Nei primi dieci mesi del 2016 la Puglia registra risultati «al di sopra delle aspettative» con «3,3 milioni di turisti per un +6,4% di arrivi totali e un +3,2% di presenze». I dati sono contenuti nel rapporto dell’Osservatorio del Turismo regionale secondo cui «la ripresa del turismo nazionale (gli italiani in Puglia) si consolida per il terzo anno consecutivo: +4,5% e +2% per arrivi e presenze. Mentre viene definita «straordinaria» la crescita dell’incoming dall’estero che si attesta sul +13% (negli anni precedenti l’incremento è stato tra l’8-10%), con i pernottamenti che crescono dell’8,4% rispetto al 2015. I «mercati esteri strategici» per la Puglia sono soprattutto Germania, Francia, Regno Unito, Svizzera e Stati Uniti d’America, insieme con la Polonia e i Paesi Bassi. Ma nel complesso il 2016 ha visto crescere i mercati dell’Europa dell’Est, insieme a Cina, Corea del Sud, Australia e Argentina. In «netta ripresa» il turismo dalla Spagna «dovuto anche al doppio collegamento da Bari e Brindisi per Barcellona». In Puglia, dunque, il tasso di «internazionalizzazione sale dal 21,8% del 2015 al 23,2% del 2016 che è stato caratterizzato anche da un andamento positivo dei mesi invernali e di giugno. Gargano e Salento continuano a essere le aree turistiche dominanti (insieme rappresentano il 57% dell’incoming regionale e il 68% dei pernottamenti). La percentuale più alta di crescita del 2016 spetta a Bari e le zone costiere in cui arrivi e presenze sono aumentati del 12% e 14%. Dal rapporto dell’Osservatorio emerge che l’offerta ricettiva «è aumentata del 9,7%» nei primi dieci mesi del 2016, in particolare l’offerta 'luxury´; mentre continua a ridursi il numero di hotel da uno a tre stelle. Nel settore extralberghiero cresce la quota di agriturismi, case e appartamenti per vacanze e B&B.

Pubblicato in Turismo
Mercoledì, 21 Dicembre 2016 16:15

Interventi Fesr, Puglia davanti a tutti

“Il 51% degli interventi Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) selezionati sui Pon (di competenza ministeriale) e sul Por (di competenza regionale) di tutta Italia, riguardano la Puglia”. Il dato lo ufficializza l’assessore allo Sviluppo Economico, Loredana Capone. “Quanto spiegato dal dirigente della DG Regio della Commissione Europea, Pasquale D’Alessandro, a Bari in occasione della presentazione del Programma Operativo Fesr-Fse, ci dice che stiamo andando nella direzione giusta – continua la Capone – oltre la metà degli interventi selezionati sul Fesr da tutte le Regioni in Italia e dallo stesso Stato, sono pugliesi. E’ il dato migliore di tutti i tempi, che ci dà grande soddisfazione e rappresenta che la Puglia è un altro Sud".
"Qui le industrie investono e la Regione con la propria strategia le accompagna verso i successi di internazionalizzazione e di mercato. Il nostro è un sud che agisce, cresce e realizza, utilizzando al meglio i fondi europei. Lo racconteremo in tutta la Puglia a partire dai prossimi appuntamenti di presentazione del programma 2014-2020, ma l’orgoglio è di certo di livello nazionale”.

Pubblicato in Economia

Diecimila pugliesi bloccati a letto per l'influenza. Quest'anno il virus ha bussato con qualche giorno di anticipo e la stima che arriva dal Policlinico di Bari evidenzia un trend in aumento rispetto a dodici mesi fa. "Non si può parlare di vera e propria emergenza - assicura la professoressa Maria Chironna, responsabile regionale della sorveglianza virologica dell'influenza - ma è innegabile che nello stesso periodo dello scorso anno il virus si fosse manifestato in maniera molto più blanda".

