Silvestri gas

Il programma della sua entrata in diocesi:

  • Presso l’antica basilica di s. Maria di Siponto il nuovo Arcivescovo sarà accolto dal Capitolo della Cattedrale di Manfredonia, da quello della Concattedrale di Vieste e dal Sindaco di Manfredonia. Seguirà un momento riservato di preghiera dinanzi all’immagine della Vergine di Siponto.
  • Intorno alle 15,30, l’Arcivescovo giungerà a Manfredonia in piazza Marconi e quindi percorrerà a piedi corso Manfredi fino alla piazzetta antistante la chiesa parrocchiale del Carmine ove riceverà il saluto dei giovani dell’Arcidiocesi. Poi, raggiungerà il Palazzo di Città ove riceverà il saluto delle Autorità Civili e Militari del Territorio.
  • Alle 16,45 dalla chiesa di s. Domenico si snoderà la processione di vescovi, clero, autorità e popolo, verso la chiesa Cattedrale.
  • Alle 17,00 in Cattedrale, alla presenza del clero e delle autorità si svolgerà il rito di presa di possesso della cattedra episcopale dell’Arcidiocesi con la lettura della Bolla Pontificia di nomina di padre Franco Moscone ad Arcivescovo di Manfredonia-Vieste-S.Giovanni Rotondo.
  • Seguirà la Concelebrazione eucaristica in piazza papa Giovanni XXIII.Nei giorni successivi sono state programmate anche le seguenti Prime Visite alle seguenti Comunità del nostro Gargano:

Domenica 27 gennaio 2019 alla comunità di VIESTE

– Alle 16,30 l’Arcivescovo sarà accolto in piazza s. Maria delle Grazie dal Capitolo della Concattedrale, dal Clero e dalle Autorità e riceverà il saluto del Delegato “ad omnia” per il Vicariato di Vieste e del Sindaco di Vieste. Quindi si snoderà un corteo che accompagnerà l’Arcivescovo in Concattedrale, ove alle 17,00 circa, ci sarà la concelebrazione eucaristica.

Sabato 2 febbraio 2019 alla comunità di S. GIOVANNI ROTONDO

  • A partire dalle ore 10,00 l’Arcivescovo visiterà l’Ospedale Casa Sollievo dellaSofferenza ove riceverà i saluti del Direttore generale dell’Opera di s. Pio, del Segretario generale dei Gruppi di Preghiera e dei dipendenti dell’Opera.
  • Alle 16,45, l’Arcivescovo sarà accolto in piazza P. Pio da clero, autorità, consacrati e riceverà i saluti del Delegato per la Vicaria Foranea e del Sindaco di S. Giovanni Rotondo.
  • Alle 17,15, l’Arcivescovo sosterà in preghiera nella chiesa matrice s. Leonardo abate, dinanzi alla statua del s. patrono, s. Giovanni Battista.
  • Alle 18,00, nel santuario s. Maria delle Grazie ci sarà la Concelebrazione eucaristica.Domenica 3 febbraio 2019: Basilica-Santuario “s. Michele Arcangelo” – Comunità di MONTE SANT’ANGELO

Alle 10,30, l’Arcivescovo presiederà la concelebrazione eucaristica nella basilica santuario di

Pubblicato in Società

”Carissimo Dr. Piazzolla, ho letto la sua deliberazione n. 1906 del 28 dicembre 2018 ad oggetto: Realizzazione Programma Operativo per la riorganizzazione della Rete dei Laboratori Analisi dell’ASL FG.

Non me ne voglia, non ce l’ho direttamente con Lei perche’ sono comunque delle direttive regionali, anche se Lei personalmente qualcosa poteva anche migliorare.

La delibera inizia con l’elenco delle varie leggi tra cui, la prima citata, e’ la legge della grande Riforma Sanitaria, la 833 del 23 dicembre 1978. Si’ la legge tra le piu’ importanti del nostro Stato dal dopoguerra ad oggi, realizzata dopo decenni di confronti politici e sociali, proposte innovative, di approfondimenti, ecc… e frutto di una mediazione consapevole delle varie parti politiche. L’ha citata anche il nostro Capo dello Stato, Sergio Mattarella giorni fa.

