Si chiama Gargano - Mediterranean Majesty ed è stato realizzato da Alessio Felicioni: è un video di quasi 5 minuti girato tutto con la tecnica del time-laps ossia l'acquisizione di un fotogramma ogni X secondi per poter vedere in pochi istanti l'andamento di un fenomeno come il sorgere del sole o lo spostamento di nuvole, in realtà avvenuto anche in qualche ora. 

Il video, realizzato in 4k, ha richiesto oltre nove mesi di lavoro, per un totale di quasi 100.000 foto, e più di 50 sessioni di esplorazione e scatto; il tutto per "rendere omaggio a questo lembo di terra che "precipita" nell'Adriatico con maestosa bellezza" come dichiara lo stesso autore, che così descrive il suo lavoro:

“Questo progetto nasce come un omaggio. Un omaggio a questa terra mediterranea che nella sua maestosa varietà mi ha avvolto e ammaliato; ho dunque deciso di intraprendere un percorso che potesse mostrare il Gargano a chi, come me, non ne ha mai abbastanza di restare a bocca aperta dinanzi all’inesauribile spettacolo della Natura.

Ho cercato, con tutti i mezzi in mio possesso, di raccontare la varietà e la vastità di questi luoghi e ho scelto come mezzo forte e diretto d’espressione la tecnica della fotografia time-lapse, che incarna il perfetto connubio tra fotografia, video e musica, da me realizzata appositamente per questo progetto [...].
Questa mia personale esperienza non vuole avere la pretesa di rappresentare tutto il territorio del Gargano, seppur abbia cercato di catturarne la maggior parte. Il mio fine ultimo non è la creazione di un’opera enciclopedica, ma la CONDIVISIONE: condividere una terra generosissima di bellezze e godibilissima in ogni momento dell’anno, tanto quanto condividere un’importante esperienza di crescita personale, come fotografo, filmmaker, musicista ma anche come semplice e genuino amante della Natura.
È un invito a visitare questi luoghi, nel totale rispetto dei medesimi: dei loro silenzi e del loro clamore, delle storie che hanno da raccontare e dei segreti che custodiscono. [...]
Spero di essere riuscito nel mio intento e che questo messaggio passi a tutti coloro che avranno la voglia e la curiosità di esplorare attraverso le immagini e i filmati, questa terra mediterranea a me tanto cara. Grazie a tutti per l’attenzione e buona visione."

Gargano - Mediterranean Majesty è stato realizzato col patrocinio del Parco Nazionale del Gargano e di ENDAS Puglia e con la partecipazione di alcune aziende del territorio.

A "certificare" la bellezza del lavoro svolto da Alessio Felicioni [LINK AL SUO SITO] c'è stata la pubblicazione del video sul prestigioso sito di National Geographic Italia [LINK]

Pubblicato in Turismo

Missione com­piuta: sia la comunità del Parco, che raggruppa i diciotto sindaci più Regione e Provincia (as­senti in quattro, la Regione ed i Comuni di Mattinata, Apricena e San Nicandro Garganico) sia il consiglio direttivo dell’ente, hanno licenziato il conto consuntivo esercizio 2017. Un doppio passaggio (la Comunità rilascia solo un parere) che ha permesso così all’ente Parco di evadere l’approvazione del documento con­tabile dell’esercizio appena trascorso e di con­tinuare così la sua “vita amministrativa” sen­za grandi intoppi. La Comunità ha inoltre provveduto ad eleggere il neo presidente dell’organismo che è risultato essere il sindaco di Carpino Rocco Di Brina (grazie anche al passo indietro di Carmine D’Anelli, già pre­sidente della comunità tre lustri fa, oggi di nuovo sindaco di Rodi Garganico) che succede a Franco Tavaglione, riconfermato primo cit­tadino di Peschici lo scorso 10 giugno, il quale lascia la poltrona di presidente dei sindaci dell’area protetta, ma mantiene quella di vi­cepresidente del Gal Gargano). Sempre la co­munità del Parco ha anche designato all’in­terno del consiglio direttivo, in sostituzione dell’ex sindaco di' Mattinata, Comune sciolto per mafia lo scorso 16 marzo, il primo cittadino di Vico del Gargano Michele Sementino. Il cui ingresso segue quello recente di Michele Merla (San Marco in Lamis) e Luigi Fiore (Rignano Garganico). Un trittico di elezioni che ha con­sentito all’organismo di riacquistare la sua interezza numerica. Con la giunta esecutiva rappresentata dall’assessore Pasquale Coccia (Monte Sant’Angelo) e dal vicepresidente (at­tuale reggente) Claudio Costanzucci sindaco di Cagnano Varano, il Parco guarda al futuro con moderata soddisfazione. In via Sant’Antonio Abate l’attuale stato dell’arte induce alla spe­ranza, grazie ad una serie di risultati agguan­tati. Cets (carta europea del turismo sosteni­bile), il piano del Parco approvato (manca solo l’ok finale della Regione Puglia) mentre con­tinua l’iter per la Vas (valutazione ambientale strategica), le Faggete

