La salute prima di tutto, i Socialisti di Vieste con questo comunicato vogliono far sentire la propria indignazione relativo al Piano di riordino sanitario della nostra Regione sostenuto da quel che resta del Centro Sinistra e delle politiche del Presidente Assessore alla Sanità Emiliano, e cosa più grave che lo stesso si affanna a rassicurare i cittadini che nulla cambierà in termini di assistenza in caso di emergenza- urgenza.
La verità è che dal primo maggio, in 39 comuni pugliesi senza i Ppi destinati allo smantellamento, i cittadini non avranno più un presidio fisso al quale rivolgersi in caso di necessità e tra questi rientra anche quello di Vieste.
Non possiamo rimanere indifferenti a tale privazione ridimensionando un pezzo vitale dei servizi sanitari della nostra comunità.
Non si può gestire la sanità con la calcolatrice alla mano, Emiliano, piuttosto tuteli la salute dei pugliesi che vivono in paesi distanti dai presidi ospedalieri e con gravi problemi di viabilità , non meno importante i milioni di ospiti che sceglieranno la nostra città Vieste per le loro vacanze.
Ci opporremo senza se e senza ma alla chiusura dei Ppi che devono restare attivi per garantire ai cittadini un primo intervento rapido, che in alcuni casi può salvare la vita.

Coordinamento Partito Socialista Vieste

Pubblicato in Sanità

Il Comune di Vieste ha attivato le funzioni di Sportello Unico per le Attività Produttive, mediante avvalimento dello strumento di gestione della CCIAA di Foggia, nel rispetto dell’art. 4, comma 10 e 12 del D.P.R. 160/2010.
Le Segnalazioni Certificate di Inizio Attività e le Istanze, pertanto, potranno essere inoltrate esclusivamente attraverso il portale http://impresainungiorno.gov.it, utilizzando il banner (SUAP - UNA SOLUZIONE IN COMUNE) pubblicato sulla home page del sito istituzionale del Comune di Vieste.
Per la registrazione sarà sufficiente seguire i passaggi proposti, selezionando in alto a destra “ACCEDI AI SERVIZI”, scegliendo la voce “REGISTRATI” e poi “PROSEGUI” per continuare con la registrazione di un nuovo utente.
L'invio di pratiche, utilizzando il vecchio portale o attraverso la Posta Elettronica Certificata, non sarà più consentito.
Le Segnalazioni Certificate di Inizio Attività e le Istanze così trasmesse saranno dunque rifiutate e la ricevuta generata automaticamente dal gestore della casella non produrrà alcun effetto amministrativo ai fini dello svolgimento dell'attività di impresa.

Pubblicato in Avvisi

Via dei Mille
(già via Giordani)

Ricorda i 1076 volontari che parteciparono alla spedizione guidata da Giuseppe Garibaldi per spodestare dall’Italia meridionale il governo borbonico. Essi salparono da Quarto, presso Genova, il 5 maggio 1860 con due piccole navi (Piemonte e Lombardo) e sbarcarono a Marsala (11 maggio). Giuseppe Garibaldi dopo essersi proclamato Dittatore di tutta la Sicilia, in pochi giorni riuscì a conquistare Calatafimi e Palermo e, aiutato dai picciotti, sconfisse l’esercito borbonico prima a Milazzo poi a Messina. Il 19 agosto attraversò lo Stretto e marciò trionfante per tutta la Calabria fino Napoli dove giunse il 7 settembre. La battaglia decisiva venne combattuta sul Volturno (1- 2 ottobre) e l’esercito borbonico fu costretto a riparare nelle fortezze di Capua e di Gaeta. Qui vi intervenne anche l’esercito piemontesi inviato da Cavour, per impedire alle Camicie Rosse di proseguire verso Roma. Garibaldi, dopo aver incontrato il re Vittorio II a Teano (26 ottobre) salutandolo con il titolo di Re d’Italia, sciolse i Mille e si ritirò a Caprera.

LA CITTA’ VISIBILE
L’Odonomastica di Vieste, dall’Era Antica ad Epoca Contemporanea
MATTEO SIENA

