Una rete ospedaliera più efficiente e un’organizzazione territoriale in grado di soddisfare le esigenze sanitarie e socio-sanitarie dei pugliesi. La Giunta regionale ha approvato oggi il Piano di riordino ospedaliero e la nuova organizzazione dell’Aress, che si trasforma in Agenzia regionale Sanità e sociale. Gli obiettivi sono quelli di migliorare la capacità assistenziale degli ospedali pugliesi e, nel contempo, la capacità della nostra regione di programmazione, ricerca e rapporti internazionali tramite l’Aress. Gli ospedali per malati acuti diverranno qualificati a gestire su base provinciale tutte le patologie ad oggi presenti sul territorio, con particolare attenzione alla rete delle emergenze. Verrà ulteriormente irrobustita l’azione delle due aziende ospedaliere universitarie (Bari e Foggia) e degli Irccs pubblici (Oncologico di Bari e De Bellis di Castellana) con la collaborazione ulteriore dell’Irccs di San Giovanni Rotondo.
La rete territoriale, invece, soddisferà le esigenze dei pugliesi che presentano patologie croniche consentendo il loro trattamento nei territori di residenza, differenziando in questo modo chi ha un bisogno urgente da chi invece deve essere controllato e monitorato con periodicità. Analogamente la rete territoriale affronterà le tematiche legate all’infanzia e all’età evolutiva nei territori di residenza, sviluppando anche il ruolo di hub dell’Ospedale Giovanni XXIII di Bari. La riorganizzazione della rete ospedaliera consentirà di superare le inefficienze attuali e concentrare risorse economiche strutturali e professionali in modo più adeguato alla nuova realtà assistenziale
La riconversione della rete ospedaliera e l’efficientamento della rete territoriale che portano benefici a tutte le province pugliesi, consentirà un migliore investimento delle risorse e il recupero di oltre 30 milioni di euro che la Giunta regionale ha deciso di destinare all’area di Taranto per incrementare ulteriormente la capacità assistenziale e della prevenzione delle patologie oncologiche attuali e attese nell’area. L’area di Taranto avrà il suo Polo oncologico: l’Ospedale Moscati ne diverrà il riferimento e sarà dedicato esclusivamente alle patologie oncologiche, con la collaborazione del’Irccs oncologico di Bari per accelerarne l’operatività e, nel contempo, realizzare una sinergia utile a tutta la Puglia. Nella Provincia di Taranto l’attuale offerta di posti letto è pari a 884. Con la delibera di Giunta di febbraio (n. 161/2016) si ipotizzava di aumentarli a 1067. La Giunta regionale, con la programmazione odierna, accogliendo le proposte e le richieste dei cittadini e recependo quanto emerso nel dibattito in Consiglio regionale, li porta a 1081 con un incremento del 22% rispetto alla dotazione attuale.
La dotazione complessiva della ASL di Foggia vede un lieve decremento di disponibilità (- 38 pl), ampiamente compensato dal contestuale aumento di posti letto presso gli Ospedali Riuniti (+134 pl). Come in altri territori, infatti, la programmazione regionale ha puntato sul rafforzamento degli ospedali di II livello per la qualificazione dell’assistenza ospedaliera. Questo ha comportato una ridistribuzione dell’offerta per disciplina tra i due ospedali di I livello e l’ospedale di base e la previsione di un presidio a tutela della popolazione dei Monti Dauni. L’ospedale di San Severo vede tuttavia un lieve incremento nella dotazione di posti letto (+13 pl), in virtù dell’introduzione delle seguenti discipline: – Neonatologia (+ 6 pl) – Oncologia (+ 4 pl) E il potenziamento della lungodegenza (+12), della nefrologia (+2), della psichiatria (+ 3), della terapia intensiva (+2). Nell’ospedale di Cerignola, si registra la disattivazione della nefrologia, ma anche la attivazione della neonatologia (+4) e della riabilitazione funzionale (+14), nonché il potenziamento della terapia intensiva (+4). L’ospedale di Manfredonia vede sostanzialmente confermata la propria dotazione in termini di discipline, con l’eccezione della pediatria che viene disattivata ma anche della riabilitazione funzionale che viene invece prevista (+ 28 pl). L’ospedale di Lucera perde la psichiatria – il cui reparto era comunque già allocato presso gli Ospedali Riuniti – ma vede un incremento del reparto di lungodegenza. Scheda Ospedali Riuniti
Viene prevista l’attivazione della cardiochirurgia (+ 12 pl) e della chirurgia vascolare (+ 10 pl). Inoltre vengono potenziate le seguenti discipline Cardiologia + 17 Chirurgia Generale +4 Chirurgia Vascolare +10 Gastroenterologia +7 Geriatria +4 Grandi Ustionati +3 Malattie Infettive e Tropicali +4 Medicina Generale +22 Neonatologia +4 Neurochirurgia +2 Odontoiatria e Stomatologia +2 Oncologia (con posti letto) +4 Ortopedia e Traumatologia +2 Ostetricia e Ginecologia +6 Pediatria +5 Psichiatria +15 Recupero e Riabilitazione funzionale +16 Reumatologia +1 Terapia Intensiva +14 Terapia Intensiva Neonatale +1 Unità spinale +5 Urologia +8

 

 

--------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Il tuo pieno di freschezza sul Gargano...è drink shop!!! Chiama lo 0884/70.10.25

A portarti acque e bevande a domicilio ci pensa DrinK shop.

