Dal Comune di Manfredonia sono state approvate le misure dell’imposta di soggiorno per persona e per pernottamento, tenuto conto delle classificazioni stabilite dalla normativa vigente e precisamente:

TARIFFA PER PERSONA PER OGNI PERNOTTAMENTO

Alberghi 4 stelle € 2,00

Alberghi 3 stelle € 1,80

Alberghi 2 stelle e 1 stella - Affittacamere €1,50 e Bed & breakfast € 1,50

Residenze Turistico Alberghiere - Country house - Agriturismi – Ostelli – case vacenze – campeggi e villaggi turistici € 1,00

Pubblicato in Turismo

L’Ambito Territoriale dei Comuni di Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Mattinata e Zapponeta rende noto che sarà attivato il servizio di Telesoccorso/Teleassistenza, rivolto agli anziani e a coloro i quali sono in condizione di non autosufficienza. Il Telesoccorso è un servizio, attivo 24 ore su 24, che prevede la fornitura, a domicilio, di un’apparecchiatura, collegata alla Centrale operativa attraverso la linea telefonica fissa, in grado di trasmettere il segnale di allarme e consentire la comunicazione tra gli operatori addetti e l’utente. La segnalazione dell’allarme avviene schiacciando un pulsante di un piccolo telecomando, in dotazione dell’utente, di facile e pratico utilizzo. La domanda per accedere al servizio, a firma dell’interessato o suo familiare, compilata su apposito modulo disponibile presso gli uffici di Segretariato Sociale dislocati in ogni Comune dell'Ambito, dovrà essere presentata entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 29 ottobre 2018.

Pubblicato in Sanità

Storia, cultura e passione. E' condensato negli elementi della sua denominazione, il significato della manifestazione in cui, a Manfredonia, vengono coniugate (per la seconda volta in meno di un mese) la promozione turistica con l'amore per le auto d'epoca.

Domenica 21 ottobre il "Club X1\9 Italia", rappresentato in veste di organizzatori da Pasquale e Daniela Mercaldi di Foggia - con la collaborazione del Comune di Manfredonia, dell'Agenzia del Turismo, delle Associazioni "Club auto e moto storiche sipontino " e "Vespisti Sipontini" - propone un evento dal forte appeal promozionale del territorio di Manfredonia con una prospettiva accattivante: quella di un viaggio slow a bordo di auto d'epoca tra le bellezze ed il patrimonio storico-artistico-culturale, a cui prenderanno parte una trentina di equipaggi provenienti da Campania, Abruzzo, Umbria, Lazio e tutta la Puglia.

Una manifestazione nazionale - giunta alla sua 14^ edizione - che è molto più di una semplice gita fuori porta d'inizio autunno e di un nutrito e qualificato raduno di appassionati. I partecipanti saranno guidati alla scoperta di tesori quali l'Abbazia di San Leonardo, gli Ipogei Capparelli ed il Parco archeologico di Siponto, oltre che del "Marina del Gargano" (luogo di partenza del tour) e delle immancabili tipicità dell'enogastronomia locale.

Un'ennesima occasione che conferma la predisposizione di Manfredonia ad essere attrattiva ed accogliente durante tutto l'arco dell'anno e del crescente interesse turistico da parte di nuovi target di ospiti. Per i residenti, l'opportunità di ammirare da vicino auto (di pregevole livello estetico) che hanno fatto la storia del made in Italy famoso in tutto il mondo e salutare l'allegra carovana che attraverserà festosamente la città.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

ore 8.30 incontro c/o Porto Turistico "Marina del Gargano"

ore 9.30 partenza per Abbazia di San Leonardo            

ore 11 partenza per Ipogei Capparelli

ore 12.30 partenza per Basilica di Siponto

a seguire pranzo conviviale c\o "Ristorante Reginella" -"Marina del Gargano"

Pubblicato in Manifestazioni

La Triennale di Milano in collaborazione con il MiBACT, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, ha bandito la sesta edizione del Premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana, evento con cadenza triennale che intende promuovere e riflettere sulle nuove e più interessanti opere e sui protagonisti che le hanno rese possibili. La Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana punta alla promozione pubblica dell’architettura contemporanea come costruttrice di qualità ambientale e civile, e insieme guarda all’architettura come prodotto di un dialogo vitale tra progettista, committenza e impresa. Il progetto realizzato nel Parco archeologico Santa Maria di Siponto (Manfredonia), facente parte del Polo Museale della Puglia, “Dove l’arte ricostruisce il tempo” di Edoardo Tresoldi è stato selezionato come vincitore del Premio Speciale alla Committenza per il Premio Medaglia d’Oro all’architettura Italiana 2018 della Triennale di Milano.

