Si terrà domani 3 agosto a Cagnano Varano la cerimonia di premiazione del concorso nazionale letterario "Il Rovo" - Settima edizione 2018,  organizzato dall'Associazione Culturale Schiamazzi con la partnership di Ferrovie del Gargano e il patrocinio del Comune di Cagnano Varano, della Provincia di Foggia e dell'Ente Parco Nazionale del Gargano. L'appuntamenti è alle ore 20:30 in Largo Purgatorio nella cornice del centro storico del paese.
«Ciò che racchiude una fotografia è molto più di quello che mostra agli occhi. Essa è l’istantanea di un'emozione racchiusa per sempre in uno scatto. Ponte tra passato e presente, riesce a proiettarsi nel futuro e a restarci, consentendo di far rivivere attimi, flussi di sensazioni e riflessioni.» Questa era la traccia per le categorie prosa e poesia del Concorso 2018.
I RAGAZZI (dagli 11 ai 15 anni) e GIOVANI (dai 15 ai 20 anni) hanno invece partecipato con un racconto brevissimo in prosa (massimo 100 parole) con la traccia: "Il 2018 è l’anno del patrimonio culturale: se dovessi scegliere tra luoghi, tradizioni o personaggi che ritieni significativi o che ti sono cari, cosa dichiareresti patrimonio culturale, materiale o immateriale, da salvaguardare per bellezza o importanza?".
Un premio letterario unico nel suo genere sul Gargano, che si dedica con entusiasmo alle sezioni di prosa, poesia tanto in italiano come in vernacolo ed altre lingue, purché accompagnate da traduzione in lingua.
La cerimonia di premiazione, allietata da accompagnamento musicale e aperitivo letterario, prevederà la lettura delle opere vincitrici e la consegna dei premi ai primi tre classificati di ogni sezione, più il riconoscimento alle menzioni speciali e distinzioni per stile, pertinenza e altri meriti individuati dalle giurie.

Pubblicato in Cultura

Si terrà domenica sera nell'incantevole cornice dell’Anfiteatro del Santuario Grotta di San Michele di Cagnano Varano la rappresentazione teatrale della Divina Commedia sotto la direzione di Beppe Lo Parco. La rappresentazione vedrà tra gli attori tre importanti realtà socioculturali del centro garganico, la Banda Municipale di Cagnano, gli anziani del Centro Diurno “Palladino” e il gruppo teatrale “La Castagnola” guidato da Gianni Cerrone.
L’iniziativa è volta ad avvicinare uno dei mostri sacri della letteratura italiana, La Divina Commedia di Dante, sia al pubblico che domenica vorrà assistere alla pièce, sia ai soggetti coinvolti nella rappresentazione: un modo originale per portare la cultura e la letteratura in piazza.
Lo spettacolo è a cura di Beppe Lo Parco, attore con esperienza trentennale, originario della Valle d’Itria ma toscano di adozione. Ha frequentato l’Accademia Silvio D’Amico con grandi maestri che hanno inciso sulla  sua formazione da Orazio Costa a Tino Buazzelli e ha studiato con  Remo Girone, Antonello Fassari e molti attori di successo. Ha debutto sulla scena in uno spettacolo firmato da Luca Ronconi che gli ha aperto le porte della sua carriera.
Molti i canti significativi portati in scena da Beppe Lo Parco da quello degli Ignavi fino alla preghiera alla Vergine di San Bernardo da Chiaravalle. Lo Parco porta in scena l’eterna lotta tra gli opposti: il bene e il male. Un viaggio atemporale, mai anacronistico e sempre attuale che ci riconduce all’eterno dualismo della natura umana.   
Sarà possibile raggiungere la location dello spettacolo con il servizio navetta gratuito alle 20.30 davanti al Municipio (piazza Aldo Moro)

Pubblicato in Spettacolo

Il finanziamento servirà per la promozione, valorizzazione e salvaguardia della bellissima Laguna di Varano. Lo ha deciso la giunta del Parco Nazionale del Gargano

Tra gli interventi in programma quelli per la sistemazione di un sentiero che colleghi la Grotta di San Michele con il lago di Varano.