Un anticipo di quello che sarà il picco, previsto tra circa un mese. Ma proprio durante i giorni di festa c'è da fare attenzione: "Il periodo più intenso è quello di fine gennaio - prosegue la professoressa Chironna - ed è in quei giorni che ci sarà un evidente aumento di casi, come viene registrato in tutti gli anni. Ora, però, c'è il timore legato alle festività di Natale, quando il rischio contagio è destinato a salire".

Un'attenzione particolare va riservata ai più piccoli: "Soprattutto la fascia d'età tra zero e quattro anni è la prime a subire gli effetti dannosi dell'influenza: nell'ultima settimana - è l'ulteriore stima fornita dal Policlinico - poco più di un migliaio di bambini sono stati costretti a restare a letto". In realtà già a settembre in Puglia, con netto anticipo, erano stati isolati i primi due virus influenzali della stagione: l'isolamento è avvenuto da tamponi faringei di due bambini di sei mesi e di un anno ricoverati al Giovanni XXIII di Bari per infezioni acute delle vie respiratorie.

Oggi, come allora, il sottotipo del virus individuato è l'H3N2. "È necessario ancora una volta - ribadisce Chironna - rimrcare l'importanza del vaccino. E c'è un ulteriore elemento positivo: finora abbiamo constatato una buona copertura, quindi l'auspicio è che sempre più persone decidano di vaccinarsi, anche perché siamo ancora in tempo in attesa del picco".

Finora, in realtà, la risposta dei pazienti soddisfa i medici. "La prima scorta di vaccini è stata esaurita e l'Asl ha già provveduto ad acquistarne altri - fa sapere Filippo Anelli, presidente dell'Ordine dei medici di Bari e vicesegretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg) - Chi si è vaccinato ha operato una decisione saggia, anche perché questa è stata una fine d'anno anomala: l'arrivo dell'influenza è stato anticipato di diversi giorni e dobbiamo già constatare un numero congruo di casi rispetto al passato, quando la prima ondata si registrava solo dopo Natale".

A preoccupare sono soprattutto gli anziani, che si vaccinano meno di quanto dovrebbero, anche se il recente Rapporto Sanità a cura di Crea Sanità
(Università Tor Vergata di Roma) ha fatto registrare un piccolo miglioramento in ambito nazionale per gli over 65. "Non possiamo essere soddisfatti, siamo su livelli ancora troppo bassi - insiste Anelli - perché si sottovaluta la complicanza dei casi influenzali. Anche lo scorso inverno in Puglia abbiamo dovuto registrare alcuni decessi per insufficienza cronica, come drammatico effetto dell'influenza. E il vaccino, probabilmente, avrebbe potuto salvare quelle vite".

 

 

--------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Il tuo pieno di freschezza sul Gargano...è drink shop!!! Chiama lo 0884/70.10.25

A portarti acque e bevande a domicilio ci pensa DrinK shop.

Oltre all'acqua minerale consegniamo a domicilio anche succhi di frutta, birre, bevande di ogni genere e alcolici.

Con il servizio di consegna a domicilio di Drik Shop risparmi il tuo tempo e non ti carichi di inutili ed ingombranti pesi.

Ingrosso - drink shop - a Vieste in via Fermi,13 (ex banca di Roma)
Quando hai sete di comodità 0884/70.10.25

