Si è svolta, presso l’Auditorium “Serricchio” di Palazzo Celestini a Manfredonia, una conferenza pubblica finalizza­ta a promuovere la proposta di candidare le Stele Daunie a pat­rimonio dell’umanità dell’Unes­co. Il meccanismo che conduce un bene a diventare patrimonio dell’Unesco è lungo e comporta una serie di azioni e interventi complessi e ragionati; compor­ta una programmazione ed una campagna di promozione cir­costanziate e specifiche; pre­vede il coinvolgimento di diver­si attori, pubblici e privati, in un comitato scientifico estrema- mente impegnativo; un percor­so che può durare anni. Il Rotary club di Manfre­donia, con il presidente Andrea Pacilli, il consiglio diretti­vo e tutti i soci, ritengono che le Stele Daunie abbiano con tut­to il diritto la possibilità di es­sere riconosciute patrimonio dell’Unesco, in quanto, come spiegava il loro scopritore, l’ar­cheologo Silvio Ferri, “rappre­sentano un unicum nell’univer­so della protostoria europea” e, come raccontava il poeta Cris­tanziano Serricchio riprenden­do la visione di Ferri, narrano l’epoca di una “storia” che an­ticipa Omero.

Pubblicato in Cultura
Lunedì, 01 Ottobre 2018 14:53

Sostenibilità della pesca a Manfredonia

Firmato il progetto pilota, della durata di 12 mesi, al quale concorreranno vari soggetti, senza prescindere dal coinvolgimento attivo degli operatori.   E’ stata sottoscritta venerdì scorso, 28 settembre 2018, la convenzione tra il Ministero delle Politiche agricole e forestali e il Comune di Manfredonia per l’attuazione del progetto ‘Iniziativa pilota per l’attuazione di percorsi innovativi finalizzati a promuovere la sostenibilità ambientale, economica e sociale della pesca nel compartimento marittimo di Manfredonia’. Il progetto era stato preparato con delibera di Giunta del 31 gennaio 2017 e il Ministero, accogliendo la proposta dell’Amministrazione comunale, aveva trasmesso una proposta di convenzione. E’ iniziata, così, una serie di corrispondenze per definire chiaramente “il ruolo del Comune di Manfredonia e le attività da porre in essere al fine di conseguire efficacemente gli obiettivi progettuali”. La proposta progettuale, definita su richiesta della Direzione generale della Pesca marittima e dell’Acquacoltura del Mi.P.A.A.F., è tesa ad “avviare un’iniziativa pilota, per la durata massima di 12 mesi, attraverso cui poter sviluppare percorsi innovativi per la promozione di una pesca sostenibile, attraverso il coinvolgimento delle marinerie”, scrive il dirigente delegato, l’ingegnere Antonello Antonicelli, avvalendosi del fatto che la marineria di Manfredonia vanta già “precedenti e consolidate esperienze di progettazione finalizzate alla salvaguardia degli equilibri ambientali, che hanno visto un’ampia partecipazione della categoria”. “La nuova politica comunitaria si pone l’obiettivo dell’utilizzo sostenibile e duraturo delle risorse marine, raggiungibile attraverso iniziative volte a sviluppare o introdurre nuove conoscenze tecniche e organizzative in grado di contribuire a ridurre l’impatto delle attività della pesca sull’ambiente. Per fare ciò è necessario attuare un programma strategico di sviluppo che tenga in considerazione diversi elementi e che abbia quale punto di arrivo la tutela e la conservazione della biodiversità e degli ecosistemi acquatici, in giusto equilibrio con la necessità di garantire la redditività ed il mantenimento di competenze professionali proprie delle imprese di pesca”. “Nella Puglia, Manfredonia presenta ad oggi una delle flotte pescherecce più grandi dell’Adriatico, caratterizzata da un’ampia composizione del naviglio e da una diversificata composizione dei sistemi di pesca: elementi che permettono di sperimentare percorsi condivisi che portino alla definizione di protocolli codificati”, si legge nel progetto di fattibilità tecnica ed economica approntato dal dirigente Antonicelli. “In quanto programma articolato, esso non può prescindere dal coinvolgimento dei diversi attori che concorrono a definire lo scenario di riferimento; e questo partendo da quanti conoscono, nel dettaglio, la singola realtà territoriale, passando per quanti effettuano studi e ricerche nel settore della pesca e dell’acquacoltura, fino ad arrivare a strutture formative e agli stessi pescatori”. “Il Comune di Manfredonia – aggiunge il sindaco, Angelo Riccardi - svolge un ruolo centrale nel progetto, per assicurare il coordinamento delle iniziative ed il pieno coinvolgimento degli operatori della pesca riuniti nell’Osservatorio della Pesca”. Tutte le iniziative di carattere innovativo e sperimentale previste necessitano dell’attività di campo con il coinvolgimento ed il consenso degli operatori che, preventivamente formati ed informati, dovranno rispettare i protocolli attuativi previsti. Il progetto, che si articolerà su 12 mesi, prevede lo svolgimento delle seguenti azioni: 1. Analisi del contesto ambientale e socioeconomico di riferimento; 2. Individuazione di misure idonee, finalizzate a determinare una maggiore selettività degli attrezzi utilizzati nella marineria di Manfredonia; 3. Formulazione di un set di indicatori specifici per la marineria di Manfredonia, per valutare l’efficacia di gestione della pesca e l’impatto sulle risorse; 4. Definizione di misure organizzative e gestionali che permettano di ridurre gli impatti, anche in un’ottica di utilizzo degli “scarti” in linea con i principi propri di un’economia circolare; 5. Verifica quali-quantitativa degli scarti di pesca e dei rigetti al fine di concorrere ad un loro contenimento per la conservazione delle risorse che non hanno interesse commerciale ed eventuale utilizzo; 6. Definizione di elementi di diversificazione delle attività di pesca finalizzati ad un contenimento degli sforzi di pesca; 7. Azioni di comunicazione e pubblicità dell’iniziativa; 8. Coordinamento. Tutte le fasi progettuali vedranno momenti di confronto ed incontri formativi e informativi in modo da garantire il pieno coinvolgimento degli operatori e creare una cultura che miri ad uno sfruttamento sostenibile e duraturo delle risorse. “L’Amministrazione comunale – commenta l’assessora alle Attività produttive, Innocenza Starace – riconosce, attraverso le azioni messe in campo, l’importanza economica e sociale della marineria sipontina. Ringrazio, quindi, l’assessora Zammarano per il lavoro svolto e, convinta della necessità di un’unità con tutta la marineria, mi farò promotrice del risultato condiviso con tutti i partner del progetto ottenuto”.   Matteo FidanzaUfficio Stampa - Città di Manfredonia (FG)Tel: 0884.519345   Fax: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.       I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del d. lgs.196/03. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta, ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l'indirizzo email che verrà immediatamente rimosso, ex art. 130 d. lgs. 196/03. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