Pubblicato in Cultura

Tralasciando le frasi già fatte, ovvero quelle che mettono in risalto l’indole e la musicalità del verso, tipica risonanza nei poeti dialettali, credo sia opportuno tracciare una linea diversa nel trattare la poesia di questo autore, analizzando nelle sue composizioni, i temi, il linguaggio e le finalità e sottolineando l’aspetto umano e sociale che in esso si riscontra.
Infatti l’analisi sulla sua poetica, vista come l’orizzonte sul quale il poeta si affaccia nel descrivere fatti e personaggi del suo borgo natio nascondono tutta la problematica esistenziale della gente, nonché il quotidiano visto come linfa vitale che propone al poeta DelliSanti lo stimolo che gli permette di descrivere tutto ciò che colpisce la sua attenzione calibrando, attraverso il dialetto, i versi che hanno dato vita ad una miriade irripetibile dei luoghi e degli abitanti di Vieste. Inoltre è opportuno visionare la trasfigurazione poetica dei luoghi e delle persone e sperare che la trasfigurazione in versi non ne abbia sbiadito il colore. Ma ciò non è avvenuto ed appare intimamente connessa al pensiero dell’autore, ovvero alle sue posizioni filosofiche, alla propria concezione dell’uomo e della società nonché alle esperienze di vita che lo hanno condotto a comporre versi.
Caratteristica essenziale riguarda il linguaggio, in questo caso quello dialettale, con uno sguardo a brani di particolare suggestione. Questi non mancano ed hanno un doppio svincolo, nel senso che mentre in un primo momento sorridiamo nella esposizione poetica di qualche personaggio, quando ci ripensiamo diventiamo seri, poiché riflettiamo sulla situazione sociale del personaggio descritto e ne restiamo dispiaciuti. Infatti, la maggior parte della gente descritta e trattata poeticamente non appartiene al ceto alto della città, bensì a quello basso; ovvero a gente che al mattino deve darsi da fare per sfamare la propria famiglia. Tutto ciò fa della poetica di Gaetano DelliSanti uno scrigno irripetibile di suggestioni e di emozioni mai sopite.

Raffaele Pennelli

Pubblicato in Cultura

In base alle segnalazioni di cittadini e ad attente valutazioni, l'associazione di volontariato "Vivi Vieste " ha deciso i punti principali per la raccolta rifiuti cittadina in programma domenica prossima 15 aprile de "Un Bustone a testa".

Ecco i seguenti punti:

A- Baia di San Lorenzo

B- Porto turistico molto Sud ( scalinata Parrocchia SS.Sacramento )

C- Marina Piccola

D- Giardini Pubblici Corso Cesare Battisti

E- Centro storico (vicino Piazzetta Petrone)

F- Trabucco di Molinella

G - Cala della Pergola

La raccolta inizierà alle ore 9 presso Piazzale Aldo Moro da cui i volontari, divise in squadre, si dirigeranno nelle rispettive zone. I partecipanti potranno inoltre documentare la raccolta inserendo sui social le foto sia sulla pagina Facebook Vivi Vieste oppure anche su Instagram con l'hashtag #ilmiobustoneperVieste, cosìda documentare l'evento in tempo reale e dando la possibilità a tutti di unirsi in qualsiasi momento.

Il gruppo Vivi Vieste invita tutti a partecipare e anche a suggerire ancora punti per la raccolta.

Intanto si ringraziano vivamente gli enti e le istituzioni locali, il Comune di Vieste, in particolare l'Assessorato all'Ambiente, la ditta ecologica "Ase" di Manfredonia, le associazioni partecipanti, la ditta Global Forniture per il suo contributo, Grafiche D'Errico, i sostenitori e i partecipanti tutti, insieme per un bustone in più, per una Vieste sempre più pulita e più bella.

Associazione di Volontariato Vivi Vieste

Pubblicato in Ambiente

Appuntamento domani al Mattei di Vieste per conoscere l’acqua da bere. La campagna di sensibilizzazione nelle scuole per la conoscenza e il corretto utilizzo dell’acqua da bere.
L’incontro voluto e organizzato dall’Asl prevede interventi tra gli altri del dott. Matteo Cannarozzi de Grazia, Berardino Frascolla e Raffaele Prencipe.

Aula Magna, ore 9,30
IPSSAR Mattei Vieste

Pubblicato in Società

Allora, immaginate le feste in spiaggia. Quelle belle. Quelle in migliaia. Quelle dove la gente balla a piedi nudi sulla sabbia, fino all'alba.