------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Sanità

“Pronto il bando per l’assegnazione di contributi economici a sostegno dei mitilicoltori pugliesi”. Lo annuncia l'assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia. Si tratta di “un sostegno importante per un settore fondamentale della nostra economia, che intende non solo tutelare situazioni di evidente pericolosità per la salute pubblica, ma è legato, altresì, alla salvaguardia dei posti di lavoro. Come anche alla difesa di tradizioni millenarie che riguardano una pratica di pesca peculiare di molte zone della nostra Regione”. Possono accedere al contributo le imprese di molluschicoltura titolari di superfici in concessione effettivamente e attualmente oggetto di mitilicoltura.
Nel dettaglio “l'avviso - prosegue di Gioia - assegna priorità alle imprese che operano in territori colpiti da fenomeni di inquinamento delle acque derivanti dalle attività industriali e dalla presenza di fenomeni stabili di surriscaldamento delle acque rispetto alle ordinarie condizioni di coltura. Il Bando non trascura le problematiche connesse ai periodi di sospensione della raccolta dei molluschi, per contaminazione dovuta alla proliferazione di plancton tossico o a presenza di plancton che contiene biotossine, e sostiene i piccoli mitilicoltori, favorendo, altresì, i giovani e la parità di genere”.
Le richieste di contributo potranno essere inoltrate al Servizio competente entro il 60esimo giorno successivo alla pubblicazione dell’Avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia.

 

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Informazione pubblicitaria/ Da MONACO ELETTRONICA OFFERTA IMPERDIBILE!!

19,90EUR PACCHETTO LED CASA!!
5- LAMPADE LED V-TAC E14 6W PARI A 40W &
4- LAMPADE LED V-TAC E27 10W PARI A 60W
SOLO 19,90EUR
DISPONIBILI CALDE-NATURALI-FREDDE!!
STRISCE LED, LAMPADAR­I LED, APPLIQUE LED, ­FARETTI LED, FARETTI ­DA CARTONGESSO, APPLI­QUE E PALETTI GIARDIN­O,SEGNAPASSI E TANTO ­ALTRO.....

--------------------------------------------------------

MONACO ELETTRONICA
ILLUMINAZIONE LED – VIDEOSORVEGLIANZA
MATERIALE ELETTRICO
ELETTROMECCANICA-ACCESSORI
VIESTE (FG) 71019-VIA S. QUASIMODO 75/D
MOBILE 3467463705-FISSO 0884270631
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

Crollano le assunzioni a­tempo indeterminato e volano i voucher. Il lavoro in Puglia è sempre più precario. A fotografare la situazione occu­pazionale pugliese è il rapporto dell'Inps sui primi dieci mesi del 2016. Le statistiche elabora­te dall'Istituto nazionale di pre­videnza sociale raccontano di un calo complessivo delle assun­zioni pari al 6, 7 per cento rispet­to allo stesso periodo del 2015; una riduzione che diventa mol­to più pesante se si considerano i contratti a tempo indetermina­to che diminuiscono del 33,1 per cento. A questo va aggiunto il boom dei voucher da 10 euro, oltre 5 milioni quelli venduti nell'anno in corso, con un incre­mento a due cifre pari quasi al 30 per cento. Nel 2016, secondo il dossier dell'Osservatorio sul precariato dell'Inps, sono state 66.812 le assunzioni a tempo indetermi­nato a fronte di 79.108 cessazio­ni a tempo indeterminato: i di­pendenti tutelati dal posto fis­so, dunque, vanno in pensione ma non vengono sostituiti da al­tri lavoratori in pianta stabile. Piuttosto le aziende preferi­scono stipulare accordi a termi­ne: le assunzioni a scadenza, in­fatti, ammontano a 175.859 nel 2016, quasi11mila in più rispet­to al 2015, a fronte di 144.782 cessazioni di contratti a tempo determinato. I dati parlano chiaro. Si privi­legiano i contratti precari, con una data di scadenza, a discapi­to delle assunzioni a tempo indeterminato; del resto, i rapporti di lavoro a termine sono gli uni­ci che producono un saldo positi­vo tra assunzioni e cessazioni. Crescono, di pari passo, anche i contratti di apprendistato, 8.418 da gennaio a ottobre del 2016 contro i 5.459 di un anno fa, mentre rimangono più o me­no stabili i contratti stagionali pari a 27.547 (nel 2015 erano stati 28.764). Non è solo il lavoro stabile a diminuire, ma anche la possibilità stessa di una stabilizzazione. A questo proposito la dicono lun­ga i numeri delle trasformazio­ni dei contratti da tempo deter­minato a indeterminato. Le sta­bilizzazioni nel 2015 erano state 17.126 e nel 2016 sono scese a 12.274: un calo drastico del 28,3 per cento. Il lavoro preca­rio in Puglia - è la mappa dise­gnata dall'Inps - rimane tale. A preoccupare, però, è soprat­tutto il numero dei voucher che subisce un'impennata del 29,7 per cento in linea con il dato na­zionale che arriva a quota 32,3 per cento. In Puglia il numero dei voucher, dal valore nomina­le di 10 euro, venduti nei primi dieci mesi dell' anno ammonta a oltre 5.745.700, un incremento di oltre 1 milione e 300mila sul 2015. Le mutazioni del mercato del lavoro sono ancora più evidenti se il confronto viene fatto con il 2014 quando i voucher venduti in Puglia erano "solo", 2.391.070. In due anni, praticamente, i lavoratori pagati attra­verso la nuova formula sono più che raddoppiati. Bisogna considerare poi che l'importo nomi­nale di ogni singolo voucher comprende la contribuzione a favore della Gestione separata Inps (1,30 euro), quella in favore dell'Inail (0,70 euro) e una quota per la gestione del servizio (0,50euro). Il compenso net­to per il lavoratore si riduce dun­que a 7,50 euro. Senza alcun diritto né tutela occupazionale. «Sono numeri spaventosi - commenta Pino Gesmundo, segretario generale della Cgil Pu­glia -di un fenomeno che, inve­ce di aiutare nell'emersione del lavoro nero, sta contribuendo a far aumentare il lavoro precario e i licenziamenti. Si conferma quel che avevamo già previsto come Cgil, previsione che è alla base della raccolta firme per un - referendum che punta ad abro­gare i voucher».

