L’I.I.S.S. “L. Fazzini – V. Giuliani” è Centro autorizzato in qualità di Ei-Center per il conseguimento della certificazione EIPASS® (European Informatics Passport) in tutti i diversi moduli e percorsi.

I’Istituto offre il suo servizio e la sua competenza, validata da CERTIPASS, a tutti coloro che vogliano avvalersi del programma internazionale di certificazione delle competenze digitali EIPASS, aperto a chi desidera rendere immediatamente spendibili, a scuola, all’università e in ogni contesto lavorativo, le competenze acquisite.

Per informazioni e modulistica visitare il sito www.fazzinivieste.gov.it nella sezione Eipass o contattare la Referente d’Istituto prof.ssa Ragni Petronilla: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tutti gli esami si svolgeranno presso l’Istituto, secondo il seguente calendario

FEBBAIO 2019 20/02/2019 h 15.00-18.00
MARZO 2019 20/03/2019 h 15.00-18.00
APRILE 2019 10/03/2019 h 15.00-18.00
MAGGIO 2019 15/05/2019 h 15.00-18.00
GIUGNO 2019 12/06/2019 h 15.00-18.00
Pubblicato in Società

Ci sono quelle che non invecchieranno mai, perché se ne sono andate troppo presto. Ci sono quelle che invecchiano senza troppi patemi, perché hanno altro a cui pensare. Ci sono quelle che fanno di tutto per sembrare più giovani, per negare il tempo che passa, per tenersi stretto il marito... e a volte finiscono per perdere tutto. E poi c'è Betty. Betty che, misteriosamente, smette di invecchiare appena compiuti i trent'anni - la stessa età che aveva la madre al tempo della sua tragica e prematura scomparsa. Sul volto di Betty il tempo scorre innocuo e trasparente come acqua. Sarà forse lo sguardo intenso e innamorato e di suo marito a tenere lontane le rughe? A scongiurare gli effetti degli anni che passano inesorabili? Man mano che la sua "anomalia" si fa più evidente, la vita un tempo tranquilla di Betty comincia a vacillare. Perché un volto senza età è un volto senza storia, senza ricordi, senza passioni. Uno specchio vuoto in cui, presto o tardi, gli altri cessano di riconoscersi.

Il Mesagne pone fine all'imbattibilità casalinga dell'Atletico Vieste: garganici sconfitti 1-0 allo "Spina".

Il Mesagne pone fine all’imbattibilità casalinga dell’Atletico Vieste dopo quattro mesi (Coppa Italia esclusa) e conquista tre punti pesantissimi ai fini della rincorsa alla salvezza diretta. Decide un gol del giovane Campioto, siglato al 42′ del secondo tempo, su perfetto traversone dell’ex De Carlo.


LA PARTITA – Mister Bonetti deve rinunciare agli squalificati Sollitto, Pipoli e Ranieri oltre che agli infortunati De Vita, Molenda e Sciacca. Non al meglio Raiola che si accomoda inizialmente in panchina. Dalla parte opposta Ribezzi deve fare a meno dello squalificato Boualam con Gallù a completare il terzetto difensivo insieme a Indirli e Schirinzi. In attacco il tandem Tourè-Marti.

Parte bene l’Atletico Vieste che si rende pericoloso già nel corso del 3′ quando Albano con un diagonale costringe Maraglino alla deviazione in corner (poi non concesso su segnalazione del primo assistente). Al quarto d’ora prova a farsi vedere anche il Mesagne con una sgroppata sulla destra di Tourè, palla al centro verso l’interno dell’area ma nessuno aggancia. Due giri di lancette più tardi punizione di Colella, colpo di testa di Caruso che si spegne alto. Alla mezz’ora gran contropiede dei padroni di casa, Lioce serve Di Nardo che però non riesce a calciare di prima. Ospiti pericolosi soprattutto in contropiede ed al 35′ occasione per Marti che da buona posizione manda alto. Al 39′ Tucci blocca una conclusione di prima da parte di Difino, mentre un minuto dopo Galasso, su servizio di Tourè, spedisce clamorosamente oltre la traversa. Si chiude con questa azione la prima frazione di gioco.