Oltre all'acqua minerale consegniamo a domicilio anche succhi di frutta, birre, bevande di ogni genere e alcolici.

Con il servizio di consegna a domicilio di Drik Shop risparmi il tuo tempo e non ti carichi di inutili ed ingombranti pesi.

Ingrosso - drink shop - a Vieste in via Fermi,13 (ex banca di Roma)
Quando hai sete di comodità 0884/70.10.25

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Sanità

DOSSIER OLIO D’OLIVA/ Produzione giù i prezzi schizzano le scorte del 2017 si esauriranno. La Puglia resta la capitale italiana Ma la preoccupazione è l'import.
LA capitale dell'olio d'oliva resta in Puglia. Nonostan­te un crollo della produzio­ne in tutta Italia, si conferma regina dell'oro giallo. Ma an­che nei frantoi pugliesi si guar­da con sospetto all'invasione del falso made in Italy e il contestua­le aumento dei prezzi

LA PRODUZIONE
Le stime classificano l'Italia come secondo produttore-mon­diale nel 2016/17 e, in questo contesto la Puglia ribadisce la propria leadership, davanti ad altre due regioni del Mezzogior­no, Calabria e Sicilia. Proprio co­me tutto il Sud, però, si registra una evidente battuta d'arresto: Unaprol e Ismea - rispettiva­mente Consorzio olivicolo italiano e istituto dedicato a monito­raggio, studio e analisi delle dinamiche di prezzi e indicatori delle filiere agroalimentari - han­no ora ridotto ulteriormente le previsioni produttive 2016 che, secondo i dati-più recenti, si atte­stano a 243rnila tonnellate, circa la metà rispetto al dato dello scorso anno (474.620 tonnella­te la produzione del 2015). Dati che hanno contribuito a far suo­nare un campanello d'allarme, come il richiamo della Coldiret­ti, secondo le cui stime le scorte andranno a esaurirsi già alla me­tà del prossimo anno, proprio per un evidente ridimensiona­mento della produzione.

I PREZZI
Il calo, ovviamente, influisce anche sui prezzi e la stessa Coldi­retti ha denunciato la "caccia all'olio extravergine di oliva pu­gliese, merce rara e preziosa nel­le campagne". I prezzi alla borsa merci di Bari, la più rappresenta­tiva a livello nazionale, sono in si­gnificativo aumento - eviden­ziano le recenti rilevazioni - con un balzo del 54% dai 3,70 euro al chilo della scorsa campagna fino a 5,70 euro, registrati nei giorni scorsi.

L'EXPORT
La penuria di olio pugliese fa crescere anche i rischi di frode ed inganni in una situazione in cui c'è più olio spagnolo che ita­liano nelle bottiglie riempite a li­vello nazionale che in 2 casi su 3 contengono prodotto straniero. Il flusso ininterrotto di prodotti agricoli che ogni giorno dall'estero attraversano le frontiere - denunciano da Coldiretti - serve a riempiere barattoli, scatole e bottiglie da vendere sul merca­to come 'made in Italy': in Pu­glia le importazioni complessive di oli di oliva ammontano in me­dia a circa 87mila tonnellate, di contro le esportazioni si aggira­no sulle 38mila tonnellate. Gli oli stranieri vengono importati per oltre il 60% dalla Spagna, il 25% dalla Grecia ma per quasi il 10% - sottolineano - da un paese extracomunitario come la Tuni­sia. Di contro, però, nella recente vetrina parigina della fiera agroalimentare 'Sial', i vertici della Regione hanno evidenzia­to come - negli ultimi anni, sui mercati esteri, la Puglia dell'a­groalimentare si sia - consolida­ta, sia sul versante dell'esporta­zione dei prodotti agricoli, sia su quelli trasformati (v (agroindustria). “Siamo al fianco dei no­stri agricoltori e trasformatori - ha ribadito il governatore regio­nale, Michele Emiliano - per raf­forzare il trend positivo dell'ex­port pugliese che continua a dare buone notizie e, soprattutto, compensa le perdite in altri set­tori". Infatti, analizzando le se­rie storiche 2009-14 si nota che l'aggregazione di questa filiera passa da un valore in export di 800 milioni di euro (2009) a un quasi raddoppio (1miliardo e 200 milioni di euro nel 2014). I dati sull'ultimo periodò sono ancora provvisori - ha ribadito l'as­sessore regionale, Leonardo Di Gioia-, quindi non passibili di un commento scientifico. Tuttavia, è plausibile prevedere che il 2015 e il 2016 avranno confer­mato il trend di crescita analiz­zato, con risultati migliori del 2014".

