La nota previsionale di Demoskopika per il 2018 conferma la tendenza con dati più che positivi per la nostra regione +2,79%.

Loredana Capone, assessore al turismo della Regione: “Stiamo già lavorando per l’autunno, l’inverno e la primavera prossimi e ci appelliamo a tutti gli operatori turistici e culturali con il bando Puglia 365 di Pugliapromozione con cui abbiamo stanziato 1.600.000 Euro per animare e rendere più attrattiva tutta la regione. Con la Legge che combatte il sommerso e introduce il codice identificativo delle strutture e con un costante appello alla qualità con prezzi adeguati e servizi idonei spingiamo verso un’accoglienza turistica sempre migliore che faccia stare meglio anche i cittadini”.

 In attesa del consolidarsi dei dati SPOT (Sistema Puglia per l’Osservatorio Turistico) di luglio e agosto sul “Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi”, l’Osservatorio di Pugliapromozione traccia un bilancio provvisorio dei primi sei mesi del 2018 segnato da un nuovo incremento degli arrivi e delle presenze turistiche stimato nel +1,5% e trainato della componente estera della domanda che aumenta del +10% e del +7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un risultato già al di sopra della media nazionale che secondo l’odierna Nota Previsionale sui flussi turistici di Demoskopica crescerà del +3,7% nel 2018.

Ed è lo stesso Rapporto previsionale di Demoskopica a ipotizzare un incremento complessivo degli arrivi e delle presenze in Puglia per tutto il 2018 del +2,7% degli arrivi e del +1,6% per le presenze. Inoltre, secondo Demoskopica la regione è sul podio delle destinazioni caratterizzate da una durata del soggiorno superiore alla media nazionale (3,37 notti per cliente in Italia e 3,84 in Puglia) assieme ad Abruzzo (3,86), Campania (3,56 notti per cliente), Veneto ed Emilia Romagna (ex aequo con 3,55 notti).

Questi i turisti stranieri che preferiscono la Puglia nel 2018

Paesi Bassi, Polonia, Francia, Spagna e Stati Uniti sono i Paesi esteri che secondo i dati provvisori SPOT, riferiti ai primi sei mesi del 2018 e derivanti dalle trasmissioni al database regionale del 70% delle strutture attive, crescono maggiormente nel 2018 (il 71% ha soggiornato in strutture alberghiere del territorio). Il tasso di internazionalizzazione (la quota di stranieri rispetto al totale dei turisti) ha raggiunto il 27% nei primi sei mesi del 2018 (ben 2 punti percentuali in più rispetto allo stesso periodo del 2017).

 La stagione turistica non si esaurisce quindi più solo nei mesi estivi o solo con un mare mordi e fuggi. I tanti turisti che vengono in Puglia sono attratti dai nostri tesori artistici e vanno alla ricerca del buon cibo legato alle tradizioni. Questo, secondo la strategia di Puglia365 è l'anno del prodotto: lavoriamo per costruire 4 prodotti. Cultura, la Puglia ne è piena e necessita solo di organizzazione; enogastronomia, la sua straordinaria varietà è apprezzata in tutto il mondo; turismo sportivo, con il nostro clima mite lo sport all’aria aperta può essere praticato tutto l’anno; congressuale e wedding, con ricadute su tutta la filiera turistica e si moltiplicano sul territorio pugliese tanti eventi che registrano sold out e vengono ripresi e citati come casi di successo dai grandi media nazionali e internazionali.

Pubblicato in Turismo

I campionati di eccellenza ì promozione pugliese inizieranno domenica 9 settembre, mentre i turni della Coppa Ita­lia partiranno la domenica prima (il 2 settembre). Lo ha comunicato la Figc della Puglia che ha, nello stesso tempo, anche reso noto i due gironi di Promozione (mentre l’Ecccellenza è a girone unico) con le quattro squadre foggiane impegnate nel raggruppamento “A”.