Pubblicato in Ambiente

FestambienteSud farà tappa anche a Cagnano Varano per una serata speciale, mercoledì 1 agosto, alle ore 21,30, in Piazza del Purgatorio, appuntamento con PAOLO JANNACCI “in concerto con Enzo” (ingresso libero).

Jannacci si esibisce nell'ambito di "Suoni nel Borgo", progetto speciale di FestambienteSud per far scoprire e valorizzare un pezzo di identità urbana del Gargano. L'evento è organizzato grazie alla collaborazione di Comune di Cagnano Varano e del Parco Nazionale del Gargano. Oltre al concerto di Paolo Jannacci sarà l'occasione per un'anteprima di "Calici nel Borgo", manifestazione ormai radicata in quel luogo e che vedrà la prossima edizione il prossimo 11 agosto.

«Quest'anno ad impreziosire il programma estivo di Cagnano Varano - dichiara l'Assessore alla Cultura e al Turismo Mariella Scanzano - avremo il piacere di ospitare nel nostro bellissimo centro storico uno dei prestigiosi appuntamenti musicali di FestambienteSud. Nel nostro borgo antico, infatti, gli ospiti e i turisti presenti sul nostro territorio potranno trascorrere una gradevole serata accompagnati dalle note della pianista Paolo Jannacci che, insieme alla degustazione di alcune eccellenze enogastronomiche del territorio, renderà ancor più suggestivo il soggiorno nel nostro paese».

Paolo Iannacci pianoforte / Daniele Moretto tromba flicorno cori

Eclettico e talentuoso musicista figlio del grande ENZO JANNACCI, renderà omaggio alla musica del padre con "In Concerto Con Enzo", uno spettacolo pieno di energia poetica e musicale. Il ricordo di Enzo Jannacci è ancora vivo e le sue canzoni sono ancora immortali. Lo spettacolo rievocherà i successi di ieri mai dimenticati in una location molto suggestiva. Paolo Jannacci ha spesso collaborato con il padre nelle sue produzioni discografiche, ma vanta anche collaborazioni con numerose personalità del mondo della canzone e dello spettacolo italiani, fra cui Dario Fo, Paolo Conte, Giorgio Gaber, Massimo Ranieri, Cristiano De Andrè, Daniele Silvestri, Irene Grandi, Piero Chiambretti, Claudio Bisio e molti altri. Sul palco, insieme a Paolo Jannacci, al pianoforte, ci sarà Daniele Moretto (tromba, flicorno e cori).

Con Jannacci si completa l’ultimo tassello del cartellone musicale di FestambienteSud 2018 con concerti a Vieste, Monte Sant’Angelo, Cagnano Varano e San Giovanni Rotondo:

Progetto musicale di Paolo Fresu

25 luglio - Vieste

Paolo Fresu e Chano Dominguez duo – Marina Piccola, ore 21.30

26 luglio – Monte Sant’Angelo

Marco Bardoscia solo – vespro musicale nel Museo “Il Sentiero dell’Angelo”, ore 18

Avion Travel in “Privè tour” – piazza de Galganis, ore 21.30

27 luglio – Monte Sant’Angelo

Marco Bardoscia solo – vespro musicale nel Museo “Il Sentiero dell’Angelo”, ore 18

Greta Paniettieri in “shattered-sgretolata” - piazza de Galganis, ore 21.30

28 luglio – Monte Sant’Angelo

Marco Bardoscia e Alberto Parmegiani duo – Museo “Il Sentiero dell’Angelo”, ore 18

Francesco Bearzatti Tinissima 4h in “Monk’n Roll” – piazza de Galganis, ore 21.30

Progetti speciali

28 luglio – “Urban Regeneration jam” a Monte Sant’Angelo

La Famiglia, open No Fang e Totò Nasty & Untouch – Largo Dauno ,ore 22.30

1 agosto – “Suoni nel Borgo” a Cagnano Varano

Paolo Jannacci, “in concerto con Enzo” – Largo del Purgatorio, ore 21.30.

