banner_Edicola Mastromatteo

Un weekend particolare e molto interessante per quanti decideranno di partecipare alle giornate FAI d’Autunno sabato 13 e domenica 14 ottobre 2018: il Consorzio aderisce alla campagna nazionale FAI #salvalacqua e offre una visita inedita alla diga di Occhito, la grande infrastruttura che ha interrotto l’isolamento idrico dell’assetato Tavoliere, ponendo le basi per lo sviluppo socio-economico della provincia di Foggia.

Lo sbarramento sito nella stretta di Occhito in agro di Carlantino (FG), alimenta l’omonimo invaso che soddisfa i fabbisogni irrigui di circa 110.000 ettari di terreno nel Tavoliere di Puglia, la richiesta del potabile di gran parte della provincia di Foggia e il fabbisogno industriale dove richiesto.

È una diga tra le più grandi in Europa della categoria delle dighe in terra, alimentata dalle acque del Fiume Fortore ed i torrenti La Catola, Tappino e Cigno ed è inserita in un contesto paesaggistico di grande valore.

La campagna del FAI nazionale “salvalacqua, risparmia, recupera, ricicla”, afferma il Presidente Giuseppe De Filippo ci offre l’occasione per far conoscere le infrastrutture e con esse anche le attività collegate, con un occhio di riguardo alle problematiche che affliggono il nostro territorio legate all’acqua.

La conoscenza e la diffusione degli obiettivi alla base della campagna Fai che il Consorzio ha pienamente condiviso, potranno svolgere un ruolo essenziale verso il conseguimento di una cultura territoriale diffusa sulla gestione del sistema delle acque superficiali.

Il percorso di visita, riferisce il Direttore Generale Francesco Santoro, è stato affidato alla guida dei dipendenti dell’Ente che oltre ad illustrare le opere cureranno gli aspetti salienti della campagna: scarsità, siccità e dispersione dell’acqua, senza trascurare di trattare la difesa idrogeologica del territorio operata dall’invaso con la funzione di laminazione delle piene. Per accrescere l’interesse dei visitatori, inoltre, è stata allestita una mostra di foto storiche della diga in costruzione.

Pubblicato in Ambiente

Ripartire dalla cura delle città, sbloccare i Piani Sociali di Zona, combattere in maniera attiva l’isolamento e la solitudine delle famiglie che affrontano disagio sociale, mancanza di lavoro e difficoltà economiche. Lo SPI Cgil Foggia, il Sindacato dei Pensionati Italiani, riparte da queste priorità e dal Congresso Provinciale che si terrà giovedì 11 (dalle ore 16.30) e venerdì 12 ottobre 2018 (dalle ore 9), nella Sala Convegni della Camera del Lavoro di via della Repubblica 68.

IL LAVORO PRIMA DI TUTTO. Il quadro emerso dai congressi preparatori di quello provinciale mette in evidenza molte difficoltà, troppi disagi patiti soprattutto dalle fasce deboli della popolazione. Secondo gli ultimi dati dallo studio del Bilancio Inps, in provincia di Foggia l’occupazione è rimasta sostanzialmente stabile, eccetto la crescita occupazionale registrata nei servizi turistici e commerciali, nell’industria e agricoltura, a fronte però di un notevole calo nell’edilizia. La diminuzione degli inattivi si è riflessa in un aumento del tasso di disoccupazione, che in Puglia si attesta al 20,2%, circa 0,6 punti percentuali in più rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. Soffrono gli over 45enni che hanno perso il lavoro e non riescono a ricollocarsi, vivono un limbo di attese e precariato i giovani e le donne senza una occupazione.

FOGGIA IN SOFFERENZA. A cominciare proprio da Foggia, in troppe realtà urbane ci sono intere zone abbandonate a incuria e degrado, con il permanere di barriere architettoniche e di inciviltà dovuta anche a un traffico veicolare caotico, con parcheggi senza regole, marciapiedi dissestati e pericolosi. Dove non c’è cura della città, si aggravano le condizioni di disagio della cittadinanza. Anche per questo SPI Cgil ha moltiplicato le iniziative di aggregazione, sia con “Carosello” che con il pullman dei diritti e le tante occasioni di incontro che combattono la solitudine e animano le piazze per restituirle alla gente, alle famiglie e ai bambini, agli anziani che continuano a lottare per una società migliore e per il futuro di figli e nipoti.