inserite del patrimonio mondiale dell’Unes (Cracovia, 7 luglio 2017, appena festeggiate primo compleanno) ed in ultimo il lavoro pei nuova candidatura del Gargano stavolta Mah Unesco (si attende l’adesione del Come di Vico del Gargano e quello di San Nicanc Garganico). Di recente l’ente si è anche preoccupato di rilanciare la zona umida di Li Salso (nella società per azioni il Parco detiene la maggioranza -96 per cento- delle azioni), agro di Manfredonia, nominando un nuovo presidente che risponde al nome di Antonio Canu, un esperto del settore. Con la CETS valida per i prossimi 5 anni, il Parco Nazionale del Gargano è entrata nella lista dei 16 par nazionali italiani insigniti di tale riconoscimento. Per l’ente due solo le figure da colmare. E non di poco conto in quanto apicali: ovvero il presidente (in pole position il coordinatore Triv Raffaele Vigilante) e il direttore (bando già varato, la cui scadenza per le candidature è fissata per il 12 luglio alle ore 12).

Francesco Trotta

Pubblicato in Ambiente

«Per la presidenza del Parco del Gargano auspico un nominativo che sia espressione del territorio. No a nomi calati da chissà dove». Michele Merla, sindaco di San Marco in Lamis e neo membro del consiglio direttivo (si riunisce oggi, ore 16 per licenziare tre accapi, tra i quali l’approvazione del conto consuntivo 2017, mentre alle ore 15.30 si riunisce la comunità del Parco) dell’ente, lancia un “av­viso (chiaro) ai naviganti” chiamati a decidere in proposito (ovvero ministero dell’Ambiente e Regione Puglia).

Come è noto, la presidenza dell’ente dopo la definitiva uscita di scena (28 aprile 2017) dell’av­vocato sipontino Stefano Sabino Pecorella (sette anni è durato la sua lunga permanenza alla guida dell’area protetta.) è ancora vacante (sono passati ben 14 mesi). Attualmente le redini dell’ente sono nelle mani del vice presidente Claudio Costanzucci (sindaco di Cagnano Va­rano) e dell’assessore Pasquale Coccia (Monte Sant’Angelo). I due rappresentano l’esecutivo del Parco, mentre il direttivo con l’ingresso re­cente di Merla e Luigi Di Fiore (sindaco di Ri- gnano Garganico) ha riempito le caselle vuote.

Da ricordare inoltre che tra le figure apicali vacanti al Parco c’è anche quella del direttore. Figura che dovrebbe però essere riempita a bre­ve poiché è stato varato il bando (il termine scade il 12 luglio 2018 alle ore 12,00). Tra tutte le istanze pervenute sarà individuata, da parte del con­siglio direttivo dell’ente, una rosa di tre no­minativi che sarà sottoposta all’esercizio mi­nisteriale del potere di nomina. Ma è sulla pre­sidenza del Parco che si concentrano le atten­zioni maggiori dei diciotto Comuni dell’area protetta che formano la Comunità del Parco, i cui sindaci nel febbraio del 2017 all’allora mi­nistro dell’Ambiente Gianluca Galletti ed al pre­sidente della Regione Puglia Michele Emiliano indicarono una tema di nomi, presenti ben due peschiciani, vale a dire l’avvocato Gianni Mag- giano ed il coordinatore regionale No Triv Raf­faele Vigilante.