Io ero gia’ in servizio da 7 anni e l’ho accolta con grande entusiasmo. Una legge invidiata da tutti gli altri paesi, anche europei, che assicurava l’assistenza in  modo universale e completa a tutti i cittadini presenti sul nostro territorio. Poi man mano che il livello politico e’ sceso di qualita’ si sono susseguite altre leggi che hanno azzoppato questa grande riforma fino ad arrivare ai giorni d’oggi dove dilettanti tecnici si ispirano come ho detto altre volte ad algoritmi di risparmio senza pero’ applicare gli algoritmi di controllo che evidenzierebbero la non riuscita del  risparmio, ma solo danni ai cittadini.

Veniamo al dunque. Saltando alcune analisi arriviamo alla cosiddetta riorganizzazione (??) riportando i dati forniti dall’Azienda:

Situazione attuale per quanto riguarda i Laboratori Analisi:

  • Ospedale S.Camillo de Lellis di Manfredonia   32.485 prestazioni
  • Ospedale Maselli di San Severo 939 prestazioni
  • Ospedale Tatarella di Cerignola 596 prestazioni
  • Ospedale Lastaria di Lucera 630 prestazioni.

Poi vengono elencati altri punti-prelievo relativi ai Poliambulatori.

Nella riorganizzazione e’  previsto che presso il Laboratorio dell’Ospedale di Manfredonia dovranno affluire i prelievi di:

Monte S.Angelo: dal lunedi al sabato e solo due giorni la settimana per: Mattinata, Zapponeta, Vieste, Rignano Garganico, San Marco in Lamis, S.Giovanni Rotondo.

Questo solo per l’Ospedale di Manfredonia.

Non parliamo della disastrosa situazione degli altri paesini del sub-appennino dauno che avrebbero la possibilita’ (si par dire) di effettuare i prelievi una sola volta la settimana o tranne qualche eccezione due volte la settimana. Gli altri giorni dovrebbero trovarsi altre strade (quelle private naturalmente). E non parliamo dei giorni occorrenti per le risposte degli esami.

Ma un cittadino di San Giovanni Rotondo, di San Marco in Lamis, di Rignano non farebbe prima a rivolgersi alla Casa Sollievo di San Giovanni Rotondo a cui poi dovremo pagare le prestazioni? (mobilita’ passiva).

I cittadini dei paesi del sub-appennino dauno  non farebbero prima a rivolgersi a strutture private in loco? (altra spesa in mobilita’ passiva).

Ora mi dica Dr. Piazzolla, se Lei fosse un cittadino di Vieste, di Rignano, Garganico, di San Marco, di Volturino, di San Marco La Catola, di Motta Montercorvino ecc..cosa penserebbe?

Che questa riorganizzazione, a livello sanitario, anche se non e’ colpa sua, e’ certamente una vera e propria….idiozia

E poi, l’altra magnifica mossa: spostare una unita’ dal Laboratorio Analisi di Manfredonia, laboratorio che da solo lavora quanto gli altri tre Ospedali messi insieme.

Ma la cosa che mi addolora piu’ di tutto e’ il silenzio dei sindaci di questi piccoli centri urbani che gia’ devono sopportare molti piu’ sacrifici rispetto a quelli dei grossi centri.

Cari sindaci, voi rappresentante i vostri cittadini, siete  per legge i responsabili dell’aspetto sanitario nei vostri centri, avete non il diritto, avete l’obbligo di lottare contro tutte queste ingiustizie.

La saluto Direttore e ci sentiamo alla prossima novita’”.

 

Manfredonia, 9.1.2019

Dr. Michele Troiano

statoquotidiano.it

Pubblicato in Sanità

Mozart aiuta i pomodori a crescere meglio. Beethoven non tanto. E i Beatles fanno bene a melanzane e zucchine, e a dire il vero anche al vino. Parola di Peppe Vessicchio, musicista e arrangiatore, celebre per le direzioni d’orchestra a Sanremo, che lontano dai riflettori si dedica allo studio delle relazioni tra la musica e la crescita delle piante. Un argomento che Vessicchio porterà in scena al Teatro “Dalla” venerdì 11 gennaio, all’interno di “Peso Piuma”, la stagione di prosa 2018/19 della Città di Manfredonia, organizzata dal Comune e dal Teatro Pubblico Pugliese in collaborazione con la compagnia Bottega degli Apocrifi.
Il Maestro Vessicchio porterà in scena lo spettacolo-concerto “La musica fa crescere i pomodori” tratto dal suo primo libro, un saggio pop in cui ripercorre la propria vita all’insegna della musica ed esplora il connubio tra armonia e natura.