Pubblicato in Ambiente

“L’Arte di condividere” (The Art of Sharing), questo il tema affrontato durante le Giornate Europee del Patrimonio 2018 (GEP) lo scorso sabato 22 settembre presso il Castello svevo angioino di Manfredonia che, insieme al Parco Archeologico Santa Maria Maggiore di Siponto facente parte dello stesso Polo Museale della Puglia, ha posto un ulteriore apporto al progetto di valorizzazione del nostro territorio. Un’occasione che ha visto nell’edizione di quest’anno il momento più adatto per ricordare la memoria di Arturo Claudio Girardi, segretario dell’Associazione di volontariato “Alternativa Arte” e docente di storia dell’arte, scomparso prematuramente nel trascorso mese di luglio.

 Proprio su questo punto, si è focalizzato l’intervento introduttivo da parte del Direttore del Museo Nazionale Archeologico di Manfredonia e del Parco di Siponto, arch. Alfredo de Biase, il quale, all’interno della gremita sala conferenze “Torre Annunziata” del Castello di Manfredonia, dopo aver salutato e accolto calorosamente i relatori e tutti i presenti, ha discorso sull’importanza dell’insegnamento e dell’associazionismo come opere essenziali nell’arte della condivisione coinvolgendo il grande interesse delle istituzioni e dei ragazzi presenti .

Subito dopo a infondere un’aria culturale di respiro internazionale sono intervenute a portare i saluti dell’Associazione Intercultura due studentesse, provenienti rispettivamente dal Belgio e dall’Islanda, e la responsabile della sede associativa di Foggia.