Su Maggiano, come è ben noto, a dicembri scorso si registrò anche il gradimento del pre­sidente della Regione Puglia Michele Emiliano che lo indicò a Galletti. Successivamente però il commercialista di Bologna spiegò - a febbraio a Foggia, in occasione di una visita elettorale - che la incombenza della nomina del presidente del Parco del Gargano sarebbe toccata al nuovo governo, a causa delle relative commissioni or­mai decadute.

Oggi con il nuovo governo giallo-verde in ca­rica (nel frattempo sono state varate le apposite commissioni Ambiente di Camera - presidente Alessandro Benvenuto (Lega) - e Senato - pre­sidente la grillina Wilma Moronese), ma so­prattutto con il nuovo ministro grillino dell’Am­biente Sergio Costa, generale di brigata dei ca­rabinieri forestali in sella, la domanda sorge spontanea: che ne sarà di quella indicazione di Emiliano?Le ultime indiscrezioni parlano di Francesco Tarantini (Legambiente) in pole po­sition al Raffaele. Vigilante (No Triv). Novità di rilievo sono attese nelle prossime settimane.

Francesco Trotta

Pubblicato in Ambiente

Un’intera settimana per conoscere le bellezze del Parco Nazionale del Gargano e promuoverle in Brasile. Ecco cosa ha spinto la blogger brasiliana Ana Grassi, tra i top influencer internazionali, a scegliere una nuova meta turistica da proporre sulla rivista di turismo “Aprendiz de Viajante” e sul suo seguitissimo blog “ITALIAna” (https://italiana.blog.br/), fondato nel 2014 e divenuto in breve tempo la principale fonte di ricerca online per i turisti brasiliani che vogliono visitare l'Italia. Da oltre dieci anni, inoltre, Ana lavora nel suo atelier come “travel designer”, offrendo anche itinerari personalizzati e tematici per agenzie di viaggio, piccoli gruppi e famiglie. Più di duemila persone hanno già visitato l'Italia con il suo aiuto. Fra i suoi principali partners ci sono numerosi hotel della rete internazionale Relais & Chateaux, chef italiani rinomati con stelle Michelin e membri della giuria di Masterchef Italia.

“Il Parco Nazionale del Gargano - dichiara Ana Grassi - è una meta turistica ancora poco conosciuta ai brasiliani ed è proprio per questa ragione che ho deciso di trascorrere qui alcuni giorni. Il mio obiettivo principale è quello di raccontare ai miei lettori un’Italia autentica e non prettamente turistica, un Paese da vivere e non solo da vedere”. Ecco perché ha scelto di scoprire in prima persona il Gargano in un tour, organizzato dell’Ente Parco Nazionale, che partirà il 26 marzo per concludersi il 2 aprile.

La sua prima destinazione sarà Manfredonia, dove potrà ammirare il Castello, gli Ipogei Capparelli e la Basilica di Santa Maria di Siponto oltre che scoprire l’arte dei maestri cartapestai, in uno dei padiglioni dove ogni anno si preparano i carri del Carnevale. Sempre a Manfredonia, Ana Grassi visiterà l’Oasi Lago Salso ed andrà a caccia delle orchidee spontanee, molte delle quali già fiorite nonostante il clima non proprio primaverile.

Nei giorni a seguire il tour proseguirà alla volta di Vieste e Peschici - dove la blogger brasiliana potrà cimentarsi con operazioni di pesca sui trabucchi, perdersi nei bianchi vicoli dei centri storici, visitare le botteghe artigiane - Vico del Gargano e la Foresta Umbra, fresca di riconoscimento UNESCO per le sue faggete vetuste. Non mancherà una tappa a Cagnano ed al lago di Varano.
Accompagnata dal vicepresidente dell’Ente Parco Claudio Costanzucci Paolino, Ana Grassi visiterà la grotta di San Michele, la stazione idrovolanti della Prima Guerra Mondiale ed il villaggio di pescatori scavato nelle falesie. Sarà San Marco in Lamis ad accoglierla invece nel giorno del Venerdì Santo, dedicato ad uno dei riti più ancestrali e suggestivi del Gargano, l’accensione delle Fracchie.
Dall’itinerario non potevano di certo restare fuori le Isole Tremiti, che la blogger raggiungerà in elicottero, il modo migliore per apprezzare il Gargano anche dall’alto. La visita si chiuderà il giorno di Pasqua a Monte Sant’Angelo, tra il santuario UNESCO, gli eremi di Pulsano, il castello svevo e i profili dello Junno, il rione più caratteristico della città di San Michele.

