PROGRAMMA 2018 CARPINO FOLK FESTIVAL XXIII

Musica, tradizioni popolari, culture ed enogastronomia. C’è questo e molto altro al Carpino Folk Festival, dal 6 all’11 agosto a Carpino. In 6 giorni 18 spettacoli dal vivo, 80 artisti, tanti interpreti della tradizione del Gargano, molta contaminazione, ospiti internazionali, progetti speciali, laboratori musicali.
"Ogni volta che si entra nella piazza, ci si trova in mezzo ad un dialogo" è il tema del programma di quest’anno preso in prestito da Le città invisibili, Italo Calvino.

La musica e le tradizioni popolari sono un patrimonio culturale vivo così come lo è la tradizione musicale del Gargano che potendo contare ancora su cantori tradizionali e molti artisti della riproposta da anni sta interpretando se stessa pur essendo cambiate le condizioni culturali, sociali ed economiche del contesto in cui i portatori si sono formati.
I Cantori di Carpino sono la componente forte di questo patrimonio culturale immateriale composto anche dal repertorio delle tarantelle del Gargano e dal Carpino Folk Festival, la manifestazione musicale annuale che ha consentito alla tradizione da vent’anni di non chiudersi in se stessa ma di aprirsi al mondo e alla storia e senza la paura di perdere la sua autenticità di ripensarsi e reinventarsi continuamente.
È compito, quindi, degli operatori culturali locali conservare, tutelare e valorizzare questo patrimonio culturale anno dopo anno. Se il 2017 è stato l'anno del rilancio del festival, il 2018 è infatti quello della valorizzazione degli interpreti del territorio.

Si comincia sul treno delle Ferrovie del Gargano con la rassegna Viaggiar Cantando dal 6 all’8 agosto: TONY LA CORCIA con l'accompagnamento musicale della battente di VALENTINA LATIANO presenta il suo ultimo libro dedicato al grande Paz “La femmina è meravigliosa. Vita impaziente di Andrea Pazienza”, il 7 agosto è la volta di BEPPE LOPEZ che presenta “Matteo Salvatore l'ultimo cantastorie” con l'accompagnamento musicale di PASTA NERA JAZZ TRIO. L’8 agosto tocca a PEPPE LEONE il percussionista di Capossela con Magic Tamburine. Viaggiar Cantando continua poi all'imbrunire nei paesi di destinazione. Il 7 Agosto le Ferrovie del Gargano ci portano a San Menaio la piccola frazione balneare di Vico del Gargano. Qui lo spettacolo proposto è quello di ALFABETO RUNICO con Marta dell’Anno, violinista e violista foggiana ma ormai parigina d’adozione. Il 7 Agosto la fermata è a Cagnano Varano dove verrà proposto lo spettacolo della danzatrice e coreografa salentina, Maristella Martella, KORE ENSEMBLE - mito, rituale e ballo della terra di Puglia.
L'8 agosto invece si arriva a Carpino per 4 giorni interminabili. Si parte con lo spettacolo di LINA SASTRI in cui l'artista propone la sua versione della tarantella del Gargano oltre alla musica della sua terra, la grande tradizione napoletana che ha portato, con successo in tutto il mondo. Il 9 Agosto invece è completamente dedicato al ritmo frenetico della tradizione degli interpreti della tarantella del Gargano con TARANTULA GARGANICA, CANTORI DI MONTE SANT’ANGELO, CANTORI DI SAN GIOVANNI ROTONDO e LE INDIE DI QUAGGIÙ nel centro storico di Carpino. Il 10 agosto una nuova partenza con Piazza del Popolo che ritorna ad essere l'area concerti del Carpino Folk Festival 2018 con: il vagabondaggio musicale di FLO, gli irrequieti LIVOVITZ, le sperimentazioni dei MOP MOP, la leggenda dello sprechgesang britannico TRICKY, la tradizione “Arbëresh” dei PEPPA MARRITI BAND, il bordello della RISERVA MOAC & BUKUROSH BALKAN ORKESTRA, il profeta giamaicano CAPLETON e la magia della pastorale dei CANTORI DI CARPINO.