RIFIUTI, SALUTE, SOCIALITA’. Il disastro ambientale di Cerignola, con tonnellate di immondizia per strada e poi ammassata all’Interporto, è solo la punta di un iceberg. La questione relativa al ciclo dei rifiuti riguarda anche la salute dei cittadini e richiama, in modo inquietante, anche l’allarme sulla forte incidenza di alcune gravi patologie. La stasi o l’andamento al rallentatore dei Piani Socio Sanitari di Zona, inoltre, è una problematica che incide fortemente sulla qualità della vita delle popolazioni, così come le liste d’attesa per gli esami medici. Nella maggior parte dei comuni della Capitanata, mancano luoghi e spazi attrezzati, all’aperto e non, dove le famiglie, i bambini e gli anziani possano stare insieme, essere protagonisti di iniziative culturali, ludiche e sportive.

UN POPOLO IN MARCIA. Più di 2mila persone partecipanti, 22 tra città e paesi della Daunia toccati dalla carovana congressuale, 1843 chilometri percorsi in 30 giorni intensi, ricchi di partecipazione. Sono questi i numeri della fase preparatoria del Congresso Provinciale SPI Cgil di Foggia. A quei numeri, che sintetizzano i congressi locali svolti da settembre dal Sindacato Pensionati, se ne aggiunge un altro: saranno 76 i delegati chiamati a votare i documenti che delineano lotte, azioni, priorità del sindacato su lavoro, giovani, pensioni, diritti e stato sociale. I congressi che hanno preparato l’appuntamento più importante, quello del Congresso Provinciale, si sono svolti a Biccari, Rignano Garganico, Apricena, San Paolo Civitate, Pietramontecorvino. Sono proseguiti poi a Foggia, Monte Sant’Angelo, Zapponeta, Cagnano, Torremaggiore e Cerignola. Dopo la Casa del Popolo “Giuseppe Di Vittorio”, i congressi hanno toccato Sannicandro, Lucera, Mattinata, Ischitella, Vieste, Manfredonia, San Severo, San Giovanni Rotondo, Vico del Gargano, Orsara e infine Ortanova.

Pubblicato in Società

Saranno 807 e non 809 come era stato inizialmente verba­lizzato, gli elettori (748 consiglieri e 59 sindaci) per reiezione del presidente della provincia di Foggia che si terrà il 31 otto­bre prossimo. Lo ha comunicato l’Ufficio Elettorale della Provin­cia di Foggia precisando che il numero complessivo degli aventi diritto al voto e’ di 807 elettori, invece di n. 809 in quanto i Comu­ni di Carlantino e Mattinata risultano retti da commissari straor­dinari in attesa del rinnovo degli organi amministrativi. La vota­zione si terrà a Palazzo Dogana, in un’unica giornata il 31 otto­bre, dalle 8 alle ore 20.