5 agosto – “Welcoming Europe” a San Giovanni Rotondo

The Wailers, open Sona Sle e M.organ D. meets The Humble’s Souls Project – Parco del Papa, ore 21 (biglietti su vivaticket.it)

Per aggiornamenti sul programma www.festambientesud.it

FestambienteSud 2018 è il festival nazionale di Legambiente per il Sud Italia, sostenuto dall’assessorato all’industria culturale e turistica della Regione Puglia nel’ambito del bando triennale per lo spettacolo dal vivo (FSC 2014-20). La programmazione musicale è curata da PAOLO FRESU, i progetti speciali, gli eventi culturali, formativi e i progetti speciali sono a cura di Legambiente, che è l’ente promotore e organizzatore. Il partenariato comprende anche la Regione Puglia, assessorato all’Agricoltura, il Parco Nazionale del Gargano, i Comuni di Monte Sant’Angelo, Vieste, San Giovanni Rotondo, Cagnano Varano, il Gal Gargano, la società Agritre, il Museo Vivente della Dieta Mediterranea di Pollica, Welcoming Europe, AzzeroCO2 e le società Axis Mundi ed Ecogargano.

 

#FestambienteSud #WeareinPuglia #Mezzogiornodifuoco

Pubblicato in Spettacolo

L’insolita collocazione mattutina della classicissima organizzata da Pasquale Giuliani ha rivitalizzato la manifestazione che ha visto convergere a Cagnano Varano quasi 400 atleti provenienti da ogni parte d’Italia. Temperatura ideale per correre, percorso mozzafiato, panorama da cartolina, clima festoso e un bellissimo sole, sono questi gli ingredienti della 14° Maratona e Ultramaratona del Gargano. Quattro le gare - 50 km, maratona, mezzamaratona e 10km - in programma. Dopo le veloci fasi preliminari di ritiro del pettorale e dei pacchi gara, partenza alle 9 in punto per la 10, la mezza e la maratona, dopo 10 minuti la 50 km. Ha funzionato alla perfezione la macchina organizzativa messa in piedi da Pasquale Giuliani, coadiuvato dalla Parrocchia delle Grazie, oltre ai ragazzi della Stracagnano e all'immancabile Massimo Faleo, percorso segnalato, ristori abbondanti e presidiati, assistenza in auto e bici lungo il percorso con il duo Di Maggio (Antonio e Nicola) e il sempreverde Antonio Bocale, ad assistere con acqua, sali e gel i podisti, oltre a qualche graditissimo incoraggiamento rigorosamente in dialetto. Impeccabile il lavoro dei Volontari del Soccorso di Cagnano Varano e della Pro Loco. Lasciato il centro abitato i podisti si sono immersi nel panorama garganico, con lo sfondo del Lago di Varano ad addolcire le fatiche del percorso ondulato e soleggiato. Per le distanze più lunghe giro di boa a Sannicandro Garganico, curato dall'Atletica Sannicandro, che ha accolto con musica e ristoro i podisti più temerari. Immancabile la festa a fine gara che oltre a ristorare gli atleti dopo lo sforzo fisico, con le immancabili cozze locali, il rinomato pane di Cagnano Varano. Anche questa edizione conferma e consolida la validità del lavoro portato avanti da Pasquale Giuliani, ideatore della manifestazione che ancora una volta è riuscito a realizzare non solo una gara podistica ma una festa, coinvolgendo le associazioni di Cagnano, ma soprattutto tanti maratoneti ed ultramaratoneti molti dei quali “hanno fatto la doppietta” correndo sabato pomeriggio “la 6 Ore della Birra” e ieri mattina la Maratona del Gargano. A certificare il livello organizzativo della manifestazione c’è stato il riconoscimento di Campionato Nazionale UISP della Maratona.

Per gli amanti delle classifiche:

la 50 km ha visto il triondo di Cosimo Manigrassi (ASD Marathon Massafra) su Nicolangelo D’Avanzo ( Bisceglie Running) e Michele Dicorato (Runners Pescara) mentre tra le donne, accolta da un grande applauso ed accompagnata da due compagni di squadra taglia per prima il traguardo Milena Tunno della Podistica Magliese che precede Maria Loreta Bellebuono del Gruppo Sportivo Celano e Manuela Stacchiotti della Runners Tordino.

