Il furto della salma di An­tonio Piccininno, profa­nata il 19 dicembre, con buone probabilità sarebbe, opera di alcuni giovani del posto già noti alle Forze dell'Ordine per consumo e spaccio di droga. Secondo indiscrezioni che arrivano dal piccolo centro del Gargano gli autori del furto (reato penale al quale si ag­giunge "vilipendio di tom­ba") potrebbero restituire la salma dietro pagamento di un piccolo riscatto (alcuni sostengono equivalente a poche migliaia di euro). Ipotesi, quella del riscatto, che, secondo fonti infor­mate, sarebbe quella mag­giormente caldeggiata da­gli inquirenti che stanno svolgendo le indagini. Al momento infatti restereb­bero escluse, comunque poco battute, le piste che portano ad un gesto goliar­dico compiuto da "balor­di". Non è da escludere una possibile celere chiusura delle indagini con l’individuazione dei soggetti che hanno rubato il corpo dell'ultimo cantore del Gargano. La salma di Antonio Picci­ninno è stata profanata e portata via dieci giorni dopo la sua morte (avvenuta nel centro riabilitazione di Rodi Garganico dove era ospite da qualche tempo). Ignoti, al momento, sono entrati nel cimitero di Ca­prino, scardinato l'ingresso della tomba di famiglia e rubato la bara di Antonio Piccininno fautore della ri­scoperta della musica po­polare del Gargano e indi­scusso protagonista del Carpino Folk Festival (Kermess dedicata alla musica popolare che si tiene ogni anno nel comune garganico). Ad accorgersi dell'accaduto sono stati i figli Michele e Carlo che mantengono ri­serbo sull'andamento delle indagini. La convinzione degli inquirenti è che non si tratti di un gesto casuale o senza spie­gazione. E’ evidente che chi si è introdotto nel camposanto di Carpino voleva proprio im­possessarsi della bara di "zì Nton". Opinione diffusa anche tra gli abitanti che - seppur mantenendo una certa diffidenza per domande dirette a capire chi potrebbero essere gli auto­ri del furto fanno intende­re che il corpo del cantore è stato rubato per ottenere soldi. "Siamo di fronte a gente malata che non ha ri­spetto né dei morti. né dei vivi. Non ci sano parole per definire un gesto assurdo i cui autori spero siano assicurati alla giustizia in tempi rapidi” era stato il commento a caldo di Stefano ­Pecorella presidente del Parco Nazionale del Gargano.

Michele Gemma
L’attacco

 

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Informazione pubblicitaria/ Da MONACO ELETTRONICA OFFERTA IMPERDIBILE!!

19,90EUR PACCHETTO LED CASA!!
5- LAMPADE LED V-TAC E14 6W PARI A 40W &
4- LAMPADE LED V-TAC E27 10W PARI A 60W
SOLO 19,90EUR

DISPONIBILI CALDE-NATURALI-FREDDE!!
STRISCE LED, LAMPADAR­I LED, APPLIQUE LED, ­FARETTI LED, FARETTI ­DA CARTONGESSO, APPLI­QUE E PALETTI GIARDIN­O,SEGNAPASSI E TANTO ­ALTRO.....

--------------------------------------------------------

MONACO ELETTRONICA
ILLUMINAZIONE LED – VIDEOSORVEGLIANZA
MATERIALE ELETTRICO
ELETTROMECCANICA-ACCESSORI

VIESTE (FG) 71019-VIA S. QUASIMODO 75/D
MOBILE 3467463705-FISSO 0884270631
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Personaggi

