Ecco finalmente raccolti nel volume Foggia segreta. Viaggio tra sette, logge massoniche ed angoli sconosciuti della città gli studi di Carmine de Leo, già oggetto di un’omonima conferenza tenuta da questo scrittore lo scorso anno. Le pagine di questo libro rappresentano un vero e proprio viaggio virtuale nella storia della nostra città, tra antiche sette carbonare, nel segreto di logge massoniche e alla scoperta di tanti angoli nascosti della vecchia Foggia. Il tour storico di Carmine de Leo, presidente dell’Associazione Amici del Museo Civico ed apprezzato autore di numerosi volumi sulla città di Foggia e le antiche magistrature Daune, inizia proprio dal Museo Civico. Infatti, è proprio presso il Museo Civico, negli ambienti del Lapidarium, che si conserva ancora un particolare manufatto litico di forma piramidale ricco di simbologie massoniche e già facente parte con altri tre simili del complesso monumentale dedicato all’illustre medico foggiano Vincenzo Lanza, ora posizionato presso i giardini pubblici di Foggia. Il viaggio virtuale continuerà con la proiezione di immagini e cartine dei luoghi citati nel volume ove si riunivano le diverse sette carbonare e le logge massoniche che, nel segreto di vecchi palazzi gentilizi, animarono il Risorgimento a Foggia. Strade, edifici, iscrizioni e piccoli manufatti che, con il conforto di tanti rari documenti, quasi tutti inediti, oggi conservati soprattutto presso il fondo della gendarmeria borbonica dell’Archivio di Stato di Foggia, presso il fondo delle Giunte di Stato ed altri settori dell’Archivio di Stato di Napoli e presso l’Archivio Segreto Vaticano di Roma, ci fanno conoscere storie inedite e singolari del nostro passato e tanti personaggi protagonisti delle vicende del nostro risorgimento, ma anche molti angoli sconosciuti della vecchia Foggia. Il tempo passa, ma i segreti restano e come scrisse Gabriel Garcia Marquez: “Tutti gli esseri umani hanno tre vite: pubblica, privata e segreta”. Il volume, pubblicato dall’Associazioni Amici del Museo Civico e dal Club Unesco di Foggia sarà presentato Giovedì 21 giugno alle ore 18,00 presso la sala Mazza del Museo Civico di Foggia dal giornalista Micky de Finis, parteciperà all’evento anche l’Archivio di Stato di Foggia.

Pubblicato in Cultura

L’undicesima edizione del Giro d’Italia delle donne che fanno impresa fa tappa a Foggia, lunedì 18 giugno. I lavori si svolgeranno in Camera di Commercio, a partire dalle ore 11.

L’iniziativa, organizzata da Unioncamere insieme ai Comitati per l’imprenditorialità femminile delle Camere di commercio, rappresenta l’occasione per informare, formare e sensibilizzare imprenditrici e aspiranti tali intorno alle esigenze specifiche delle imprese guidate da donne e alla concrete opportunità offerte dal “mettersi in proprio”.

L’evento di Foggia si caratterizza per una proposta operativa che prenderà le mosse da un confronto sul turismo, interessando tutti i soggetti che gravitano attorno all’industria turistica.

La giornata di lavori è costruita affidando a 4 tavoli tematici, coordinati da altrettanti facilitatori esperti, un’analisi finalizzata ad elaborare proposte innovative e iniziative di valorizzazione, utili a definire “prodotti turistici” secondo i tematismi individuati.

Tavoli che saranno caratterizzati, oltre che dalla declinazione tematica sui temi caldi - slow tourism, turismo culturale, food tourism e turismo digitale - soprattutto dal confronto con tutti i soggetti pubblici e privati complessivamente interessati all'industria turistica, anche attraverso il supporto metodologico degli esperti.

