioNorba, con la presenza degli studenti erasmus dell’Università degli Studi di Foggia dell’associazione “ESN - Erasmus Student Network” che sarà presente a Monte Sant’Angelo con una delegazione di circa 200 studenti provenienti da ogni nazione europea. L’ultimo giorno, domenica 30 settembre, vede alle ore 09:00 in Piazza Papa Giovanni Paolo II (ex Piazza Vischi) i Gonfiabili per bambini a cura dell’associazione “Piccoli x Sempre” mentre il pomeriggio, alle ore 17:00, via al raduno bandistico con la partecipazione dei complessi bandistici “Città di Monte Sant’Angelo”, “Banda Madonna delle Grazie e San Michele Arcangelo” (Zabbar, Malta), “Banda Città di Ordona” e Banda “San Severo Symphonic Band”, che da varie vie e quartieri della Città si riuniranno alle ore 19:30, in Piazza Duca d’Aosta. Alle 20:30 tutti in Zona Castello per il grande spettacolo di fuochi pirotecnici, a cura della premiata ditta “Pirotecnica San Pio”.  Spazio quindi al concerto di chiusura dei festeggiamenti 2018 con il concerto, alle ore 21:30 in Piazza Duca d’Aosta, di Dodi Battaglia con il suo “…e la storia continua…tour 2018”, un omaggio ai 50 anni di carriera dei Pooh.

Pubblicato in Manifestazioni

Negli ultimi tempi abbiamo letto dello sconforto dei commercianti di Monte Sant’Angelo a causa di una scarsa vivacità estiva in città, dovuta, a loro dire, anche ad una scarsa programmazione di eventi di un certo rilievo che avrebbero potuto fare da richiamo per le migliaia di turisti che hanno affollato il Gargano: come dargli torto? E pensare che, se si consulta l’Albo on line del Comune, si capisce bene che, da quando si è insediata, l’Amministrazione d’Arienzo ha elargito, e sta continuando a farlo, così tanti contributi che, se avessero avuto alla base una vera e seria programmazione, avrebbero prodotto ben altri risultati, certamente migliori.

Tutto ciò va detto è da imputare, però, non all’azione di una singola o di un singolo assessore, ma al lavoro di una squadra a dir poco inesistente, all’assenza totale dell’Amministrazione comunale che, passati ormai 15 mesi dal suo insediamento, nulla ha prodotto: quel poco che è stato fatto o che viene fatto è il risultato di precedenti programmazioni. Se volessimo fare un primo bilancio – in genere, i primi bilanci si fanno dopo 100 giorni, ma noi ne abbiamo aspettati ben 456! – il responso è a dir poco deludente.

Andiamo per ordine:

  • Ass. Lavori Pubblici/Urbanistica, M. Fusilli – Risultati quasi sufficienti, dovuti alle casse comunali stracolme di soldi e ai progetti già avviati in precedenza (Urbanizzazioni zona Stamporlando/Niviera-Via Falcone e Borsellino; Sistemazione Piazza Carlo d’Angiò; Rifacimento Via Garibaldi e Corso Vittorio Emanuele; Ristrutturazione e riqualificazione Edificio Scolastico “G. Tancredi”; Ristrutturazione e riqualificazione Scuola Materna Zona C1; Ristrutturazione e riqualificazione Scuola Giovanni XXIII ecc.); come chiaro, ad oggi, in quel settore, nulla è stato prodotto o progettato dall’Amministrazione d’Arienzo;
  • Ass. Turismo/Cultura/Istruzione, R. Palomba – Risultati quasi sufficienti, ma limitati poiché, se da un lato l’Amministrazione sostiene di aver messo in bilancio soldi, dall’altro ha lasciato sola l’Assessora, anzi l’ha commissariata, imponendole un supervisore: non bisogna dimenticare che l’Assessora alla Cultura e alla Scuola non può decidere da sola se non mette naso l’addetto stampa del Sindaco, nei fatti Capo unico del Settore;
  • Ass Bilancio e Sviluppo economico, G. Rignanese: NON PERVENUTO! Un demerito ce l’ha, però: aver messo le mani nelle tasche dei cittadini, aumentando la TARI!
  • Ass. Politiche Sociali, A. Rinaldi: NON PERVENUTA! Un demerito ce l’ha, però: aver smantellato una struttura e una programmazione di servizi sociali precedentemente esistenti!
  • Ass. Viabilità e Affari Generali, G. Totaro – Battitore libero, sembra non sia soddisfatto del lavoro della Giunta e della maggioranza.

Eppure, dai tanti, tantissimi, selfie pubblicati, questa doveva essere l’Amministrazione “CambiaMonte”: a noi sembra che si sia sì cambiato, ma in peggio!