Non ancora risolto il giallo della salma tra­fugata di Antonio Piccininno, patriarca ella musica popolare del Gargano e fondatore dei "Cantori di Carpino" trafugata verosimilmente durante la notte tra domenica e lunedì nel cimitero di Carpino. Una permanenza quella nella cappella di famiglia durata solo dieci giorni: l'anziano musicista è scomparso il 9 dicembre scorso all'età di 100 anni. Forze dell'ordine e protezio­ne civile per tutta la giornata di ieri hanno "battuto" le cam­pagne del Comune garganico alla ricerca della bara o di in­dizi che possano aiutare gli in­quirenti a trovare una via di uscita. Bocche cucite tra le for­ze dell'ordine così come i fa­miliari pare abbiamo negato ai militari richieste estorsive per la restituzione delle spoglie. Della bara di Zi 'Nton, così il vecchio cantore veniva chia­mato in paese, non c'è traccia, sembra essere sparita nel nul­la. E che non sia un compito facile quello di chi sta effet­tuando le ricerche lo sanno tut­ti: il territorio è orografica­mente perfetto per far sparire nel nulla o anche occultare qualsiasi cosa. Dagli animali ai mezzi, alle persone. Figuria­moci una bara ... Col trascorrere delle ore, in paese si susseguono gli inter­rogativi. Allo sgomento è all'in­credulità per quello che viene ritenuto un affronto al terri­torio e alla cultura popolare della "montagna del sole", si affacciano nuovi, inquietanti quesiti. Perché rubare le spo­glie dell'anziano artista? Dove è stata nascosta la bara? Cosa ha spinto i ladri a profanare il camposanto e trafugare i resti di Piccininno? Chi ha disegna­to questo macabro scenario? Tanti quesiti, ancora più nu­merose le risposte. In paese non si parla d'altro. Da due giorni la strana spa­rizione è argomento di discus­sione in piazza e nei bar, cro­cevia di voci e cicalecci. Quelle legate al passato dell'anziano cantore ma anche chi ravvede il gesto di un balordo in cerca di qualche soldo riveniente da un ipotetico riscatto o l'azione di un mitomane. "Chi sona e canta nn' more maje" diceva l'anziano cantore. L'ha fatto per tutta la vita ma questa volta nessuno - suona e canta notizie che possano aiu­tare a ritrovare le sue spoglie. Quanto basta per cancellare le immagini struggenti del suo funerale, con musicisti e amici che lo hanno accompagnato in quello che dove essere il suo ultimo viaggio. E che ultimo non è stato.

[a.d'a.]

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Personaggi

Per un pensiero speciale e diverso dal solito l'Agriturismo Biorussi ha pensato bene di raccogliere i profumi e i sapori di un tempo nella cassettina dei ricordi, per ricordare e portare in tavola nei giorni di festa i dolci tipici preparati con cura seguendo le antiche ricette della tradizione,proprio come facevano le nostre nonne, vini, liquori, confetture e olio. Vieni a visitare il nostro punto vendita potrai farti consigliare dal nostro personale e scegliere cosi i prodotti a te graditi degustando l'ottima qualità degli ingredienti utilizzati.

Vi aspettiamo a Carpino in Contrada Macchiarotonda

Info: 0884/992513

biorussi.com

Pubblicato in Avvisi

 

"Sono sinceramente dispiaciuto - fa sapere in una nota Rocco Manzo, sindaco di Carpino - e addolorato per questo triste e spiacevole evento occorso nella notte passata nel locale cimitero di Carpino. L’altra notte si è consumato un atto vile e ignobile. Nel rinnovare, insieme a tutta la cittadinanza, il mio personale sentimento di vicinanza e di cordoglio alla famiglia Piccininno, facciamo affidamento nel lavoro delle forze dell’ordine affinchè quanto prima individuino i responsabili e ritrovino la bara del compianto Zio Antonio Piccininno".

Rocco Manzo

Sindaco Carpino


"La profanazione della tomba di "zj N'Tonje" è un gesto vigliacco che non appartiene alla cultura del Popolo Carpinese. E' stata offesa la nostra Storia. Spero che le forze dell'ordine assicurino presto alla giustizia gli autori di questo atto vile e malvagio

Rocco RUO

Assessore alla Cultura del Comune di Carpino

 

"Profanata e rubata la bara del grande Antonio Piccininno, che ha fatto la storia della canzone popolare del Gargano. Un gesto esecrabile che provoca in tutti noi sentimenti di rabbia e di sconcerto. Piccininno ha raccontato la nostra terra e le nostre tradizioni come nessuno, traducendole in arte straordinaria. Sono sentitamente vicino al dolore della sua famiglia e di tutti gli amici dell'Associazione "Cantori di Carpino". L'auspicio è che le forze dell'ordine assicurino alla giustizia i responsabili e restituiscano le spoglie dell'artista ai suoi affetti per una degna sepoltura".