L’esperienza dovrà concludersi con la redazione di linee guida utili alla costruzione di un documento condiviso che possa far emergere sì le potenzialità del territorio, della sua fruizione, ampliando l'offerta rispetto al suo vastissimo potenziale, ma anche le criticità, per riuscire ad avviare un percorso virtuoso capace di colmare alcuni deficit di competitività che ad oggi ancora permangono.

Un lavoro di sintesi importante, fortemente voluto dal Comitato per l’Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Foggia, che sottolinea l’impegno assiduo di tale componente imprenditoriale, capace di individuare bisogni reali e necessità emergenti per condividere momenti di riflessione utili a generare risposte e proposte.

Abbiamo voluto sperimentare un modello di sviluppo innovativo animando la partecipazione dal basso - dice Daniela Eronia, Presidente del CIF della Camera di Commercio di Foggia - proponendo una giornata di confronto tra chi ogni giorno investe risorse ed energie per contribuire allo sviluppo concreto del turismo, capace di coniugare tutti i settori strategici dell’economia della nostra provincia. Settore in cui i numeri che riguardano l’impegno imprenditoriale femminile, ci rendono orgogliose.”

“E' significativo che il CIF di Foggia abbia deciso di caratterizzare la sua giornata di lavori sul turismo” - afferma Fabio Porreca, presidente della CCIAA di Foggia e vicepresidente nazionale di Unioncamere. “Le osservazioni finali che ne scaturiranno potranno certamente essere una traccia utile anche per integrare in modo adeguato nelle politiche regionali di settore il tema della valorizzazione responsabile del patrimonio territoriale, ambientale e culturale della nostra provincia.”

Pubblicato in Economia

15 matricole del corso di laurea in Scienze e tecnologie biomolecolari dell’ateneo di Foggia si recheranno in l’Inghilterra, a Canterbury, dove frequenteranno - gratuitamente - una delle più prestigiose summer school in materia. I 15 selezionati, tutti dal curriculum eccellente, studieranno con il prof. Darren Griffin, scienziato e genetista tra i più apprezzati al mondo. Due le materie di studio, “Biologia molecolare” e “Tecniche di fecondazione assistita”, in una full immersion di due settimane in uno dei campus più attrezzati per le Bioscienze.


QUESTE LE 15 MATRICOLE:

Miriam Pia Penza, Oriana Di Domenico, Mirko Tamma, Irene Catalano, Michela Rosiello, Chiara Di Iorio, Myriam Magnatta, Iman El Ouardi, Adele Pia Biasco, Nicola Curci, Francesca De Vita, Christian Famiglietti, Andrea Guastamacchio, Maria Incoronata Trecca e Paolina Di Biase.“

Pubblicato in Società

Il tema è stato affrontato nella riunione svoltasi in Prefettura alla presenza dei rappresentanti della provincia e del Comune di Foggia, della forze di polizia, dell'Anas e dei comandi della polizia locale di Apricena, Cerignola, Foggia, Lesina, Orta Nova, Poggio Imperiale, San Giovanni Rotondo, Troia e Stornara. Nel corso dell'incontro è stato illustrato l'esito del monitoraggio degli incidenti stradali verificatisi in Capitanata dal 1 gennaio 2011 al 25 maggio 2018. Il Prefetto Mariani ha quindi provveduto ad emanare apposito decreto per l'aggiornamento delle strade (alcuni tratti delle Statali 16, 17, 89, 665, 673 e delle provinciali 141 e 115) su cui gli organi di polizia stradale possono utilizzare o installare dispositivi o mezzi tecnici anche automatici di controllo del traffico, finalizzati al rilevamento a distanza delle violazioni alle norme di comportamento di cui agli articoli 142 e 148 della strada.

Pubblicato in Società

Non vedremo gli aerei della Protezione Civile, non almeno per questa estate. Ma ciò non impedirà a Regione e Aeroporti di Puglia di andare avanti con il progetto di allungamento della pista. Il percorso si dipanerà dopo il 26 giugno quando la Conferenza di servizi rilascerà l’ok ai lavori.