Attraverso il suo blog e i suoi canali social (oltre 30 mila followers via Facebook e Instagram), l’influencer brasiliana potrà promuovere anche tutte le prelibatezze gastronomiche del territorio che avrà modo di testare lungo i sentieri di questa full immersion nello Sperone d’Italia.

 

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Turismo

Decine di controlli, arrestati 2 soggetti e migliaia di euro di sanzioni amministrative.
Nell’ambito dell’operazione “Salva Bosco”, svolta nelle principali aree boscate della provincia, 40 uomini del Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia hanno effettuato controlli su diversi tagli boschivi riscontrando diverse irregolarità.
In particolare in agro di Mattinata, loc. Finocchietto, militari della Stazione CC Forestale di Mattinata, a seguito monitoraggio e appostamento nelle aree maggiormente oggetto di furti di legna, sorprendevano in flagranza di reato due coniugi mentre erano intenti a consumare i reati di furto aggravato e danneggiamento.
Nel merito i due soggetti arrestati avevano tagliato numerose piante ed erano in atto le operazioni di carico della refurtiva su un rimorchio collegato ad un trattore cingolato.
L’area oggetto di furto ricade in area protetta “Parco Nazionale del Gargano”.
Il taglio delle piante, tra cui esemplari di notevoli dimensioni e di interesse forestale, è stato inoltre eseguito in maniera irrazionale.
Sono stati sottoposto a sequestro penale il trattore cingolato con il carrello ad esso collegato, due motoseghe nonché la legna presente nel carrello e quella rinvenuta sull’area oggetto di furto.
Ulteriori accertamenti sono stati svolti anche in agro di Peschici, Cagnano Varano e nei comuni del Sub Appenino Dauno dove sono state contestate violazioni per diverse migliaia di euro.
L’attività di controllo continuerà nei prossimi giorni con l’impiego di militari specializzati. Operazione coordinata dal Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!
Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Cronaca

I sottoscritti sindaci dei Comuni i cui territori sono ricompresi nel Parco nazionale del Gargano
osservano elementi nuovi che suggeriscono che la Presidenza della Comunità del Parco rifletta una
maggiore comunione di intenti, in attesa si completi la procedura di nomina del Presidente del
Parco da parte del Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.
Riteniamo si debba immediatamente procedere all'elezione del nuovo Presidente della Comunità
del Parco.
Un passaggio utile a irrobustire la governance politica del Parco.
Un passaggio di chiarezza rispetto a ciò che lo stesso attuale Presidente e Sindaco di Peschici aveva
preannunciato impegnandosi a dimettersi dopo la nomina nel Consiglio di Amministrazione del
GAL Gargano e rispetto a posizioni inutilmente divisive dal medesimo espresse.
Sono trascorsi tre mesi dall'espressione del parere sul Piano del Parco da parte di noi Sindaci della
Comunità del Parco.
Nel frattempo, sono maturati indirizzi che sollecitano anzitutto le amministrazioni comunali a
rendersi soggetti attivi degli obiettivi relativi a ambiente, sostenibilità e green economy trasfusi nel
cosiddetto Collegato Ambientale (la legge organica di accompagnamento di ogni Legge di Stabilità
nazionale) che chiede sia rafforzata la sensibilizzazione sul tema del Capitale Naturale e la sua
integrazione nei processi decisionali politici.
La Puglia è lanciata a concretizzare gli obiettivi del Piano strategico del turismo regionale e della
programmazione turistica prevista per il biennio 2018-2019.
Tutti elementi che, associati all'esaurirsi delle funzioni di piena rappresentanza dell'attuale
Presidenza della Comunità del Parco, impongono la ricerca di un rinnovato equilibrio di sintesi
dell’articolato mosaico costituito dai 18 Comuni del Parco Nazionale del Gargano.
I sottoscritti sindaci dei Comuni ricompresi nel Parco nazionale del Gargano, ai sensi dell'articolo
23, commi 4 e 5 dello Statuto dell'Ente Parco Nazionale del Gargano, che richiama l'art. 10 Legge
Quadro sulle Aree Protette 6 dicembre 1991, n. 394, chiedono la convocazione della Comunità del
Parco con all'ordine del giorno le dimissioni del Presidente in carica e l'elezione del nuovo
Presidente.
9 marzo 2018
F.to Michele Merla Sindaco di San Marco in Lamis
F.to Rocco Di Brina Sindaco di Carpino
F.to Antonio Potenza Sindaco di Apricena
F.to Claudio Costanzucci Sindaco di Cagnano Varano
F.to Pasquale Tucci Sindaco di Lesina
F.to Angelo Riccardi Sindaco di Manfredonia
F.to Pierpaolo D’Arienzo Sindaco di Monte Sant'Angelo
F.to Luigi Di Fiore Sindaco di Rignano Garganico
F.to Carmine D’Anelli Sindaco di Rodi Garganico
F.to Costanzo Cascavilla Sindaco di San Giovanni Rotondo
F.to Giuseppe Nobiletti Sindaco di Vieste