È sotto gli occhi di tutti che, dopo più di un anno, l’Amministrazione CambiaMonte non sappia quale sia il proprio lavoro. Monte si sta svuotando, è spenta: perché l’Amministrazione, che manca di progettualità, di programmazione e di idee, non si pone degli interrogativi?

FORZA ITALIA fa appello a quanti nella Maggioranza, sensibili alle sorti della città, sappiano giudicare che il futuro dei cittadini viene prima dell’appartenenza partitica e degli ordini di Partito: staccare la spina in questo momento è la sola medicina migliore per un’Amministrazione che, con la sua inerzia, sta facendo del male alla città.

Forza Italia – Monte Sant’Angelo

Pubblicato in Politica

L’Associazione Artistica “il Sogno di Giacobbe”, con il Patrocinio Morale del Comune di Monte Sant’Angelo, il Parco Nazionale del Gargano, la Società di Storia Patria per la Puglia e l’Associazione “La Bella Cumpagnie”, organizzano dal 22 al 30 Settembre 2018 (inaugurazione il giorno 22/9/2018 ore 18.00), la collettiva di Pittura e Scultura “il Sogno di Giacobbe… …sulle Orme dell’Angelo” che si terrà nella bellissima Sala del Trono del Castello di Monte Sant’Angelo (FG), in Largo Roberto il Giuscardo 2. Parteciperanno Artisti Nazionali ed Internazionali. La sera dell’inaugurazione sarà consegnato un Attestato di Partecipazione e Merito, firmato dal Critico d’Arte, Dott.Vito Cracas, dal Maestro Zahi Issa, Presidente dell’Associazione “il Sogno di Giacobbe” e dalla Segretaria dell’Associazione, Michela Sepe. Il 22 Settembre, giorno dell’inaugurazione, interverranno, il Sindaco di Monte Sant’Angelo Pier Paolo D’Arienzo, il Presidente del Parco del Gargano Dott. Claudio Costanzucci, l’Assessore alla Cultura di Monte Sant’Angelo Prof.ssa Rosa Palomba, il Prof. Giuseppe Piemontese Società di Storia Patria per la Puglia, il critico d’Arte Dott. Vito Cracas ed il Presidente dell’Associazione Artistica “il Sogno di Giacobbe”, Maestro Zahi Issa, tra i maggiori protagonisti dell’arte figurativa moderna di levatura internazionale, nato ad Aleppo il 5 gennaio 1962. Ad appena 13 anni, Zahi si fa conoscere con la sua prima mostra personale ad Aleppo e in seguito a Damasco. Nei successivi anni ha esposto anche ad Atene, Barcellona, New York, Francoforte, Parigi, Malta, Roma (Palazzo Barberini), Milano, Napoli, Firenze, Genova (Palazzo Baraccano), Bari (Palazzo della Provincia), Ancona, Santa Margherita Ligure (GE) Infine, va evidenziato che dell’arte di Zahi Issa, ne hanno parlato e ne parlano ancora i migliori critici del mondo tra cui Alfredo Pasolino, Vittorio Sgarbi e Vito Cracas. Zahi dice di se: “Volevo scrivere qualcosa su di me, sulla mia persona. Dopo aver visitato il mondo intero, dopo tutte le mie ricerche nell’Arte,volevo sentirmi libero di dipingere. Ho capito che la libertà viene dall’Alto, cioè dalla mia interiorità, dall’introspettivo del mio profondo. Ho detto Signore! Signore!
Aiutami Tu, Tu che sei la fonte della vita,Tu che sei la sorgente,Tu che sei la Luce, riempimi del tuo Amore, rendi Me libero
L’Attrice Floriana Rignanese sarà la Conduttrice della serata e presenterà gli artisti durante la consegna degli Attestati di Merito.

Inaugurerà la Mostra il Maestro Internazionale di Danza Folk, Michele M. Mangano.


Artisti partecipanti: BORGHESAN Giorgio, ISSA Burhan, CAMBARAU Efisio, CAMPANIELLO Arcangela, CARNEVALE Nico, CELESTE Palmina, CHIAZZOLLA Daniela, DELLE NOCI Anna, DE MONTE Maria, de STEFANO Maria Pia, DE TROIA Giacomo, DICAROLO Silvano, GESARIO Nancy, MARELLA Gina, OUATU Gheorghita - PITTA Gianni, SEPE Michela, SPAGNOLI Carolina, STILLA Filomena, TESSE Nicla, VURCHIO Valentina.