Pubblicato in Economia

Eccezion fatta per San Nicandro Garganico, l'unico comune della provincia di Foggia con popolazione superiore ai 15 mila abitanti, dove per conoscere il nuovo sindaco c'è bisogno di aspettare al 24 giugno quando è previsto il ballottaggio tra il candidato del centrodestra, Costantino Ciavarella e quello di centrosinistra, Mario D'Ambrosio. Bocciato l'uscente Gualano. Tutto deciso, invece, negli altri nove centri della Capitanata chiamati a rinnovare i consigli comunali. Urne aperte ieri in 5 comuni dei Monti dauni: ad Anzano di Puglia è stato confermato Paolo Lavanga della civica "Per Anzano", conferma anche per i sindaci uscenti di Pietramontecorvino, Raimondo Giallella e di San Marco la Catola, Paolo De Martinis. Nuovi sindaci a Bovino dove è stato eletto il civico Enzo Nunno e a faeto dove ha trionfato Michele Pavia. Al voto anche tre comuni del Gargano: detto di San Nicandro, altre due conferme arrivano da Peschici dove Franco Tavaglione ha vinto su Memo Afferrante di soli 13 voti, e da Vico dove ha prevalso Michele Sementino. Infine i nuovi sindaci di Carapelle e San Paolo di Civitate: Roberto Di Michele nella località dei 5 Reali Siti, e Francesco Marino nel centro dell'Alto Tavoliere.

Pubblicato in Politica

A distanza di due anni la Questura di Foggia, rilancia lo slogan “Non siete soli #chiamatecisempre” L’esigenza nasce dalla necessità di sensibilizzare ulteriormente gli anziani, che oggi giorno sono sempre più esposti a inganni e raggiri da parte di persone senza scrupoli che con una scusa si introducono nelle abitazioni dei medesimi.

A tal fine, si ripropongono gli spot prodotti ad hoc dalla Polizia di Stato, che lanciano un semplice e preciso messaggio agli anziani: diffidate degli estranei e chiamate la Polizia.

Si stanno registrando diversi casi in cui gli anziani vengono avvicinati e raggirati, pertanto con questa comunicazione si intende sensibilizzare oltre i diretti interessati, i parenti prossimi degli anziani a istruire i propri cari a non aprire la porta a sconosciuti e a chiudere la conversazione telefonica quando contattati da persone estranee e tanto più se avvicinati da persone sconosciute  per strada di allertare subito  la Polizia, che se chiamata per tempo può intervenire ed identificare i malintenzionati, in modo da evitare la consumazione del reato di truffa.

La casistica è infinita. Tra le truffe più ricorrenti ci sono quelle in abitazione che iniziano sempre con una scusa per entrare in casa: controllo del gas, lettura della luce, consegna di un pacco o, addirittura.  Di recente è risaltata sulla cronaca, la notizia di truffatori presentatisi come poliziotti. In questa circostanza si consiglia prima di aprire la porta, di verificare con una telefonata al 113 la veridicità di quanto affermato.

In strada gli anziani vengono avvicinati in prossimità delle banche o degli uffici postali dopo aver ritirato denaro oppure vicino casa da sconosciuti che si fingono conoscenti di vecchia data, i quali, con modi gentili, si fanno invitare a casa per svuotarla dei preziosi.

Una terza tipologia è la telefonata di un falso parente o di un falso amico di un familiare che richiede soldi preannunciando l’arrivo di un incaricato per il ritiro, oppure la richiesta di soldi dovuta all’impellente  necessità  di portarli ad un figlio/nipote perché coinvolto in un incidente stradale.

In tutti questi casi, “Non siete soli…#chiamatecisempre”.

Pubblicato in Società

Reati calati nel 2017 rispetto al 2016, calo confermato nei primi 5 mesi del 2018: meno furti, meno rapine, meno omicidi, meno danneggiamenti e incendi. È quanto emerge dai dati diffusi in occasione della festa dei 204 anni dell’Arma: dopo la mattanza di mafia del 9 agosto scorso con 4 morti ammazzati, sono stati rinforzati sia gli apparati investigativi - ha detto il colonnello Marco Aquilio - sia le pattuglie in strada: attualmente sono 154 al giorno.