Nella maratona, conferma, dopo la vittoria del 2017 per Alberico di Cecco (Vini Fantini) su Antonio Raffaele Di Manno (Asd I Lupo di Monte) e Francesco Cervellara (ASD Martina Franca Running), tra le donne, dopo il secondo posto dello scorso anno trionfa Libera Francesca Caputo ( Running Club Torremaggiore) che precede Rossana Simonetti ( Running Accademy Lucera) e Maria Rosaria Ancona ( ASD Martina Franca Running). Alberico di Cecco e Libera Francesca Caputo si laureano Campioni Nazionali di Maratona UISP e vengono premiati dal Responsabile Nazionale UISP Luigi Scognamiglio.

Nella 10 km trionfo per Giampiero Bianco, della Running Team Dangela Sport su Matteo Tomaiuolo della Gymnasium 2010 Ischitella e Lino Vannella de I Saraceni di Lucera, tra le donne la prima a tagliare il traguardo è la rientrante certezza del podismo pugliese Teresa Lelario tesserata per l’Athletic Accademy Bari che precede Sabina Spera della Barletta Sportiva e Patrizia Borrelli della Podistica Pontelungo Bologna.

Pubblicato in Sport

Sarà il Cagnano ad affrontare il Torremaggiore nalla finale play-off del campionato di Terza categoria. Ieri pomeriggio la squadra biancorossa, nella semifinale play-off, ha battuto per 4-0 il Reai San Giovanni Rotondo grazie alle reti di Elia Carretto, Davide Orfeo e Antonio Di Fiore (doppietta). Domenica prossima la finale in casa del Torremaggiore che potrà giocare per due risultati su tre visto il miglior piazzamento in campionato dei rossoblu. L’appuntamento di domenica con il Torremaggiore, quindi per i ragazzi del Cagnano, è di quelli da non mancare. In ballo, c’è un triplice fischio che può segnare l’inizio di un piccolo grande sogno come la promozione al campionato superiore attraverso il ripescaggio. La sfida con i cugini torremaggioresi vale una stagione intera, forse ancora di più. Impossibile non accorgersi della scalata della truppa biancorossa. Con passo felpato, a fari spenti, di domenica in domenica, ha rosicchiato punti e posizioni in classifica, raccolto complimenti e consensi. L’annata degli uomini del Cagnano sembra scritta da un favolista. Per tante sfumature, per una realtà piccola come Cagnano, per l’aria familiare, l’atmosfera genuina, tranquilla, senza fronzoli, tipica della cittadina del Gargano. Senza proclami e senza follie, con la dimensione più coerente di quel dilettantismo di cui Coccia e soci sono lieti cultori, il Cagnano ha spiccato il volo.

A.V.