Ospiti d’Onore : Compagnia di danza Artistica i Danzanova Folk Ballet diretti dall’Insegnante Enza Di Bari “ tarantule antidoti e mascja”

L’inaugurazione e la mostra è aperta al pubblico gratuitamente.

Pubblicato in Cultura

Populus in sueva aetate: la società del Duecento tra degustazioni ed intrattenimento.

Sabato 25 agosto, dalle 19 alle 22 presso il Castello di Monte Sant'Angelo si terrà Populus in sueva aetate, un evento di ricostruzione storica di quella che poteva essere la società medievale in Capitanata sotto Federico II e la casata sveva degli Hohenstaufen.

L'iniziativa, a cura del Centro Studi Storico Archeologici del Gargano e di Imperiales Friderici II e patrocinata dal Comune di Monte Sant'Angelo, sarà un viaggio alla scoperta dello stile di vita e dei personaggi della Puglia del tempo, con un salto nel tempo attraverso figuranti con capi di abbigliamento e equipaggiamenti militari tipici dell'epoca, tra antichi mestieri, sapori e intrattenimento di uno dei secoli più affascinanti nel medioevo.

Danze, musica medievale, indovinelli e giochi, declamazioni di poesie della Scuola Poetica Siciliana...questo e tanto altro per vivere una serata in un'atmosfera unica e nella bellissima location del Castello di Monte Sant'Angelo, collegato a Federico II da numerosi episodi storici e leggendari.

Pubblicato in Manifestazioni

Sono 42 gli aspiranti alla direzione del Parco nazionale del Gar­gano: tale è infatti il numero delle domande pervenute al protocollo dell’ente di via Sant’An­tonio Abate a Monte Sant’Angelo alla scadenza del termine fissato dall’avviso pubblico per la individuazione di tre nominativi da sottoporre al ministro dell’ambiente e della tutela del ter­ritorio e del mare per il conferimento dell’in­carico di direttore dell’ente Parco. Si tratta di un numero mai registrato in pas­sato, segno quindi che la direzione dell’area protetta è ambita. Altra particolarità: le doman­de provengono da tutta Italia. Da nord (Venezia, Modena, Empoli, Novara) al centro (Roma), al sud (Napoli, Reggio Calabria, Caltanissetta). Con una significativa concentrazione garganica e di Capitanata, ovviamente. I curricula allegati alle domande pervenute da chi è iscritti all’albo specifico saranno vagliati preventivamente da una commissione esaminatrice ristretta, forma­ta da tre persone: il vicepresidente Claudio Costanzucci e i membri del consiglio direttivo Pa­squale Coccia e Massimo Monteleone. Contra­riamente alla scorsa volta (il bando fu annullato poiché ci furono problemi sui requisiti presen­tati da un componente della tema, Luigi Russo di Napoli, gli altri due erano Giovanni Russo da San Giovanni Rotondo e Fabio Vallarola da Te­ramo), stavolta spetterà solo al consiglio diret­tivo (di cui fanno parte anche Marco Lion, Fran­cesco Riga, Michele Merla e Roberto Fiore) fis­sare la terna da sottoporre a Roma per la nomina ministeriale. Attualmente la carica di direttore è retta or­mai da un triennio da un facente funzioni, Car­mela Strizzi che vanta già esperienze pregresse in questa veste, dipendente della tecnostruttura dell’ente: anche lei ha presentato domanda e rientra tra i 42 aspiranti direttori del parco. Archiviata la fase della presentazione delle do­mande, adesso vanno accelerati i tempi per sce­gliere il nuovo direttore: predisposta una sorta di road map che rimanda il lavoro di valutazione dei curricula ad opera del comitato ristretto ad una seduta da convocare dopo la pausa ferra­gostana, mentre per la individuazione della tema sarà verosimilmente fissata una seduta del consiglio direttivo per inizi/metà settembre. Al parco del Gargano pe­raltro si è in attesa non sol­tanto della individuazione del nuovo direttore, ma anche e soprattutto del nuovo presidente, la cui casella è vuota dal lontano 28 aprile 2017. Attualmente in base all’iter avviato otto mesi fa, il neo Ministro dell’Ambiente Costa nell’apposito dossier dovrebbe avere la lettera di gradimento, a firma del governatore di Puglia, Michele Emiliano, sull’avvocato peschiciano, Gianni Maggiano, datata 13 dicembre 2017 ed indirizzata all’allora ministro Gianluca Galletti. Resta l’interrogativo se quella irrituale indicazione, dopo il risultato elettorale del 4 marzo e l’avvento del governo 5 Stelle-Lega, è ancora in piedi oppure no? Nel frattempo però sul presidente impazza il toto- nomi. Continua a circolare quello del peschiciano Raffaele Vigilante, presidente del comitato provinciale contro le trivellazioni.