Pubblicato in Società

Mi piacerebbe conoscere dal Dirigente Generale di Aeroporti di Puglia dott. Marco Franchini (che bontà sua pare percepisca addirittura circa 900 euro al giorno) quali sono questi "ELEMENTI di SICUREZZA" che ritiene OSTANTIVI per la ricollocazione del Monumento “Ali sospese” nel suo posto di origine.
Si, perché conosco tanti architetti, ingegneri ed esperti di volo i quali sostengono che tecnicamente “nulla osta” riportare l’opera dov’era prima.
E’ bene ricordare che fu proprio il “numero uno” di AdP a decidere di strappare con la ruspa il Monumento “Ali sospese” per buttarlo alle ortiche (Opera d’arte del nostro apprezzatissimo accademico scultore foggiano Gianfranco Rizzi ordinata e donata dalla Camera di Commercio il 1969 al Comune di Foggia per collocarla nel piazzale del Gino Lisa).
Questo perché pare (a dire dei lavoratori addetti) il menzionato dirigente AdP lo ritenesse un Monumento brutto che portava iella (non si é capito se portava iella a lui di AdP o a Foggia. Sta di fatto che proprio dopo quella barbarie, dopo quell’atto vandalico, Foggia non volò più!!!).
Ora, disturbato leggo che il sindaco Franco Landella anziché PRETENDERE le scuse, i danni e il recupero da parte del Governatore Michele Emiliano quale rappresentante della Regione Puglia a sua volta unica proprietaria di AdP, si lascia trattare come un mendicante.
Cosa fa il sindaco di Foggia?
Come se fosse un inquilino abusivo (dimenticando che anche la sua/nostra Foggia é Puglia...), si riprende il Monumento così come è stato fatto a pezzi, e a spese dei foggiani già fin troppo indebitati, impegna ben 120.000 euro (più eventuali e rilevanti spese accessorie) per il recupero ed una futura, diversa, impropria postazione per “Ali Sospese” .
Si, perché la colpevole AdP , oltre a non riconoscere il proprio misfatto (e quindi danni e spese), con incredibile arroganza impedisce che il Monumento venga riposizionato nel suo posto d’origine (piazzale Gino Lisa).
In questa vergognosa questione c’é anche l’altro aspetto che mi fa ricordare il detto:
“APRILE fa il fiore e Maggio si prende l’onore”.
Chi scrive è stato colui che ha fotografato “IL VOLO” (ovvero “Ali sospese”) quando alcuni giorni prima AdP, senza alcun barlume di rispetto per la Daunia, lo buttò alle ortiche tra gli altri rifiuti.
Nei primi mesi del 2013 il malfatto fu denunciato anche ai Media e tutti presero coscienza dell’oscuro atto vandalico firmato AdP ma nessuno (sindaco, politici, associazioni) fece prontamente qualcosa e pochi si limitarono a qualche sterile riga di dissenso su Facebook giusto per tener buona la propria coscienza.
Fu così deludente la risposta da parte di chi avrebbe dovuto attivarsi (in primis - sindaco e suoi assessori) per difendere la dignità lesa e pretendere scuse, danni, recupero e riposizionamento dell’opera che decisi di coinvolgere i miei amici attivisti del “Meetup Cinque Stelle Foggia-Daunia” e con loro il 15 marzo 2013 presentare (sulla base del dispositivo dell’Art 635 del codice penale), una denuncia alla Procura della Repubblica di Foggia.
Come spesso accade per ottenere artatamente voti e consensi, nella conferenza stampa tenutasi il mese scorso, pavoneggiandosi, il sindaco Franco Landella, il consigliere Augusto Marasco e i cari amici del FAI (amici distratti che continuano a sottovalutare la gravosa questione IRIIP/Campi diomedei) tutti uniti a fare i “MAGGI” prendendosi paternità, maternità ed onori pur sapendo che “APRILE” (5-Stelle che ha fatto il fiore...), dissente fortemente sia sulla “spesa di recupero” addebitata ai foggiani e sia sull'assurda ed impropria collocazione del Monumento in altro luogo.
Mediare in politica può anche essere giusto e utile per il Bene Comune ma quando si commette un crimine è sbagliato altrimenti sarebbe giusto mediare anche con la Mafia.

