Martedì, 08 Agosto 2017 15:38

Vieste/ «Siete delle belve ridatemi Pasquale». L'appello della moglie dell'allevatore scomparso. Notarangelo scomparso a maggio, padre e zio uccisi. Lui vittima di lupara bianca.

Scrive alle «belve» che hanno fatto sparire suo marito due mesi fa, chiedendo un atto di pietà. Daniela Pascali, moglie di Pasquale Notarangelo il venticinquenne viestano scomparso la sera del 24 maggio scorso quando uscì di casa dicendo alla coniuge che sarebbe rincasato entro cinque minuti, affida le sue speranze di ritrovare il marito (che si teme possa essere rimasto vittima della lupara bianca dopo che padre e zio sono stati uccisi tra gennaio 2017 e gennaio 2015) a un appello tramite la «Gazzetta».
Poche righe fatte pervenire tramite il legale della famiglia, l'avvocato Michele Arena. «Scrivo questa lettera dopo due mesi dalla scomparsa di mio marito, nella speranza che mi venga restituito dalle belve che, quella maledetta sera, se lo sono portato via. Sono una moglie ed una madre disperata che vuole riavere il proprio marito tre le braccia. Se avete una coscienza ridatemelo e abbiate pietà dei miei figli che rivogliono il loro papà. Anche in forma anonima, con un bigliettino, ma voglio e devo sapere come e dove posso trovarlo! Speriamo che, dopo essersi passati una mano sulla coscienza, la stessa che la notte non vi fa dormire, possiate esaudire questa mia preghiera».
L'appello di una moglie-madre disperata - simile a quelle di altre madri e mogli che hanno visto figli e mariti inghiottiti dalla lupara bianca, che punisce due volte i familiari dei morti ammazzati non dando loro nemmeno un cadavere da seppellire e una tomba su cui piangere - sveglierà le coscienze delle «belve» che hanno fatto sparire Pasquale Notarangelo? Sino ad oggi non è mai successo. Le ricerche del giovane allevatore scattarono nell'immediatezza della denuncia di scomparsa. Anche squadre speciali dei vigili del fuoco e cani addestrati batterono le zone di Vieste, ma senza trovare una sola traccia del viestano, la cui scomparsa-lupara bianca potrebbe essere collegata alla lunga scia di sangue che a Vieste dal 26 gennaio 2015 a oggi ha contato 6 morti ammazzati, 3 feriti in agguati falliti e 1 scomparsa: la, sparizione di Pasquale Notarangelo è la nona tappa di questa mattanza (l'ultima, per ora, è stato l'omicidio del ristoratore Omar Trotta all'interno del suo locale lo scorso 271uglio),
Era mercoledì 24 maggio quando dell'allevatore si persero le tracce. Quel pomeriggio aveva fatto una passeggiata in auto con moglie e i due bambini per poi - rincasare per cena. Alle 21 disse alla moglie che usciva pochi minuti, prendendo le chiavi dell'auto: doveva tornare entro cinque minuti, invece ... La moglie provò a contattarlo sul telefonino, inutilmente. Nelle ore successive scattò la denuncia di scomparsa, i carabinieri rinvennero vicino casa l'auto di Pasquale Notarangelo
regolarmente parcheggiata con il telefonino all'interno. Fu il legale di famiglia a sgomberare subito il capo dall'eventualità che il giovane allevatore potesse essersi allontanato volontariamente: «la famiglia è molto preoccupata ed esclude un allontanamento volontario, qualcuno di cui Pasquale Notarangelo si fida deve averlo avvicinato e convinto a lasciare l'auto» disse l'avv. Arena. Sin troppo ovvio pensare col passare delle ore e le inutili ricerche del giovane all' ennesimo caso di lupara bianca, anche per via della parentele dello scomparso e di quello che sta succedendo a Vieste. Lo zio di Pasquale Notarangelo era Angelo Notarangelo, alias «Cìntaridd», l'allevatore di 37 anni ritenuto a capo dell'omonimo clan, ammazzato in un agguato di mafia alle porte di Vieste la mattina del 26 gennaio del 2015, agguato che diede il via alla scia di sangue con tutti i delitti al momento irrisolti. n padre di Pasquale Notarangelo, Onofrio di 46 anni, fu ucciso la sera del 27 gennaio scorso a Vieste mentre era in auto in via Verdi: i sicari lo ammazzarono con 4 fucilate. Qual è, se c'è, il collegamento tra questi omicidi e la scomparsa di Pasquale Notarangelo? Le domande si ripetono da oltre due mesi, mentre una moglie che non vuole sentirsi definire vedova scrive alle «belve» che hanno fatto sparire suo marito, sperando in un sussulto di compassione.

gazzettacapitanata

 

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ondaradio consiglia...

Bar La rotonda - Peschici

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Lungomare Europa - Marina di Vieste - Lotto 24 - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 705248 - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005