Con San Marco, Sporting Apricena, Sporting Ordona e Real Siti ci saranno anche Audace Barletta, Don Uva Bisceglie, Spinazzola, Mola, Bitetto, Bitritto, Noicattaro, Rutiglianese, Conversano, Tulli e Grotte Alberobello, Ostuni e Carovigno. Campionato a 16 squadre con una promozione diret­ta e tre retrocessioni. Poi i play-off (non portano dirotta­nte al campionato superiore ma servono per la classifica ripescaggi) e i play-out (per retrocessione).

Intanto lo Sporting Ordona ed il Real Siti pare abbiamo scelto i loro tecnici anche se per il momento le due società non li hanno ancora ufficia­lizzati. Gli ordonesi avranno Celestino Ricucci, mentre il Real Siti puntano dritti su Pino Lopolito. Lo Sporting Apricena ha riconfermato Vincenzo Fer­rara, il San Marco invece an­drà avanti con Marcello Iannacone. L’alba di una nuova frontiera in casa dello Sporting Ordona che cambia totalmente il suo modo di fare. La società imbraccia foglio, penna e cal­colatrice. Tempo di bilanci sotto l’om­brellone. Il sole, che ancora scalda, invita a tentazioni vacanziere. Eppure c’è chi, come la dirigenza, non ha perso tem­po per gettare nuove basi. La struttura, già buona e sapien­temente gestita dall’ormai ex presidente Tarantino, ha ampi margini di miglioramento. L’obiettivo del nuovo pool di­rigenziale capitanato da Davis Grieco, è quello di capire in che modo, con che risorse e in che tempi raggiungerli. La politica, sia chiaro, è quella dei piccoli passi. In casa dello Sporting Ordona c’è movimento: il mes­saggio che deve passare è que­sto: zero eccessi, l’occhio co­stantemente puntato sul bilan­cio societario.

A.V.

Pubblicato in Sport

«Da settembre 67mila lavo­ratori della scuola - tra dirigenti scolastici, personale docente ed educativo - potranno finalmente dire addio al precariato: 57mila docenti - 44mila su posto comune, 13mila sul sostegno - e circa 10 mila ausiliari, tecnici ed amministra­tivi firmeranno il contratto a tem­po indeterminato». Per Rossano Sasso, deputato della Lega, le bat­taglie contro l’algoritmo della «buona scuola» a difesa dei do­centi la cui cattedra era stata as­segnata altrove, sono finite. Oggi, dismessi i panni dell’opposizione ed entrato in Parlamento a soste­gno del governo giallo-verde, il de­putato barese esprime «grande soddisfazione», sottolineando che «questi numeri sono la risposta migliore a chi ha accusato questo Governo di voler licenziare i pre­cari della scuola».

Sasso, tra i primi a promuovere i ricorsi dei docenti pugliesi co­stretti ad emigrare e di quelli ri­masti esclusi dalle graduatorie durante il governo Gentiloni, oggi rimarca: «avevamo eredito una situazione pazzesca. Abbiamo abo­lito il comma 131 della legge 107, la cosiddetta “ammazzaprecari”. E molto presto bandiremo concorsi sia per i diplomati magistrale che per i laureati in Scienze della for­mazione». Personalmente, ag­giunge, «mi batterò a settembre in commissione Cultura affinché vengano abbattute le differenze stipendiali tra personale di ruolo e personale precario. Cercherò di riparare ad anni di maltrattamen­ti nei confronti della categoria del personale educativo: docenti a tut­ti gli effetti, ma spesso dimenticati dall'amministrazione». Quindi la vecchia battaglia: «sarà necessa­rio studiare un piano di rientro per tutti gli “esiliati” della legge 107, vittime del famigerato algo­ritmo: tra questi si stimano circa mille insegnanti pugliesi». Infine, l’annuncio di voler «far conside­rare come circostanza aggravante il fatto di picchiare o molestare un insegnante a scuola, alla stessa stregua del ddl sulle violenze agli operatori sanitari”.

