Sabato, 13 Gennaio 2018 16:30

Carpino/ La consigliera Molendini, decaduta dal suo incarico già da diversi mesi non sa leggere neppure le ordinanze del Tar e vende fumo cercando gloria. Riceviamo e pubblichiamo.

Il Sindaco di Carpino Dr. Rocco Di Brina, appresa la tendenziosa notizia fatta apparire sui media da parte della consigliera per le pari opportunità Molendini, esprime sconcerto e disapprovazione rispetto ad un modo fuorviante di presentazione delle questioni.
Si prende atto della Ordinanza del TAR Puglia che in realtà non riporta tutte le illazioni e falsità fatte paventare dalla Molendini; infatti il TAR Puglia accoglie esclusivamente una richiesta di istanza cautelare riferita in particolare all’avviso pubblico messo in atto dal Sindaco per reclutare una donna da inserire nella Giunta. La stessa ordinanza infatti, non fa alcun riferimento ad atti prodotti dalla Giunta in carico proprio perché la normativa vigente prevede che in alcun modo può e deve essere interrotta l’attività amministrativa; né la stessa ordinanza entra nel merito delle questioni del ricorrente fissando l’udienza di merito per il 16 Ottobre 2018 e compensa le spese che per la sua parte dovrà pagare la Molendini o i suoi mandatari. Se ci fosse stata una condanna definitiva tutte le spese sarebbero state accollate al Sindaco.In ogni caso il Sindaco di Carpino , rispettoso della legge e lo ha dimostrato anche in questa dibattuta circostanza (vedasi il bando, le comunicazioni al Prefetto e al Cosiglio Comunale), valuterà ogni situazione compreso un appello cautelare al Consiglio di Stato poiché diversamente da quello che vuole lasciare intendere la Molendini, non è chiara la finalità amministrativa della ordinanza.Quanto alla stessa Consigliera, il Sindaco di Carpino eventualmente insieme ad altri colleghi interessati, intraprenderà ogni iniziativa volta a verificare la necessità, la correttezza, la trasparenza degli atti da ella intrapresi ad iniziare dallo stato del suo mandato, ai criteri di scelta dei legali per affrontare i giudizi innanzi al TAR ( considerato che per tre Comuni il legale incaricato è stato sempre lo stesso) e per finire alla gestione delle spese sostenute per gli onorari degli avvocati , qualcuno dei quali alla ricerca di visibilità e vana gloria, proprio come la Consigliera. Deve spiegare ai Pugliesi la Molendini, ( nominata e non eletta), ignara delle difficoltà dei Sindaci perché con ingiustificata disinvoltura anche quando non è il caso, (tanto non paga Lei) corre dietro a fazioni politiche, crea notevoli difficoltà agli enti locali già in precario equilibrio economico finanziario e non dice quanti soldi ha fatto sperperare ai Comuni della nostra Regione.Rispetto ai mandatari della faccenda , ossia i Consiglieri di opposizione nel Comune di Carpino, al momento mi esimo da ogni considerazione; posso soltanto confermare che continua la pretestuosa, futile e pregiudizievole battaglia finalizzata solo a creare possibili scompigli nella maggioranza ( che non ci saranno mai) senza elementi costruttivi ma solo e sempre con tanta rabbia per il potere perduto.
Non si può gioire, ritiene il Sindaco Di Brina e si rivolge alla Molendini quanto ai Consiglieri di minoranza se si mette in atto solo ostruzionismo premeditato anche quando sono state esperite tutte le iniziative che la legge prevede né perché non vi è una sentenza definitiva come si vuol far passare. Ed è per questo che restiamo fiduciosi rispetto al giudizio di merito che il TAR esprimerà il 16 Ottobre 2018.

Ondaradio consiglia...

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005