Franco Cuttano

Pubblicato in Economia

Venerdì 8 giugno, ore 11, conferenza stampa in Masseria De Vargas (Via Manfredonia 2,1) - Alle ore 19, musica e degustazione di pasta biologica di grano duro e di grano Senatore Cappelli -

Quattrocento ettari di biologico, investendo nella ricerca, in direzione dell’unica strada realmente sostenibile attraverso il coinvolgimento dei principali protagonisti del settore. La Fondazione Siniscalco Ceci Emmaus, in filiera insieme con Mediterre.bio, Daunia & Bio e con Alce Nero, continua ad essere protagonista sul territorio di Capitanata, in piena sinergia con CREA – CI Foggia (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria) e con l’Ateneo del capoluogo dauno. Nella giornata di venerdì 8 giugno, in Masseria Antonia De Vargas (Via Manfredonia 2,1, Foggia), avrà luogo l’iniziativa Andiamo a mietere – Festa del grano, un’intera giornata dedicata proprio al principe delle colture di Puglia. Ad aprire, la conferenza stampa in programma alle ore 11, nella quale si daranno i dettagli di quest’ultima, importantissima esperienza che ha coinvolto il comparto scientifico del territorio, impegnato, in questi ultimi due anni, nella sperimentazione di ben 13 tipologie di seme sottoposte a metodo biologico.
A parlarne, chi ha lavorato in prima persona a questo progetto di caratura nazionale: il responsabile della sede dauna del CREA, Pasquale De Vita; la docente di Agronomia e Coltivazioni Erbacee del Dipartimento di Agraria dell’Unifg, Marcella Giuliani; il vicepresidente di Alce Nero, già presidente dei pastai italiani e dell’International Pasta Organisation, Riccardo Felicetti. “Siamo contenti di valorizzare le competenze del territorio – ha dichiarato il vertice della Fondazione Siniscalco Ceci Emmaus, Rita De Padova, chiamata a introdurre la conferenza – poiché la cooperazione è la chiave dello sviluppo”. Nel tardo pomeriggio di venerdì poi, dalle ore 19, avrà luogo il momento più distensivo della giornata, con una degustazione di pasta biologica di grano duro e di grano Senatore Cappelli, accompagnata da musica dal vivo. All’incontro serale, pertanto, prenderanno parte il presidente di Daunia & Bio, Stefano Pirro, il presidente di Alleanza Coop. Agroalimentari, Giorgio Mercuri, e l’eurodeputata Elena Gentile.

Al centro della sperimentazione di cui si dirà nel corso della mattinata (di taglio più scientifico), la riscoperta e valorizzazione delle varietà autoctone di cereali in ambito biologico. “Varietà antiche – nelle parole di Pasquale De Vita – che, nel corso di questo biennio di ricerca, abbiamo riscontrato adattarsi particolarmente bene al sistema biologico, soprattutto in risposta alle erbe infestanti”. Quest’ultimo, infatti, resta il problema principale per quanto concerne questo settore, rispetto al quale, nel biennio di lavoro, è stato adottato un nuovo sistema di semina, in grado di dare risultati importanti per il contrasto alle malerbe. Infine, anche dal punto di vista tecnologico e nutrizionale: “a parità di condizioni agronomiche – ha spiegato De Vita – il tenore proteico del ‘nostro’ grano biologico è risultato essere molto elevato e quindi particolarmente adatto per la produzione di pasta, pane e prodotti da forno”.

Pubblicato in Manifestazioni

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005