Pubblicato in Società

"Il sistema dei trapianti nella nostra regione sta facendo passi da gigante grazie al coordinamento del prof. Gesualdo e grazie a sacrificio, disponibilità, e professionalità di decine di medici, non solo pugliesi". Lo ha detto il governatore pugliese, Michele Emiliano, a proposito della partecipazione del Centro trapianti del Policlinico di Bari al programma Deck che ha consentito di innescare una catena di donazione di rene salvando la vita di 4 persone che non potevano ricevere da un congiunto resosi disponibile ma incompatibile. Questa modalità 'cross over', è stata avviata dalla donazione di un rene da persona morta e si chiuderà tra un mese quando il marito di una donna trapiantata pochi giorni fa a Bari, donerà a sua volta ad un ultimo paziente di Padova. Il marito della donna che ha subito il trapianto a Bari (sta bene e sarà dimessa tra qualche giorno) e che donerà a sua volta da 'samaritano'. "Ad una grande allegria si intreccia la dovuta preoccupazione - ha detto - ma prevale la fiducia".

Pubblicato in Sanità

 Venire in Puglia nei week end dal 29 ottobre 2018 al 31 maggio 2019 sarà ancora più interessante e ricco di esperienze legate in particolar modo alla enogastronomia, alla cultura e al turismo slow. E’ stato infatti pubblicato l’avviso pubblico di InPuglia365 rivolto agli operatori turistici pugliesi per l’acquisizione di servizi di fruizione turistica che consentirà di offrire a turisti e cittadini un programma di attività di valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale regionale. itinerari di fruizione e conoscenza, attività sportive ed escursionistiche; visite guidate ai luoghi di interesse storico-artistico-culturale; laboratori di pratica e conoscenza; apertura straordinaria e fruizione organizzata di luoghi interessanti sotto il profilo turistico-culturale; attività culturali ed artistiche innovative. Queste alcune delle attività che saranno messe in campo gratuitamente grazie all’avviso di Pugliapromozione. “Il sistema turistico pugliese deve fare un salto di qualità. Merita di organizzarsi in maniera più strutturata, di istituire un rapporto stabile tra comuni e imprese, di preparare itinerari turistici che assolvano alla domanda di qualità e autenticità di turisti sempre più internazionali ed esigent , di andare ben oltre la stagione estiva”. Ne è convinta l’assessore all’Industria Turistica e culturale Loredana Capone, soddisfatta del nuovo avviso di InPuglia365:”Per questo con Puglia promozione abbiamo deciso di stimolare,  anche con un contributo economico , reti che realizzino percorsi esperenziali, tra cultura e gusto, che attraversino un entroterra pieno di Borghi e di storia di paesaggio rurale e di identità culturali. Faccio appello a imprese e comuni a fare squadra perché il nostro investimento produca il miglior risultato possibile, perché i turisti che accogliamo abbiamo piacere di ritornare. E anche perché la nostra promozione, nelle fiere, sul web e nelle varie campagne di comunicazione, abbia itinerari bene organizzati   da proporre ai tour operator. #Inpuglia365 non è solo una visione, é un impegno quotidiano su cui ciascuno deve investire”. In continuità e coerenza con il Piano Strategico del Turismo regionale, con il programma “InPuglia365 - Cultura, Natura, Gusto”, l’Agenzia regionale del turismo vuole stimolare e supportare la nascita ed il consolidamento di attività esperenziali riferite all’enogastronomia, alla cultura e al turismo slow, caratterizzati dall’incontro tra autenticità, genuinità e creatività.