Nel cuore del convegno è intervenuto anche Lorenzo Attanasio, Responsabile del Servizio Civile presso il Castello di Manfredonia, con una descrizione relativa all’andamento delle presenze dei visitatori al museo dagli anni 90. Il commento ha presentato dati molto positivi e a dir poco esaltanti per l’ultimo anno, 2017/2018, esplicitando un grafico cartesiano “presenze/tempo” dove era possibile notare un’impennata della linea relativa all’ultimo periodo rispetto agli anni precedenti. A seguire, la presentazione delle volontarie S.C.N. del “Progetto 4 – Cultura Giovani: Musei ed aree archeologiche di Puglia”, Dott.ssa Michela Serafino e Dott.ssa Loredana Mondelli, le quali hanno presentato un excursus delle attività e degli eventi realizzati nel Castello durante l’ultimo anno ed evidenziato come la realizzazione di tutte queste attività ha contribuito al raggiungimento di tutti gli obiettivi previsti dal programma S.C.N. 2017/2018, tra cui l’ampio supermento dello 0,4% di visitatori ospitati in struttura.

Dopo aver proiettato due cortometraggi, realizzati e trasmessi dalla RAI Nazionale durante l’ultimo

anno, dove il direttore de Biase illustrava la storia del Castello e del Parco, la conferenza continuava con la relazione dell’architetto Nino Passiante, Presidente di Italia Nostra – Sez. Foggia, che, dopo aver ricordato il collega Girardi e ringraziato il direttore del museo per l’invito, ha prestato attenzione a comunicare i valori e ai principi della stessa associazione, illustrando le azioni di tutela e valorizzazione del patrimonio storico – artistico - culturale realizzate dal proprio team in Italia e in particolar modo nella Provincia di Foggia. Gli esempi dimostrati hanno focalizzato l’attenzione sul fenomeno degli ecomostri nella Provincia di Foggia, come nel caso di Sant’Agata di Puglia sui Monti Dauni e della struttura abbandonata di Baia dei Campi sul Gargano, avviando una panoramica generale anche sulla natura e l’importanza dei trabucchi lungo la costa garganica. Ha concluso proiettando un video di Pier Paolo Pasolini degli anni settanta sull’armonia, o meglio sulla disarmonia, delle architetture civili in contesti urbani e paesaggistici.

Nella seconda parte del convegno, alla presenza anche della famiglia di Arturo Girardi, si è focalizzato maggiormente l’interesse sul lavoro svolto dallo stesso Girardi nell’ambito dell’insegnamento e del volontariato. A tal proposito, si è evidenziato come questi ambiti risultano di fondamentale importanza per l’educazione dei giovani nel riconoscere e condividere i valori derivanti dalla nostra cultura oltre a quelli etici ed umani. La Prof.ssa Betta Valleri in rappresentanza I.I.S.S. “Giannone-Masi” – Foggia, il prof. Pietro Ventrella amico e collega di Girardi, il prof. Michele Salatto hanno ricordato il collega sottolineando l’importanza dell’azione collaborativa tra soggetti e realtà interessate alla salvaguardia e alla tutela del patrimonio artistico e culturale, specie in una provincia come quella di Foggia.

De Biase, anche in qualità di presidente dell’associazione di volontariato “Alternativa Arte”, ha mostrato alcune immagini e un suggestivo video dedicate ad Arturo Claudio Girardi e alla profondità del suo lavoro come volontario in ambito sociale e culturale.

Infine, la Prof.ssa Piera Fattibene, Dirigente del Liceo Scientifico “G. Marconi”, nel dare un giudizio lusinghiero dell’iniziativa, sia sotto il profilo culturale che quello educativo, ha ricordando come il lavoro di un docente, se svolto con passione e amore come il prof. Girardi ha sempre svolto, aiuta a rendere migliore la società in cui viviamo.

La giornata si è conclusa con la comunicazione da parte della Dirigente del liceo di voler intraprendere una utile collaborazione tra scuola da lei diretta e il Museo Nazionale di Manfredonia, desiderio accolto favorevolmente e con non celato entusiasmo da parte del direttore del museo.

Pubblicato in Ambiente

Via libera ai pescherecci in tutto l’Adriatico per rifornire dal­l'inizio della settimana i mercati, la filiera e la ristorazione di pesce fresco, con la fine del fermo pesca che dal 13 agosto aveva bloccato te attività della flotta italiana da San Benedetto a Bari, dal Molise alla costa adriatica della Puglia. A darne notizia in Puglia è Coldiretli Impresa Pesca, sottoli­neando che il fermo biologico non risponde più da tempo alle esi­genze della sostenibilità delle principali specie target della pe­sca nazionale. «Con il fermo pesca aumenta il rischio di ritrovarsi nel piatto per grigliale e fritture prodotto stra­niero o congelato. Il settore soffre la concorrenza sleale del prodotto importato dall'estero e spacciato come italiano, soprattutto nella ristorazione, grazie all'assenza dell'obbligo di etichettatura del­l'origine», denuncia il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cán­tele che ricorda quanto il blocco delle attività della flotta da pesca italiana in tutto l'Adriatico, per cui chiediamo da tempo una ra­dicale modifica, abbia determi­nato negli anni in Puglia un crollo della produzione, la perdita di oltre 1/3 delle imprese e di 18.000 posti di la­voro, con un con­testuale aumen­to delle importa­zioni dal 27% al 33%.