Pubblicato in Cultura

MuseiinVersi” è lo spazio del Museo dedicato alla presentazione e alla conversazione su tesi e pubblicazioni. Un nuovo spazio finalizzato ad aprire ulteriormente il museo al territorio ed alla comunità e dove far percepire l’INVERSA visione dell’istituzione MUSEO, non più luogo dove ammirare, in religioso silenzio e in ambiente stantio, solo opere d’arte ben conservate. Con questa operazione si vuole avvicinare il fruitore ad una piattaforma dalla quale emerga una caleidoscopica e inebriante mescolanza di sensazioni ed emozioni tali da produrre nel visitatore interesse, piacere e stimoli creativi capaci di alimentarsi e svilupparsi in un ambiente culturalmente dinamico e brioso

In questa occasione dialogheremo sul testo del filosofo Michele Illiceto “Padri, madri e figli nella società liquida – Antropologia dei legami familiari” edito da Andrea Pacilli. Il testo indica la strada per uscire dalla crisi della genitorialità che è anche crisi di adultità. Rivisitando la figura della madre come colei che lascia il figlio senza trattenerlo, e del padre come colui che lo lascia andare via senza smettere di amarlo, l’autore presenta il figlio come dono e sorpresa. Ma tutto ciò esige adulti che sappiano essere custodi e mai padroni.

Il prof. Michele Illiceto, autore di diverse pubblicazioni, è docente di storia della Filosofia moderna e contemporanea presso la facoltà Teologica Pugliese di Bari e presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Giovanni Paolo II” di Foggia ed insegna presso il Liceo Classico “A. Moro” di Manfredonia.

Saranno presenti l'autore del libro, Michele Illiceto, che dialogherà con il nuovo primario di Neuropsichiatria Infantile degli Ospedali Riuniti di Foggia, Anna Nunzia Polito, il direttore del Museo Nazionale, Alfredo de Biase, i giornalisti ed il pubblico presente in sala.   Vi aspettiamo al Museo.

Ingresso libero.

Orari di apertura

Castello svevo angioino di Manfredonia                                       Parco Archeologico di Siponto

12 ottobre dalle ore 08:30 alle ore 23:00                                         dalle ore 9:00 alle ore 18.00

(ultimo ingresso alle 22.00)                                                              (ultimo ingresso alle 17:30)      

Pubblicato in Cultura

 Il Miele di Fiori di Ferula di “Mieli Papagna” di Manfredonia, conquista un prestigioso riconoscimento al Concorso Nazionale “Grandi Mieli d’Italia “. La storica azienda apistica “Mieli Papagna” ha conseguito il premio di “Due Gocce d’Oro” al Concorso Nazionale “Grandi Mieli d’Italia Tre Gocce d’Oro 2018” promosso dall’Osservatorio Nazionale Miele, che per la prima volta ha attribuito un riconoscimento così elevato a questa varietà di miele, classificatosi oggi tra i migliori d’Italia.

Pubblicato in Ambiente

L’educazione alimentare dei bambini è il primo passo fondamentale per la prevenzione e la cura di malattie e per contribuire al mantenimento di un ottimale stato di salute in età adulta. Il progetto "Crescere sani con gusto", realizzato dall'Agenzia del Turismo in collaborazione con il Centro Commerciale Gargano e con il patrocinio del Comune di Manfredonia,  vedrà coinvolti gli alunni della città di età compresa tra gli 8 e gli 11 anni per approfondire i principi dell’educazione alimentare.