Pubblicato in Politica

L’atto di indirizzo della giunta re­gionale che istituisce al Gino il polo strategico di protezione civile «nulla ag­giunge» rispetto quanto «pubblicamente affermato lo scorso anno dallo stesso Esecutivo regionale alla presenza delle Istituzioni del territorio», puntua­lizza Vola Gino Lisa com­mentando le ultime no­vità annunciate in con­siglio regionale dall’as­sessore Nunziante. «Qualcuno sosterrà che siamo al dovuto passag­gio formale di quella scelta di indirizzo poli­tico, a cui hanno fatto seguito altri pas­saggi fino ad arrivare alla decisione qui sopra riportata. Che dire? Abbiamo fatto davvero notevoli progressi dal 2017, per non dire dal 2011», sottolinea con ama­rezza la nota a firma del presidente Maurizio Gargiulo. «Nulla si dice circa il passaggio definitivo della Protezione Ci­vile a Foggia ( quando la data?). Nulla si dice circa l’adempimento delle prescri­zioni Via e di quelle relative alla con­venzione (passaggi ob­bligatori e a scadenza). Nulla si dice in relazione all’avvio delle procedure di esproprio ( sono par­tite le lettere?). Nulla si dice circa eventuali ostacoli/ricorsi o riscon­tri positivi. Nulla si dice in relazione al piano in­dustriale, qualora ve ne fosse uno per il Gino Lisa (il sistema aeroportuale pugliese va avanti solo in direzione Bari e Brindisi?). Nulla si dice su una possibile data per l’inizio dei lavori di allungamento nel rispetto del progetto iniziale dell’ingegner Bruno e degli accorgimenti ne­cessari per ospitare la Protezione Civile Regionale, condicio sine qua non per l’attivazione della procedura Sieg. Nulla si dice su un possibile avvio del cantiere della ditta incaricata. Basta elencare tutte queste domande - annota Vola Gino Lisa - per capire che la Regione Puglia, nel suo Esecutivo, continua a mantenere quanto meno una scarsa trasparenza informa­tiva su tali passaggi formali, sempre che siano stati adempiuti da qualche parte o si abbia anche solo ima idea di quando e come farlo. Il Comitato Vola Gino Lisa non può, e lo ribadisce pubblicamente, sposare un tale atteggiamento politico che non costituisce certamente una pre­messa di fiducia per lo sviluppo della vertenza. Vogliamo chiarezza e certezze! In caso contrario ammoniamo, sin da ora, qualunque prossimo candidato politico a non usare l’argomentazione aeroporto per i fini di una propria campagna elet­torale».

Pubblicato in Economia

Con Verbale n. 1 del 1° otto­bre l’Ufficio Elettorale della Pro­vincia di Foggia composto da: Giacomo Scalzulli, Presidente dell’Ufficio Elettorale, Di Dona­to Antonio, Tenace Michele, Pacilli Maria Grazia e Colangelo Anna Maria, ha approvato la li­sta elettorale provinciale per l’e­lezione del Presidente della Pro­vincia di Foggia in programma il 31 ottobre. Il numero complessivo de­gli aventi diritto al voto è pari a 809, di cui n.750 Consiglieri e n. 59 Sindaci. I Comuni di Carlantino e Mattinata risultano retti da Commissari Straordinari in at­tesa del rinnovo degli organi amministrativi. La votazione si terrà a Pa­lazzo Dogana, in un’unica gior­nata il 31 ottobre, dalle ore 8.00 alle ore 20.00.

Pubblicato in Politica

“Grazie all’interrogazione depositata qualche giorno fa dal M5S Puglia, il D.G. dell’ospedale Riuniti di Foggia ha chiarito ed integrato il bando per l’assunzione di 2445 Operatori Socio Sanitari per tutto il territorio regionale”. Lo dichiara il consigliere del M5S Marco Galante, in seguito alla delibera approvata ieri dal Direttore Dattoli, con cui vengono modificati i requisiti per la partecipazione al concorso, specificando come il bando sia aperto sia agli OSS formatisi con le 1000 ore di formazione/tirocinio, quanto  a coloro che si sono formati con il corso organizzato dalla Regione Puglia che prevedeva un totale di 400 ore compreso il tirocinio.

Sono soddisfatto per la tempestività di intervento da parte del D.G. – dichiara Galante – anche in virtù del paradosso che rischiava di materializzarsi se fossero stati esclusi dal bando quegli OSS formatisi attraverso un corso organizzato dalla stessa Regione. Per questo avevamo chiesto al Presidente Emiliano se non ritenesse opportuno modificare i requisiti per la partecipazione e questo è avvenuto con la Delibera n. 680 del 3 ottobre 2018. Il M5S – conclude – è sempre dalla parte dei cittadini e continueremo senza sosta a vigilare sulle dinamiche regionali affinché non si verifichino ingiustizie come quella a cui avremmo assistito se non si fossero modificati i criteri del bando”.