Quelle dove abbondano cocktail di ghiaccio, spritz e fette d'arancia e quelle dove tira la brezza marina e non faresti mai ritorno a casa. Ecco. Poi immaginate i varchi, i controlli, gli accessi regolati, i contapersone, gli idranti, i piani di emergenza ed evacuazione, i megafoni e perfino le insegne luminose. Se la prima immagine piace di più, la seconda è quella a cui tutta Italia si prepara. Perché una circolare del capo di Gabinetto Morcone, emessa il 28 luglio scorso, dal ministero degli Interni dopo gli incidenti di piazza San Carlo a Torino per la finale di Champions League, prescrive norme restrittive a seconda del tipo e del grado di rischio delle manifestazioni. Il tutto in base alla «probabilità di accadimento di un evento» e alla «sua potenziale magnitudo». Così uno pensa di andare in spiaggia tranquillo e invece si trova a dover seguire le linee guida di un aeroporto, con il rischio di trovarsi la guardia sul collo che chiede: «Scusi signora, può farmi vedere la borsa per cortesia?».
Il primo comune a fare scuola, con un piano condiviso dall'amministrazione comunale che recepisce la circolare è Jesolo, il fulcro della movida veneta e non solo. Qui le feste in spiaggia saranno a numero chiuso. «È una normativa nazionale spiega Pietro Gentili, segretario generale del Sib (Sindacato italiano balneari), Fipe e Confcommercio non è che vale solo per Jesolo. Le feste sono regolate da leggi, esistono delle modalità da rispettare, delle autorizzazioni. Sono leggi dello Stato italiano».
Insomma Italia prepàrati. Perché a Jesolo le feste nei chioschi all'aperto saranno pure recintate. Ingabbiate. Ogni chiosco, dei trenta che ci sono, dovrà dotarsi di un piano di sicurezza presentato alla commissione comunale almeno tre settimane prima dell'evento e la pericolosità varia a seconda del numero di persone, età media e tipo di festa. Insomma scene come quelle del giorno di Pasquetta, dove in uno dei chioschi più in della spiaggia, il Capannina Beach, uno sciame di gente ballava e ballava, e poi correva libera verso il mare, non se ne vedranno più. Il gestore o l'organizzatore da oggi dovrà perimetrare l'area, tenendo conto che ciascun metro quadro di superficie può accogliere 1,5 persone. La circolare nazionale parla di massimo due. Per feste fino a 200 partecipanti poi serve la comunicazione e quattro steward, oltre: gli steward salgono a sei. Ciascun chiosco dovrà avere insegne luminose su vie di ingresso, uscita, fuga, anche per l'arrivo dei mezzi di soccorso. In più dovrà essere fornito di estintori e personale formato con corsi antincendio.
Ieri la notizia alla sede nazionale dell'Ascom ha fatto scalpore. «Chi a Roma ha fatto la direttiva tuona Alberto Teso, delegato Ascom di Jesolo non ha ben presente come sia una festa in spiaggia. Non possiamo ignorare che viviamo in un momento di tensione, ma molte di quelle norme sono insensate. Pensare alle vie di fuga nelle feste all'aperto non ha senso, se la festa è all'aperto, la via di fuga è verso il mare. Il corso antincendio poi per la festa al chiosco è una cosa assurda. E questo comporta anche costi aggiuntivi». «Occorre una semplificazione normativa aggiunge Massimo Zanon, Confcommercio Venezia si rischia di dover rinunciare a molte manifestazioni o renderle troppo onerose».

Pubblicato in Società

Tra i Trabucchi ed Orchidee, in compagnia di esperti.

Iscrizione obbligatoria. Tel. 327/4276205. (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Pubblicato in Avvisi

PROGRAMMA RELIGIOSO:

Giorno 14 - 22
Ore 19,00
Solenne celebrazione e Novena in onore del Patrono San Giorgio.

Giorno 22
Ore 19,00
Pontificale presieduto dall'Arcivescovo Mons. M. Castoro.

Giorno 23
Ore 8,00 - 19,00
Sante Messe in Cattedrale con partecipazione del Comitato Feste..
Ore 09,00
Processione dalla Basilica Cattedrale presieduta dall'Arcivescovo e partecipata dal Rev.mo Capitolo e Sacerdoti.
Ore 10,00
Arrivo processione in Piazza S. Maria delle Grazie e sparo fuochi pirotecnici.
Santa Messa celebrata dall'Arcivescovo con la partecipazione del Rev.mo Capitolo Cattedrale.
Ore 11,00
Rientro della processione con sparo di fuochi pirotecnici (presso Marina Piccola)

PROGRAMMA CIVILE

Giorno 22

Ore 08,00 - Apertura della festa con sparo di mortaretti e giro per l'abitato del Gran Complesso Bandistico Città di Vieste - G. Cariglia e P. Cariglia

Ore 17,00 - Spettacolo di Majorette con:
"IL MONDO CHE VORREI"

Ore 21,30 - Piazza del Fosso Spettacolo Musicale con:
NUVOLE DI ROCK COVER BAND DEI MODA'

Ore 24,00 - Spettacolo di fuochi pirotecnici c/o Marina Piccola.
I fuochi saranno incendiati dalla ditta PIROGIOCHI di Chiarappa Giuseppe e Figlio

Giorno 23

Ore 07,00 - Sparo di mortaretti e giro per l'abitato dei Complessi Bandistici "Città di Vieste - G. Cariglia" e "Città di Vieste - P. Rinaldi"

Ore 10,30 - Piazza S. Maria delle Grazie SAGRA DELLA FRITTATA a cura dell'Associazione Cuochi del Gargano e Capitanata, uova offerte dall'azienda agricola F.lli Chionchio, vino offerto dalla Cantina Cimaglia e F.lli Mangini - Vieste. Un ringraziamento alla ditta Global forniture.

Ore 17,00 - Giro per l'abitato del Gran complesso Bandistico "GUARDA CHE BANDA - Città di Turi".

Ore 18,00 - Tradizionale CORSA DEI CAVALLI
a cura del Comitato della Corsa presso Spiaggia Castello.

Ore 21,30
PAOLO MENEGUZZI IN CONCERTO

Ore 24,00
Chiusura della Festa con spettacolo di fuochi pirotecnici presso il molo nuovo

Il comitato

Pubblicato in Manifestazioni

Info: 3387041545

Pubblicato in Avvisi

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005