FRANCESCA RUSSI
repubblicabari

 

 

----------------------------------------------------------------------------------------------

Informazioni pubblicitarie/ Vieni a scoprire le nuove offerte della Parafarmacia Santa Maria pensate proprio per te!

Le nostre fantastiche Idee Regalo per questo Natale 2016 ti aspettano!

Parafarmacia Santa Maria, il piacere di prendersi cura di sè!

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Economia

In Puglia si spende di più per mangiare e vestirsi rispetto alla media nazionale, ma di meno per la manutenzione della propria casa, l'istruzione e la cultura. A rilevarlo è il centro studi di Confartigianato imprese Puglia, che ha elaborato gli ultimi dati Istat. Ogni mese i pugliesi sborsano 460 euro per l'acquisto di generi alimentari e bevande non alcoliche, pari al 21, 7 per cento del totale della spesa (2.114 euro), mentre la media nazionale si ferma a 442 euro, pari al 7,7 per cento del dato complessivo (2.499). Per le bevande alcoliche e i tabacchi si spendono circa 46 euro, per l'abbigliamento e le calzature 127 euro contro i -116 della media nazionale. Le differenze emergono al contrario, quando si parla di casa, per la quale i pugliesi impegnano, mediamente, 675 euro al mese contro una media nazionale di 903 euro. Per la cultura e gli spettacoli appena 80 euro, contro una media nazionale di.126 euro. Per l'Istruzione, invece, 13 euro contro i 15 del nazionale. Le differenze scompaiono quasi del tutto quando si parla di sanità ( 111 euro contro 113).

 

 

----------------------------------------------------------------------------------------------

Informazioni pubblicitarie/ Vieni a scoprire le nuove offerte della Parafarmacia Santa Maria pensate proprio per te!

Le nostre fantastiche Idee Regalo per questo Natale 2016 ti aspettano!

Parafarmacia Santa Maria, il piacere di prendersi cura di sè!