Pubblicato in Spettacolo

Il nuovo anno ha portato un bellissimo regalo ai cani di quartiere che da anni vivono presso il centro commerciale Gargano. Grazie infatti, alle volontarie che li accudiscono, ad ENPA Manfredonia che le ha donate e grazie al direttore del centro commerciale  Gargano che ne ha autorizzato il posizionamento, i cani potranno ripararsi dal freddo nelle calde ed accoglienti cucce. Anche  gli abitanti di Manfredonia hanno fatto la loro parte mettendo nelle cucce coperte calde per questi giorni di gelo  "Un grande segno di civiltà e rispetto che dovrebbe essere imitato" afferma Beatrice Buo una delle volontarie che ha promosso l'iniziativa e rappresentante del Coordinamento Provinciale delle associazioni animaliste della provincia di Foggia. Le quattro mascotte del centro commerciale ora, dopo aver svolto tutto il giorno scodinzolando il loro compito di accoglienza ai clienti del centro,  potranno dormire al caldo sereni.

Pubblicato in Ambiente

L’impegno annunciato lo scorso ottobre dal ministro del­le Politiche Agricole Gian Mar­co Centinaio continua a dare i suoi frutti. Con l’istituzio­ne della task force, infatti, si è provveduto ad accelerare le procedure di liquidazione delle pratiche del fermo pesca temporaneo obbligatorio. La task force, costituita dalla Direzio­ne generale della pesca marit­tima e dell’acquacoltura, in col­laborazione con il Reparto Pe­sca Marittima del Corpo delle Capitanerie di Porto, dopo aver esaurito le pratiche relative al 2016, ha iniziato l’esame e la liquidazione dei pagamen­ti dell’arresto temporaneo del 2017. Giungono così in Puglia altri 653.630 euro suddivisi tra i compartimenti marittimi di Manfredonia, Barletta e Bari. La fetta più grande del finan­ziamento del Mipaaft appro­da nel sipontino dove sono in­teressate ben 145 imbarcazio­ni per un totale di 368.401 euro (con una media di 2.540 euro); segue il capoluogo pugliese con 252.879 euro per 81 imbarca­zioni (3.122 euro per ognuna) e, infine, Barletta con 18 im­barcazioni e 32.350 euro (1.797 euro ad imbarcazione). “L’inversione di rotta del Governo Conte rispetto agli Esecutivi precedenti sul comparto pesca è indiscutibi­le - commenta il deputato pu­gliese Giuseppe L’Abbate, espo­nente M5S della Commissione Agricoltura alla Camera - Ogni annuncio per il settore prima­rio è seguito da fatti concre­ti con una collaborazione pro­ficua tra Parlamento e Consi­glio dei Ministri che ha già portato al successo del fermo pe­sca non obbligatorio con uno stanziamento di ben 16 milioni di euro: una misura mai attua­ta in passato, quando si sono addirittura persi occasioni e fondi. Al contempo - prosegue L’Abbate (M5S) - la task for­ce messa in piedi dal ministro Centinaio ha fatto sì che si sia presto esaurita la graduato­ria relativa al fermo biologico 2016 con cui sono giunti in Puglia complessivamente 1,3 mi­lioni di euro. Ora altri 650mila euro circa di acconto sul 2017, dando un cambio di rotta de­terminante con l’andazzo degli scorsi anni.