In avvio di ripresa ci prova subito Colella su punizione ma la sua conclusione termina alta. Al 9′ ancora punizione di Colella, Mosca impatta di testa ma sfera che si spegne sul fondo. Idem per il tentativo di Di Nardo al 15′. Al 29′ serie di rimpalli nell’area ospite con Maraglino che in anticipo copre su Gogovski. Al 31′ Lorenzo si libera per la conclusione che Tucci neutralizzata, così come la punizione di Schirinzi due giri di lancette più tardi. Al 40′ ghiotta occasione per i garganici: punizione al bacio del solito Colella, stacco di testa di Caruso che impegna severamente un super Maraglino bravo a toglierla da sotto l’incrocio. Passano due minuti ed ecco giungere il gol partita: preciso traversone dell’ex De Carlo per l’accorrente Campioto che illude il diretto marcatore e supera Tucci con un chirurgico diagonale. I biancocelesti provano a gettarsi in avanti alla ricerca del pari ma senza esito: allo “Spina” passa il Mesagne 1-0.

ATLETICO VIESTE-MESAGNE 0-1

RETI: 42′ s.t. Campioto.

ATLETICO VIESTE: Tucci, Russo, Lioce, Gogovski, Gallo, Caruso, Dimauro (21′ s.t. Raiola), Di Nardo, Mosca, Colella, Albano (37′ s.t. Mangini). A disposizione: Mejri, Tomaiuolo, Prencipe, Lucatelli, Kanatè, Vulcano, Vespa. Allenatore: Francesco Bonetti.

MESAGNE: Maraglino, Lorenzo (36′ s.t. De Carlo), Schirinzi, Nyassi, Indirli, Gallù, Molfetta, Difino, Marti (30′ s.t. Campioto), Tourè, Galasso. A disposizione: Scarafile, Franco, Di Lauro, Petruccetti, Politi, Castano, Mbengue. Allenatore: Franco Ribezzi.

ARBITRO: Antonio Spera della sezione di Barletta. ASSISTENTI: Gianmarco Miccoli della sezione di Brindisi e Giuseppe Coviello della sezione di Molfetta.

AMMONITI: Indirli.

ESPULSI: /.

RECUPERO: 1′; 4′ s.t.

 

I RISULTATI

Atl. Vieste-Mesagne 0-1

87' Campioto

Barletta-Molfetta Sportiva 2-0

45' Nannola, 61' Lorusso

Corato-Terlizzi 6-0

25', 43' e 57' Morra, 41' D'Arcante, 52' Stefanini, 87' Sguera

Gallipoli-AS Avetrana 6-1

13' Sansò rig. (G), 51' Alemanni (G), 57' Iurato (G), 58' Reilly (A), 66' e 78' Martena (G), 80' Zumbo aut. (G)

Otranto-F. Altamura 3-4

25' Caroppo rig. (O), 28' e 56' Palazzo (O), 37' Lanave (A), 45' e 69' Sisalli (A), 87' Dimatera (A)

UC Bisceglie-Casarano 0-1

70' Palmisano

Vigor Trani-AT San Severo 1-1

15' Diarrassouba (VT), 32' Cirigliano (SS)

Molfetta Calcio-Brindisi  2-0

 

Prossimo turno (10.02.2019 ore 15 – giornata n. 22  7a rit.)

AT San Severo-Atl. Vieste

Mesagne-Barletta

AS Avetrana-Brindisi

Casarano-Corato

F. Altamura-Gallipoli

Terlizzi-Molfetta Calcio

UC Bisceglie-Otranto

Molfetta Sportiva-Vigor Trani

 

LA CLASSIFICA

Casarano 49

Brindisi 40

Barletta 39

F.Altamura 35

Gallipoli 33

A.Vieste 32

V.Trani 30

Otranto 29

Molfetta Calcio 29

Corato 26

Terlizzi 23

Mesagne 22

U.C. Bisceglie 20

Alto Tavoliere 20

Alto Salento 15

Molfetta Sp. 11

 

Ignazio Silvestri

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pizze a chilometro zero? si distinguono al Ristorante Pizzeria Bella Napoli a Vieste di fronte al faro.

La semplicità dei sapori.