Così il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta.

 

Siamo di fronte a gente malata che non ha rispetto né dei morti, né dei vivi. Non ci sono parole per definire un gesto assurdo i cui autori spero siano assicurati alla giustizia in tempi rapidi. Sono vicino alla famiglia di zì Antonio, umiliata e ferita così come l'intera comunità garganica che in Antonio Piccininno ha sempre visto un esempio di umiltà e generosità. Ci
affidiamo tutti alle forze dell'ordine affinché risolvano questo caso che sa dell'incredibile”. Così il Presidente del Parco Nazionale del Gargano Stefano Pecorella commenta il furto della bara con all’interno il corpo di Antonio Piccininno, avvenuto questa notte a Carpino quando ignoti hanno scardinato la porta d’ingresso della tomba di famiglia, divelto la lapide e
portato via il sarcofago dell’artista. Sul caso indagano i carabinieri di Vico del Gargano, oltre ai reparti scientifici dell’Arma.

Stefano Pecorella

Presidente Parco Nazionale del Gargano

Pubblicato in Personaggi

Profanata e rubata la bara contenente le spoglie del maestro Antonio Piccininno, scomparso il 9 dicembre scorso all’età di 100 anni, ultimo patriarca della musica popolare garganica. Durante la notte, persone non ancora identificate hanno scardinato la porta d’ingresso della tomba di famiglia dei Piccininno, divelto la lapide e portato via il sarcofago dell’artista. Sul caso indagano i carabinieri di Vico del Gargano, oltre ai reparti scientifici dell’Arma. I ladri-profanatori non hanno avuto difficoltà nel compiere il loro gesto: il camposanto è distante dal paese e il silenzio ha favorito il loro agire. Inutile ogni tentativo di recuperare la bara e la salma: tutti i controlli esperiti nell’area cimiteriale e nelle zone circostanti hanno dato esito negativo. L’esecrabile gesto viene condannato dalla famiglia Piccininno e dall’Associazione “Cantori di Carpino”che si affidano alle forze dell’ordine per la soluzione del caso.

Pubblicato in Personaggi

Un braccio alzato come a chiedere soccorso. Il campanile della chiesa di Sant'Anna spicca tra gli uliveti di Carpino, lo si vede bene attraverso il finestrino dell'auto. C'è ancora chi racconta di magiche feste di fronte alla chiesa; il 26 luglio è in onore di Sant'Anna, protettrice delle partorienti, la madre della Madonna, la madre di tutte le donne. E' bastato un atto vile, il furto della tela con la Santa, per avviare l'edificio verso l'oblio più profondo. Incendi, crolli, altri furti e vegetazione hanno fatto, e stanno facendo ancora, il resto. Certo, la piccola chiesetta rurale non spicca per prestigiosi elementi architettonici o artistici ma anzi, rispecchia la semplicità della comunità che ci viveva attorno, immersa nei lavori della campagna. Un fulcro vitale, un punto di riferimento, una speranza di fede per chi si spaccava la schiena nella piana piatta, assolata e a tratti paludosa di Carpino. Una comunità ancora così legata alla sua campagna non può dimenticare. La chiesa necessita di un intervento per non essere dimenticata. Ecco perchè nasce "Progetto Sant'Anna", un progetto immateriale per il recupero della memoria, quella memoria collettiva necessaria per maturare un genuino senso di identità e appartenenza. Come con tutto si comincia dalle cose semplici, una passeggiata verso la chiesa per conoscerla, leggere cosa dicono le sue pietre, i suoi intonaci. Ma il fine dell'iniziativa è duplice; la visita guidata, infatti, rientra in "The monuments people", rassegna pugliese che vuole supportare il recupero del patrimonio culturale di Amatrice danneggiato dal terremoto. Le offerte (5€ adulti, 3€bambini) saranno raccolte e destinate al restauro di alcune opere del museo civico “Cola Filotesio” di Amatrice. Il 28 dicembre cammineremo in tanti, a piedi, dal paese fino alla Chiesa di Sant'Anna, ripercorrerendo i passi antichi di tanti nostri compaesani, ritrovando una memoria perduta e aiutando un territorio ferito. Incontro in Piazza del Popolo alle ore 9.00, picnic presso la chiesa.