Pubblicato in Economia

E' proprio vero che il Natale con la sua magica at­mosfera fa avverare i desideri di tutti, grandi e piccini. Così capita che durante le immi­nenti festività, il mito indi­scusso di diverse generazioni celebri il suo settantesimo compleanno a Manfredonia. Oggi dalle ore 18, infatti, il leggendario Tex dei fumetti si materializza in carne ed ossa, grazie ad un imperdibile even­to organizzato (presso la pro­pria sede) dal makerspace "Or­to Urbano" in collaborazione con l'Agenzia del Turismo di Manfredonia e La Magna Ca­pitana - Biblioteca provinciale di Foggia. Ma, perché proprio la città del Golfo? Il trait d'union è Pasquale del Vecchio, attual­mente tra i più noti fumettisti a livello nazionale, nato a Manfredonia nel 1965 e dal 2005 membro della squadra di disegnatori di Tex. Del Vec­chio si è diplomato al Liceo Scientifico Galileo Galilei e laureato in Architettura al Po­litecnico di Milano. Attualmente insegna presso l'ACME Academy of Fine Arts di Milano. L'evento di Manfredonia si caratterizza per due momenti: il primo (ore 18) è un workshop "operativo" con aspiranti illustratori ed ap­passionati fumettisti (a nu­mero chiuso) per carpire i segreti del mestiere e passare anche qualche ora di svago; il secondo (ore 19.30, con ingres­so libero) è un incontro con Del Vecchio, il quale dialo­gherà con Francesca Capone (La Magna Capitana - Biblioteca provinciale di Foggia) e Saverio Mazzone (Ammini­stratore Unico dell'Agenzia del Turismo di Manfredonia). Al termine sketch e firma- copie. Per info e prenotazioni: Orto Urbano - Piazza San Ca­millo, 18 Manfredonia 0884.535319 - info@ortourba- no.net

Pubblicato in Cultura

Domenica 16 dicembre alle ore 10:30 nelle corti del Castello di Manfredonia saranno presentate alla stampa e al pubblico alcune sculture dell’artista sardo Giuseppe Carta, originario di Banari (Sassari), pittore virtuoso che passa con la medesima maestria dalla natura morta al ritratto, abile scultore già coinvolto in numerosi eventi di richiamo internazionale. Le installazioni di Giuseppe Carta_Epifania della Terra, rimarranno aperte al pubblico fino al 28 aprile 2019.

Nella stessa giornata il Museo Archeologico Nazionale di Manfredonia aprirà al pubblico le due nuove sale espositive del Castello. La prima sezione I Dauni. La terra del re straniero prevede un articolato percorso tra le ricche sepolture principesche della Daunia; i preziosi reperti esposti comprendono ceramiche, gioielli, bronzi e illustrano vari aspetti della società daunia nel periodo compreso tra IX e V secolo a.C. Nella stessa sala sono altresì esposte alcune stele daunie, espressione della più caratteristica capacità artigianale di questa popolazione.

Al primo piano la sala dedicata alle Metropoli dell’età del bronzo illustra i principali aspetti legati alle comunità attive tra il Bronzo antico e il Bronzo finale, attraverso una selezione di reperti ceramici, litici e metallici provenienti da contesti particolarmente importanti per il territorio.

Salvo diversa comunicazione, i nuovi spazi espositivi all’interno del Castello saranno per il momento visitabili solo la domenica dalle 15:00 alle 19:00​.

Pubblicato in Cultura

Il Consiglio Comunale di Manfredonia, su proposta del coordinamento cittadino Ambiente Salute di Manfredonia, ha deliberato favorevolmente per la realizzazione della “Casa della Salute e dell’Ambiente”, una struttura permanente e aperta alla cittadinanza per sancire un impegno concreto in tema di riqualificazione ambientale del territorio cittadino. L’impegno del Consiglio Comunale è l’ultimo passo di un percorso lungo ed articolato per far luce sull’accidentato passato ambientale della città ed assicurare un controllo autorevole e responsabile sulla salute presente dei cittadini. Il progetto è la prosecuzione dell’indagine conoscitiva sullo stato di salute della popolazione e dell’ambiente della Città di Manfredonia, realizzata grazie alla collaborazione tra il Comune di Manfredonia, l’Istituto di fisiologia Clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa e l’Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Foggia. L’iniziativa partirà con l’idea di monitorare le criticità sullo stato di salute della città, facilmente correlabili con l’inquinamento ambientale subito nei decenni scorsi, con una partecipazione attiva della città mediante un calendario di incontri pubblici con le istituzioni coinvolte nelle attività di monitoraggio epidemiologico e ambientale al fine di individuare con la cittadinanza un piano condiviso di obiettivi e azioni concrete realizzabili in un arco temporale definito.