Ed ancora tre laboratori musicali (https://t.co/t9zYh8s2pi), un concorso fotografico (https://t.co/wRIavUiVZL), proiezioni documentari, presentazioni volumi, degustazioni, usi, costumi e tradizioni caratteristiche di Carpino, centri storici e una proposta Bike Experience organizzata da ALMA e da FIAB Foggia Cicloamici per scoprire il territorio e i suoi paesaggi in modo attivo e sostenibile durante i giorni del festival (torrente Romandato, Calarossa, Monte Delio, Castel Pagano e Dolina Pozzatina).

Il Carpino Folk Festival 2018, organizzato dall’Associazione Culturale Carpino Folk Festival, rientra nel Progetto triennale finanziato dalla Regione Puglia - FSC 2014/2020 - Investiamo nel vostro futuro ed è sostenuto dal Parco Nazionale del Gargano e dal Comune di Carpino.

LINE UP COMPLETA DEL CARPINO FOLK FESTIVAL 2018
6 Agosto
Cantar Viaggiando (treno San Severo – San Menaio)
Un viaggio slow a bordo dei treni delle Ferrovie del Gargano
Ore 19.00 - Conversazione con TONY DI CORCIA, autore del libro “La femmina è meravigliosa. Vita impaziente di Andrea Pazienza”, Cairo Editore, accompagnato dalla chitarra battente di VALENTINA LATIANO

Paesaggi Sonori (Stazione di San Menaio)
Camminando… raccontando il paesaggio attraverso la musica, la danza, la letteratura, il teatro
Ore 22.00 – ALFABETO RUNICO
Ore 23.30 - Proiezione del documentario “Fuori Binario”, con Giuseppe Sansonna

7 Agosto
Cantar Viaggiando (treno San Severo – Cagnano Varano)
Un viaggio slow a bordo dei treni delle Ferrovie del Gargano
Ore 19.00 - Conversazione con BEPPE LOPEZ, autore del libro “Matteo Salvatore, l’ultimo cantastorie”, Aliberti Editore, accompagnato da PASTA NERA JAZZ TRIO

Paesaggi Sonori (Centro storico di Cagnano Varano)
Camminando… raccontando il paesaggio attraverso la musica, la danza, la letteratura, il teatro
Ore 20.00 – Esplorazione urbana nel centro storico di Cagnano Varano in occasione della rassegna Cavù 2018
Ore 21.00 – Teatro in musica con KORE ENSEMBLE, Mito, rituale e ballo della terra di Puglia

8 Agosto
Cantar Viaggiando ( treno San Severo - Carpino)
Un viaggio slow a bordo dei treni delle Ferrovie del Gargano
Ore 19.00 - Dialogo tra percussioni in movimento con PEPPE LEONE detto Pepperino

Paesaggi Sonori (Piazza del Popolo, Carpino)
Camminando… raccontando il paesaggio attraverso la musica, la danza, la letteratura, il teatro
Ore 20.30 – Esplorazione urbana nel centro storico di Carpino
Ore 21.00 – Teatro in musica con LINA SASTRI, Appunti di viaggio

9 Agosto Carpino
La notte di chi ruba donne, concerti della tradizione (Centro storico di Carpino)
Ore 21.00
Presentazione del volume fotografico “Carpino Folk Festival, un viaggio emozionale” con Tony Rizzo, Barbara De Finis e Emilia Sfilio, Secop Edizioni

Dalle ore 22.00
TARANTULA GARGANICA
CANTORI DI MONTE SANT ANGELO
CANTORI DI SAN GIOVANNI ROTONDO
LE INDIE DI QUAGGIÙ

10 Agosto - Carpino
Ore 21.00 - PEPPA MARRITI BAND, Ajeret
Ore 22.00 – FLO, La Mentirosa
Ore 23.00 – SLIVOVITZ, Liver
Ore 00.00 – TRICKY

11 Agosto – Carpino
Ore 21.30 – MOP MOP, A bastard performance of modern jazz
Ore 23.00 – RISERVA MOAC & BUKUROSH BALKAN ORKESTRA, Balkan, World, Patchanka
Ore 00.00 – I CANTORI DI CARPINO, Stile, storia e musica alla Carpinese
Ore 01.00 – CAPLETON, The Prophet