Di assoluto ri­lievo i numeri del settore in Puglia, il cui valore economico è pari all'1% del PIL pugliese e arriva fino al 3,5% se si considera l'intero indotto, conta 1500 imbarcazioni, 5000 addetti, 10 impianti di acquacoltura e mi­tilicoltura. Le aree vocate sono prioritariamente Manfredonia,

Moffetta, sud Barese, Salento, do­ve il pescato più importante è costituito da gamberi, scampi, merluzzi. «Una crisi quella del settore ittico, che si trascina da 30 anni - rileva Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia - in un mercato, quello del consumo del pesce, che aumenta, ma sempre più in mano alle im­portazioni. La produzione itti­ca derivante dal­l'attività della pesca è da anni in calo e quella dell'acquacoltura resta stabile, non riuscendo a compensare i vuoti di mercato creati dell'at­tività tradizionale di cattura». So­lo alcune specie ittiche si ripro­ducono in questo periodo, mentre per la maggior parte delle altre si verifica in date differenti durante

il resto dell'anno. Da qui la pro­posta di Coldiretti Impresapesca di differenziare il blocco delle attività a seconda delle specie, men­tre le imprese ittiche potrebbero scegliere ciascuna quando fermarsi in un periodo predefinito. Per effettuare acquisti di qua­lità al giusto prezzo il consiglio di Coldiretti Impresapesca è, dun­que, di verificare sul bancone l'e­tichetta, che per legge deve prevedere l'area di pesca (Gsa). Le provenienze sono quelle dalle Gsa 9 (Mar Ligure e Tirreno), 10 (Tir­reno centro meridionale), 11 (ma­ri di Sardegna), 16 (coste meri­dionali della Sicilia), 17 (Adriatico settentrionale), 18 (Adriatico me­ridionale), 19 (Jonio occidentale), oltre che dalle attigue 7 (Goffo del Leon), 8 (Corsica) e 15 (Malta). Ma si può anche rivolgersi alle espe­rienze di filiera corta per la ven­dita diretta del pescato attraverso la rete di «Campagna Amica».

Pubblicato in Ambiente

Domani e domenica 23 settembre 2018, il Castello svevo angioino di Manfredonia e il Parco Archeologico Santa Maria Maggiore di Siponto saranno una delle location del Mibac ad ospitare una serie di iniziative legate alle Giornate Europee del Patrimonio 2018 (GEP).

ll tema dell’edizione 2018 sarà “L’Arte di condividere” (The Art of Sharing), il quale riprenderà e svilupperà quello promosso da ICOM per la Giornata internazionale dei musei 2018 e adottato dal Ministero per i beni e le attività culturali in occasione della Festa dei Musei, nell’ottica di costruire legami più stretti e significativi fra i luoghi della cultura e i territori, le comunità, le associazioni e le genti che essi rappresentano. Quest’anno, il Museo Nazionale di Manfredonia ed il Parco Archeologico di Siponto, facente parte del MiBAC - Polo Museale della Puglia, focalizzano l’interesse sull’importanza dell’insegnamento e dell’associazionismo come opere essenziali nell’arte della condivisione, dedicando queste giornate alla memoria del segretario dell’Associazione di volontariato “Alternativa Arte” e del docente di storia dell’arte, Arturo Claudio Girardi.

Dalle ore 9:00, appuntamento presso la sala “Torre Annunziata” del Castello dove il Direttore del Museo, Alfredo de Biase, aprirà la giornata e seguiranno i saluti dei rappresentanti delle istituzioni partecipanti.

Dalle ore 10.00 alle ore 11.00, saranno presentati i lavori realizzati nel Castello di Manfredonia durante l’anno 2017/2018 con la collaborazione del Servizio Civile Nazionale. Interverranno il direttore del Museo, Alfredo de Biase, Responsabile S.C.N., Lorenzo Attanasio, le volontarie Michela Serafino e Loredana Mondelli.

Dalle ore 11:00 alle ore 11:30, Nino Passiante, Presidente di Italia Nostra – Sez. Foggia, presenterà il lavoro svolto durante quest’anno dall’Associazione.