Alla Bella Napoli i piatti per fare gol non hanno bisogno di tanti passaggi.

La genuinità e la qualità dei prodotti contadini da sempre utilizzati sono il segno distintivo del Ristorante pizzeria Bella Napoli.

Anche quando la tua squadra non fa gol. …alla Bella Napoli la pizza è sempre tonda.

Ti aspettiamo questa sera.

Bella Napoli – Di fronte al Faro – Viete -

-------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Sport

In fondo al mare non c’è confine che tenga. E quindi se i croati decidono — come hanno fatto — di accelerare nella ricerca ed estrazione di petrolio in Adriatico, a pagare dazio sarà chi, in Italia, su quelle stesse risorse faceva affidamento. Non è un caso, quindi, che il Tavolo petrolchimico dell’Emilia-Romagna — con il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, in testa — abbia chiesto al governo che l’offshore di Ravenna resti fuori dalla sospensiva alle trivellazioni decisa dall’esecutivo. Diversamente — ha avvertito Bonaccini — il governo si prepari a gestire lo stato di crisi del settore e la perdita di migliaia di posti di lavoro. Se per il Nord dell’Italia il «no» alle trivelle comporterà tali conseguenze, per il Sud riserva anche un paradosso. Perché continuare a dire no alle estrazioni, mentre la Croazia cerca il petrolio, vuol dire non rendersi conto di non preservare comunque l’Adriatico, senza il vantaggio di raccoglierne i frutti. Un esempio valga per tutti: le isole Pelagosa, croate, distano da Vieste, punta del Gargano, meno delle italianissime isole Tremiti. Del resto, anche le Pelagosa erano italiane e, prima ancora, rappresentavano l’avamposto più orientale del Regno delle Due Sicilie. Dopo l’Unità d’Italia diventarono amministrativamente della provincia di Foggia, ma in realtà le autorità italiane non se ne curarono affatto. Al contrario degli austriaci che, nel 1873, se ne impossessarono, erigendovi poi un faro. Con la Prima guerra mondiale l’arcipelago fu occupato dall’Italia e così, nel 1920, tornò al Regno. Questa volta, però, non nella provincia di Foggia ma, insieme al comune di Lagosta, di Zara. Il risultato? Dopo la Seconda guerra mondiale le Pelagosa divennero, con Zara, Jugoslavia. E poi Croazia. E adesso che Zagabria le considera un tesoro, i «no triv» pugliesi, da Vieste, nonostante le proteste si ritroveranno le trivelle a vista d’occhio. Che regaleranno petrolio ai croati.

corrieredellasera

Pubblicato in Ambiente

Seconda trasferta consecutiva per la Bi­sanum Viaggi Sunshine Vieste, oggi impegnata nella quinta giornata di ritorno del campionato pugliese maschile di serie C Gold di pal­lacanestro. Biancazzurri di scena a Ruvo di Puglia. Derby che avrà inizio alle ore 18 di questa sera, si terrà al PalaColombo di Ruvo e sarà di­retto dagli arbitri Calisi di Monopoli e De Carlo di Lequile. Trasferta impegnativa, ma la Bisanum non si spaventa: parte per Ruvo determinata a tentare il secondo colpo di fila, dopo il successo esterno del week end scorso ottenuto sul campo della Pasta Lori Altamura. Il team del Gargano è penultimo in classifica con 10 punti, in compagnia della Nuova Pallacanestro Monteroni e della Soavegel di Francavilla Fontana, ed ha bisogno di altri risultati positivi per scongiurare innan­zitutto il rischio della retrocessione e poi mirare ad ottenere la qualificazione per i play-off. Finora 5 successi e 10 sconfitte per Com­pagnoni e soci, nelle prime 15 giornate del torneo. Ruvo è invece in quinta posizione con 18 punti: ha vinto 9 gare e ne ha perse 6, ha sempre vinto nel girone di ritorno ed è in serie utile da ben 6 turni, avendo battuto, nell’ordine, Ceglie, Castellaneta, Monteroni, Ta­ranto, Altamura e Mola. All’andata, a Vieste, finì con la vittoria di misura della Bi­sanum, che piegò Ruvo con il punteggio di 83-81. Questa sera, la formazione allenata da Ciociola proverà a fare il bis. «La vittoria di Altamura ci ha permesso di smuovere la clas­sifica - ha commentato con soddisfazione, in una nota, il sodalizio viestano -. Un successo ottenuto su un campo molto ostico, afferma­zione che ha rigenerato la nostra squadra nel morale e ci ha consentito di tornare a soli quattro punti di distanza dalla sesta ed ultima posizione valida per l’accesso diretto ai play-off». Vieste ora attesa da un’altra gara fuori casa ostica, ma non proibitiva. Il quintetto garganico cercherà di realizzare l’impresa: interrompere la striscia positiva dei padroni di casa e ri­lanciarsi ulteriormente in classifica.