Direzione Artistica: Luciano Castelluccia
Produzione: Ass. Cult. Carpino Folk Festival
Ufficio stampa: CDP Service - Referente Ufficio Stampa: Francesca Fatone – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 0882.375761

MATERIALI GRAFICI
Volantino: https://t.co/FXAK4Wldnt
Locandina: https://t.co/fpkHFtTs0j
Manifesto: https://t.co/MujVhSVi1q
Cartella Stampa: https://t.co/KXEQkrq4p3

CONTATTI E SOCIAL
Facebook www.facebook.com/CarpinoFolkFestivalUfficiale
Web www.carpinofolkfestival.com
Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Pubblicato in Manifestazioni

Festambientesud 25 luglio - 5 agosto

Carpino Folk Festival 6 - 11 agosto

 

Gargano_Puglia_Italia

#WeareinPuglia

 

Carpino Folk Festival e FestAmbiente Sud: due festival per la promozione e la valorizzazione del territorio; insieme per presentare i programmi degli eventi 2018. La conferenza stampa è fissatalunedì il 23 luglio, alle ore 10,30 al CinePorto di Foggia (via San Severo).

FestambienteSud 2018, XIV edizione, è l’ecofestival delle questioni meridionali e della qualità culturale del territorio, “MEZZOGIORNO DI FUOCO”, questione meridionale: è l’ora di farla finita. È il tema di questa edizione. A un ricco cartellone musicale firmato da Paolo Fresu, con ospiti italiani e internazionali, si aggiunge un vario programma culturale con forum, mostre e laboratori.

Musica, tradizioni popolari, culture ed enogastronomia. C’è questo e molto altro al Carpino Folk Festival, XXIII edizione, dal 6 all’11 agosto a Carpino. In sei giorni tanti interpreti della tradizione del Gargano, molta contaminazione, ospiti internazionali, progetti speciali, laboratori musicali. Se il 2017 è stato l'anno del rilancio del festival, il 2018 è invece quello della valorizzazione degli interpreti del territorio.

 Parteciperanno:

 

  • Raffaele Piemontese, assessore al Bilancio e alle Politiche giovanili
  • Leonardo Di Gioia, assessore Agricoltura Regione Puglia
  • Aldo Patruno, direttore del Dipartimento turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio della Regione Puglia
  • Luca Scandale, PugliaPromozione
  • Rocco Di Brina, Sindaco del Comune di Carpino
  • Giuseppe D’Urso, presidente Teatro Pubblico Pugliese
  • Claudio Costanzucci, vice presidente Parco Nazionale del Gargano
  • Umberto Russi, Ferrovie del Gargano
  • Franco Salcuni, direttore culturale Festambientesud
  • Vanessa Pallucchi, vice presidente nazionale Legambiente
  • Pasquale Di Viesti, presidente del Carpino Folk Festival
  • Luciano Castelluccia, direttore artistico del Carpino Folk Festival

 In videoconferenza: Loredana Capone, assessore al Turismo Regione Puglia e Paolo Fresu, direttore artistico di Festambientesud.

Sono stati invitati i sindaci e amministratori di Monte Sant’Angelo, Vieste e S.Giovanni Rotondo.

Pubblicato in Manifestazioni
Mercoledì, 06 Giugno 2018 09:32

Carpino/ 2 scosse di terremoto nella notte

Due lievi scosse a distanza di mezzora la notte scorsa sul Gargano. Epicentro Carpino dove la terra ha tremato alle 01,18 (magnitudo 2.1) e alle 01,37 (2.3). Nessun danno a cose e persone.

Pubblicato in Ambiente

Ci sono delle cose che non possono aspettare, che insistono, e ci mettono fretta. E delle altre cose che, a torto o a ragione, pensiamo restino là per sempre. Come se fossero eterne.
Ci sono delle azioni che facciamo senza un rituale, senza attenzione, senza una particolare cura, come se le subissimo. Ed altre che compiamo con riguardo, con rispetto, a cui dedichiamo sacralità.
Ci sono dei luoghi da cui si passa, dei luoghi qualsiasi, da cui si va o si viene, e degli altri luoghi che teniamo dentro, molto in fondo, diventano parte di noi.
Un luogo che ti entra in corpo, rimane lì, non si sposta mai più.
I luoghi del cuore raramente si scelgono, sono loro che a un certo punto scelgono te.