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Taroccato o estero per evitare frodi c'è il test del Dna

Tra olio "lampante" di origine extracomunitaria, è prodotto proveniente per oltre il 60 per cento dalla Spagna, non resta di meglio da fare per il consumatore pugliese che affidarsi ai produttori loca­li. La scarsa produzione di olio pugliese fa crescere anche i ri­schi di frode ed inganni in una situazione in cui c'è più olio estero che italiano: le bottiglie riempite a livello nazionale in 2 casi su 3,contengono prodotto proveniente per oltre il 60 per cento dalla Spagna, il 25 dalla Grecia e il 10 per cento da un paese extracomunitario come la Tunisia. Ma non solo: da tempo, è sta­to accertato dai carabinieri del Nas, un'industria olearia con se­de a Bari importa legalmente enormi quantitativi di olio di oliva lampante proveniente dal Marocco, che non è idoneo al consumo umano. Per questo viene sottoposto a processo di lavorazione, di "rettifica" gra­zie a regolari procedure chimi­che, e diventa così olio di oliva. A quel punto viene commercia­lizzato per l'impiego nell'impie­go nell'industria alimentare (per esempio per la produzione di taralli e altri prodotti da for­no), con una nuova "verginità" e nascita di un nuovo prodotto di origine pugliese. Ma le truf­fe, a volta, possono nascondersi ovunque. Per questo il presiden­te di Assoproli, Francesco Gu­glielmi, consiglia alle cooperati­ve pugliesi: «La truffa, la man­cata chiarezza sul prodotto - spiega - è sempre dietro l'angolo. Quando mi rivolgo ai consu­matori, essendo io anche presi­dente di una cooperativa, non posso che consigliargli di rivol­gersi a queste strutture, le uni­che in grado di certificare la genuinità del prodotto. Acquistandolo direttamente dal produtto­re c'è molta più sicurezza rispetto ai brand commerciali». E il co­sto più elevato non dovrebbe spaventare, piuttosto rassicura­re: "Certo, il costo maggiore c'è - aggiunge Guglielmi - ma il con­sumatore ha la sicurezza di ciò che acquista. Dietro le grandi promozioni, invece, c'è sempre un punto interrogativo». Sulla problematica legata al­le contraffazioni si muove anche la Coldiretti Puglia, che or­ganizza per domani, per il secondo anno consecutivo la Gior­nata nazionale dell'olio extra­vergine a Bari, con la molitura in diretta delle olive attraverso un frantoio mobile che produr­rà olio extravergine " alla spi­na", degustabile con il pane di Altamura Dop. Ma non solo: i consumatori potranno portare in piazza l'olio acquistato in supermercati e negozi di vicinato per farlo analizzare e scoprire se è olio fresco e vero extravergine. A Bari dalle 9,30 sarà in azio­ne il test del Dna dell'olio in piazza del Ferrarese, iniziativa organizzata da Coldiretti Pu­glia in collaborazione con Una­prol, con una dimostrazione pubblica. «Un olio extravergine di oli­va di qualità - spiega il presiden­te Gianni Cantele - deve essere profumato, deve ricordare l'er­ba tagliata, e all' esame gustativo deve presentarsi con sentori di amaro e piccante, Gli oli di bassa qualità invece puzzano di aceto o di rancido e all'esame gustativo sono grassi e untuosi. Riconoscere la qualità significa acquistare oli ricchi di sostanze polifenoliche antiossidanti fon­damentali per la nostra salute».

I TRUCCHI

L'olio lampante
Si tratta di prodotto tossico per il consumo umano, che arriva dal Marocco e viene lavorato a Bari, diventando olio di oliva per l'industria alimentare.

Le miscele
Spesso quel che si ritiene olio extravergine di oliva è stato miscelato con altri prodotti, vergini, e non dichiarato sull'etichetta del produttore.

L'olio colorato
I carabinieri hanno riscontrato in alcuni negozi delle province di Bari e Bat la vendita di olio di semi colorato e spacciato invece come olio di oliva.