Pubblicato in Sport

L’amore verso la propria terra, il senso di appartenenza ad una comunità e la voglia di riscatto. Questo e tanto altro nel videoclip “Io mi sento Gargano”: un inno al Gargano, alle sue bellezze paesaggistiche ma anche alle persone che vivono in questa terra, che la rispettano e che non vogliono lasciarla.
Protagonisti del videoclip e portatori di questi messaggi 40 bambini dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito” di Cagnano Varano, la scuola dove questo progetto è nato grazie all’idea del suo docente di educazione musicale Rocco Iocolo. Un’iniziativa, partita circa un anno fa, che ha finito per coinvolgere l’intero istituto garganico attirando l’attenzione e l’apporto degli altri docenti e delle famiglie degli allievi.
Il progetto, che gode del Patrocino dei Comuni di Cagnano Varano e Rodi Garganico, dell’Ente Parco Nazionale del Gargano, nonché delle Ferrovie del Gargano, è stato presentato lo scorso 2 maggio presso la Sala Consiliare del Comune di Cagnano Varano, alla presenza di tutti i soggetti coinvolti: i bambini; il docente Rocco Iocolo; il regista del videoclip, Niki dell’Anno; le due docenti referenti del progetto, Maria Grazia Coccia e Libera Polignone; il sindaco di Cagnano Varano, Claudio Costanzucci (presente anche in qualità di Presidente f.f. del Parco Nazionale del Gargano); l’assessore alla Cultura del Comune di Cagnano Varano, Mariella Scanzano; il consigliere del Comune di Rodi Garganico, Gianluca Merolla, e il dirigente dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito”, Damiano Francesco Iocolo. Ospiti della conferenza stampa anche Napoleone Cera, consigliere regionale - Presidente Gruppo Popolari, e Giorgio Lovecchio, Portavoce M5S Camera dei Deputati, Commissione Bilancio.
Nel corso della conferenza stampa, moderata dalla giornalista Pina D’Errico, è stato proiettato il videoclip “Io mi sento Gargano” che in 24 ore ha ottenuto oltre 12mila visualizzazioni su YouTube. Un ottimo risultato per un progetto didattico che promuove una cultura della responsabilità individuale che parte da una più matura consapevolezza delle proprie azioni perché per educare alla legalità, nella sua accezione più ampia, è necessario partire dalle nuove generazioni e quindi dalla scuola.
Un obiettivo che per il docente Rocco Iocolo è diventato una sfida: “Ho voluto lanciare questo messaggio realizzando un progetto discografico che vedesse protagonisti i nostri bambini e la nostra meravigliosa terra. Una missione difficile perché sappiamo quanto nelle scuole sia difficile portare avanti progetti del genere”.
“Quando il docente Iocolo all’inizio dell’anno disse ‘ho in mente un progetto’, mai avremmo immaginato che il risultato sarebbe stato questo” ha raccontato la docente Maria Grazia Coccia. “La scuola di Cagnano Varano è sempre stata aperta alle nuove iniziative, ma questo progetto davvero ha superato ogni aspettativa”.
“Grazie alla proposta del docente Iocolo abbiamo sperimentato un nuovo approccio metodologico con i nostri allievi” ha aggiunto la docente Libera Polignone. “Abbiamo visto i bambini totalmente coinvolti. Ma il progetto ha catturato l’attenzione di tutti sia per la tipologia del suo prodotto, un videoclip musicale, sia per l’importante tematica trattata, il Gargano, niente di più vicino ai nostri bambini”.
Soddisfazione anche nelle parole del regista del videoclip, Niki dell’Anno, che ha subito ringraziato la troupe della sua casa di produzione audiovisiva “Wild Rat Film”: l’operatore di ripresa Fabiano Casparrini, l’operatore del drone Michele Pesante e l’assistente operatore Gaetano Valenzano: “Mi sono occupato di molti progetti riguardanti il Gargano – ha detto il filmaker foggiano – ma questo progetto parte dalla scuola, dai bambini, e quindi ha un valore diverso. Le nuove generazioni si sentono protagonisti di prodotti audiovisivi. E con questo progetto si sono sentiti davvero partecipi”.
Il videoclip ritrae alcuni dei tanti straordinari paesaggi del Gargano, ma anche immagini dolorose come quelle degli incendi che hanno colpito il Gargano, immagini che fanno da cornice al brano, composto dal prof. Iocolo ed interpretato dagli alunni, destinato a fare memoria.
La visione del videoclip ha subito suscitato il plauso di tutti i presenti a cominciare dal Consigliere regionale Napoleone Cera, che è anche componente della Commissione Criminalità della Regione Puglia. Cera ha sottolineato l’importante funzione della scuola nella diffusione della cultura della legalità, ma non ha nascosto un pizzico di rammarico: “Mi dispiace solo che in quel video non c’è il logo della Regione Puglia. Ma cercherò di portare la vostra testimonianza a tutto il consiglio regionale che oggi io rappresento. Voglio che vedano questo video. Oggi avete reso questo territorio più bello e più importante”.
Parole di elogio anche da parte di Giorgio Lovecchio, Portavoce M5S Camera dei Deputati, Commissione Bilancio: “Un applauso va ai docenti dell’istituto che riescono a portare avanti questi progetti nonostante tutti i problemi che oggi si riscontrano nelle scuole. Il neoparlamentare ha poi lodato l’eccellente lavoro dei bambini: “Hanno capito il senso di questo progetto e ora sono diventati veicoli di promozione del nostro territorio. Spero che la Regione promuova questo video con tutti i mezzi idonei. Oltre a questo però diamo anche a questo territorio le infrastrutture che mancano”.
