Dai comunicati del Centro Funzionale Decentrato del Servizio Protezione Civile

regionale si informa che sono in atto le seguenti condizioni di allerta meteo con il

seguente evento previsto:

  • Precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o

temporale, su Puglia Settentrionale e in estensione anche sulle restanti

zone della Puglia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte

intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche

di vento. Validità dalle ore 14.00 del 22/06/2018 per le successive

28 ore.

I fenomeni potrebbero causare allagamenti urbani ed extraurbani, principalmente

in corrispondenza di aree depresse e nella zone a rischio allagamento del PAI.

Zone urbane (zona Pantanello , zona Scialara, L.mare Europa con aree adiacenti,zona

compresa fra via R.Bonghi-via Tantimonaco-Via Pizzomunno-via S.Pellico ) con

difficoltà di smaltimento delle acque nelle reti di drenaggio urbano .

Zone extraurbane(zona Pilone del Prete-Masuliane- Macchia di Mauro- Gioia-Focareta,

Spacco-S.Luca-Lavavola-Calma-Le Mezzane-PaludeMolinella, S.Lucia-Scialmarino-

S.Maria-MontincelloPiano Piccolo, Sfinalicchio, Risega-Macchia Pastinella Cutino del

rospo, Campi,Pugnochiuso e in ogni altra parte del territorio comunale )con difficoltà

di smaltimento delle acque nel reticolo idrografico dei bacini minori e, dilavamenti e/o

smottamenti sui versanti , sulle strade extraurbane e rurali.

I fenomeni potrebbero causare rottura e cadute di rami e alberi, difficoltà nella

circolazione pedonale e carrabile su strade ; distacco di oggetti sospesi e mobili

(impalcature, segnaletica, ecc.) e di caduta di oggetti anche di piccole dimensioni

(vasi, tegole, calcinacci, etc...);

Inoltre si potrebbero attivare fenomeni di dissesto idrogeologico in corrispondenza

dei versanti ,scarpate stradali, falesie di qualsiasi natura e coste sul mare.

Il Servizio Protezione Civile comunale consiglia

  • prestare maggiore attenzione alla guida di autoveicoli e moderare la

velocità, al fine di evitare sbandamenti;

  • evitare le zone esposte a forte vento per il possibile distacco di oggetti

sospesi e mobili (impalcature, segnaletica, ecc.) e di caduta di oggetti

anche di piccole dimensioni e relativamente leggeri (vasi, tegole...);

  • non sostare lungo viali e spazi alberati per possibile rottura e caduta di

rami;

  • non effettuare percorsi e non sostare su aree attigue a ciglio e al piede

dei versanti ,scarpate stradali, falesie rocciose ;

  • prestare attenzione lungo le zone costiere, e, in presenza di mareggiate,

evitare la sosta su moli e pontili;

Il Comando VV.UU., unitamente all’Associazione di volontariato di

Protezione Civile “PEGASO” , sono invitati alla vigilanza sulle aree a

rischio , già indicate sul Piano Comunale di Protezione Civile.

Il Dirigente

Ing. Antonio Chionchio

Pubblicato in Ambiente

Ottime notizie in casa Bisanum Viaggi Vieste col giovane Tommaso Lauriola classe 99 che rinnova per un'altra stagione il suo legamo con la Sunshine dopo aver concluso una positivissima stagione da 14 punti e 4 rimbalzi di media.

La decisione di restare non è stata di certo delle più semplici per un ragazzo che ha suscitato le attenzioni e le offerte di squadre di campionati superiori, ma la promessa della società di costruire una squadra ambiziosa con obiettivi importanti, unita alla voglia del ragazzo di consacrarsi definitivamente nel grande basket in un ambiente più familiare dove è già amato hanno fatto si che il matrimonio tra Tommaso e la squadra viestana continuasse senza intoppi.