 "Il progetto - spiega il presidente dell'Agenzia del Turismo Saverio Mazzone - si pone come obiettivo quello di far conoscere ai bambini l’importanza dell’alimentazione, sviluppando un comportamento responsabile nella scelta dei cibi. E, in questa edizione, sarà riservata un’attenzione particolare ai prodotti locali, coerentemente con gli obiettivi dell’Agenzia, sempre tesa alla promozione del territorio".

 A tutti gli istituti comprensivi di Manfredonia è stato diramato un invito per trascorrere una mattina tra il 22 ottobre ed il 16 novembre presso il Centro Commerciale Gargano dove le hostess coinvolgeranno i bimbi in attività ludiche, mentre la dottoressa Sara Delle Rose, specializzata in igiene e sicurezza alimentare, educherà i bambini a leggere le etichette dei prodotti e ad individuare i cibi genuini. 

Presso il centro commerciale i piccoli alunni troveranno, inoltre, una riproduzione tridimensionale della 'piramide alimentare' che insegna cosa e in che quantità mangiare per un’alimentazione bilanciata e sana.

 A tutti gli scolari sarà fornito come strumento di lavoro un opuscolo, i cui contenuti sono curati dalla giornalista Maria Teresa Valente che già nel 2008 e nel 2009 aveva realizzato il progetto 'Crescere sani con gusto' con il quotidiano d'informazione locale Manfredonia.net. L'opuscolo sarà la base da cui i bambini potranno partire per sviluppare, con insegnanti e genitori, un percorso che li conduca verso l’acquisizione di un atteggiamento più consapevole e responsabile nei confronti dell’alimentazione.

"Sono felice che il centro possa ospitare i bambini per un progetto in cui credo molto, perché sono convinto che salute ed alimentazione siano un binomio inscindibile", è il commento di Claudio Casalino, direttore del Centro Commerciale Gargano.

L’importanza dell’educazione alimentare è stata evidenziata anche dalla riforma dell'istruzione scolastica del 2015 che prevede appunto che gli insegnanti indirizzino gli studenti, e per mezzo di essi le famiglie, allo sviluppo di comportamenti ispirati ad uno stile di vita sano, con particolare riferimento all’alimentazione.

 "Un progetto che pone le basi per un approccio più corretto nei confronti dell'alimentazione, perché, come si dice, 'la salute vien mangiando'", spiega il sindaco Angelo Riccardi che si è detto lieto dell'iniziativa e sicuro che possa portare risultati interessanti.

Pubblicato in Società

Una ta­sk force per accelerare le pro­cedure di liquidazione delle pratiche del fermo pesca tem­poraneo obbligatorio. L’obiet­tivo è quello di assicurare entro la fine di novembre la liquidazione delle pratiche re­lative al 2016, per poi pro­cedere con l’adozione della graduatoria e iniziare i pa­gamenti dell’arresto tempo­raneo del 2017. Ad annunciare la task force costituita dalla Direzione generale della pesca marittima e dell’acquacoltura, in colla­borazione con il Reparto pe­sca marittima del Corpo delle Capitanerie di Porto, è il mi­nistro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del tu­rismo Gian Marco Centi­naio. «Non possiamo che espri­mere tutta la nostra soddi­sfazione per questo cambio di rotta in confronto al passato mirato a dare risposte con­crete ed efficaci, in tempi im­mediati - commenta il de­putato pugliese Giuseppe L’Abbate, esponente M5S del­la Commissione agricoltura della Camera Condividia­mo anche la decisione di chie­dere garanzie per il budget complessivo previsto nel Fon­do europeo per gli affari ma­rittimi e della pesca. Nel frat­tempo, in sede parlamentare, è nostra intenzione iniziare presto il percorso della mia proposta di legge per il rior­dino e la semplificazione nor­mativa del settore ittico e in materia di politiche sociali nel settore della pesca pro­fessionale. Disposizioni che si arenarono nella scorsa Le­gislatura trovando il favore di un solo ramo del Parlamento e che - conclude L’Abbate - gli operatori attendono da tempo affinché si ridia slan­cio alla pesca italiana».

Pubblicato in Economia

Sabato scorso, in una bella giornata settembrina, a Manfredonia, Il Governatore del Distretto 108AB (Puglia) LIONS International, l’Ing. Pasquale Di Ciommo, accompagnato dal suo staff e dall’Ing. Salvatore Guglielmi, Presidente Circoscrizione A (FG-BAT), ha visitato ufficialmente i Clubs del Gargano.