Dalle ore 11.30 alle 13.:00, sarà ricordata la figura di Arturo Claudio Girardi, Docente di storia dell’arte e segretario dell’Associazione “Alternativa Arte”, sul tema dell’associazionismo come opera essenziale dell’arte tramite le testimonianze della Prof.ssa Piera Fattibene, Dirigente Liceo Scientifico “G.Marconi” – Foggia; della Prof.ssa Roberta Cassano, Dirigente I.I.S.S. “Giannone-Masi” – Foggia; di Aldo Bruno, Presidente Centro Servizi Volontariato della Provincia di Foggia e del resto dei colleghi e membri appartenente ad “Alternativa Arte”.

 

APERTURE STRAORDINARIE   con i seguenti orari

 

Castello svevo angioino di Manfredonia               Parco Archeologico di Siponto

22 settembre dalle ore 9:00 alle ore 23:00           22 settembre dalle ore 08:30 alle ore 24:30

(ultimo ingresso alle 22.00)                                       (ultimo ingresso alle 23:30)      

23 settembre dalle ore 10:00 alle ore 20:00         23 settembre dalle ore 8:30 alle ore 21:30       

(ultimo ingresso alle 19:00)                                       (ultimo ingresso alle 21:00)      

Pubblicato in Cultura

Si moltiplica il malcontento tra gli addetti al settore Pesca, questo  ha registrato la Lega della Fai Cisl di Manfredonia  tra  gli addetti al settore del Golfo.

Ad oggi, purtroppo, nonostante tutte le pressioni esercitate e le richieste e gli incontri avvenuti con i vari Ministeri competenti, Agricoltura e del Lavoro, non si conoscono ancora né tempi né modi sulla liquidazione, da parte dell’INPS, della Indennità giornaliera omnicomprensiva di € 30,00 al giorno, per il 2017 in liquidazione nel 2018, indennità che  se divisa in ore di lavoro, l’addetto alla pesca riscuoterà intorno ai 4 € , cifra uguale a coloro i quali sono retribuiti a sottosalario, i quali non riusciranno a soddisfare le primarie necessità familiari.  Si sperava che questa liquidazione coincidesse  con  o durante la sospensione dell’attività poste dalle misure  d’arresto temporaneo obbligatorio della pesca, relativo all’anno 2018, invece, nonostante il fermo pesca, gli addetti, sono stati esclusi, non solo,  dall’attività produttiva e da ogni forma  di guadagno, ma anche  dal minimo di indennizzo dell’indennità,  disposta dal Governo,

Oltre alle richieste su esposte,  i lavoratori  esigono anche altre tematiche  inerenti la Pesca, non si verificano ancora ulteriori  interventi sostanziali sulla riduzione dei costi del gasolio,  sui decreti  attuativi del  lavoro usurante e gravoso, o le circolari di chiarimento sulle modalità di applicazione ,  sul riconoscimento delle malattie professionali,  sulla sicurezza, sugli ammortizzatori sociali in uno alla revisione dell’importo della indennità giornaliera dei 30 €, non sufficienti per sopperire alle difficoltà economiche che i pescatori sopportano e alla parificazione dei diritti  previdenziali ed assistenziali con altri lavoratori di altri settori produttivi vigenti in Italia.

Manca, purtroppo, un progetto   di valorizzazione  e di rilancio della pesca,  in modo da poter   superare  il divario sulla  riduzione  delle barche e   degli addetti,  che ha subito il settore ittico, avvenuto negli ultimi anni di attività,  di riqualificare e rilanciare l’area portuale e commerciale del consorzio ittico di Manfredonia che non fa altro che alimentare il mercato nero dei frutti di mare e del pesce.

Su questi temi, la lega Fai Cisl  di Manfredonia e la Federazione Territoriale, chiedono ai Ministeri competenti del Governo  Nazionale,   a definire  in tempi assolutamente brevi, la liquidazione della Indennità, agli addetti alla Pesca.  In mancanza, tenuto presente il forte malcontento, si vedranno costretti a proclamare lo stato di agitazione.

 

Segretario Nazionale Silvano Giangiacomi,  Coordinatore Provinciale Michele Manzi e il Segretario Alberto Gatta.

Pubblicato in Ambiente
Giovedì, 20 Settembre 2018 14:17

Manfredonia/ Musei In Versi

 Domani, venerdì 21 settembre a partire dalle ore 20:00, torna l’appuntamento con “Musei in Versi”, lo spazio del Museo dedicato alla presentazione e alla conversazione su tesi e pubblicazioni.