Io personalmente ho solo due luoghi che sento essere parte di me, uno di questi è Carpino.
Carpino è una terra onesta, nuda e cruda, non è un luogo semplice, non è riposante, non è una terra ruffiana, anche le persone migliori non sono semplici, non sono riposanti, e neanche ruffiane, ed è una terra che non ti regala niente, anzi spesso ti mette alla prova, ti leva la forza, ti leva anche la vita.
E la sua gente, anche la sua gente è nuda e cruda, onesta, e molto vera.

Io sono una donna di città. Una città piccola, ultimamente spesso cattiva e inospitale, ma una città. E in città le cose sono più facili.
Provo un enorme senso di gratitudine e di soggezione insieme a scrivere poche righe per questa terra e per questo figlio suo, che il cielo s’è portato via troppo presto, troppo giovane.

Ci sono dei luoghi qualsiasi, belli o brutti, amati o a noi indifferenti, e poi ci sono dei luoghi che ci tatuiamo sulla pelle.
Io sono stata accolta a Carpino tanti anni fa, presa come una figlia, e adottata, io e i miei due bambini allora molto piccoli.
Da allora nessuno si è più scordato di me, senza che io facessi niente.
Carpino con me è buona, mi vuole bene.

Ci sono dei gesti che compiamo per abitudine, senza attenzione, e degli altri che crediamo eterni.
Ecco, per me Carpino è eterna, la sua gente è eterna. L’aria che si respira nei vicoli, nella piazza, e subito fuori il paese, è eterna, immortale. I sapori che assaggio sono diversi da tutti gli altri che conosco, arrivano da lontano.
Quando io poi, a casa mia, provo a cucinare le stesse cose seguendo alla lettera ricette e indicazioni, e usando esattamente lo stesso olio e lo stesso cibo, non riesco a ritrovare quel sapore. Si vede che a Carpino, là, nel paese protetto tra la montagna e il lago, c’è un segreto che io non so, che rende le cose diverse, più buone, più importanti.
Non riesco a parlare di Antonio, ma lui ha a che fare con tutto quello che fa di questa terra una terra immortale, di questi sapori dei sapori irripetibili, di queste persone, gente ospitale che ti accoglie come una bambina e non si scorda mai più di te.

Non so parlare di Antonio, io so raccontare solo le cose che conosco.
Se l’avessi conosciuto, io, Antonio, avrei ballato con lui, gli avrei tolto le castagnole dalle dita ridendo e saltando, avrei preso un pezzo di caciocavallo dalle sue mani, avrei spartito quei sorrisi che da giorni circolano sul web e mi tolgono il fiato, e a me sembra di non averne mai visti in giro, di sorrisi puliti così.
Questo avrei fatto.

A voi che siete suoi fratelli, a noi tutti, da oggi in poi, il compito di tenere alto il suo sogno.

(dal discorso di Roberta Pilar Jarussi al Teatro del Fuoco per ricordare Antonio Facenna)

La Masseria Didattica Antonio Facenna presenta la “ Transumanza “, evento che vede la collaborazione e il patrocinio del Comune di Carpino, della Proloco di Carpino, dell’Ente Parco Nazionale del Gargano, del Consorzio Proloco del Gargano e dell’ UNPLI Puglia.

Il 25 aprile si festeggerà a Carpino assaporando il gusto autentico della tradizione garganica declinata nelle sue svariate e sorprendenti sfaccettature: protagonista indiscussa della giornata l’antica usanza della transumanza per poi apprezzare l’arte culinaria e quella della musica, per lasciarsi, infine, trasportare dal ritmo e dalla passione per una terra amara e amata, ripercorrendo gli stessi passi di Antonio, ormai simbolo del nostro Gargano per l’esemplare impegno e l’ammirevole dedizione. Perché “essere podolici è uno stile di vita”. Un programma ricco e travolgente, ideato per risvegliare un forte e autentico senso di comunità e appartenenza e al contempo la giusta dose di protagonismo e partecipazione attiva perché ognuno diventi l’inimitabile autore del proprio desiderio e di quei passi che segneranno la terra che culla paziente la direzione dei nostri cammini