Molto soddisfatto coach Desantis che, dopo aver portato il ragazzo dalle giovanili alla prima squadra, potrà usufruire ancora delle prestazioni di un atleta moderno ed estremamente duttile capace di ricoprire su ruoli su un parquet.

Pubblicato in Sport

I Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, anche a seguito degli ultimi fatti di sangue recentemente verificatisi nel territorio di Vieste, hanno effettuato nell’ambito del territorio di competenza, e in particolare in quello ricadente nella giurisdizione della dipendente Tenenza di Vieste, un vasto servizio a largo raggio unitamente ai militari della Compagnia di Intervento Operativo e del Supporto Arma Territoriale dell’11° Reggimento “Puglia”, già stanziati nell’area a supporto dell’Arma territoriale, e con il fondamentale contributo dei Carabinieri degli Squadroni Eliportati Cacciatori di “Calabria,  Sicilia e Sardegna”, dando corso sin dall’alba ad un’intensa attività di controllo e perquisizione nei confronti di numerosi e diversificati obiettivi.

Nel corso di tali operazioni, a Vieste, dove era concentrata la maggior parte degli obiettivi, sono stati arrestati due pregiudicati, mentre un altro pregiudicato è stato arrestato in Manfredonia.

In particolare, i Carabinieri hanno sottoposto a perquisizione anche l’abitazione del 28enne pregiudicato  VARIO Fabio. Nel corso delle operazioni, estese anche alle pertinenze della casa, all’interno del garage attiguo all’immobile è stato rinvenuto, ben nascosto, un ordigno esplosivo artigianale del peso di 320 grammi, sul quale verranno ora effettuati accertamenti tecnici. Grazie agli Artificieri del Comando Provinciale di Bari si è intanto potuto verificare che si trattava  di un ordigno esplosivo improvvisato del tipo “bomba carta”, dagli effetti, per tipo e quantità di esplosivo, micidiali, del tipo di quelli purtroppo noti per l'impiego soprattutto nelle estorsioni e nei danneggiamenti a negozi e attività varie. Alla luce di quanto tecnicamente documentato dagli artificieri dell’Arma, a conclusione degli accertamenti, VARIO Fabio, già noto per una rapina aggravata commessa a Milano e poi per evasione, è stato quindi dichiarato in arresto per detenzione di esplosivo e tradotto presso il carcere di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nel corso delle altre attività, protrattesi per l’intera mattinata, altri uomini dell’Arma, sempre a Vieste, sulla spiaggia ove avevano esteso i controlli, hanno rintracciato un pregiudicato 34enne napoletano gravato da un ordine di esecuzione per la carcerazione. Condotto in caserma per gli accertamenti, si è potuto verificare che l’uomo, tra l’altro gravato da numerosi precedenti penali e di polizia per reati commessi nel napoletano, luogo di origine e residenza, trasferitosi a Vieste per il periodo estivo, era colpito da un ordine di carcerazione per il reato di evasione dalla misura degli arresti domiciliari cui era sottoposto in quel luogo nell’anno 2013. Al termine delle formalità, il soggetto è quindi stato sottoposto -al momento in Vieste- alla misura della detenzione domiciliare definitiva per un residuo pena pari ad un anno di reclusione, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

A Manfredonia invece, i Carabinieri hanno rintracciato, sempre nel corso dei controlli estesi sul territorio dell’intera Compagnia, il pluripregiudicato 53enne DIAFERIO Vincenzo, che vanta un curriculum criminale di assoluta pericolosità, con precedenti per furti, rapine, estorsioni, tentato omicidio ed altri reati. Anche il DIAFERIO è risultato destinatario di un provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, questa volta di Prato, per il quale, al termine degli accertamenti, è stato dichiarato in arresto su ordine di esecuzione per la carcerazione emesso da quel Tribunale per una truffa aggravata commessa nel centro toscano nel 2007. Nello specifico, il pregiudicato di Manfredonia si era reso responsabile di quella che viene definita “truffa dello specchietto” ai danni di un cittadino. Anche DIAFERIO è stato accompagnato dagli uomini dell’Arma presso il carcere di Foggia, dove deve espiare un residuo definitivo pari a nove mesi di reclusione con versamento di una multa pari a 1.000 euro.