In questa occasione dialogheremo sul libro di Padre Andrea Tirelli “Con tutto l’amore che ho”. Il testo è uno spaccato di ordinaria vita di periferia con protagonisti due personaggi diametralmente opposti che scoprono la reciproca bellezza che li porterà a fondersi in un’unica storia.

Padre Andrea Tirelli, dopo il suo primo romanzo “Il Viaggio di ritorno” con le sue oltre 1600 copie vendute, ha raggiunto il suo obiettivo: dare inizio a “Ti presto Fiducia”, un prestito senza interessi con rate e scadenza concordate. Il fine ultimo del progetto è di stimolare comportamenti virtuosi in chi riconosce di aver ricevuto un beneficio attraverso il prestito. Per maggiori informazioni e per conoscere Padre Andrea Tirelli, vi aspettiamo al Museo.

Orari di apertura

 

Castello svevo angioino di Manfredonia                       Parco Archeologico di Siponto

21 settembre dalle ore 08:30 alle ore 23:00         21 settembre dalle ore 12:30 alle ore 21.30

(ultimo ingresso alle 22.00)                                       (ultimo ingresso alle 21:00)      

Pubblicato in Cultura

La promozione della bellezza del Gargano "corre veloce" sulle 4 ruote della Fiat 500. Nell'anno del 60°compleanno dell'auto simbolo del made in Italy, il “Fiat500 Club Italia - Coordinamento di Manfredonia" (con il sostegno anche di Agenzia del Turismo di Manfredonia, Comune di Manfredonia e la collaborazione del “Fiat500 Club Italia - Coordinamento di Foggia” e del il gruppo di Protezione Civile di S.M. 27) organizza la II^ edizione del "Tour del Gargano" (l'anno scorso fu dedicato alle auto e moto storiche) in programma domenica 23 settembre, confermandosi tra le realtà associative locali più attive ed incisive sulla valorizzazione del territorio.

Diverse decine di Fiat 500 - di ogni modello, colore ed "età", provenienti da tutto il Mezzogiorno d'Italia - sono pronte ad invadere festosamente le meravigliose e panoramiche strade del Gargano anche per celebrare il trentacinquesimo anniversario della fondazione del "Fiat500 Club Italia", con la partecipazione speciale del nutrito gruppo dei “Vespisti sipontini” a bordo di un altro intramontabile simbolo motoristico dell’Italia nel mondo. Una carovana guidata come sempre dal Fiduciario Matteo Cotrufo (cinquecentista doc), che la prossima domenica si snoderà lungo tutto il tratto costiero del Promontorio, famoso in tutto il mondo per le falesie a picco sul mare, grotte, calette e spiagge mozzafiato. Una scelta non casuale, se si pensa, che Vieste questa estate è stata scelta scenario di tutta la campagna pubblicitaria internazionale per il lancio della "Fiat 500 Spiaggina", nuova nata di casa Fiat.

Il "Tour del Gargano" partirà alle ore 8.30 da Manfredonia (Porto turistico "Marina del Gargano"; raduno ore 8) alla volta di Vieste (arrivo previsto al Porto alle ore 10.30). Successivamente, alle ore 11.30, il gruppo si muoverà verso Rodi Garganico (arrivo al Porto turistico ore 12) e, poi, alla volta di Peschici (arrivo alle 13.30). Dopo, il pranzo, alle ore 17 ripartenza verso Manfredonia, dove all'arrivo è previsto un aperitivo presso "La Roca" (località Acqua di Cristo). Un ultimo scampolo d'estate, da vivere sul Gargano in maniera inedita scorrazzando a bordo della mitica "Fiat 500".

PROGRAMMA DELLA GIORNATA:

* Raduno ore 8.00 presso Porto turistico Marina del Gargano

* Partenza ore 8.30 dal Porto verso Vieste

* Arrivo a Vieste previsto per le ore 10.30 / sosta statica

* Partenza da Vieste verso Rodi alle ore 11.30

* Arrivo a Rodi (zona Porto turistico) previsto per le ore 12.00

* Partenza da Rodi verso Peschici alle ore 13.00

* Arrivo a Peschici previsto per le ore 13.30

* Pranzo a Peschici presso il Ristorante “Pane e vino”

* Partenza da Peschici verso Manfredonia previsto per le ore 17.00

* Arrivo a Manfredonia previsto per le ore 18.00 presso “La Roca"


www.vistmanfredonia.it

Pubblicato in Manifestazioni

Nella mattinata di Domenica 9 settembre 2018, in una splendida giornata, nello scenario delle limpide acque del golfo di Manfredonia, sul percorso Manfredonia - Mattinata, l’imbarcazione “L’AMANTE ROSSA” dell’armatore Pietro Di Cesare, si è aggiudicata la 4^ edizione della regata DAUNIA CUP LIONS CHALLENGE TROPHY, e riconquistato il trofeo che avevano già vinto nella 3^ edizione.