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Società

A gennaio un bando per i Comuni che vogliono adeguare i parchi gioco per la fruibilità di tutti i bambini. Lo annuncia l’assessore Anna Maria Curcuruto che informa che (del. n. 1971 del 30/11/2016) la Giunta Regionale ha approvato il “Regolamento per l’adeguamento dei parchi gioco comunali alle esigenze dei bambini con disabilità”, ai sensi dell’art. 18 della LR n. 23/2016.
"L’atto regionale - si legge nella nota diramata dalla Regione - istituisce un Fondo destinato al rimborso delle spese sostenute dai Comuni che intendano favorire la piena integrazione dei bambini con disabilità mediante l’inserimento, nei parchi gioco, di attrezzature da tutti utilizzabili. Per favorire la progettazione e la realizzazione di questo progetto, il Fondo ha una dotazione di 150mila euro.
Il Regolamento passato all’esame dell’Esecutivo, indica le tipologie degli interventi finanziabili, i criteri di valutazione e l’entità massima del finanziamento concedibile ad ogni Comune.
Il bando relativo al Regolamento sarà pubblicato nel mese di gennaio 2017".

Pubblicato in Società

L’atto di approvazione è pubblicato nel Bollettino ufficiale regionale n. 144 del 15 dicembre 2016.

ARO/Comuni Ecotassa 2017 (euro/tonnellata)

ARO 1
Manfredonia 25,82
Mattinata 19,77
Monte Sant’Angelo 6,97
San Giovanni Rotondo 6,97
Vieste 25,82
Zapponeta 25,82

ARO 2
Carapelle 25,82
Cerignola 25,82
Ordona 6,97
Orta Nova 25,82
Stornara 25,82
Stornarella 25,82

ARO 3
Foggia 25,82

ARO 4
Apricena 5,17
Chieuti 11,62
Lesina 25,82
Poggio Imperiale 5,17
Rignano Garganico 25,82
San Paolo di Civitate 25,82
San Severo 6,97
Serracapriola 5,17
Torremaggiore 25,82

ARO 5
Cagnano Varano 6,97
Carpino 25,82
Ischitella 25,82
Isole Tremiti 25,82
Peschici 25,82
Rodi Garganico 25,82
San Marco in Lamis 25,82
San Nicandro Garganico 6,97
Vico del Gargano 19,77

ARO 6
Carlantino 25,82
Casalnuovo Monterotaro 25,82
Casalvecchio di Puglia 5,17
Castelnuovo della Daunia 25,82
Celenza Valfortore 25,82
Motta Monte Corvino 25,82
Pietra Monte Corvino 25,82
San Marco la Catola 5,17
Volturara Appula 25,82
Volturino 25,82

ARO 7
Alberona 25,82
Biccari 19,77
Castelluccio Valmaggiore 25,82
Celle di San Vito 25,82
Faeto 25,82
Lucera 19,77
Orsara di Puglia 25,82
Roseto Valfortore 5,17
Troia 5,17

ARO 8
Accadia 25,82
Anzano di Puglia 6,97
Ascoli Satriano 6,97
Bovino 6,97
Candela 6,97
Castelluccio dei Sauri 22,59
Deliceto 22,59
Monteleone di Puglia 6,97
Panni 6,97
Rocchetta Sant’Antonio 6,97
Sant’Agata di Puglia 11,62