IL PROGRAMMA

Ostuni-Altamura

Ru­vo-Vieste

Castellaneta-Mola

Ceglie-Monteroni

Lecce-Monopoli

Francavilla Fontana-Ta­ranto.

 

LA CLASSIFICA

Lecce 26

Monopoli 24

Ceglie, Ostuni e Ruvo 18

Altamura 14

Taranto e Castellaneta 12

Monteroni, Fran­cavilla Fontana e Vieste 10

Mola 8.

ra.fio.

Pubblicato in Sport

In totale assenza di pubblico, il Casarano sfiderà l’Unione Calcio Bisceglie sul terreno del “Di Liddo”. La capolista vuole conservare e, magari, incrementare il vantaggio di sei punti sul Brindisi, impegnato nel posticipo delle ore 17 al “Paolo Poli” contro il Molfetta Calcio di Bartoli. L’altro Molfetta, la Sportiva, sarà ospite del Barletta, terza forza del torneo. Per il Gallipoli dovrebbe essere poco più di una formalità contro i ragazzi dell’Avetrana mentre impegno ben più gravoso attende l’Otranto di Bruno che riceverà la visita della Fortis Altamura. Per il Mesagne, invece, c’è un Vieste in salute anche se lamenterà tre assenza. INIZIO GARE ORE 15,00.

LA 21° GIORNATA

Atl. Vieste-Mesagne: Antonio Spera di Barletta (Miccoli di Brindisi, Coviello di Molfetta)

Barletta-Molfetta Sportiva: Niccolò Salomone di Bari (Denisov di Bari, Miccoli di Bari)

Corato-Terlizzi: Ruggiero Doronzo di Barletta (Latini di Foggia, Dattoli di Foggia)

Gallipoli-AS Avetrana: Giuseppe Doronzo di Barletta (Maffione di Molfetta, Accoto di Brindisi)

Otranto-F. Altamura: Piero Marangone di Udine (Peloso di Barletta, Rizzi di Barletta)

UC Bisceglie-Casarano: Dario Acquafredda di Molfetta (Conte di Taranto, Miceli di Taranto)

Vigor Trani-AT San Severo: Andrea Recupero di Lecce (De Chirico di Molfetta, Ostuni di Bari)


ore 17

Molfetta Calcio-Brindisi: Andrea Valentini di La Spezia (Schirinzi di Casarano, Nero di Barletta)

 

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pizze a chilometro zero? si distinguono al Ristorante Pizzeria Bella Napoli a Vieste di fronte al faro.

La semplicità dei sapori.

Alla Bella Napoli i piatti per fare gol non hanno bisogno di tanti passaggi.

La genuinità e la qualità dei prodotti contadini da sempre utilizzati sono il segno distintivo del Ristorante pizzeria Bella Napoli.

Anche quando la tua squadra non fa gol. …alla Bella Napoli la pizza è sempre tonda.

Ti aspettiamo questa sera.

Bella Napoli – Di fronte al Faro – Viete -

-------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Sport

La Società Nazionale di Salvamento Genova sezione di Vieste, comunica che sono aperti i corsi professionali per bagnino di salvataggio.

Per informazioni contattare: 348/4796108 – 338/9989018

Pubblicato in Avvisi

È da tempo immemore un simbolo negativo per la città di Vieste ma, tra non molto, potrà diventare uno dei suoi fiori all’occhiello: stiamo parlando della piscina coperta, progettata ed iniziata non si sa più quanti anni fa, e da allora abbandonata. Diversi pali in cemento armato, una ampia copertura in legno e un fossato che, nei sogni dei viestani, sarebbe stato il luogo in cui nuotare quando le condizioni climatiche non avrebbero consentito di fare le bracciate in mare.