 

Mentre nelle tre classifiche per categorie, si sono piazzati, e conquistato i relativi trofei:

Categoria “Crociera-Regata”: 1° “L’Amante Rossa“ di Pietro Di Cesare ;

2° “L’Ottavo peccato” di Francesco Manno ; 3° “Rats on fire” di Teseo Ranucci ;

Categoria “Gran Crociera”: 1° “Choerades” di Carlo Chiriaco ;

2° “Machi” di Angelo Dinarelli ; 3° “BeFirst” di Roberto Rocco D’Emilio ;

Categoria “Libera”: 1° “Giorgio I” di Vincenzo Lapomarda ;

2° “Dido & Gogo” di Luigi Simonelli; 3° “Pegaso” di Pazienza Semeraro.

 

La regata velica, che ha visto la partecipazione di 14 imbarcazioni, e che era inserita nel calendario ufficiale FIV Federazione Italiana Vela, zona VIII, Puglia, oltre che nel prestigioso circuito del GRANDE SLAM DEL GARGANO.

 L’ottima riuscita della manifestazione grazie al partner tecnico, la Lega Navale di Manfredonia, al coordinatore della regata, l’Ing. Salvatore Guglielmi del Lions Club “Manfredonia Host", in intesa con l’ideatore della stessa, il Dr. Alessandro D’Ambrosio del Lions Club “Foggia U. Giordano”.

 Il ricavato della regata, al netto delle spese sostenute, sarà devoluto in beneficenza alla LCIF Lions Club International Foundation ( http://www.lcif.org/IT ) per la realizzazione del service “Sight for Kids”, un programma che mobilita professionisti del settore oculistico e volontari per condurre screening della vista in scuole a basso reddito e offrire agli insegnanti formazione sulla salute degli occhi. A oggi 150.000 insegnanti formati da Sight for Kids hanno sottoposto a screening per l'ipovisione 24,1 milioni di bambini in tutto il mondo. Il programma ha fornito servizi gratuiti a 500.000 bambini.

Nella serata si è svolta la cerimonia di premiazione presso la bella sede della Lega Navale in Viale Miramare, con l’intervento dell’Ing. Pasquale Di Ciommo, Governatore Distretto 108AB (Puglia), dell’Ing. Salvatore Guglielmi, Presidente Circoscrizione A (FG-BAT), del Dr. Ernesto Paternostro, Presidente Zona 2, del Dr. Michele Roberti, Presidente Lions Club Manfredonia Host, dell’Avv. Mara Cerisano, Vice Presidente Lions Club Foggia U. Giordano, dell’Onorevole Antonio Tasso, dell’Assessore Giuseppe La Torre, per il Comune di Manfredonia, del Cap. di Fregata Luigi Spalluto, Vice Comandante Capitaneria di Porto di Manfredonia, dell’Arch. Dino D’Andrea, Presidente Lega Navale Manfredonia, e del Consigliere allo sport, Dr. Massimo Tringale.

 

http://www.regatedelgargano.it/daunia-cup/inforegata-dauniacup/

Pubblicato in Sport

Il prossimo week end, venerdì, sabato e domenica 21-22-23 settembre 2018, il Castello svevo angioino di Manfredonia e il Parco Archeologico Santa Maria Maggiore di Siponto saranno il contenitore di un ricco programma di iniziative: “Musei in Versi” e Giornate Europee del Patrimonio 2018 con il progetto “L’arte di condividere”. Un fine settimana dedicato agli incontri e ai dibattiti con la cittadinanza e con la comunità scolastica, di cui lo scopo sarà di costruire legami più stretti e significativi fra i luoghi della cultura e il territorio, la comunità, le associazioni e le genti che essi rappresentano.