Proseguono le attività sul territorio.

Pubblicato in Cronaca

Domenica 24 giugno 2018 alle ore 21 andrà in scena lo “Show dei ragazzi” dell’ASSOCIAZIONE MUSICALE BLUEMOON di Vieste dal titolo “WE WILL ROCK YOU” e che sarà un omaggio ai generi Musicali e a quei brani che hanno influenzato le tendenze e cambiato la scena nel Mondo moderno. Nella suggestiva location dell’Anfiteatro Adriatico si susseguiranno diverse Band composte da ragazzi locali coordinate in questi mesi dal Docente, nonché Direttore Artistico dell’Associazione, Leo Soldano dove verranno rivisitati brani che vanno da Sting e i Police fino a Norah Jones passando per Shade fino ad arrivare ad artisti del panorama contemporaneo. L’Associazione Musicale Culturale BLUEMOON già attiva da diversi anni nasce con l’intento di promuovere la Cultura Musicale Moderna e in questi anni la Scuola di Musica ben avviata si è distinta per le collaborazioni in organizzazione di rassegne, eventi , Masterclass con Artisti Internazionali ed ha partecipato e vinto contest provinciali riportando la cultura e la tradizione delle Band tra i giovani e i meno giovani del luogo. L’associazione vanta la collaborazione di Docenti ben preparati, qualificati e soprattutto molto attivi nell’ambito lavorativo Musicale ed oltre al bagaglio tecnico/culturale sono in grado di trasmettere agli associati la loro esperienza attiva nel proprio ambiente. Lo Spettacolo del 24 giugno fa parte della Rassegna “Vieste in Arte 2” patrocinata dal Comune di Vieste e in collaborazione con Associazioni come Diapason, Blue Moon, Passi d’arte, Fever e Officina delle arti. Vi aspettiamo numerosi come sempre, lo Show di fine anno è il contributo attivo che ognuno dei nostri ragazzi vuole donare alla propria comunità dopo un intero anno di lavoro.

Il Presidente e Direttore Artistico

Doc Leo Soldano

Associazione Musicale Culturale BLUEMOON

Pubblicato in Spettacolo

Da tempo su Vie­ste sono accesi vista la guerra in corso i riflettori anche del­la Dia, la direzione investi­gativa antimafia. Nell’ultima relazione al Parlamento sulla situazione locale, relativa al primo semestre 2017, la Dia ha rimarcato che «il territorio garganico si conferma forte­mente instabile in ragione di una serie di variabili che in­fluenzano, da tempo, l'evolu­zione della criminalità ma­ñosa nell'area. Nell'ordine, ri­levano la presenza di una pluralità di gruppi criminali (basati essenzialmente su vin­coli familiari e non legati tra loro), l'ascesa delle giovani leve, desiderose di colmare i vuoti determinati dalla de­tenzione di elementi di ver­tice della mafia garganica (in particolar modo appartenenti al clan dei montanari) e, non ultima, la vicinanza geogra­fica ad altre realtà mafiose, come quelle foggiana e cerignolana».

«A questa frammentazione che si registra tra i clan del Gargano si aggiunga» prose­gue l’analisi della Dia «che altri gruppi criminali, in par­ticolare quelli di Manfredo­nia, di Monte Sant'Angelo e di Mattinata, potrebbero schie­rarsi in contrapposizione alle consorterie dell'area gargani­ca, ampliando lo scenario di conflittualità. E' in tale con­testo di instabilità che è ma­turata la nuova faida di mafia (sfociata in omicidi, agguati violenti e lupare bianche) in­testina al tessuto criminale locale, i cui equilibri strut­turali - basati sulla commi­stione tra vecchie gerarchie, vincoli di familiarità ed alleanze contingenti - sembrano venuti meno, a svantaggio so­prattutto della famiglia ma­lavitosa dei Notarangelo. Seb­bene le fibrillazioni più evi­denti si siano registrate a Vieste - teatro dei principali fatti di sangue - l'intero pro­montorio garganico risulta interessato da un processo di rinnovamento dell'ambiente criminale, spinto dalle nuove leve e dalle relative mire espansionistiche».