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Economia

La bruciatura delle stoppie e della paglia derivante dall'attività agricola sarà consentita solo dallo ottobre al 31 maggio, e mai d'estate. È quanto prevede la legge approvata (con il voto contrario di Fi, CoR e Area Popolare) dal Consiglio regionale con l'obiettivo di contrastare gli incendi boschivi. Nel testo, approvato su proposta de assessore Antonio Nunziante (Protezione civile) in collaborazione con Leo Di Gioia (Agricoltura) vengono introdotti numerosi divieti relativi all’accensione e alla bruciatura delle stoppie e della paglia, delle superfici a pascolo e della vegetazione spontanea presente nei terreni coltivati, nei campi in stato di abbandono, incolti o a riposo. La bruciatura sarà consentita solo sui terreni oggetto di semina e su quelle irrigabili utilizzate per le colture di secondo raccolto, e comunque solo dopo aver inviato una comunicazione alla Regione almeno due giorni prima. Nessuna possibilità di effettuare bruciature tra il l° giugno e il 30 settembre. Nel resto dell'anno sarà possibile bruciare solo piccoli cumuli, e comunque a distanza superiore a 50 metri da qualunque struttura. Al fine di prevenire la propagazione di incendi, sono previsti obblighi specifici in base al tipo di coltivazione e al tipo di terreno: andrà comunque garantita una fascia di rispetto sgombra da ogni residuo. Un emendamento di Gianni De Leonardis (Ap) ha comunque portato a "eliminare la segnalazione all'Agea delle eventuali situazioni di non conformità. E stata invece aumentata la multa per chi raccoglie funghi, lumache o germogli da terreni oggetto di incendio prima che siano trascorsi 5 anni.

------------------------------------------------------------------------

Informazione pubblicitaria/ Il Ristorante Pelikano aperto il venerdì, sabato, domenica

La cucina tipica pugliese tra tradizione e innovazione.
Il Pelikano propone con arte ed eleganza i suoi piatti, sapiente equilibrio di sapori, aromi e colori.
Al Pelikano anche gustosissime pizze, cotte su forno a legna e succulenti grigliate miste di carne e pesce.
E per organizzare il tuo evento contattaci allo 0884/702489.

Il Pelikano ristorante, pizzeria, Braceria è a Vieste sul lungomare Mattei.

------------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

Nel 2015 la Puglia ha registrato circa 3,5 milioni di arrivi e 13,5 milioni di presenze. La permanenza media è di quattro pernottamenti. Le province di Lecce, Foggia e Bari sono quelle che accolgono il maggior numero di turisti (rispettivamente il 27%, il 26% e il 23%). Se si analizzano le presenze, invece, la ripartizione dei flussi è molto più disomogenea, con Foggia e Lecce che totalizzano più del 60% delle presenze complessive regionali. Le città pugliesi che hanno registrato il maggior numero di arrivi sono Bari, Lecce e Vieste, che si conferma la città con il maggior numero di presenze, seguita da Ugento e Otranto. Quanto al turismo straniero, il modello prevalente è quello di un turismo polarizzato in alcune località, con situazioni “estreme” come il Giappone, concentrato quasi esclusivamente ad Alberobello. Le località più visitate dai flussi esteri sono Bari, Lecce, Vieste, San Giovanni Rotondo, Alberobello. Si conferma l’interesse, soprattutto da parte degli stranieri, di nuove zone a vocazione turistica quali la Valle d’Itria e la Daunia. Restano ottimi attrattori turistici anche per la componente domestica i comuni del balneare quali ad esempio Vieste, Ugento, Otranto, Gallipoli, Peschici, Carovigno. Il turismo in Puglia si conferma caratterizzato da una stagionalità abbastanza marcata: il 50% degli arrivi complessivi si concentra nei mesi di giugno, luglio e agosto. Complessivamente nel 2015 la Puglia ha ospitato più di 730 mila turisti stranieri, che hanno generato 2 milioni e 600 mila presenze. Si continuano a registrare incrementi sia negli arrivi che nelle presenze; rispetto al 2014 i primi sono aumentati del 10%, mentre le presenze hanno raggiunto il +5%. Bari è la provincia che registra il maggior numero di arrivi provenienti dall’estero (il 31%) , mentre Lecce e Foggia (entrambe 26%) detengono il primato per le presenze. La quota di stranieri sui flussi
complessivamente registrati, negli arrivi supera il 21% e nelle presenze si attesta al 20%. La Germania, la Francia, il Regno Unito, la Svizzera, gli Stati Uniti, il Belgio, i Paesi Bassi, la Polonia, l’Austria e il Giappone sono, in ordine, i primi 10 mercati esteri per il numero di arrivi del 2015 e rappresentano più del 70% degli arrivi e più del 75% delle presenze. Vieste è la destinazione preferita dai tedeschi; Bari la città più visitata dai francesi, gli inglesi tra tutte le città pugliesi prediligono invece Lecce. Bari e Lecce sono le città più visitate dagli statunitensi, mentre i giapponesi confermano il loro prioritario interesse per la città di Alberobello, che ospita più della metà dei flussi provenienti da questo Paese.
I principali mercati domestici sono, oltre alla Puglia stessa, la Campania, il Lazio, la Lombardia e l’Emilia Romagna che rappresentano circa il 70% degli arrivi italiani registrati in Puglia nel 2015. Rispetto al 2014, il 2015 si è concluso per la Puglia complessivamente con un +5% negli arrivi e un + 1,9 nelle presenze. Particolarmente positive le performance relative al mercato straniero che ha registrato incrementi pari al 10% negli arrivi e al 5% nelle presenze. Quasi tutte le provincie pugliesi hanno registrato nel 2015, rispetto al 2014, incrementi sia negli arrivi che nelle presenze. In controtendenza solo la provincia di Foggia (con un valore delle presenze pressoché stazionario) e la provincia di Taranto, che ha chiuso il 2015 con un -5,4% di presenze.