Pubblicato in Ambiente

I Comuni pugliesi otterranno fondi straordinari provenienti dall'Ecotassa per far fronte all'emergenza ri­fiuti. Lo prevede un emen­damento (firmato da Michele Mazzarano e Fabiano Amati) alla manovra di bilancio, che ieri a tarda sera è stata li­cenziata dalla commissione dopo l'esame delle 62 proposte di modifica in gran parte respinte. L'emendamento, che dovrebbe sostituire la legge appro­vata dal Consiglio regionale in ottobre (su cui si sono concentrati gli strali del ministero dell'Ambiente) destina 5 milioni di euro a titolo di ristoro ambientale ai Comuni che ospitano sul proprio ter­ritorio impianti di trattamento dei rifiuti. Altri 8 milioni verranno invece ripartiti tra gli stessi Comuni oggetto del­la legge di ottobre, ovvero quelli che per la mancanza di impianti di trattamento stan­no affrontando spese straor­dinarie per il trasporto, dei rifiuti solidi urbani. E stato definito, come an­nunciato, un Fondo speciale cultura e patrimonio cultu­rale, che vale 2,5 milioni e che assorbirà tutte le «mance» in­serite nell'articolato proposto dalla giunta. Il Pd, in polemica con l'assessore Lore­dana Capone, ha voluto che i soldi fossero assegnati alla presidenza e non al dipar­timento: un evidente segnale di irritazione per una serie di misure dal contenuto piuttosto fumoso. Passa, come previsto, anche l'altro emen­damento di Amati per la rottamazione del bollo auto (quelli scaduti si potranno pa­gare senza sanzioni), ma con una ulteriore novità. Vengono sterilizzate fino al 30 ottobre 2017 le radiazioni d'ufficio di­sposte dalla Regione per i veicoli che non hanno versato la tassa automobilistica per tre anni di fili: dopo le polemiche delle scorse settimane, dunque, i cittadini avranno altri 10 mesi per mettersi in regola. Dal testo originario depositato dalla giunta saltano in­vece sia le norme per l'av­vocatura regionale (ritirate con l'impegno a presentare una proposta di legge ad hoc), sia quelle che miravano allo spacchettamento delle compe­tenze tra ex polizia provin­ciale e vigilanza delle sedi. La maggioranza (Pd) e i grillini avevano presentato una serie di proposte di modifica che miravano a far transitare in Avvocatura anche il perso­nale precario e quello pro­veniente dalle agenzie regionali. Un maxiemendamento di oltre 50 pagine recepisce invece tutti i debiti fuori bi­lanciò maturati negli ultimi due mesi: si tratta - spiegano dagli uffici - di un espediente tecnico per non perdere spazi finanziari. Altra novità riguarda gli Operatori socio sanitari. Un altro emendamento di Amati e Mazzarano dispone l'avvio dei corsi di formazione entro il 30 ottobre: chi ha un titolo di studio afferente i servizi so­ciali accederà un percorso semplificato, come previsto da un apposito protocollo di intesa stilato nei mesi scorsi. Un emendamento di Ignazio Zullo (Cor) mira invece ad equiparare a Oss il personale infermieristico volontario della Croce Rossa. Sempre dal Pd (Lacarra, Amati e Pentassuglia) arriva un emendamento a favore del­le marinerie pugliesi per in­centivare il rispetto del fermo-pesca (in particolare per quanto riguarda il pescespa­da). La norma prevede la crea­zione di un fondo da 250mila euro, da assegnare in regime di aiuto de minimis e da distribuire ai pescatori previo via libera da parte del mi­nistero. Francesca Franzoso (Fi) ha proposto la creazione di un fondo da 6OOmila euro per l'acquisto di parrucche a favore di donne e minori sot­toposte a cure oncologiche. Lunga, nel pacchetto degli emendamenti; la lista delle piccole e grandi mance (dai soldi per il museo di storia naturale del Salento chiesti da Blasi a quelli per Matera 2019 chiesti da Colonna). Ma l'assalto alle casse della Re­gione per soddisfare lobby e collegi elettorali non è certo finito qui: appuntamento alla notte tra il 21 e 22 dicembre, quando potrebbe andare in scena una nuova marato­na.

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------------

Informazione pubblicitaria/ Da MONACO ELETTRONICA OFFERTA IMPERDIBILE!! 19,90EUR PACCHETTO LED CASA!!

5- LAMPADE LED V-TAC E14 6W PARI A 40W &
4- LAMPADE LED V-TAC E27 10W PARI A 60W

SOLO 19,90EUR

DISPONIBILI CALDE-NATURALI-FREDDE!!

STRISCE LED, LAMPADAR­I LED, APPLIQUE LED, ­FARETTI LED, FARETTI ­DA CARTONGESSO, APPLI­QUE E PALETTI GIARDIN­O,SEGNAPASSI E TANTO ­ALTRO.....