Il sindaco di Cagnano Varano, Claudio Costanzucci, oltre a complimentarsi con il dirigente dell’istituto Comprensivo “D’Apolito” per aver sostenuto il progetto, ha esaltato ulteriormente il lavoro dei docenti: “Tutto questo non sarebbe stato possibile se non ci fosse stata la capacità dei docenti di coinvolgere questi ragazzi”. Poi l’attenzione è passata al territorio: “Negli anni la nostra terra è stata violentata da incendi, abusi, alluvioni. L’illegalità deve essere messa fuori dal nostro orizzonte culturale. Come amministrazione comunale abbiamo dato un piccolo contributo. Come Parco ci siamo stati e ci saremo, anche per l’iniziativa sulla legalità. Ora è compito della scuola e della famiglia far capire che tutto questo deve essere un continuum, non un semplice evento legato ad un progetto. Diventerà un progetto che ci appartiene davvero quando i bambini avranno compreso il messaggio. Questo donerà bellezza alla bellezza che ci circonda” ha concluso il primo cittadino di Cagnano Varano.
Garganici però non solo si nasce, ma si diventa. Come Gianluca Merolla, consigliere del Comune di Rodi Garganico, napoletano di nascita ma cresciuto e innamorato della Montagna del Sole: “Il Gargano mi ha adottato ed è qui che sto costruendo il mio futuro. Conosco personalmente il prof. Rocco Iocolo e so quanto sia forte il suo desiderio di inculcare in questi ragazzi la sua passione e la sua dedizione per questo territorio. Il video che abbiamo visto è una ricetta esplosiva. Noi tutti, amministratori, docenti, famiglie e ragazzi, dobbiamo essere molto ambiziosi perché quando parliamo di Gargano dobbiamo ricordare di avere un grosso potenziale. Dobbiamo dare la possibilità a questi ragazzi di restare e di costruire qui il loro futuro. Troppi ragazzi stanno andando via mentre il Gargano ha bisogno di loro. Ringraziando tutti, voglio dire a questi bambini: siamo fieri di voi”.
L’assessore al Welfare, Cultura e Turismo del Comune di Cagno Varano, Mariella Scanzano, ha ripercorso le tappe del progetto ‘Io mi sento Gargano’: “Questa avventura è iniziata molto mesi fa quando in Comune ho ricevuto una rappresentanza di genitori di questi bambini capeggiata dal prof. Iocolo” ha esordito l’assessora. “Già dai primi minuti in cui parlava della sua idea io mi sono sentita Gargano insieme a loro. Il Comune non ha fatto altro che inserirsi in quello che io amo chiamare ‘abbraccio educativo’: bambini posti al centro di un’esperienza in cui scuola, famiglie, istituzioni, enti e comunità abbracciano il bambino e si occupano di lui, della sua crescita, della sua educazione e della sua formazione. Questa è la mission di questa amministrazione e della mia funzione di assessore alla cultura. L’assessora ha poi lanciato una proposta che ha incassato subito l’apprezzamento della platea: aprire con questo videoclip tutte le serate culturali e di intrattenimento in programma per l’estate di Cagnano Varano affinché il videoclip diventi patrimonio della comunità e di chi questo territorio non lo conosce. “Tutto questo però non basta – ha precisato Scanzano – il Gargano ha bisogno di rimarginare le proprie ferite, ha bisogno di infrastrutture e di tutta una rete di servizi che possa consentire il rilancio dell’economia perché queste risorse umane restano a disposizione della loro terra”.
A chiudere gli interventi è stato il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito”, Damiano Francesco Iocolo: “È interesse di ogni dirigente scolastico che la propria scuola cresca. E la scuola cresce solo grazie alle persone. È importante avere docenti preparati, pronti, volenterosi, tenaci, interessati, partecipativi. Tutti questi requisiti non sono un valore aggiunto, ma la base dalla quale partire. La scuola è una delle poche agenzie deputate alla produzione della cultura, ma quella cultura che entra all’interno della comunità, con la partecipazione di tutti, amministrazioni, personale scolastico, docenti, genitori istituzioni. Noi siamo chiamati tutti a dare risposte di senso, ma non solo con le parole. Queste parole devono tramutarsi in fatti concreti. Il videoclip ‘Io mi sento Gargano’ è bello perché guarda alla costruzione della società del domani, in senso civico, in senso sociale, in senso umano. Permettetemi questo momento di debolezza – ha concluso il dirigente Iocolo ringraziando tutti i partecipanti alla conferenza stampa– ma sono veramente orgoglioso del mio Istituto e del mio corpo docente”.
Il dirigente Iocolo ha poi ricordato un altro importante appuntamento legato al percorso della legalità che coinvolge l’intero istituto “D’Apolito”, quello in programma per il prossimo 22 maggio quando a Cagnano Varano si terrà una manifestazione, per celebrare il 70^ anniversario della promulgazione della Costituzione Italiana, che vedrà la partecipazione della Banda dell’Arma dei Carabinieri.