Ma da ieri, quell’angolo buio di storia viestana, ha ripreso a vedere la luce: la Giunta Comunale, infatti, ha accolto la proposta inviata dalla ditta Emmegi Costruzioni relativa al completamento e gestione della piscina comunale. Si tratta di un progetto di finanza con cui la ditta che si aggiudicherà i lavori (non per forza la proponente) si impegnerà a realizzare e gestire l’opera per trent’anni.

L’annuncio è giunto tramite un post su Facebook scritto dall’assessore viestano Mariella Pecorelli: “Faceva parte del programma elettorale di Viesteseitu il completamento della piscina coperta comunale. Questa mattina con delibera n. 31 la Giunta Comunale ha accolto la proposta della ditta Emmegi Costruzioni per l’intervento con finanza di progetto di completamento e gestione della piscina coperta comunale. Un ulteriore atto che va nell’interesse della collettività perché viene finalmente recuperato un elemento di degrado del nostro abitato e nel contempo disporre di uno spazio coperto per lo sport e l’aggregazione”.

Per arrivare a questo risultato, nei mesi scorsi l’Amministrazione Comunale aveva tolto quell’area dal piano delle alienazioni, ossia dall’elenco degli immobili in vendita, per evitare la speculazione

Il prossimo passo sarà l’apertura del bando per individuare la ditta aggiudicatrice: in caso di più richieste, verrà stilata una graduatoria per decretare la vincitrice (la normativa sui progetti di finanza prevede che il lavoro debba essere assegnato alla ditta proponente in caso presenti l’offerta migliore o di pari valutazione con quella di una o più ditte che avranno ottenuto il punteggio migliore).

Una volta completata, o meglio, realizzata la piscina coperta, si terminerà l’opera di sistemazione e qualificazione dell’area adiacente via Italia ossia la strada che porta agli alberghi nuovi e alle abitazioni del piano integrato, area già parzialmente sistemata con l’abbattimento del fabbricato inizialmente previsto per il mercato coperto (poi diventata abitazione abusiva di diverse famiglie) e con la realizzazione dell’ipermercato Eurospin.

Pubblicato in Società

Il Comune di Vieste affila le armi per sconfiggere l’evasione dal pagamento della Tari: dopo un primo provvedimento approvato subito dopo l’insediamento dell’amministrazione Nobiletti in cui veniva dato incarico ad Agenzia delle Entrate Riscossioni (l’ex Equitalia) di riscuotere le imposte comunali non pagate, nel Consiglio Comunale di ieri è stato integrato il regolamento dotandolo di uno strumento già utilizzato da altre importanti realtà nazionali, una su tutte Riccione. In pratica viene dichiarato il pubblico interesse per quanto riguarda, non solo il conferimento dei rifiuti, ma anche il pagamento dei rifiuti stessi. “Quindi – ha dichiarato il sindaco Giuseppe Nobiletti presentando l’accapo - il Comune di Vieste potrà sospendere o revocare la licenza amministrativa a quelle attività (turistiche e non) che ad oggi non pagano l'immondizia. Questo provvedimento riguarderà quelle aziende che non solo non hanno fatto richiesta di rateizzazione ma non hanno fatto neanche opposizione e quindi non hanno un provvedimento di sospensiva da parte delle commissioni tributarie provinciali o regionali”. Ad oggi, ha precisato il primo cittadino viestano, sono ancora tante le aziende che esercitano regolarmente la propria attività senza pagare la Tari; “con questa modifica al regolamento – ha concluso Giuseppe Nobiletti - potremo sospendere temporaneamente a queste attività commerciali la licenza amministrativa come misura iniziale, per giungere fino alla revoca definitiva della stessa licenza”.