L’obiettivo è quello di accrescere la consapevolezza del vissuto, l’irripetibilità dei luoghi autentici, stimolare comportamenti responsabili verso il territorio, godendo appieno dell’esperienza turistica in Puglia come esperienza di vita.  In questa edizione di InPuglia365anche un focus su Matera 2019  checostituisce un’importante occasione di promozione turistica del territorio pugliese, anche in virtù della continuità territoriale tra le due regioni. Pertanto, attraverso la realizzazione di specifiche attività di comunicazione e divulgazione delle iniziative previste dal programma “InPuglia365 – Cultura, Natura, Gusto”, si intende perseguire il duplice obiettivo di promuovere la notorietà della destinazione Puglia e generare incoming turistico, stimolando la curiosità e la partecipazione alle stesse iniziative da parte dei turistici in visita al capoluogo lucano.

 “Puntiamo sul connubio enogastronomia, cultura, turismo lento e  paesaggio, anche quello meno noto ma bellissimo dell’entroterra,  per la nostra strategia di valorizzazione e promozione turistica della Puglia – commenta Luca Scandale, Responsabile del Piano Strategico - Con InPuglia 365 facciamo un passo avanti verso la costruzione di prodotti turistici della Puglia che ha molto da offrire anche fuori stagione grazie alla sua ricchezza enogastronomica e culturale, e  insieme consolidiamo un aspetto importante dell’accoglienza, fondamentale per far crescere la qualità  l’industria turistica pugliese”.  La dotazione finanziaria complessiva per InPuglia365 2018/19 è pari ad € 1.600.000,00. Ogni offerta potrà prevedere un importo massimo di €22.000,00.  Sono previste attività per target specifici di utenza (es.: disabili, celiaci, famiglie con bambini, pet friendly, etc.) ,accoglienza e booking center al pubblico, attività di comunicazione e promozione delle iniziative on/off-line, guerrilla marketing: organizzazione di happening, performance con finalità di promozione e divulgazione delle iniziative, diffusione di informazioni sulle iniziative nella città di Matera-Capitale europea della cultura 2019 o nelle ulteriori località coinvolte dal programma Matera 2019. I periodi durante i quali si svolgono le iniziative di fruizione/animazione sono dal 29 ottobre 2018 al 28 febbraio 2019 e  dall’1 marzo al 31 maggio 2019.

Pubblicato in Turismo

«Il Miur ha riservato alla scuola pugliese una sgradita sorpresa visto che, anche in occasione dell’assegnazione del contingente per le immis­sioni in ruolo dei docenti per il 2018/19, i conti non ci convincono». A denunciarlo è la Cgil, ricor­dando di aver «già denunciato un accanimento contabile nei confronti della nostra regione in occasione dell’attribuzione degli organici docenti oltre che ATA e si sperava che segnali positivi potessero giungere in occasione delle immissioni in ruolo dei docenti. Ma così non è stato». Per il segretario regionale della Flc Cgil Claudio Menga «anche per le immissioni in ruolo i numeri sono impietosi delle 57.322 immissioni in ruolo solo 2.242 sono i posti riservati alla Puglia. Si tratta - spiega - di una percentuale del 3,91 % nonostante il peso dell’organico docenti pugliese sia pari al 7,3% dell’organico nazionale. Un ennesimo triste dato dovuto al fatto che la nostra regione que­st’anno si è collocata al primo posto per tagli agli organici docenti (-296 posti) e realizza in Italia il rapporto alunni/docenti più alto (12,81 alunni per docente contro una media nazionale del 12,22) il cui riequilibrio comporterebbe un incremento di organico di 2.228 posti. Cambiano i governi ma, per la scuola meridionale , è sempre la solita solfa».

