Sabato, 12 Agosto 2017 10:54

Chi ha tradito Romito «venduto» al commando? Sapeva quando piombare per trucidare lui e tre vittime innocenti

Chi ha «venduto» ai sicari Mario Luciano Romito? Chi ha tra­dito il cinquantenne boss dell'omonima fa­miglia manfredoniana che si portava ad­dosso la pesante e pericolosa nomea di confidente di carabinieri? Chi sapeva che Ro­mito, già sfuggito alla morte due volte nel settembre 2009 e giugno successivo nella guerra di mafia contro gli ex alleati Libergolis che contò 6 omicidi su entrambi i fronti, sarebbe transitato per la «Pedegar­ganica»? O doveva incontrare qualcuno? Scorre anche su questi interrogativi, cui potrebbero fornire risposte tabulati telefo­nici e testimonianze, l'inchiesta di Dda, ca­rabinieri e Polizia sul quadruplice omicidio del 9 agosto sulla «Pedegarganica». Un com­mando con 3/4 sicari su una «Ford Kuga» rubata il giorno prima a Trani e ritrovata bruciata poco dopo l'agguato - ma c'è il sospetto della presenza di una seconda squadra di killer su un'altra macchina- pur di far fuori Romito ha ucciso anche il co­gnato Matteo De Palma, 44 anni, operaio incensurato di Manfredonia che gli faceva da autista: e i fratelli Luigi e Aurelio Luciani di 47 e 43 anni, agricoltori sammar­chesi ammazzati solo per essere transitati sul luogo dell'agguato: sono stati eliminati quali potenziali testimoni da non lasciare in vita, oppure per essere stati erroneamente scambiati per guardaspalle di Romito o per le persone con cui il boss aveva appun­tamento soltanto per essere su un «Fiat Fiorino pick up», stesso modello d'auto di un allevatore della zona noto alle forze dell'ordine. I cognati viaggiavano su un «Maggiolone»; i fratelli (nulla indica che conoscessero Romito e De Palma) sul «Fio­rino»: le auto sono state trovate a distanza di qualche centinaio di metri. Nelle reazioni molti parlano di due innocenti vittime della barbarie riferito ai fratelli Luciani, è vero. Ma le vittime innocenti sono tre, perché De Palma ammazzato nel giorno del Suo 44° compleanno, operaio, con la criminalità non aveva nulla a che fare, a meno che non sia una ... colpa la parentela con "un ma­lavitoso”. Peraltro la sua presenza come au­tista pare fosse stata una richiesta dell'ul­timo momento da parte di Romito che non poteva guidare quale sorvegliato speciale. Pare che Romito e il cognato fossero partiti da Manfredonia per raggiungere l'alto Tavoliere, forse per una compravendita di auto. Se fosse quella l'unica tappa della tra­sferta o se il malavitoso avesse un prece­dente appuntamento con qualcuno nella zona teatro dell'agguato, resta il fatto che il commando sapeva quando e dove piombare su Romito per trucidarlo. Il volto dilaniato da due fucilate era irriconoscibile. Come fu crivellato di colpi (tanto da suscitare il rac­capriccio anche di chi eseguì l'autopsia) il fratello maggiore Franco, ucciso con un amico a Siponto il 21 aprile del 2009) nell'am­bito della guerra tra la famiglia Romito e gli ex compari Libergolis. Analogie di odio e ferocia, che potrebbe rappresentare una possibile chiave di lettura del movente del quadruplice omicidio. Mario Luciano Romito andava eliminato - sarebbe l'ipotesi investigativa principale ­per vendetta e per affari. Per vendetta per­ché la sua vita aveva una scadenza pre­fissata da parte di chi non perdona ai Ro­mito il ruolo di confidente di alcuni carabinieri, che comportò condanne all'er­gastolo e a 26 anni per i tre fratelli Libergolis, storici alleati dei Romito, nel ma­xi-processo alla mafia garganica della se­conda decade del nuovo secolo. Vendetta quindi, ma non solo ampliando il movente agli affari illeciti e allargando lo sguardo a tutto il Gargano; Romito andava; abbattuto subito dopo essere tornato in li­bertà per far fuori un ipotetico, eventuale concorrente nella gestione degli affari il­leciti. Che portano alla droga e alla cen­tralità di Vieste, diventata principale punto di sbarco di tonnellate di marijuana pro­venienti dall' Albania e destinate ai mercati di tutta Italia; e dove è in corso un'altra mattanza di cui non si intravede la fine con 6 omicidi, 3 agguati falliti e 1 lupara bianca dal gennaio 2015 a oggi. Mattanza che non si «riduce» a una lotta intestina di un clan locale una volta unitario, ma vedrebbe il coinvolgimento di altri gruppi mafiosi an­che di altre aree del Gargano. Controllare le coste significa gestire i traffici di droghe pesanti; e i Romito in passato (anni No­vanta) quelle coste le gestivano, arricchen­dosi con il contrabbando di sigarette. A tutto questo si guarda per capire il movente del quadruplice omicidio e puntare a man­danti ed esecutori.

gazzettacapitanata

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ondaradio consiglia...

Ristorante Il Capriccio

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Lungomare Europa - Marina di Vieste - Lotto 24 - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 705248 - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005