 

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Informazione pubblicitaria/ LE SUPER OFFERTISSEME DELL’ ELETTRONICA MONACO solo fine al 30 NOVEMBRE

LAMPADA LED E27 V-TAC 10W CON RESA DI 60W A SOLI EUR1,99

DISPONIBILI TUTTE LE COLORAZIONI

STRISCE LED, LAMPADARI LED, APPLIQUE LED, FARETTI LED, FARETTI DA CARTONGESSO, APPLIQUE E PALETTI GIARDINO,SEGNAPASSI E TANTO ALTRO.....

--------------------------------------------------------
MONACO ELETTRONICA

ILLUMINAZIONE LED - VIDEOSORVEGLIANZA
MATERIALE ELETTRICO
ELETTROMECCANICA-ACCESSORI

VIESTE (FG) 71019-VIA S.QUASIMODO 75/D

MOBILE 3467463705-FISSO 0884270631
EMAIL- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
--------------------------------------------------------

Pubblicato in Turismo

Presso la Sala Briefing della storica caserma “M.A.V.M. G.Macchi”, alla presenza del Vice Presidente della Regione Puglia, Dott. Antonio Nunziante, il Direttore Generale ARPA Puglia, Avv. Vito Bruno ed il Generale di Divisione Vito Augelli, Comandante Regionale Puglia, hanno formalmente sottoscritto la proroga e implementazione dell’atto aggiuntivo alla convenzione operativa avviata tra i due organismi nel 2008, in materia di “monitoraggio dei corpi idrici superficiali e delle acque di balneazione della regione Puglia”.

Il territorio della Regione Puglia è caratterizzato da una estensione costiera prossima ai 1000 km (985 km per il recente Piano Regionale delle Coste approvato nel 2011, 1041 km secondo una più recente rivalutazione di ISTAT), con tale misura lineare che pone la nostra regione al terzo posto nazionale dopo la Sardegna e la Sicilia. La complessiva zona marino-costiera pugliese, così come le afferenti acque marine del largo, sono contraddistinte da aspetti assolutamente variegati, spesso di elevata valenza ambientale e di indiscutibile attrattiva per i flussi turistici. Cionondimeno, in alcuni casi ed in particolari aree sono anche importanti le pressioni di origine antropica, con i potenziali impatti sull’ambiente che da esse potrebbero derivare. Queste sono le motivazioni per le quali risulta necessario il costante monitoraggio del mare, in linea con quanto stabilito delle Direttive Comunitarie 60/2000 (Direttiva “Acque”) e 56/2008 (Direttiva “Strategia Marina”), ai fini della tutela e prevenzione di questo ambiente la cui gestione sostenibile è di fondamentale importanza soprattutto per lo sviluppo dei territori costieri.

In questo contesto l’ARPA Puglia è il soggetto attuatore del Monitoraggio regionale dei Corpi Idrici Superficiali (di seguito C.I.S.), che per i C.I.S. marino-costieri consiste nel monitoraggio di n. 39 corpi idrici sull’intero territorio regionale (84 stazioni di campionamento su 42 transetti costa-largo entro il miglio nautico), del monitoraggio delle acque di balneazione (n. 676 distinti tratti costieri regionali destinati alla balneazione con altrettante stazioni di campionamento), e del monitoraggio relativo all’attuazione della Direttiva “Strategia Marina” (70 stazioni di campionamento sino alle 12 miglia nautiche dalla costa). La Guardia di Finanza, in virtù delle peculiari caratteristiche attribuite al Corpo quale organo di Polizia economico-finanziaria a competenza generale, e l’A.R.P.A. Puglia hanno stipulato, sin dal 2008, una specifica convenzione avente ad oggetto l’attivazione di uno “spazio comune” per il monitoraggio, la vigilanza ed il contrasto alle violazioni rilevate con riferimento alle immissioni inquinanti nei corpi idrici superficiali (mare territoriale ed acque interne) e nelle acque di balneazione della regione Puglia, finalizzata alla specifica attività di contrasto dei più gravi reati ambientali sotto il profilo economico-finanziario. L’atto aggiuntivo sottoscritto in data odierna tra ARPA Puglia e Comando Regionale Guardia di Finanza sancisce quindi il rafforzamento della collaborazione nelle attività di monitoraggio previste dalla citata Direttiva Strategia Marina, integrando la Convenzione già in essere per la realizzazione dei monitoraggi dei corpi idrici superficiali e delle acque di balneazione, nell’ottica di una virtuosa sinergia tra le due Istituzioni. Infatti, la collaborazione assicura ad ARPA Puglia un adeguato e professionale supporto nautico, nonché la tutela della sicurezza in mare e la certificazione delle attività svolte nei confronti della pubblica utenza, e allo stesso tempo consente alla Guardia di Finanza di poter ricevere segnalazioni qualificate nei casi di riscontrate anomalie ambientali

 

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Informazione pubblicitaria/ LE SUPER OFFERTISSEME DELL’ ELETTRONICA MONACO solo fine al 30 NOVEMBRE

LAMPADA LED E27 V-TAC 10W CON RESA DI 60W A SOLI EUR1,99

DISPONIBILI TUTTE LE COLORAZIONI

STRISCE LED, LAMPADARI LED, APPLIQUE LED, FARETTI LED, FARETTI DA CARTONGESSO, APPLIQUE E PALETTI GIARDINO,SEGNAPASSI E TANTO ALTRO.....