Pubblicato in Sanità

Voli di soccorso e voli pas­seggeri, il Gino Lisa del futuro avrà questo doppio ruolo. Se ne parla da un anno, ora la giunta regionale riempie di contenuti la delibera di indirizzo del settem­bre 2017 quando per la prima vol­ta la Regione individuò per Fog­gia la sede regionale della Pro­tezione civile. La giunta autoriz­za inoltre Aeroporti di Puglia ad attingere a ima dotazione di 7,5 milioni in due anni (2019 e 2020) per i maggiori costi del “nuovo” scalo a pista allungata. Interro­gazione del consigliere Giannicola De Leonardis per venire a capo di «tutte le somme già stan­ziate». L’assessore Giannini: «I lavori per la pista procedono».

Pubblicato in Economia

Dopo la denuncia della UilPa Giustizia sulle udien­ze penali che in Tribunale sforerebbero talvolta gli orari limite come denunciato dal segretario nazionale Mimmo Amoroso inter­viene l’avvocato Paolo D’Ambrosio presidente dell’as­sociazione «Avvocati penalisti». «Ho letto la denuncia sulle difficoltà lamentate dal sindacato: a nome dell'associazione do tutto il mio appoggio al sin­dacato» scrive l’vv. D’Ambrosio «purché la soluzione prospettata, e cioè l'orario spezzato per i cancellieri di udienza, non si traduca in una legittimazione dello sfioramento degli orari già previsti nel protocollo d'in­tesa. È in questo che va individuata la soluzione già condivisa ed accettata, bisogna farsi carico della sua corretta attuazione. Il protocollo è rimasto a tutt'oggi quasi del tutto inattuato. Le difficoltà nella celebra­zione delle udienze infatti sono enormi, nonostante 1'arrivo a Foggia di molti magistrati nuovi e volenterosi: tutti però devono convincersi che bisogna partire dal­l'applicazione fedele del protocollo che prevede un nu­mero massimo di processi a udienza, la pubblicazione anticipata dell'ordine di chiamata, la fissazione di fasce orarie per la trattazione. L'attuale situazione è invece talmente lontana dal dovuto e le difficoltà sono tal­mente tante che l'associazione penalisti sta per pro­clamare in settimana lo stato di agitazione».

Pubblicato in Società

Sta per partire il conto alla rovescia per il «concor­sone» di Puglia, le prove per selezionare a Foggia 2445 Operatori socio-sanitari per tutti gli ospedali pugliesi. A Foggia sono previste 190 as­sunzioni di «Oss» ai “Riuniti” e 210 nei nosocomi dell’Asl. Tempi brevi per il bando che dovrebbe essere pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il 5 ottobre, poi le domande. «Per le selezioni prevediamo blocchi di 500 candidati al giorno, dipende dal numero delle do­mande», dice Vitangelo Dattoli direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria.

Pubblicato in Sanità

· esaminate 362 posizioni lavorative;

· riscontrate violazioni riguardanti l’occupazione in “nero” di n. 153 lavoratori, di cui 1 di cittadinanza extra UE;

· adottati 38 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale, in applicazione dell’art. 14 c. 1 del Decreto Legislativo 81/2008 modificato dal Decreto Legislativo n. 106/2009, in quanto è stato accertato l’impiego di personale non risultante dalle scritture obbligatorie in misura pari o superiore al 20 per cento del totale dei lavoratori regolarmente occupati; provvedimenti successivamente revocati su istanza delle ditte, previo pagamento delle relative sanzioni e regolarizzazione dei rapporti di lavoro;

· contestate 96 ulteriori violazioni amministrative con conseguente irrogazione di sanzioni per un importo complessivo di circa euro 271.000,00;

· accertate 12 violazioni di carattere penale di cui n. 5 in materia di sicurezza con conseguente irrogazione di sanzioni per un importo totale di circa euro 6.500,00.

Anche nel periodo estivo, la massiccia attività di indagine e di accertamento che l’Ispettorato Territoriale del Lavoro ed il NIL di Foggia hanno condotto ha garantito una efficace e produttiva presenza sul territorio.

Pubblicato in Economia

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005