Pubblicato in Ambiente

Una boccata d’ossigeno per il com­parto della pesca. Lo sostiene Antonio Novelli, segretario cittadino della Lega, dopo le decisioni assunte in commis­sione agricoltura. «Il comparto pesca è una risorsa a noi molto cara e per questo sin da subito mi sono attivato insieme al segretario Fai-Cisl pesca Alberto Gatta per migliorarlo, creando le condizioni al fine di dare dignità ai lavoratori del ma­re», afferma Novelli che rin­grazia l'on. Lorenzo Viviani, capogruppo Lega in commis­sione agricoltura per l’emendamento presentato in com­missione bilancio della Ca­mera, che ha approvato il rifinanziamento del fermo pesca obbligatorio aumen­tando le risorse per quello volontario. «Grazie a questo emenda­mento, si è creato un mec­canismo stabile e rinnovabile di anno in anno, che per­metterà di rendere questa mi­sura consolidata per il com­parto ittico. Con questo emendamento approvato, au­menta la copertura econo­mica per coprire le giornate perse dai pescatori a causa del cattivo tempo, condizione che con i cambiamenti cli­matici sta diventando sem­pre più frequente. Ora oc­corre velocizzare i tempi bi­blici di come vengono evase le pratiche», sottolinea an­cora il segretario cittadino della Lega che aggiunge «Al Ministero per l’agricoltura, le foreste e la pesca è già stata costituita una Task Force per velocizzare le procedure di pagamento. Il 4 dicembre si è autorizzato l'erogazione delle indennità giornaliere spet­tanti ai lavoratori dipendenti delle imprese adibite alla pe­sca marittima. L'indennità giornaliera è di 30 euro che sarà erogata a circa 7600 la­voratori, prevista sulla legge di stabilità 2017 nel rispetto della procedura in essere dal ministero all'Inps, che si oc­cuperà di liquidare le do­mande direttamente ai sog­getti interessati, mediante ac­credito sul conto corrente del lavoratore.» Insomma, buone notizie - almeno secondo l’esponente della Lega - per il comparto della pesca sipontino, ele­mento fondamentale e vitale per l’economia di Manfredo­nia e che ha bisogno di un serio rilancio.

Pubblicato in Ambiente

I militanti di Forza Nuova Manfredonia hanno inscenato una forma di protesta a Bari nei pressi del palazzo dell'acquedotto pugliese e Manfredonia nel pressi dello sciale delle Rondinelle, per protestare contro l'immobilismo dell'acquedotto pugliese ,esponendo due striscioni con la scritta "il golfo di Manfredonia non è la vostra fogna". In una dichiarazione congiunta il coordinatore regionale Mimmo Carlucci ed il vicecoordinatore regionale Giuseppe Prencipe ( manfredoniano doc) dichiarano " Sono molti mesi che la situazione del depuratore posizionato in agro di Manfredonia è inefficiente, sono mesi che è stato richiesto un intervento urgente per  riparare o sostituire il depuratore onde scongiurare conseguenze gravissime sulla salute dei manfredoniani e nonostante tutto l'acquedotto pugliese si perde in rimpalli burocratici che non risolvono il problema, denotando una sfacciataggine irritante, considerando che i manfredoniani pagano bollette salatissime in cambio di questo disservizio da quarto mondo; quest'estate addirittura si è posto in essere il divieto di balneazione che ha pregiudicato la stagione estiva con gravi danni nei confronti degli operatori commerciali operanti nel settore del  turismo, cos'altro deve succedere affinchè venga risolto il problema? Forse un epidemia?" Concludono Carlucci e Prencipe. Questa eclatante azione che ha visto i forzanovisti manfredoniani esporre il proprio striscione in pieno centro a Bari tra lo stupore dei cittadini che affollavano i negozi per lo shopping natalizio, è solo la prima azione di protesta che Forza Nuova metterà in essere, non sono infatti  escluse nei prossimi giorni, ove la situazione non dovesse risolversi altre eclatanti azioni.

Pubblicato in Manifestazioni
Pagina 1 di 23

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005