L’evento è a posti limitati, occorre la prenotazione. Per maggiori informazioni:
Gianluca : 3337303128 / Krizia : 3421229559 / Michele: 3389024989

Pubblicato in Manifestazioni

I Cantori di Carpino, il più celebre gruppo di musica popolare del Gargano, artefici del recupero e della divulgazione del patrimonio di musica popolare di Carpino, hanno firmato a Roma nei giorni scorsi un contratto di booking in Italia e nel mondo con WMusic di Massimo Bonelli, il settore specializzato in World Music che lavora in stretto contatto con ICompany di cui è praticamente una costola. Il gruppo sarà prodotto da Renato Marengo, noto autore e critico musicale già produttore di gran parte degli artisti del Napule’s Power, da NCCP a Roberto De Simone, Eugenio Bennato a Teresa De Sio, Tony Esposito e altri, con la collaborazione della CdP Service di San Severo. L’attuale formazione dei Cantori di Carpino, eredi e continuatori del lavoro dei padri fondatori del gruppo, Andrea Sacco, Antonio Piccinino e Antonio Maccarone oggi comprende Nicola Gentile (tammorra e voce), Rocco Di Lorenzo (chitarra battente e voce), Gennaro Di Lella (chitarra francese), Antonio Rignanese (chitarra battente), Rosa Menonna (castagnole e voce) con le new entry dei giovanisimi Francesco Di Perna (chitarra acustica e voce) e Piero Manzo (tammorra, voce e ballo), prosegue nel lavoro di riproposta e ricerca di quel patrimonio culturale portato alla luce e all’attenzione del resto del mondo da grandi ricercatori internazionali come Alan Lomax, Roberto Leydi, Diego Carpitella e Roberto De Simone a metà degli anni ’60, riproposto poi in parte e portato al suesso da Nuova Compagnia di Canto Popolare, Eugenio Bennato, Teresa De Sio e da tanti giovani artisti del Sud che oggi eseguono, rielaborano e compongono tarantelle, serenate e tammurriate in quello stile. I Cantori di Carpino ambasciatori in Europa e nel mondo del repertorio più rappresentativo delle musiche del Gargano, che quest’anno saranno impegnati in numerosi concerti in giro per l’Italia, saranno presenti al Concerto 1° Maggio, nello spazio che “I Company” riserverà ai maggiori Festival italiani di musica, con organizzatori e direttori artistici di “Terra Battente” e “Carpino Folk Festival”, manifestazioni delle quali i Cantori saranno ospiti la prossima estate.
I Cantori di Carpino, in questi giorni stanno realizzando un loro nuovo CD che verrà pubblicato da Squilibri Editore in un libro-disco patrocinato da Ferrovie del Gargano.

Pubblicato in Spettacolo

Domenica 8 aprile 2018 l’Assessorato alle Pari Opportunità ed allo Sport del Comune di Carpino organizza la 1^ Edizione della “CAMMINATA IN ROSA”, una corsa non competitiva aperta a tutti, uomini, donne e bambini senza limiti di età, allo scopo unico di sensibilizzare l’opinione pubblica sul delicato problema della violenza di genere.

Il ritrovo per i partecipanti sarà alle 14,30 nella seicentesca Piazza del Popolo che ospita gli eventi più importanti del paese come il Carpino Folk Festival ed i concerti dei festeggiamenti patronali in onore di Maria ss.Assunta e San Rocco.

La partenza prevista per le 15,00 con percorso che da Piazza del Popolo imbocca Via Mazzini/Via Monsignor Scalabrini con prosecuzione fino alla strada provinciale Romondato/Via Roma e ritorno in Piazza del Popolo, con festa finale e buffett offerto dai fruttivendoli e commercianti locali.

Il percorso, dopo aver lasciato alle spalle il centro abitato di Carpino, è' una via da percorrere con il passo lento dell'osservatore curioso, capace di lasciarsi emozionare e stupire contemplando la bellezza della natura ma pronto anche ad osservare con sguardo ammirato le molte testimonianze del lavoro dell'uomo, che ha abitato la montagna fin da tempi molto antichi. Ripercorrere antichi sentieri, immergendosi nella natura e ascoltando i suoni della campagna che costeggia la collina di Pastromele, contribuirà a predisporre la mente ed il cuore all'incontro con la memoria del passato, che permane e si rinnova nelle tradizioni, come suggerito nella storia della stessa collina.