--------------------------------------------------------
MONACO ELETTRONICA

ILLUMINAZIONE LED - VIDEOSORVEGLIANZA
MATERIALE ELETTRICO
ELETTROMECCANICA-ACCESSORI

VIESTE (FG) 71019-VIA S.QUASIMODO 75/D

MOBILE 3467463705-FISSO 0884270631
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
--------------------------------------------------------

Pubblicato in Economia

Una manovra da oltre un miliardo di euro. A tanto ammonta il bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2017 e per quello pluriennale 2017-19 approvato dalle Commissioni consiliari. La conferma arriva dall' assessore regionale al Bilancio, Raffaele Piemontese: «È una manovra che al netto della sanità e dei fondi comunitari si aggira su oltre 1 miliardo e 1 00 milioni di euro» dichiara 1'assessore specificando che la  manovra non aumenta le tasse ai pugliesi. Ci sono pero, rispetto alle previsioni, altri 20 milioni di euro stanziati per la sanità che si aggiungono alla variazione di bilancio da 50 milioni effettuata nelle settimane scorse in favore del servizio sanitario regionale. Il costo della voce sanità sale così a quota 70 milioni. Previsti anche 25 milioni di euro per il fondo trasporti che serviranno a garantire la mobilità a fasce deboli e studenti meno abbienti. La manovra contiene inoltre 40 milioni per la quota di cofinanziamento dei fondi strutturali, cinque milioni di euro per il Reddito di dignità (Red),10 milioni di euro per l'integrazione scolastica dei disabili (4 in più di quelli previsti), 1 milione di euro per il recupero degli enti ecclesiastici destinati a funzioni pubbliche e i 12,5 milioni ad Aeroporti di Puglia in modo tale da coprire le spese effettuate dalla partecipata regionale per il rinnovo del contratto di promozione turistica con la compagnia Ryanair. Il testo del Documento di economia e finanza regionale e del Bilancio previsionale però passa nelle prime Commissioni consiliari fra molte polemiche. «Solo ieri abbiamo ricevuto parte del materiale finanziario, ma del bilancio vero e proprio - spiegano i consiglieri del gruppo di Forza Italia - non c'è ancora nessuna traccia. Così non si può aver la minima contezza del documento che a breve voteremo anche in Consiglio e come se non bastasse nelle Commissioni odierne nessun componente della giunta ha ritenuto di parteciparvi per relazionare». Polemiche anche da parte del Movimento Cinque Stelle e di un rappresentante della maggioranza come Alfonso Pisicchio del gruppo La Puglia con Emiliano: «Duole constatare l’assenza dei rappresentanti di governo e ci saremmo aspettati la presenza dei vari assessori per confrontarci»

 

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Informazione pubblicitaria/ LE SUPER OFFERTISSEME  DELL’ ELETTRONICA MONACO

OFFERTA IMPERDIBILE!!    19,90€PACCHETTO LED CASA!!5- LAMPADE LED V-TAC E14 6W PARI A 40W    &

4- LAMPADE LED V-TAC E27 10W PARI A 60WSOLO 19,90€DISPONIBILI CALDE-NATURALI-FREDDE!!STRISCE LED, LAMPADAR­I LED, APPLIQUE LED, ­FARETTI LED,

FARETTI ­DA CARTONGESSO, APPLI­QUE E PALETTI GIARDIN­O,SEGNAPASSI E TANTO ­ALTRO.....

---------------------­---------------------­--------------
  ­ MONACO ELETTRONICA MONACO M.­ ILLUMINAZIONE LED - VIDEOSORVEGLIANZA
                    MATERIALE ELETTRICO
               ELETTROMECCANICA - ACCESSORI           

VIESTE (F­G) 71019-VIA S. QUASIMODO 75/DMOBILE 3467463705-FIS­SO  0884270631
EMAIL-monacoelettroni­Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
         

-----------­---------------------­---------------------­---

Pubblicato in Economia

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005