In questa occasione, i direttivi dei Club hanno presentato il lavoro svolto e quello che intendono realizzare nell’anno sociale in corso.

Sono stati accolti nella splendida cornice del Regio Hotel Manfredi, i Presidenti con tutto il direttivo, dei Club di San Severo, Lucera, San Marco in Lamis, per la Zona 1, ed i Clubs: San Giovanni Rotondo Host, Gargano S. Giovanni R., Manfredonia Host, Manfredonia Sipontum, per la zona 2, con il Presidente, Ernesto Paternostro.

Il Governatore, nel corso della sua visita, ha evidenziato la necessità di continuare a impegnarsi per le problematiche civiche, sociali e territoriali. Più volte il  Governatore ha sostenuto che laddove c’è una bisogno lì devono esserci i Lions.

Rilevanti sono le sfide che i Lions hanno abbracciato attraverso la realizzazione di opere di servizio: quelle nella prevenzione del diabete, dell’udito, della vista, nella raccolta degli occhiali usati, servizio cani guida, per combattere la fame nel mondo, per l’ambiente, per i diversamente abili, nella prevenzione delle malattie oncologiche, in particolare nell’informazione dei giovani con il Progetto Martina, in tema di sicurezza stradale, e nei campi e scambi giovanili internazionali.

Questi sono solo alcuni dei campi dove dal 1917 intervengono i Lions, che nel mondo ammontano ad oltre 1.400.000 soci, distribuiti in oltre 46.000 club in 200 paesi.