Francesco Trotta

Pubblicato in Ambiente

 Il ricordo indelebile di quando tutto ebbe inizio, l’accoglienza come dono prezioso da dare, ricevere e ricambiare, i sorrisi, l’aggregazione spontanea, la forza ancestrale della canzone popolare. Ma anche gli odori, i luoghi senza tempo, le sapienti mani degli artigiani-liutai, i piedi scalzi sulla morbida pietra dei viottoli del centro storico di Monte Sant’Angelo. Fino ai mistici prati carsici dell’Abbazia della SS. Madonna di Pulsano. Tutto questo oggi continua ad essere ostinatamente racchiuso nello scrigno de “Il Raduno dei suonatori di Tarantella”, esperienza unica nel suo genere giunta ormai alla sua VIII edizione. Quando otto anni fa li si vedeva risalire le strette trame di viuzze del Rione Junno come formiche allegre ed ordinate, si ebbe subito l’impressione che qualcosa di speciale stava nascendo in seno a Piazza De Galganis, luogo in cui i suonatori di tarantella, arrivati da ogni dove, vennero accolti  per la prima volta. Parve subito molto chiaramente che l’intuizione di Peppe Totaro, fondatore dei Tarantula Garganica ed appassionato della prima ora di musica e tradizione popolare, avesse fatto centro incarnando la voglia di quegli anni di vivere insieme l’esperienza della tarantella, come una grande passione collettiva. Da li in poi, ogni piazza divenne palco, ogni strada teatro, ogni anfratto luogo ospitale e fu festa fino a notte fonda. Senza tregua, col sole a picco che lasciava il posto alla luna ed alle stelle del Gargano, cullati senza sosta dalla dolce frenesia dei suoni e dei balli della tarantella. La spontaneità continuò anche negli anni a venire a rappresentare il vero motore del raduno, anche da quando è stabilmente ospitato dalla Comunità dei Monaci dell’Abbazia di Pulsano. Qui la manifestazione ha continuato il suo percorso di crescita e diversificazione, ampliando e raffinando la propria offerta esperienziale. Dalle visite guidate agli eremi pulsanesi, ai paesaggi mozzafiato dei canyon dei valloni meridionali; dalle degustazioni enogastronomiche fino ai laboratori di chitarra ed i workshop, il “Raduno dei suonatori di tarantella” appare oggi vero e proprio strumento di valorizzazione territoriale. I suonatori arrivano da sempre più lontano perché restano gli unici veri protagonisti. Anche ora che il raduno ospita musicisti di livello ed esponenti della world music tra i più influenti, accompagnando e supportando gli stessi durante le performance. Il programma molto fitto ed interessante, andato in scena il 3 e 4 agosto,  ha premiato il lavoro di Totaro, la sua ostinazione nel credere ancora nelle potenzialità di questo territorio (oltre che nell’evento in se), nonostante le mille difficoltà e lo sconforto dovuto ad un impianto burocratico-amministrativo apparso ancora non sufficientemente preparato a supportare iniziative importanti come questa. Mettiamoci poi il sostegno ad una fantastica realtà come la Comunità Monastica di Pulsano che ha avuto il merito di elevare a Luogo del cuore FAI un’Abbazia ridotta ad un rudere depredato e fatiscente, ed il gioco è fatto! Da Mike Maccarone, ai Cantori di San Giovanni Rotondo, fino ai Premio Parodi Unavantaluna la prima giornata non ha tradito le aspettative, così come la seconda giornata, dai Vocestesa, ai Sonu ‘Rradu,  ai Tarantula Garganica  e Cantori di Monte Sant’Angelo che hanno affascinato il numeroso pubblico presente, per lo più forestieri . Dal Gargano alla Sicilia, dall’appennino campano all’Aspromonte, per un’esperienza da provare anche se profani, anche se neofiti.

La tradizione continua grazie al raduno dei suonatori di tarantella!