«Gli interessi illeciti, infat­ti, che Vieste offre specie nel settore degli stupefacenti ed in quello turistico (strutture ricettive, ristoranti, guardianie e servizi vari), rendono la città» prosegue la relazione Dia che dedicava una dozzina di pagina della relazione alla situazione criminale in Capitanata «un obiettivo stra­tegico anche per i sodalizi esterni. Sul fronte del racket delle estorsioni continuano a verificarsi danneggiamenti e intimidazioni in danno di strutture ricettive e balneari della litoranea. Per quanto attiene poi al mercato degli stupefacenti che rimane uno dei principali motivi di at­trito tra i gruppi criminali, la città di Vieste si conferma snodo attivo per i comuni limitrofi di Vico del Gargano, Peschici e Rodi Garganico» (in relazione allo spaccio), «mentre la relativa area co­stiera risulta interessata da­gli sbarchi, dall'Albania, di ingenti quantitativi di manjuana».

Pubblicato in Cronaca

Accertamenti sono in cor­so da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Foggia su un’Alfa Romeo 145, comple­tamente bruciata, che e’ stata trovata in località’ Monticello, nelle campagne di Vieste: l’au­tomobile potrebbe essere quel­la utilizzata dai killer nell’ag­guato nel quale due giorni fa a Vieste e’ morto, dopo esse­re stato raggiunto da colpi di arma da fuoco, Gianmarco Pe­corelli, di 22 anni, ed e’ rimasto ferito Christian Pio Trimigno, di 32. I due sono ritenuti dagli investigatori vicini a Girolamo Perna. Quest’ultimo capeggia un gruppo armato attivo a Vie­ste che si contrappone al clan rivale capeggiato da Marco Raduano. Saranno gli esami degli esperti che diranno se effettivamente, come pensano gli in­vestigatori, sia l’auto utilizza­ta per l’agguato. Intanto, e’ sta­to ascoltato dagli investigatori Christian Pio Trimigno che, a quanto si e’ saputo, non avreb­be detto cose particolarmente utili ai fini delle indagini. Trimignano avrebbe detto di ricor­dare soltanto il momento in cui, mentre era a bordo dello scoo­ter insieme con il suo amico Pe­corelli, sono stati speronati da un’auto. Nella vettura c’erano secondo la ricostruzione fat­ta dagli investigatori - tre killer che hanno fatto fuoco con fucile e pistole. Tre colpi hanno rag­giunto Pecorelli, morto sul colpo, mentre Trimigno ha tentato una disperata fuga, ma e’ sta­to raggiunto da un colpo all’ad­dome. E’ stato condotto in eli­cottero alla Casa Sollievo del-la Sofferenza di San Giovanni Rotondo dove i sanitari lo han­no sottoposto ad intervento chi­rurgico.

Pubblicato in Cronaca

Christian Trimigno, dopo l’intervento chirurgico stà meglio. E’ stato sentito dagli investigatori ricostruendo la dinamica dell’agguato. Ha raccontato di essere stato speronato da un auto, mentre era alla guida di uno scooter, la stessa auto è stata ritrovata ore dopo, bruciata in località Montincello. Pochi i particolari raccontati dal 32enne. Intanto gli investigatori hanno effettuato 15 perquisizioni ed eseguito 6 stub su altrettanti sospettati appartenenti ai gruppi criminali viestani. Tre i sicari che avrebbero agito con il solo intendo di voler uccidere Pecorelli. Tre i colpi inferti con pistole e fucili alla testa, al collo e all’addome. Trimigno è stato invece raggiunto da un proiettile allo stomaco mentre scappava verso un cespuglio per trovare riparo. Altri dettagli si aggiungeranno alla ricostruzione dopo l’autopsia al Pecorelli prevista per la prossima settimana.