Di seguito il link del videoclip “Io mi sento Gargano”: https://www.youtube.com/watch?v=g4iNV7AbsdE

Pubblicato in Società

Torna anche quest'anno l'appuntamento con la Festa Patronale a Cagnano Varano, che dall'8 al 10 maggio, con eventi collaterali a partire dal 5, celebra i suoi Santi patroni Michele e Cataldo.
Quest'anno come da tradizione, è la musica la protagonista del Gran Finale del 10 maggio con il concerto della band "Le Vibrazioni" reduce dell'ultimo Festival di Sanremo e del Concertone del Primo Maggio di Roma.
Il Comitato Feste, composto dal Comune, da alcune associazioni e dalle parrocchie cagnanesi anche quest’anno ha deciso di finanziare la Festa attraverso una lotteria autorizzata dal Monopolio di Stato che vede come primo premio una settimana di soggiorno benessere a Ischia.
L'8 maggio sempre in piazza Giannone ci sarà il concerto di Daniele De Martino e Tony Capone, mentre la serata del 9 maggio come da tradizione sarà dedicata alla musica classica e alla lirica.
Invariata la scansione degli appuntamenti religiosi: martedì 8 maggio nel pomeriggio si terrà il tradizionale pellegrinaggio alla Grotta - Santuario di San Michele - a pochi km dal comune garganico - e il 10 mattina la tradizionale processione dei due Santi per le vie del paese.
Quest'anno il programma si arricchisce di alcuni appuntamenti collaterali: sabato 5 maggio presso la Chiesa Madre alle 19.45 si terrà il concerto di organo del maestro Francesco Scarcella; il 6 maggio alla Grotta di San Michele ci sarà la benedizione degli animali a cura dell'Associazione Lilly e il Vagabondo (sulla scia della tradizionale fiera del bestiame); il 7 maggio sera la cover band ufficiale dei Nomadi The Gordons aletterà la serata insieme al gruppo Time Music per una raccolta fondi a favore dell'A.G.A.P.E.. Da non perdere, inoltre, nel pomeriggio del 9 maggio il tradizionale appuntamento con I Giochi Cagnanesi, in cui l'ASD Atletico Cagnano rievocherà i giochi tradizionali.
"Anche quest'anno - commenta il presidente del Comitato Giuseppe Sanzone - abbiamo voluto finanziare la festa attraverso la lotteria, i cui biglietti non solo permettono ai cittadini di partecipare a un'estrazione a premi finanziando i festeggiamenti, ma lo stesso biglietto ha il valore di ricevuta che permette di tracciare i proventi della raccolta, in totale trasparenza. Ringraziamo tutte le persone che stanno dando un contributo alla realizzazione della Festa".
Nel frattempo, ogni sera alle 19 in Chiesa Madre si tiene la novena per la preparazione liturgica e spirituale alla celebrazione dei Santi.

Il Comitato Feste è costituito dalle parrocchie Santa Maria della Pietà e San Francesco e dalle associazioni: Azione Cattolica, Associazione Cuochi Gargano e Capitanata, Federcasalinghe, Le Gemme del Gargano, La Montagna del Sole, Muzia, Schiamazzi, Time Music.