«L’alto tasso di dispersione scolastica e l’elevato numero dimensionamenti - incalza Gianni Verga, segretario della Uil scuola – sono statistiche che evidentemente non interessano a chi vede il sistema come un settore sul quale continuare ad abbattere indiscriminatamente la scure dei tagli verticali». Il contingente pugliese di 2.242 unità (772 a Bari, 252 a Brindisi, 477 a Foggia, 378 a Lecce e 363 a Taranto) è «un'inezia - attacca ancora Verga - che non servirà a coprire neanche lontanamente il deficit attuale. Al netto di una carenza basilare di docenti pari a 3000 unità che denunciamo da tempo, basti pensare che solo in provincia di Bari sono 1270 i lavoratori che stanno andando in pen­sione. Un dato in vertiginoso aumento rispetto ai 665 pensionamenti dello scorso anno, pari a un +100% sul 2017, un esodo vero e proprio che se non sarà colmato con nuovi innesti (solo per il per­sonale ATA è garantito il pieno turnover) metterà in crisi seria i dirigenti scolastici e a repentaglio il regolare svolgimento dell’anno scolastico. Se que­sto è il vento del cambiamento - conclude Verga - siamo messi molto male. In campagna elettorale, le formazioni politiche che poi hanno dato vita al nuovo Esecutivo hanno sbandierato ai quattro venti il vessillo della meritocrazia, salvo poi umiliare, nei fatti, il luogo di istruzione e formazione per eccellenza delle nuove generazioni. Forse gli errori del recente passato, a cominciare dal fa­migerato decreto Buona Scuola, non hanno in­segnato nulla. Siamo pronti alla mobilitazione per restituire alla scuola pugliese e del Mezzogiorno la dignità perduta a colpi di tagli indiscriminati”.

Pubblicato in Società

“La Sezione Istruzione e Università ha approvato il nuovo Piano Regionale Triennale di edilizia scolastica 2018-2020 e le relative graduatorie. Si tratta di uno strumento fondamentale per l’individuazione e il finanziamento degli interventi da effettuare sul patrimonio immobiliare degli istituti scolastici pugliesi”, fa sapere l’assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo.

“Nel mese di Aprile abbiamo pubblicato l’Avviso Pubblico per l’acquisizione e la selezione delle proposte progettuali per la formazione della graduatoria. È stato possibile presentare le domande di partecipazione entro il 3 luglio ultimo scorso. Tra aprile e luglio – continua l’assessore – abbiamo dato vita ad una serie di incontri con l’ANCI, con i Sindaci e con le strutture tecniche dei Comuni pugliesi per favorire la più ampia e corretta partecipazione al bando. Sono pertanto pervenute 651 istanze che sono state valutate, in appena un mese di tempo, dagli uffici competenti per arrivare oggi alla pubblicazione della graduatoria. Un plauso va certamente alla Sezione Istruzione e Università, diretta dall’arch. Lamacchia, per la celerità e la qualità del lavoro svolto: con il Piano Triennale – conclude Leo – abbiamo praticamente censito il fabbisogno strutturale della scuola pugliese che finanzieremo secondo i criteri prestabiliti, in ordine di graduatoria e secondo le risorse man mano disponibili”.

Pubblicato in Società

Sarà il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte a inaugurare a Bari, il prossimo 8 settembre, l'82esima edizione della Campionaria Generale Internazionale. La notizia - viene sottolineato in una nota - "è particolarmente importante per la Nuova Fiera del Levante che quest'anno - per la prima volta - si impone sul mercato nazionale e internazionale con scelte coraggiose, che rispettano fortemente la tradizione meridionale ma si aprono, attraverso squarci di creatività e innovazione, al futuro". "L'ultimo Presidente del Consiglio pugliese a inaugurare la Fiera è stato Aldo Moro nel 1975 - sottolinea il presidente di Nuova Fiera del Levante Alessandro Ambrosi -, per me sarà un onore ospitare un'altissima figura istituzionale della mia stessa amata terra. Moro aveva un grande cuore, Conte ha una straordinaria simpatia. I pugliesi hanno una generosità e una ospitalità che finalmente sta avendo riconoscimenti dai popoli più evoluti del mondo".

Pubblicato in Economia

“Abbiamo prorogato le attività di Garanzia Giovani al 30 novembre 2018, consentendo ai NEET pugliesi, cioè ai giovani che non studiano, non lavorano e che non sono inseriti all’interno di un percorso formativo, di iscriversi al programma e di usufruire di una delle misure previste”, fa sapere Sebastiano Leo, Assessore all’istruzione, formazione e lavoro della Regione Puglia.