--------------------------------------------------------
MONACO ELETTRONICA

ILLUMINAZIONE LED - VIDEOSORVEGLIANZA
MATERIALE ELETTRICO
ELETTROMECCANICA-ACCESSORI

VIESTE (FG) 71019-VIA S.QUASIMODO 75/D

MOBILE 3467463705-FISSO 0884270631
EMAIL- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
--------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

La Puglia turistica e culturale sotto i riflettori all’European Tourism Day – Enhancing Synergies between tourism and Cultural Industries – Innovative solutions as the main driver for jobs and growth- che si terrà a Bruxelles il prossimo 29 Novembre.
Il dibattito politico, al quale parteciperà l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, Loredana Capone, dal titolo “Policies for investment in tourism, culture and creativity”, sarà aperto da Silvia Costa, Presidente della Commissione Cultura del Parlamento Europeo e da Michael Cramer, Presidente della Commissione Trasporti e Turismo del Parlamento Europeo. Moderatore Carlo Corazza, Capo della Unità Turismo e Industria Culturale e Creativa della DG Growth Commissione europea. Fra gli altri speakers, insieme all’Assessore Capone, il Sindaco di Breitenwang, Austria, Hanspeter Wagner, il Ministro del Turismo Greco di Creta, Michalis Vamiedakis, il Vicepresidente della Commissione Cultura di Västra Götaland, in Svezia, Lars Nordström, e Peter De Wilde, Amministratore di VisitFlanders e Presidente della European Travel Commission.
“La Puglia si presenta a Bruxelles con una buona pagella: nella valutazione della DG Regio sull’uso dei fondi strutturali 2007/2013 viene espresso un positivo giudizio sull’utilizzo, da parte della Puglia, dei fondi FERS per cultura, creatività e turismo – afferma l’Assessore Capone – In Puglia è stata segnalata una maggiore partecipazione alle attività culturali. Il caso “Puglia” evidenzia l’importanza di una strategia ben definita e di un’azione coordinata per sviluppare il turismo attraverso il sostegno di politiche per i beni naturali e culturali. In Puglia, unica regione italiana a realizzare un Piano strategico del Turismo della Puglia, presentato al Ministro Dario Franceschini, stiamo lavorando proprio in questa direzione.
Il Piano strategico del Turismo della Puglia 2016-2025, un vero e proprio business plan, in ogni caso sempre flessibile e modificabile in corso d’opera, prevede azioni e progetti, individua le possibili fonti di finanziamento e la tempistica. Ci aiuterà a portare avanti una politica del turismo in Puglia di qui fino al 2025 in condivisione con gli operatori del settore, gli enti locali, le associazioni datoriali e sindacali, gli stakeholder. La strategia del Piano Strategico prevede anche il coinvolgimento trasversale dei settori Cultura, – stiamo costruendo anche il Piano della Cultura che sarà pronto entro aprile 2017 – Agricoltura e Internazionalizzazione della Regione Puglia.
I dati sui flussi turistici ci confortano. La Puglia è riuscita ad attirare più visitatori provenienti dall’estero, tanto che il numero dei turisti stranieri è passato da poco più del dal 15% del 2007 al 21% del 2015. Se guardiamo al trend di lungo periodo, dal 2007 i flussi turistici internazionali sono cresciuti in Puglia del 60%! Il 2016 mostra importanti incrementi dei flussi turistici, registrati in quasi tutto il territorio regionale, con un + 5 % degli arrivi e +3% delle presenze nei primi nove mesi rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente. Continuiamo ad avere ottimi risultati per quanto riguarda gli stranieri: da Gennaio fino a Settembre + 9% di arrivi e presenze rispetto agli stessi mesi del 2015. Germania, Francia, Regno Unito, Svizzera e Stati Uniti si confermano i mercati stranieri più consistenti in termini di arrivi. Francia, Regno Unito e Polonia sono i Paesi che registrano gli incrementi maggiori sia in termini di arrivi che di presenze.
La Puglia oggi è su tutte le grandi testate internazionali e sui social come una destinazione molto desiderata e si trova al centro di una confluenza di più fattori positivi: la notorietà raggiunta in Italia e all’estero grazie alla intensa promozione fatta dalla regione Puglia in questi anni, la congiuntura internazionale che vede in difficoltà alcuni dei paesi del Mediterraneo nostri competitor, il trend che vede sempre più persone nel mondo desiderare di viaggiare, sia pure con viaggi più brevi, in luoghi autentici e al di fuori dei circuiti di massa, l’aumento dei collegamenti aerei internazionali e nazionali. Della possibilità e opportunità di crescita del turismo in Puglia sono convinti gli stessi imprenditori pugliesi con i quali stiamo collaborando per fare in modo che questo impegno si traduca in risultati capaci di durare nel tempo e giovare alle imprese e alla occupazione, superando i problemi della qualità dell’offerta, spesso troppo approssimativa, e delle infrastrutture. Anche perché se c’è un settore dove si può davvero lavorare per far crescere l’economia e creare posti di lavoro in Puglia, quel settore è il turismo”.