 Antonio Gabriele

https://www.youtube.com/watch?v=2ZzTgoUGvf4

Pubblicato in Spettacolo

Due intense giornate per «Junno, il festival delle piccole cose», in programma fino al 19 agosto a Monte Sant’Angelo. Og­gi alle 10 è prevista una visita guidata alla basilica di San Mi­chele dal titolo «Magia e devo­zione popolare: culto di San Mi­chele», con Giuseppe Rignanese, archeologo medievista, e parti­colare riferimento ai riti magico divinatori: letture antropologica dei segni magico-divinatori le­gati al culto delle grotte, al culto della fertilità e delle acque e alle pratiche divinatorie di magia po­polare. La serata è dedicata ai libri, con alle 22 sulla scalinata di via Gambadoro «Come preparare un attentato al Piccolo Principe e altri grandi classici», reading satirico di Adelmo Monachese. Domani, giovedì 16 agosto, alle 10 visita guidata alla chiesetta di San Salvatore. Alle 19 in piazza Acceptus, Sergio D’Amaro pre­senta “L’allegro destino della signora Mariù”, ed. Besa. Alle 20 in piazza Acceptus reading Daunia-poesia con Enrico Fraccacreta, Canio Mancuso e Salvatore Ri­trovato. Alle 21 sulla scalinata di via Gambadoro la poetessa Ros­sella Tempesta presenta “La pi­grizia del cuore”, ed. Spartaco; stesso luogo ma alle 22 Massimi­liano Arena presenta «Io, avvo­cato di strada», ed. Baldini & Ca­stoldi con l’attore Leonardo Losavio. L’autore racconta i suoi sogni da legale di grandi multinazionali, poi la crisi. Infine, rincontro con l’America Latina e l’Africa, salvo poi accorgersi che c’è un’Africa a due passi da casa. Dopo aver cercato il senso oltre i mari, l’autore si ritrova tutti gli odori del mondo in una stanza di pochi metri quadri, lo sportello degli avvocati di strada, in un locale al piano terra accanto alla stazione ferroviaria. Massimilia­no Arena, avvocato di Foggia, fondatore e responsabile dal 2005 del locale sportello degli Avvo­cati di Strada. Leonardo Losavio è autore e attore di teatro, cofon­datore del Teatro dei Limoni.

Pubblicato in Manifestazioni

L’Assessorato al Patrimonio e al Demanio della Regione Puglia ha affidato 3 sedie job al Comune di Monte Sant’Angelo per l’accesso al mare dei diversamente abili. Attraverso un protocollo d’intesa tra il Comune e le associazioni UGR27 e ANFFAS le sedie job sono disponibili presso “Baia del Monaco” e “Lido Macchia” nella Frazione Macchia, marina di Monte Sant’Angelo. 

 “Con questo progetto rendiamo Monte Sant’Angelo sempre più una Città accogliente ed inclusiva” - dichiara l’assessore al Welfare della Città di Monte Sant’Angelo, Agnese Rinaldi, che aggiunge - “Con le sedie job favoriamo le persone con disagio e rendiamo fruibili gli spazi costieri con ancora maggiore sicurezza. Grazie alla Regione, alle associazioni che hanno creduto insieme a noi in questo progetto e ai lidi”. 

 Le sedie job possono essere prenotate almeno 24 ore prima ai seguenti contatti:

UGR27 (per Lido Macchia e Baia del Monaco): +39 347 0421191

ANFFAS (per Lido Macchia): +39 0884 662034 - +39 0884 564068 - +39 348 2595925 

Pubblicato in Turismo

È accaduto a Monte Sant’Angelo, in località Carbonara, nell’area denominata “Tre torri”. Diverse tipologie di rifiuti erano in evidente stato di abbandono. “Grazie alle Forze dell’ordine per questa importante operazione” - ha commentato il Sindaco di Monte Sant’Angelo, Pierpaolo d’Arienzo. 

Nei primi giorni di agosto, nel Comune di Monte Sant’Angelo Agenti della Polizia di Stato della Squadra Volanti ed Anticrimine del Commissariato di Manfredonia, coadiuvato da personale del Reparto Prevenzione Crimine Puglia Settentrionale di San Severo, unitamente a personale dei Carabinieri Forestali di Mattinata, denunciavano in stato di libertà C. D., di anni 52, e R. S., di anni 52, in quanto ritenuti responsabili di numerose violazioni del Testo unico Ambiente (d.lvo 152/2006).

In particolare, a seguito di un controllo presso alcuni fondi a loro riconducibili, siti in località Carbonara del Comune di Monte Sant’Angelo, venivano rinvenuti in evidente stato di abbandono numerosi rifiuti di diverse tipologie, tra cui anche materiale classificato come “rifiuti speciali pericolosi”. Pertanto, in ragione di quanto rinvenuto e documentato, gli operatori di polizia procedevano a sequestrare l’intera area denominata “Tre torri”, sita in località Carbonara del Comune di Monte Sant’Angelo, oltre ai numerosi veicoli, anch’essi in stato di abbandono, ritrovati in alcune strutture ivi insistenti e riconducibili ad una società cooperativa presieduta sempre dal citato C.D., segnalando i due soggetti alla Procura della Repubblica di Foggia.

Pubblicato in Ambiente
Pagina 1 di 14

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005