La Camminata in rosa, una manifestazione unica nel suo genere a Carpino , conclude una serie di Manifestazioni iniziate nel mese di Marzo con “MARZO E’ DONNA”, come “Yoga per la donna: l’energia al femminile al Palazzo Barone il 15 Marzo, la proiezione del Film “Suffregette” il 22 Marzo sempre al Palazzo Barone con cineforum finale;

Camminare, fare fatica con passo lento o sostenuto, sostiene l’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Carpino D.ssa Caterina Foresta, aiuta a trovare la concentrazione e la forza interiore che ognuno di noi possiede, a liberare la mente dagli stress e cercare di far emergere la gioia della vita e condividerla con gli altri.

Questa Camminata non è della donna ma è per la donna, prosegue ancora l’Assessore Caterina Foresta, ovvero per tutte quelle donne che quotidianamente sono costrette a subire soprusi, umiliazioni e violenze: ecco perché la camminata non è intesa come una competizione, ma una occasione per conoscere gente nuova e comunicare esperienze diverse, saper vivere il presente senza fretta in completa autonomia e libertà per godersi lo spettacolo che la natura ci offre lungo il percorso.

Pubblicato in Società

La seconda data estera dello spettacolo musical gastronomico della Puglia “L’acquasala salverà il mondo“.
Odori, suoni e carisma di una Puglia essenziale, magica e riconoscente. Quella Puglia che è in grado di stupire, emozionare, coinvolgere ed appassionare.
Creare comunità nelle comunità, mettere insieme le anime buone della società, condividere un tozzo di pane, un calice di vino, lasciarsi andare all'armonia della condivisione, imparare cose nuove e concedersi alla gratitudine di un abbraccio spontaneo.
E’ questo il pensiero sublime e nobile che, il direttore artistico del Carpino Folk Festival, Luciano Castelluccia, vuole diffondere con lo spettacolo “L’acquasala salverà il mondo”, in scena sabato 21 Aprile alle ore 20:30, presso la Kunstverein Familie Montez a Francoforte sul meno.
La location, non a caso situata sotto un ponte, farà da contenitore per una delle prime “ invasioni podoliche” in Germania.
Una performance musicale in commistione con il live show cooking arricchiti da una degustazione di prodotti tipici Pugliesi ed il djSet Podolico a cura di Metano’s.
Un percorso multisensoriale che parte dal Gargano per arrivare sino a Bankfurt, per incontrare gli occhi di chi quella Terra la porta nel cuore, chi in Puglia ci è nato, chi ne ricorda i profumi, le sonorità, i riflessi, la luce, l’essenzialità del vivere coccolando corpo e mente, bocca e ventre, cuore a cuore.
Tutti sono i benvenuti a prender parte a questo viaggio mistico, attraverso cui lasciarsi andare ai ricordi, alla gioia dello stare insieme, lasciando per qualche ora il wifi spento, riscoprendo, facendo ricorso ai quattro sensi, la verità!
Dove andiamo? Chi siamo? Che cosa facciamo?
Tra suoni e muggiti, bocconi e benedizioni, “il pastore di mandrie musicali e custode di antiche tradizioni moderne”, Luciano Castelluccia, vi anestetizzerà regalandovi una serata all’insegna del divertimento e della riscoperta dei piccoli e veri piaceri.
La nostra libertà non sta fuori di noi, ma in noi. Ode alla libertà. Disse la vacca!
Il 21 Aprile non fate le pecore, siate vacche podoliche!

Info e prenotazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+49 1573 7981728 (Francesca Filannino)

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Spettacolo
Domenica, 25 Marzo 2018 09:44

Terremoto 2.5 sul Gargano

Una lieve scossa di terremoto di magnitudo 2.5 è stata avvertita sul Gargano alle 22,44 di ieri sera. Epicentro a 18 km a nord di Carpino. Il sisma ha spaventato diversi cittadini del Promontorio. Nessun danno.

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.

La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005