La modifica al regolamento è stata votata all’unanimità dai consiglieri presenti, tutti rappresentanti della maggioranza in quanto i banchi dell’opposizione erano vuoti: all’assenza sin dall’apertura dei lavori dei consiglieri Giuffreda, Rosiello e Bevilacqua, si è aggiunta quella di Clemente e Marchetti che hanno lasciato la sala consiliare dopo la discussione dei primi 3 punti all’ordine del giorno (la rettifica ad una delibera di giunta in cui c’era un errore di trascrizione ed un paio di variazioni di bilancio).

Nonostante l’assenza della minoranza, il Consiglio Comunale è proseguito regolarmente con l’illustrazione degli accapi successivi e senza adottare la scorciatoia del “diamo per letto e votiamo” che avrebbe portato alla conclusione dei lavori in pochi secondi, senza, però, presentare ai cittadini le delibere approvate.

Tra queste, la variante urbanistica richiesta dai costruttori di una struttura turistica ricettiva in località Macchia di Mauro, che prevede la copertura della piscina, inizialmente prevista all’aperto. Per chiarire alcuni dubbi ai consiglieri comunali, è stato interpellato l’ing. Vincenzo Ragno dell’Ufficio Tecnico Comunale: nel suo intervento ha precisato che i lavori di copertura sono già iniziati avendo ottenuto il parere paesaggistico e quello di conformità alla normativa antisismica; la variante urbanistica diventa necessaria per la chiusura dell’immobile, che creerebbe una nuova volumetria non prevista dal progetto iniziale. “Il Testo Unico – ha precisato l’ing. Ragno – va incontro alle esigenze dei privati i cui investimenti sono spesso rallentati dalla lentezza della burocrazia: l’articolo 22, infatti, consente di comunicare l’avvenuta realizzazione di lavori (come quelli fatti finora nel cantiere in questione) anche a lavori ultimati, purchè siano stati preventivamente ottenuti i pareri paesaggistici e antisismici. Solo la determinazione di un nuovo volume, che avviene con la chiusura dell’immobile, necessita della variante urbanistica che il Consiglio Comunale sta esaminando” ha concluso l’ing. Ragno. Ottenuti i chiarimenti richiesti, l’accapo è stato approvato all’unanimità.

Altro provvedimento particolarmente importante è quello relativo allo sblocco della lottizzazione in località Petto ferma da una quindicina di anni perché uno dei proprietari in quella zona non ha voluto firmare al convenzione. Il Consiglio Comunale ha votato favorevolmente alla proposta di dichiarazione di pubblica utilità della particella in questione, dando il via alle procedure di esproprio del terreno, le cui somme necessarie sono state già previste nel bilancio. “Questa manovra – ha dichiarato il Sindaco – segue di qualche giorno il provvedimento della giunta con cui ha assegnato 4 lotti alle cooperative, altro provvedimento atteso da oltre un decennio. Entrambe daranno il via, nel prossimo inverno, a numerosi cantieri edili che garantiranno posti di lavoro a numerosi nostri concittadini”.

È possibile riascoltare l’intera seduta del Consiglio Comunale (ma anche tutte quelle precedenti o la diretta di quello in corso) andando sul sito del Comune di Vieste (www.comune.vieste.fg.it) e accedendo all’apposita area denominata “Il Consiglio Comunale in streaming”.

Pubblicato in Politica

Nell'ambito del progetto Zero Cani in Canile, si é  riunita presso il Comune di Vieste la Task Force  per la lotta al vagantismo animale istituita in ottobre dal sindaco di Vieste Giuseppe Nobiletti e dall'Assessore alla Tutela e Benessere Animale Vincenzo Ascoli.  Durante l'incontro  il Comune di Vieste ha consegnato alle Forze dell' Ordine i lettori microchip affinché possano essere controllati durante i posti di blocco anche i microchip degli animali presenti in auto. Questo perché si sono riscontrati abbandoni di cani da parte di cittadini di altri paesi garganici. "  Spostare animali" afferma Nicoletta Pagano Presidente LNDC Animal Protection Vieste "  da una città  all'altra  é  vietato ma é una abitudine molto frequente sul Gargano che si deve combattere in quanto fa gravare le spese sui comuni che al randagismo già lavorano bene". Con questa operazione anche  Carabinieri e Polizia  potranno intercettare e denunciare tutti coloro che tentano  di abbandonare  cani nel Comune di Vieste.

Pubblicato in Ambiente

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005