Pubblicato in Ambiente

Il Parco Nazionale del Gargano dice ancora una volta “no” alla centrale eolica off-shore che la società Trevi Energy Spa di Cesena intende realizzare nelle acque antistanti i Comuni di Chieuti, Serracapriola e Lesina, aree ricadenti nel territorio del Parco e situate proprio di fronte all’area marina protetta delle Isole Tremiti. L’impianto interesserebbe una superficie di 40 chilometri quadrati e consterebbe di 60 turbine, alte 150 metri ciascuna e dalla potenza di 3,3 MW per complessivi 198 MW, nonché di una serie di opere ed infrastrutture necessarie alla costruzione della centrale tra cui una stazione marina di trasformazione elettrica ed una condotta sottomarina lunga 8,5 chilometri.

“Il promontorio del Gargano e le Isole Tremiti – sostiene l’Ente Parco - costituiscono un corridoio ecologico di importanza internazionale per le rotte di migrazione dell’avifauna in direzione nord-sud (Europa-Africa) ed est-ovest (Balcani-Italia), in particolare per rapaci e veleggiatori come cicogne e gru, così come accertato sia dallo studio condotto dall’Ente Parco in collaborazione con altri Parchi italiani nell’ambito della direttiva “Biodiversità” promossa dal Ministero dell’Ambiente, sia dalla pubblicazione ”Atlante della migrazione degli uccelli in Italia”, realizzato in collaborazione con l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale). Il progetto della società Trevi Energy, che ha chiesto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una concessione demaniale per 25 anni, non considera gli impatti reali e potenziali degli aerogeneratori sull’avifauna migratrice e stanziale e neppure gli impatti cumulativi derivanti dalla realizzazione di una molteplicità di impianti eolici, collocati lungo le coste del Gargano, che sono già agli atti dell’Ente Parco. L’impianto, inoltre, costituirà una barriera fisica per l’avifauna che frequenta le aree naturali presenti all’interno del Parco nazionale del Gargano, alcune delle quali di importanza internazionale come le lagune di Lesina e Varano, essendo designate anche come ZPS (zone di protezione speciale)”.

Per tutti questi motivi l’Ente Parco ha espresso parere negativo alla realizzazione della Centrale, parere tra l’altro già espresso nella conferenza di servizi del 18 giugno del 2013, in risposta ad un’analoga richiesta presentata dalla stessa società sempre nella stessa area.

 

 

 

----------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA

GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfett
e per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!

Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !

La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

--------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

Sarà il prossimo ministero dell’ambiente a indicare alle commissioni parlamentare il nome del nuovo presidente del parco nazionale del Gargano; l’ha detto l’attuale ministro dell’ambiente Gianluca Galletti partecipando nei giorni scorsi a Foggia ad una manifestazione elettorale a favore del centrosinistra e di «Civica popolare». L’iter per la nomina del nuovo presidente dell’area protetta è fermo a quanto successo 1’ 11 dicembre scorso, quando il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano indicò l’avvocato Gianni Maggiano di Peschici. Risale invece al 28 aprile 2017 la scadenza del settennato del precedente presidente dell’area protetta, l’avvocato manfredoniano Stefano Pecorella che ha retto la carica dal 2010 al 2017.
Dalla fine del mandato Pecorella ad oggi, al vertice dell’ente che ha sede in via Sant’Antonio Abate a Monte Sant’Angelo, si sono alternati in qualità di vicepresidente prima Rocco Ruo di Carpino e poi Claudio Costanzucci, sindaco di Cagnano Varano, attualmente in carica che guida il parco insieme all’assessore Pasquale Coccia. Alla indicazione di Emiliano di due mesi e mezzo fa sarebbero dovuti seguire l’ok del ministro come prevede la legge 394 del 6 dicembre 1991; ed i passaggi nelle relative commissioni parlamentari di Camera e Senato per il parere consultivo, il ministro Galletti a Foggia ha fatto una precisazione molto importante: «i presidenti dei parchi devono essere votati anche dalle commissioni parlamentari che non ci sono più; toccherà quindi al prossimo ministro nominare il presidente del parco nazionale del Gargano. E’ già pronto un dossier che consegneremo alla prossima legislatura».
Ci vorrà ancora tempo, mesi probabilmente, per conoscere il nome di chi governerà l’area protetta garganica nel quinquennio 2018-2023.1 tempi non saranno brevi infatti perché se dalle elezioni politiche del 4 marzo dovesse venir fuori ima maggioranza politica chiara (allo stato attuale i sondaggi invece lo escludono) tra consultazione per un nuovo governo, insediamento, formazione dell’esecutivo nazionale, si dovrà attendere giugno per la nomina da parte del ministro, cui aggiungere i tempi necessari per evadere i passaggi nelle commissioni ambiente di Camera e Senato. Ma ancor più importante sarà capire quale governo tratterà la questione: uno di centrodestra o uno, in caso contrario, di larghe intese? Finora quello uscente di centrosinistra - area in cui si riconoscono sia l’attuale ministro Galletti sia il presidente della Regione - non è riuscito a pronunciarsi, nonostante avesse il tempo per farlo.
Nel frattempo il parco del Gargano continuerà ad essere gestito dal duo Costanzucci- Coccia che forma la giunta esecutiva. Operativo anche il consiglio direttivo (ne fanno parte anche Francesco Riga, Marco Lion, Massimo Monteleone e Michele Prencipe, oltre ai due di cui prima) e la comunità dei sindaci, presieduta da Franco Tavaglione primo cittadino di Peschici.

Francesco Trotta

 

 

 

----------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!

Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !

La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

--------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

A Foggia per una manifestazione elettorale a favore del centrosinistra e di Civica Popolare, il ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti, ha messo fine, almeno per il momento, alla vertenza Presidenza Parco del Gargano. "Toccherà al prossimo ministro nominare il presidente del Parco Nazionale del Gargano. E' già pronto un dossier che consegneremo alla prossima legislatura perchè i presidenti devono essere votati anche dalle commissioni parlamentari che obiettivamente non ci sono più".