Pubblicato in Società

‘Un’impresa per A.M.I.C.A.’ è risultato aggiudicatario di finanziamento nel bando regionale di antimafia sociale.   “Abbiamo vissuto in trepidante attesa la conferma di questa vittoria e la convocazione per la sottoscrizione dell’atto unilaterale d’obbligo che, finalmente, ci permetterà di procedere all’esecuzione dei lavori di Villa Rossana”. L’assessora alle Politiche sociali della Città di Manfredonia, Noemi Frattarolo, commenta così il progetto risultato aggiudicatario del finanziamento di 437.025 euro, per il bando regionale triennale ‘Cantieri innovativi di antimafia sociale: educazione alla cittadinanza e miglioramento del tessuto urbano’. ‘Un’impresa per A.M.I.C.A.’, il nome del progetto, ha visto coinvolti una quarantina di soggetti del territorio, tra enti ed associazioni, uniti nell’ATS ‘Daunia è Puglia’: i Comuni di Manfredonia, Mattinata, Zapponeta, Foggia, Stornara, Stornarella, Orta Nova, il team di Coworking Smart Lab, Mac Academy, associazione Solidarietà e Sorriso di Zapponeta, Fare ambiente  di Foggia, Dauniatur, il Circolo ARCI ‘Travel’ di Stornara, l’ENAC Puglia e l’associazione Angeli. Il progetto vedrà il coinvolgimento di tutto il tessuto socio-economico locale, al fine di diffondere iniziative di sensibilizzazione e di educazione all’antimafia sociale, ponendo l’accento su temi fondamentali quali la legalità e lo sviluppo sostenibile di tutto il territorio. “Una risposta concreta al bisogno sociale ed educativo della Capitanata: terra che, purtroppo, continua a pagare a caro prezzo l’imperversare di mentalità ed atteggiamenti criminosi”, ha detto il sindaco Angelo Riccardi. “Villa Rossana diventerà anche un laboratorio di formazione alla cittadinanza attiva per tutti quanti noi. E’ un risultato importante, ottenuto per il prezioso lavoro svolto dal settore delle Politiche sociali del nostro Comune, guidato dall’assessora Noemi Frattarolo, alla quale va il mio più sincero ringraziamento per l’impegno profuso”. Facciamo qualche passo indietro nel tempo e ricordiamo che Villa Rossana è una villa bifamiliare a uso residenziale, con annessa area di pertinenza, sita a Siponto, che era stata sottoposta a confisca con un decreto emesso dal Tribunale di Foggia il 17 ottobre 2003, confermato poi dalla Corte d’Appello di Bari nel 2006 e divenuto irrevocabile il 15 maggio 2007, “perché appartenente a un clan potente come i Trisciuoglio”, spiegò l’allora procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso. Il 15 giugno 2011, il procuratore della Repubblica, Antonio Laudati, rivolse istanza al sindaco di Manfredonia affinché il bene fosse concesso in uso alla Direzione Distrettuale Antimafia. “La villa bifamiliare, infatti, dopo le necessarie opere di ristrutturazione e adeguamento alle esigenze di un ufficio giudiziario, può rappresentare la giusta soluzione per istituire una sede distaccata della DDA di Bari, che ha competenza anche sul territorio foggiano. E ciò al fine di contrastare con maggiore incisività il grave fenomeno di stampo mafioso che da tempo affligge questa terra”, disse Laudati. Passò del tempo e, invece, giunse una comunicazione delle forze dell’ordine: la villa non offriva la necessaria sicurezza e, pertanto, non vi erano le condizioni per l’insediamento della Direzione Distrettuale Antimafia. Tornando al giorno d’oggi, non si può fare a meno di notare che in un panorama spesso competitivo, come è quello dell’antimafia, dove alcune realtà si individualizzano e lavorano separatamente su obiettivi che dovrebbero essere comuni, spicca quanto è avvenuto, invece, a Manfredonia. “Ci siamo uniti tutti in un unico progetto, mettendo a disposizione per le attività ‘Villa Rossana’ che ora rifiorirà dal degrado urbano e culturale, diventando avamposto di legalità, cittadinanza attiva e polo di sviluppo compatibile per giovani energie locali, come già dimostrato nella fase progettuale”, aggiunge il sindaco Riccardi. La confisca dei beni e la loro restituzione alla comunità è considerata uno strumento fondamentale di lotta alle mafie poiché mira a indebolirle privandole di beni e mezzi di produzione, ma anche a favorire la cultura della legalità e della partecipazione nelle comunità che si riappropriano di questi beni. L’Italia ha certamente problemi di mafia, ma possiamo anche dire di essere il paese dell’antimafia. Il nostro fiore all’occhiello è la pratica dell’antimafia sociale o dei diritti: quella che paga in termini di lavoro e recupero di dignità, che materializza la legalità come vantaggio, che si affianca all’antimafia della repressione e della cultura, creando così un triplice fronte di contrasto, ben più efficace della semplice ‘delega’ a forze dell’ordine e magistratura. L’antimafia sociale o dei diritti nasce con la legge 7 marzo 1996 n. 109 sulla gestione e destinazioni dei beni confiscati ai mafiosi. Una legge che ha segnato una decisiva svolta nell’ordinamento italiano, nata grazie a don Luigi Ciotti che aveva ragionato su una ‘bestemmia’: la mafia dà lavoro. Falso, eppure tanti ci credevano. La situazione venne ribaltata con la legge 109/96: i beni confiscati ai mafiosi sono destinati ad attività socialmente utili. Cioè restituiti alla collettività cui la mafia li ha rapinati, così che la collettività possa trarne profitti sociali. Ed ecco che i terreni agricoli che erano dei mafiosi sono lavorati da cooperative di giovani, per esempio, che producono vino-olio-pasta e via elencando; ma soprattutto iniziative economiche e lavoro. Sta qui il significato profondo della legge: fare dell’antimafia una legalità che conviene, che restituisce quel che la mafia ha ‘mal-tolto’. La battaglia contro le organizzazioni criminali non può essere demandata soltanto agli ‘addetti ai lavori’, ma deve potersi sviluppare  in un movimento di antimafia sociale, che coinvolga cittadini, imprese sane, mondo della cultura e delle professioni e le organizzazioni di categoria, proprio come sta avvenendo a Manfredonia, per Villa Rossana. La legalità non è soltanto questione di ‘guardie e ladri’, ma è un concetto e una pratica che deve, invece, saper coinvolgere chi prima restava alla finestra, se non peggio. ‘Un’impresa per A.M.I.C.A.’ sarà presentato, nei dettagli, nei prossimi giorni.

Pubblicato in Società
Pagina 1 di 21

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005