 Venerdì sera dalle ore 20:00 in “Musei in Versi” sarà presentato il libro “Con tutto l’amore che ho”, autore Padre Andrea Tirelli. Il frate de-scrittore più che scrittore, come ama definirsi, alternando tempi di lavoro di parrocchia con la passione per la scrittura, pone la parola fine al suo secondo lavoro. Un romanzo fortemente influenzato dalla sua esperienza parrocchiale che, alternando ilarità a momenti di profonda commozione, racconta uno spaccato di ordinaria vita di periferia con protagonisti due personaggi diametralmente opposti che concedendosi la possibilità di conoscersi finiscono per scoprire la reciproca bellezza che li porterà a fondersi in un’unica storia. Il suo primo romanzo “Il Viaggio di ritorno”, con le sue oltre 1600 copie vendute, ha raggiunto l’obiettivo di aver dato inizio alla costituzione di un fondo di nano-credito a favore di soggetti non bancabili ormai noto come “Ti presto fiducia”, torna con la pubblicazione di questo nuovo romanzo.

Sabato mattina, Giornate Europee del Patrimonio 2018.

Le Giornate Europee del Patrimonio (GEP) sono una manifestazione promossa nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea. In Italia vi aderiscono i luoghi della cultura statali, i musei civici, gallerie, fondazioni e associazioni. l tema dell’edizione 2018 “L’Arte di condividere” (The Art of Sharing) riprende e sviluppa quello promosso da ICOM per la Giornata internazionale dei musei 2018 e adottato dal Ministero per i beni e le attività culturali in occasione della Festa dei Musei, nell’ottica di costruire legami più stretti e significativi fra i luoghi della cultura e i territori, le comunità, le associazioni e le genti che essi rappresentano. Quest’anno, il Museo Nazionale di Manfredonia ed il Parco Archeologico di Siponto, facente parte del MiBAC - Polo Museale della Puglia, focalizzano l’interesse sull’importanza dell’insegnamento e dell’associazionismo come opere essenziali nell’arte della condivisione, dedicando queste giornate alla memoria del segretario dell’Associazione di volontariato “Alternativa Arte” e docente di storia dell’arte, Arturo Claudio Girardi.

A partire dalle ore 9:00, appuntamento presso la sala “Torre Annunziata” del Castello dove il Direttore del Museo, Alfredo de Biase, aprirà la giornata con i saluti istituzionali.

Dalle ore 10.00 alle ore 11.00, i relatori Lorenzo Attanasio, Responsabile S.C.N. per il Museo, Michela Serafino e Loredana Mondelli, volontarie S.C.N. presenteranno i progetti realizzati nel Castello di Manfredonia durante l’anno 2017/2018 con la collaborazione del Servizio Civile Nazionale.

Dalle ore 11:00 alle ore 11:30, Nino Passiante, Presidente di Italia Nostra – Sez. Foggia, presenterà il lavoro svolto durante quest’anno dall’Associazione.

Dalle ore 11.30 alle 13.:00, Arturo Claudio Girardi, Docente di storia dell’arte e segretario dell’Associazione “Alternativa Arte”, argomenterà sul tema dell’associazionismo come opera essenziale dell’arte attraverso le testimonianze della Prof.ssa Piera Fattibene, Dirigente Liceo Scientifico “G.Marconi” – Foggia; della Prof.ssa Roberta Cassano, Dirigente I.I.S.S. “Giannone-Masi” –

Foggia; di Aldo Bruno, Presidente Centro Servizi Volontariato della Provincia di Foggia e del resto dei colleghi e membri appartenente ad “Alternativa Arte”.

 

 

 

Castello svevo angioino di Manfredonia Parco Archeologico di Siponto

 

21 settembre dalle ore 08:30 alle ore 23:00 21 settembre dalle ore 12:30 alle ore 21.30

(ultimo ingresso alle 22.00) (ultimo ingresso alle 21:00)

 

22 settembre dalle ore 9:00 alle ore 23:00 22 settembre dalle ore 08:30 alle ore 24:30

(ultimo ingresso alle 22.00) (ultimo ingresso alle 23:30)

 

23 settembre dalle ore 10:00 alle ore 20:00 23 settembre dalle ore 8:30 alle ore 21:30

(ultimo ingresso alle 19:00) (ultimo ingresso alle 21:00)

Museo Nazionale Archeologico Castello di Manfredonia - Corso Manfredi - (FG) - CAP. 71043

tel. +39.0884.587838

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Parco Archeologico Santa Maria Maggiore di Siponto - Via Giuseppe di Vittorio (FG) - CAP.71040

tel. +39.331.9137971

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo Nazionale Archeologico di Manfredonia e Parco Archeologico di Siponto

Pubblicato in Cultura

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005