Per informazioni rivolgersi a Domenico Antonacci su
https://www.facebook.com/events/728781067273935/

Pubblicato in Società

Il servizio nelle news del Biscione porta alla ribalta l’olio di Carpino, con una intervista a Matteo Russi, noto grande appassionato produttore, e deus, del rinomato Agriturismo BioRussi, che si affaccia sul Lago di Varano.

Pubblicato in Ambiente

Per un pensiero speciale e diverso dal solito l'Agriturismo Biorussi ha pensato bene di raccogliere i profumi e i sapori di un tempo nella cassettina dei ricordi, per ricordare e portare in tavola nei giorni di festa i dolci tipici preparati con cura seguendo le antiche ricette della tradizione,proprio come facevano le nostre nonne, vini, liquori, confetture e olio. Vieni a visitare il nostro punto vendita potrai farti consigliare dal nostro personale e scegliere cosi i prodotti a te graditi degustando l'ottima qualità degli ingredienti utilizzati.

Vi aspettiamo a Carpino in Contrada Macchiarotonda

Info: 0884/992513

biorussi.com

Pubblicato in Avvisi

Erano almeno un migliaio ieri pomeriggio a Carpino, i cittadini che hanno portato l'ultimo saluto al maestro Antonio Piccininno, morto l’altro ieri all'età di 100 anni. Ai funerali, oltre a parenti e amici,anche Eugenio Bennato che nonostante i molteplici impegni professionali non è voluto mancare all'addio di colui che ha sempre definito "il monumento della musica popolare del Gargano". Durante l'omelia presieduta da don Tonino Di Maggio nella chiesa di San Cirillo, diversi gli amici che hanno voluto ricordare "Zi Antonio", dal sindaco Rocco Manzo al nipote Michele Simone, al giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno, Antonio D'Amico, e ovviamente Eugenio Bennato che per tutta la cerimonia è rimasto accanto al feretro. "Con Antonio Piccininno se ne va un pezzo di storia del nostro grande sud. Oggi sono molto triste, ho perso un grande maestro della musica popolare oltre che un amico. Grazie ad Antonio, Carpino è diventata famosa in tutto il mondo. Qui il popolo si è inventato la musica più bella della tradizione del sud e questo viene affermato da migliaia di giovani che hanno attribuito a Piccinno ma anche a Sacco e Maccarone il merito di tutto questo. Carpino con la sua musica popolare ha il compito storico di contrapporsi all'appiattimento della globalizzazione. In altri paesi le musiche sono tutte uguali, vengono imposte dall'alto, qui la gente se la sceglie e rende omaggio ai grandi maestri della tradizione popolare. Antonio ha concluso felicemente i suoi giorni perchè ha cantato fino alla fine".

Saverio Serlenga

(Foto di Leonardo Ciuffreda).

 

------------------------------------------------------

Informazioni pubblicitarie/ Vieni a scoprire le nuove offerte della Parafarmacia Santa Maria pensate proprio per te!

Le nostre fantastiche Idee Regalo per questo Natale 2016 ti aspettano!

Parafarmacia Santa Maria, il piacere di prendersi cura di sè!

------------------------------------------------

Pubblicato in Personaggi
Domenica, 11 Dicembre 2016 11:25

Omaggio ad Antonio Piccininno

A poche ore dalla scomparsa di Antonio Piccininno, l'ultimo componente dei Cantori di Carpino, Ondaradio vuole rendergli omaggio riproponendo questa intervista rilasciata a Gaetano Simone qualche tempo fa.

Pubblicato in Personaggi

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005