Pubblicato in Manifestazioni

La riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, convocata a Vieste, si appresta a dare un ulteriore giro di vite all’azione di contrasto alla criminalità e di controllo del territorio.
Il Gargano chiede maggiore sicurezza visto che, dall’agosto scorso, si ritrova al centro dell’interesse nazionale per i gravi fatti di sangue avvenuti a San Marco in Lamis, ma che continua a riempire le cronache per le vicende che riguardano la città di Vieste, dove sarebbe in corso una guerra tra clan per il controllo del territorio.
Ma il contrasto alla criminalità con maggiore impiego di forze dell’ordine non è l’unica strada da percorrere. Occorre accompagnarla con politiche educative e di partecipazione attiva dei cittadini, soprattutto dei più giovani. Per questo segnalo, e chiederò alla presidente della commissione regionale sullo studio dei fenomeni criminali di invitare i studenti e dirigenti dell’istituto comprensivo “N.D’Apolito”, la lodevole iniziativa di Cagnano Varano, dov’è stato proiettato in anteprima un videoclip che vede protagonisti 40 bambini della scuola cagnanese per ribadire il loro orgoglio di essere e sentirsi garganici.
“Io mi sento garganico” è un percorso non solo identitario, ma anche legato al tema della legalità, che vede i giovani protagonisti del loro territorio e speranza di riscatto per tutto il Gargano, oltre ad essere d’incoraggiamento a tutti i cittadini onesti.
Bisogna allora ripartire da questa doppia opportunità: maggiore controllo e sicurezza del territorio, più partecipazione dei cittadini, a cominciare dai giovani che possono veramente rappresentare una occasione di riscatto per un territorio di grande suggestione paesaggistica, ambientale e spirituale, ma che fatica ancora a trovare una pacifica convivenza, libera da gioco della criminalità.

Pubblicato in Società

Nel corso della conferenza stampa sarà proiettato in anteprima il videoclip ufficiale del progetto che vede protagonisti 40 bambini dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito” di Cagnano Varano

Mercoledì 2 maggio, alle ore 10.00, presso la sala consiliare del Comune di Cagnano Varano, si terrà la conferenza stampa di presentazione di “Io mi sento Gargano”, il progetto didattico tra arte e legalità ideato dal docente dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito” di Cagnano Varano, Rocco Iocolo, con il patrocinio dei Comuni di Cagnano Varano e Rodi Garganico, dell’Ente Parco Nazionale del Gargano, nonché delle Ferrovie del Gargano.

Nel corso della conferenza stampa si percorreranno le tappe del progetto e sarà proiettato in anteprima il videoclip ufficiale che vede protagonisti 40 bambini dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito” di Cagnano Varano: un omaggio al Gargano per valorizzare non solo le sue bellezze paesaggistiche, ormai apprezzate in tutto il mondo, ma le persone che vivono e restano in questa terra, le forze migliori che operano nel silenzio per migliorare il proprio territorio.

Il brano “Io mi sento Gargano” è stato composto dal M° R. Iocolo, mentre il testo è stato scritto ed interpretato, con la direzione di Iocolo, dagli alunni coinvolti nel progetto, e registrato in collaborazione con “Edrecordstudio” di Edgardo Caputo. Il video, realizzato dal regista Niki dell’Anno e dal suo team di Wild Rat Film, con il contributo dell’editore Biagio Ciuffreda, è stato girato in diverse località del territorio garganico. Nei prossimi giorni sarà pubblicato anche il trailer del video.

Il progetto “Io mi sento Gargano” si inserisce in un percorso legato non solo all’arte, ma anche al tema della legalità che vede attivo l’intero Istituto Comprensivo “N. D’Apolito” di Cagnano Varano. In occasione della “Giornata della Legalità”, che a Cagnano Varano si celebrerà il 22 maggio, nella cittadina garganica giungerà la Fanfara dei Carabinieri, segno della vicinanza delle Istituzioni ai cittadini e incentivo alla cooperazione tra tutti gli Enti per il bene del proprio territorio e della sua gente.

Alla conferenza stampa interverranno:

Rocco Iocolo, Docente di educazione musicale

Claudio Costanzucci Paolino, Sindaco di Cagnano Varano e Presidente f.f. del Parco Nazionale del Gargano

Mariella Scanzano, Assessore al Welfare, Cultura e Turismo del Comune di Cagnano Varano

Carmine d’Anelli, Sindaco di Rodi Garganico

Gianluca Merolla, Consigliere comunale di Rodi Garganico

Napoleone Cera, Presidente Gruppo Popolari della Regione Puglia

Giorgio Lovecchio, Portavoce M5S Camera dei Deputati, Commissione Bilancio

Niki dell’Anno, Regista – WildRatfilm

Libera Polignone e Maria Grazia Coccia, Docenti referenti del progetto

Damiano Francesco Iocolo, D.S. dell’Istituto Comprensivo “N. D’Apolito” di Cagnano Varano

Pubblicato in Società
Pagina 1 di 5

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005