Pubblicato in Cronaca

"E quando le cose ti chiamano, ti chiamano. Quando sono lì, sono lì per noi. Non importa se ci sono state per un secondo o da sempre."
Giuseppe Catozzella

Iniziamo questa terza edizione degli aperitivi letterari con un libro che è un augurio per tutti noi.
E tu splendi, l'ultimo di Giuseppe Catozzella è ciò che ognuno di noi vorrebbe sentirsi dire non in alcuni momenti della vita ma ogni benedetto giorno. "E tu splendi" non solo perché sei unico e irripetibile oggetto d'amore ma anche "e tu splendi" come intelligenza, sguardo sulle cose, attrattiva di bellezza che tutta la realtà esercita su di noi. E tu splendi, perché non possa essere omologato ad un sistema di massa che annebbiala la coscienza e ci rende codardi nel presente.
E tu splendi, come promessa di bene.

Ingresso gratuito - al termine della serata sarà offerto un aperitivo a tema.

A cura dell'associazione Seconda stella a destra, l'assessorato alla cultura del Comune Di Vieste e Cartolibreria Disanti.

Pubblicato in Cultura

Apprezzato musicista e ricercatore, Mimmo Cavallaro, vanta una lunga esperienza in diversi gruppi impegnati nella musica di riproposta calabrese, maturata a partire dalla prima metà degli anni novanta. Più recente è invece la collaborazione con Eugenio Bennato e Taranta Power, con i quali ha realizzato il disco Sona Battenti, che ha segnato in qualche modo anche la nascita del progetto Taranproject, e che idealmente riprendeva la linea artistica e di ricerca dei Taran-Khan formati nel 2000 con Fabio Macagnino. Il progetto Taranproject ha avuto però una maggiore concretizzazione con il recente Hjuri di Hjumari, che ha visto collaborare il musicista calabrese con una delle leggende della musica tradizionale della Locride ovvero Cosimo Papandrea.

Il concertone di quest'anno, come detto sulla spiaggia libera di Pizzomunno, simbolo della città di Vieste, divenuto quest'anno ancor più famoso grazie al brano del cantautore romano Max Gazzé che ha incantato l'Ariston di Sanremo col suo brano intitolato "La leggenda di Cristalda e Pizzomunno", sarà preceduto da una grande novità, un convegno dedicato alla Tarantella. Il relatore sarà Franco Nasuti del gruppo "Sammchelere", con ospite Luigi Chiriatti, direttore artistico della Notte alla Taranta, l'evento di musica popolare più famoso del meridione.

Tutelare, valorizzare e promuovere la musica popolare del Gargano come “momento” tipico della tradizione locale: questi gli obiettivi dell’Associazione culturale “Serenata alla Tarantella”. Ampio spazio sarà riservato anche alla musica garganica, ricca di band rinomate ed emergenti. Come avvenuto anche nelle precedenti edizioni. Oltre al gruppo folk “La Vesteséne” di Vieste interverranno anche altri grandi gruppi come "Terranima" di Manfredonia, "Rione Junno" e “Li Sammecalere” di Monte Sant'Angelo, "Aria Sonora" e "Audio Folk" di San Nicandro Garganico e Roberta Palumbo. A condurre la splendida serata, sarà invece Daniela Martino, cantante professionista e conduttrice radiofonica che opera a Miami Beach e che proprio quest'anno ha inciso il suo disco "Made in hit", ricco di canzoni italiane.

Evento che inoltre quest'anno è stato inserito dal Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) nel calendario italiano dell'anno europeo.

Ignazio Silvestri

Serenata alla Tarantella

Pubblicato in Manifestazioni

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005