Pubblicato in Ambiente

L’ente Parco Nazionale del Gargano è ancora e sempre in attesa di una definitiva schiarita sulla nomina del nuovo presidente: tutto è ancora fermo sull’asse Roma- Bari, manca solo l’ok del ministro Galletti dopo il gradimento ufficiale espresso dal governatore della Regione Puglia Emiliano lo scorso dicembre sul nome dell’avvocato di Peschici Gianni Maggiano. Ma non per questo l’attività dell’ente, che ha sede in via Sant’Antonio Abate a Monte Sant’Angelo, si è fermata: dal maggio scorso al vertice del Parco si sono a interim il vice presidente Claudio Costanzucci e Pasquale Coccia che proseguono nella impegnativa gestione di una delle aree protette più antropizzate d’Europa, quale è appunto il Parco nazionale del Gargano che si stende su un’area di 120mila ettari con 200mila abitanti. Mercoledì pomeriggio alle 16 è stato convocato da Costanzucci il consiglio direttivo dell’Ente (ne fanno parte anche Francesco Riga, Marco Lion, Massimo Monteleone e Michele Prencipe, oltre ai due di cui prima) per discutere e approvare quattro accapi di una certa portata. Si tratta di decidere su modifiche e integrazioni del regolamento danni da fauna selvatica; di approvare lo schema di avviso pubblico inerente l’attivazione della procedura di nomina del direttore prò tempore dell’ente Parco (attualmente il facente funzione è la dottoressa Carmela Strizzi); di pronunciarsi sull’adozione del piano delle performance 2018-2020 e sull’approvazione della convenzione tra l’agenzia delle Entrate e l’ente parco per la fruizione dei servizi di cooperazione informatica.
Attiva anche la comunità del parco che raggruppa i 18 Comuni dell’area protetta, oltre a Regione e Provincia: nei giorni scorsi l’organismo ha infatti debuttato in forma itinerante, su suggerimento del presidente Franco Tavaglione, svolgendo la seduta non nell’abituale sede dell’ente Parco a Monte Sant’Angelo, bensì nella sala consiliare del Comune di Cagnano Varano, il cui sindaco è proprio Claudio Costanzucci, attuale reggente del Parco). A turno saranno interessati dalle riunioni i 18 Comuni dell’area protetta: si è deciso iniziare proprio da quello che oggi esprime il vertice dell’ente. Un ente che ha chiuso con i botti il 2017 e guarda con fiducia al 2018 appena iniziato, al cui orizzonte si staglia appunto l’arrivo del nuovo presidente per il prossimo quinquennio (2018-2023). Il direttivo del parco è fiducioso e guarda con soddisfazione agli ultimi risultati: via libera a «cets» (carta europea del turismo sostenibile); piano del Parco approvato pur se manca l’ok finale della Regione Puglia; prosegue a buon ritmo l’iter per la «vas», ossia valutazione ambientale strategica; intanto, le faggete della Foresta Umbra sono state inserite del patrimonio mondiale dell’Unesco (come deciso a Cracovia il 7 luglio 2017); ed in ultimo prosegue il lavoro per la nuova candidatura del Gargano stavolta al Mab Unesco (si attende l’adesione del Comune di Vico del Gargano e quello di San Nicandro Garganico). Di recente l’ente si è anche preoccupato di rilanciare la zona umida di lago Salso vicino Manfredonia (nella società per azioni il Parco detiene la maggioranza delle azioni col 96%), nominando nuovo presidente Antonio Canu, esperto del settore. Con la «cets» valida per i prossimi 5 anni, il Parco nazionale del Gargano è entrato nella lista dei 16 parchi nazionali italiani insigniti di tale riconoscimento.

Francesco Trotta

 

-----------------------------------

Info pubblicitaria/ A S. VALENTINO TI AMO dillo con i FIORI del LA GARGANICA !

Per chi non sa come dire “TI AMO” il giorno degli innamorati, i fiori del LA GARGANICA corrono in aiuto! C’è solo l’imbarazzo della scelta: ROSE ROSSE? Ma puoi sperimentare con altri fiori.

Se il TUO amore è appassionato dillo con i garofani rossi o i fiori di CAMELIA.

Se invece il TUO amore è sincero sono perfette le VIOLE e i NONTISCORDARDIME: simboleggiano tutto il TUO romanticismo!

E’ un amore appena sbocciato regalaLE un fiore bianco: un GIGLIO e delle MARGHERITE.

Il TUO amore è perfetto? Unico al mondo? Indescrivibile?

I fiori di San Valentino alla GARGANICA perfetti sono i TULIPANI.

CON i FIORI de LA GARGANICA ogni giorno c'è il sole, che con i suoi raggi illumina la VOSTRA vita e riscalda i VOSTRI cuori.

La Garganica è in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

--------------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente
Pagina 1 di 5

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005