 “Le misure prorogate sono quelle relative all’Avviso Multimisura, tra cui l’orientamento specialistico, la formazione mirata all’inserimento lavorativo, l’accompagnamento al lavoro e i tirocini. Proprio rispetto ai tirocini – continua Leo – mi preme informare i giovani pugliesi che, avendo gli stessi durata minima di tre mesi e concludendosi Garanzia Giovani il 30 novembre 2018, dovranno essere attivati entro e non oltre 31 agosto 2018”.

 “Garanzia Giovani – ha concluso l’Assessore - è un programma che sta dando alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi moltissime soddisfazioni in termini di formazione, di esperienze professionali accumulate e, anche, di placement occupazionale. A fine programma daremo un quadro dettagliato per ciascuna misura, per ora è possibile affermare che siamo prossimi al 100% della spesa delle risorse che la Comunità Europea e il Governo ci hanno affidato per la Youth Guarantee e stiamo già studiando, imparando anche dalle criticità emerse negli ultimi anni, il nuovo programma Garanzia Giovani che partirà nel 2019”.

Pubblicato in Economia

Ieri le immissioni in ruolo all'Ufficio scolastico regionale con la scelta degli ambiti territoriali, oggi la definizione all'Ufficio provinciale di Bari della sede dove si andrà a insegnare. È iniziato alle 9 di stamattina l'appello per i docenti pugliesi che saranno assunti nella scuola, a partire dal 1° settembre, in base al piano previsto per l'anno scolastico 2018-19. Si è iniziato con la chiamata, in ordine di posizione in graduatoria, dei candidati per un posto comune nella scuola primaria. Poi, a partire dalle ore 10,30 si sono avvicendati i docenti dei posti di sostegno della scuola secondaria di primo e secondo grado e quelli che insegneranno tecnologia nella scuola secondaria di primo grado. Nel pomeriggio è stata la volta dei posti comuni e di sostegno della scuola dell'infanzia. Le convocazioni proseguiranno fino a domani per esaurire la collocazione degli insegnanti rispetto al numero e alla tipologia di posti disponibili per le graduatorie di merito, cioè dove sono presenti i docenti vincitori di concorso pubblico a cattedra.

La trafila, che si concluderà nelle scuole con la firma del contratto, avrà un momento cruciale a partire dalla giornata di oggi, quando i docenti che avranno optato per gli ambiti baresi cominceranno a scegliere le scuole che hanno disponibilità di posizioni negli uffici del provveditorato di via Re David, dove verranno immessi nei ruoli anche i docenti inseriti nelle Gae, le graduatorie ad esaurimento (composte da coloro che sono provvisti di abilitazione all'insegnamento), strutturate appunto su base provinciale e aggiornate ogni tre anni per quanto riguarda i titoli e le posizioni degli iscritti, ma chiuse all'inserimento di nuovi nominativi. Dal 2008 infatti (la legge prevede ora solo concorsi pubblici) non è piu possibile iscriversi in queste graduatorie che sono pertanto destinate ad esaurirsi.

Ogni anno in base ai posti che si rendono disponibili sulle cattedre delle scuole statali, i docenti vengono attinti per metà dalle graduatorie di merito e per metà dalle graduatorie ad esaurimento. Complessivamente sono 772 le assunzioni previste nella provincia di Bari: 122 nella scuola dell'infanzia (104 posti comuni e 18 posti di sostegno), 140 nella nella scuola primaria (di cui 28 di sostegno), 191 nella secondaria di I grado (165 più 26) e 319 nella secondaria di II grado (296 più 23). Il numero ha fatto storcere il naso ai sindacati, anche ieri presenti con i loro rappresentanti tra le centinaia di persone che attendevano la chiamata, vista la bassa percentuale (intorno al 4 per cento) di posti riservati alla Puglia (2.242) rispetto al dato nazionale (57.322).

Pubblicato in Società
Pagina 1 di 30

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005