Pubblicato in Turismo

Vaccini obbligatori per i minori fino a 17 anni di età. Chi non si vaccina non potrà accedere agli asili nido e nelle scuole elementari e medie infe­riori e superiori. la Puglia sceglie una linea ancora più dura di già adottata dalla Regione Emilia Romagna che nei giorni scorsi ha approvato una legge in cui si ob­bligano alla vaccinazione tutti i bimbi che frequentano gli asili nido. Per il momento quella puglia­se è una proposta di legge, pre­sentata dai consiglieri regionali Fabiano Amati (Pd) e Sabino Zin­ni della lista (Emiliano Sindaco di Puglia) che dovrà passare prima al va­glio della commissione e poi approvata in consiglio regionale.

 

------------------------------------------------------------------------

Informazione pubblicitaria/ Il Ristorante Pelikano aperto il venerdì, sabato, domenica

La cucina tipica pugliese tra tradizione e innovazione.
Il Pelikano propone con arte ed eleganza i suoi piatti, sapiente equilibrio di sapori, aromi e colori.
Al Pelikano anche gustosissime pizze, cotte su forno a legna e succulenti grigliate miste di carne e pesce.
E per organizzare il tuo evento contattaci allo 0884/702489.

Il Pelikano ristorante, pizzeria, Braceria è a Vieste sul lungomare Mattei.

------------------------------------------------------------

Pubblicato in Sanità

La richiesta non è passata, ma il problema rimane: la concorrenza slea­le lamentata da Federalberghi da parte di Airbnb, una "community" che in realtà è «abusivismo ed evasione fi­scale nel campo delle locazioni turi­stiche». Federalberghi Puglia aveva chiesto che la Commissione bilancio della Camera approvasse gli emenda­menti utili al contrasto di questa pe­sante forma di erosione del reddito de­gli operatori turistici, Ma l'ok non è arrivato e questo sommerso continua a proliferare, anche a Foggia e in provincia: «Gli alloggi in vendita in Puglia su Airbnb ne1 2016 sono 18.333 a fronte dei 26 del 2009. Nella provincia di Bari sono 2.759, a Lecce 10.360, a Brindisi 2.221, a Taranto 1.463, a Foggia 1.103, nella Bat 407. Nella maggioranza dei casi - evidenzia il presidente di Fede­ralberghi Puglia, Francesco Caizzi - non si tratta di una fonte integrativa del reddito, ma di attività economiche a tutti gli effetti. Il 57,7% degli annunci sono pubblicati da persone che amministrano più alloggi. Non sono attività occasionali, perché la maggior parte (il 79,3%) degli annunci si riferisce ad al­loggi disponibili per oltre sei mesi l'an­no». Nessuna forma di sostegno al reddito dunque che, per legge, non dovrebbe superare i 5mila euro l'anno di introiti, ma una vera alternativa alla ricettività turistica, che però elude norme e con­trolli, come quelli relativi all'identità­degli ospiti: si pensi soltanto che le strutture turistiche autorizzate sono tenute a comunicare i dati degli ospiti alle questure. E la tassa di soggiorno? Gli ospiti di Airbnb non la pagano certo, mentre è dovuta da parte di quanti soggiornano in tutte le altre strutture ricettive. Di qui l'appello di Federalberghi Puglia ai parlamentari che si apprestavano a votare la legge di bilancio ma, come - detto, gli emendamenti non sono pas­sati. «La questione Airbnb - chiarisce Caizzi - non può risolversi soltanto in un dibattito fra old e new economy che riempie le agende mediatiche italiane. - Qui è in ballo la legalità e la tenuta di un settore, quello turistico che, nel nostro Paese e nella nostra regione, si pro­spetta cruciale per l'intera economia». Il fenomeno è reso possibile - ricor­dano da Federalberghi - dall'esistenza di decine di migliaia di alloggi che ope­rano in completo spregio alla legisla­zione fiscale e alle altre norme che di­sciplinano lo svolgimento delle attività ricettive, danneggiando, tanto le impre­se turistiche tradizionali quanto coloro che gestiscono in modo corretto le nuo­ve forme di accoglienza. «Non è necessario introdurre nuove tasse per contrastare l'evasione fiscale. - conclu­de Caizzi - E' sufficiente che tutti gli operatori paghino le tasse nella giusta misura e rispettino le regole poste a tutela dei consumatori, dei lavoratori, della sicurezza pubblica e del merca­to».

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Turismo

Ortaggi che maturano in contemporanea in autunno. Mandorli e peschi in fiore a febbraio e mimose pronte a dicembre. L'anno più caldo della storia del pianeta, secondo i dati dell' agen­zia meteorologica delle Nazioni Unite (WMO), sta mandando in tilt anche l'agricoltura pugliese. Ma se c'è un settore che piange, ce n'è un altro che in Puglia sorride: è il turismo, conu n consistente aumento degli arrivi a novembre. «Dopo ottobre anche questo mese sta andando abbastanza bene. - commenta Francesco Caizzi, presidente Federalber­ghi Puglia - e il caldo ha evidentemente aiutato, allungando di fatto il periodo estivo. Possiamo stimare la crescita rispetto al­lo stesso periodo dello scorso anno in più 10-12 per cento.

 

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

A sostegno dell’attività edilizia e per il miglioramento della qualità del patrimonio edilizio residenziale è stata approvato oggi all’unanimità dal Consiglio regionale della Puglia una proposta di legge contenente misure straordinarie e urgenti che, in particolare, ampliano il termine di validità del cosiddetto piano casa. È stato infatti prorogato al 31 dicembre 2017 il termine per la presentazione di istanze abilitative in materia edilizia, al fine di conseguire gli incrementi volumetrici consentiti dalla legge regionale n. 14 del 2009. Decisione presa - è emerso dal dibattito in Aula - per venire soprattutto incontro ai quei cittadini che per motivi di disponibilità economica legata alla crisi non sono stati ad oggi nelle condizioni di accedere alle misure di sostegno avanzando la propria istanza. Il testo è stato largamente emendato in Aula dalle opposizioni e dalla stessa maggioranza di centrosinistra. Sono stati approvati anche alcuni articoli aggiuntivi diretti a risolvere contraddizioni con alcune norme. In particolare con due distinti emendamenti è stato previsto per gli edifici non residenziali che possano essere effettuati ampliamenti limitatamente a quelli di volumetria massima pari a 1000 metri cubi e che non possano essere poi destinati ad uso residenziale qualora ricadano all’interno delle zone territoriali omogenee. Con la contrarietà del Governo è stato approvato anche un emendamento bipartisan avanzato dal Pd ) (Donato Pentassuglia e Fabiano Amati) e CoR (Francesco Ventola) relativamente ai condomini. In materia approvato anche l’emendamento dei capigruppo di Noi a Sinistra per la Puglia, Enzo Colonna, e di Emiliano Sindaco di Puglia, Sabino Zinni. È stato così normato il recupero abitativo dei sottotetti negli edifici condominiali stabilendo che se il sottotetto è parte comune l’intervento sarà ammissibile previa deliberazione condominiale e che se invece è di proprietà individuale, l’intervento sarà ammissibile previo assolvimento dell’obbligo di comunicazione.
La maggioranza di centrosinistra e le opposizioni nel Consiglio regionale hanno accolto l’approvazione della proposta di legge contenente misure straordinarie e urgenti a sostegno dell’attività edilizia e per il miglioramento della qualità del patrimonio edilizio residenziale con l’auspicio che si giunga presto anche all’approvazione di una disciplina stabile ed unitaria. «L’approvazione della proroga al Piano Casa è - secondo il capogruppo di Forza Italia, Andrea Caroppo - un passo importante e atteso dai cittadini, ma non si può andare avanti a proroghe e serve un intervento strutturale che disciplini la materia». «Una proroga che noi Conservatori e Riformisti - aggiunge il capogruppo Ignazio Zullo - abbiamo proposto mesi fa. Abbiamo collaborato col centrosinistra nella convinzione che in questa materia, che andrebbe regolata più organicamente, la politica pugliese in modo trasversale debba fare la propria parte al fine di consentire incrementi volumetrici che vanno nella direzione della salvaguardia del suolo». «Misure che - a giudizio del capogruppo di Noi a Sinistra, Enzo Colonna - rigenerano il patrimonio edilizio esistente, migliorano la qualità architettonica, la sostenibilità ambientale, l’efficienza sul piano dei consumi. Misure, per le quali oggi si è disposta la proroga, che hanno determinato negli ultimi anni ricadute positive in termini occupazionali ed economici. Il tutto in attesa di un auspicato riordino complessivo della normativa». «Ad oggi abbiamo chiarito alcuni aspetti della legge, eliminato - ha sottolineato il consigliere del Partito Democratico, Fabiano Amati - alcune preclusioni che erano anche delle contraddizioni normative, offrendo sostegno all’attività edilizia. Si spera che per il prossimo anno si giunga all’approvazione di una disciplina unitaria degli interventi, magari estesa anche alla possibilità di consentire ai comuni di derogare, con gli strumenti urbanistici, alle distanze tra gli edifici».

 

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005