Articoli filtrati per data: Venerdì, 04 Agosto 2017 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

Questo il primo dato di Assoturismo Confesercenti Foggia sulla stagione estiva 2017. Cresce il Gargano e sulla stessa lunghezza d’onda anche i Monti Dauni. In particolare l’incremento, si calcola del 5%, è dovuto agli ospiti provenienti da Germania, Francia, Inghilterra e Stati Uniti. Ottimismo anche per le prossime settimane, supportato da prenotazioni che arrivano fino a settembre.
A parere del responsabile di Assoturismo, Bruno Zangardi, «il 2017 si sta confermando un anno florido per le aziende turistiche. Occorre approfittare per investire in competitività e per affrontare alcuni nodi strutturali del sistema pugliese. Vanno realizzati interventi a basso costo, ma ad alta efficacia. Dobbiamo, da regione leader dei beni Unesco, esprimere modelli di gestione del territorio che siano efficaci. Dobbiamo investire nella salvaguardia dell'ambiente e prevenire».
Sulla questione interviene anche Franco Granata, direttore di Confesercenti Foggia, che afferma: «Non possiamo subire passivamente i cambiamenti climatici e le calamità. Non è possibile continuare a convivere con gli incendi senza programmare interventi sostanziali».

Conclude la nota di Assoturismo Confesercenti il presidente Alfonso Ferrara, che dichiara: «Non va sottovalutata la digitalizzazione come banco di prova importantissimo che si accompagna allo sviluppo di nuova imprenditorialità e di formule innovative di fruizione dell'offerta turistica del brand Puglia Gargano e Monti Dauni».

Pubblicato in Turismo

- La stragrande maggioranza dei comuni ha scelto di diversificare le tariffe in basse alle “stelle” attribuite alle strutture. Si paga per una o più notti in albergo, ma non solo, infatti anche i campeggi, i bed and breakfast, gli agriturismi, sono toccati dall’imposta. Se nel 2011, anno di esordio di tale imposta prevista dal Decreto sul federalismo municipale, i comuni che avevano optato per l’imposta si contavano sulle “dita di una mano” (Venezia, Roma, Firenze, Catania, Padova, Vieste, Villasimius e pochi altri), ad oggi, secondo il Servizio Politiche Territoriali della UIL sono 649 i Comuni che applicano l’imposta di soggiorno, sostanzialmente gli stessi comuni del 2015 in quanto, per quest’anno, anche questa imposta è soggetta al blocco degli aumenti decisi a livello nazionale con la Legge di stabilità.
A queste prime città o località turistiche, infatti, si sono aggiunte, nel tempo, altre città quali: Milano,
Bologna, Napoli, Aosta, Livorno, Perugia, Matera, Vicenza, Verona, Ancona, Como, Siena, Pisa, Lecce, La Spezia, Ragusa, Genova, Torino, Massa, Verbania, Bergamo, Parma, Pesaro, Modena, Salerno, Lodi, Ferrara, Livorno, Grosseto, Ravenna, Trapani, Messina, Rimini, Palermo (dal 2014), Siracusa, Sondrio, Lucca. Ma ora la cosiddetta “manovrina correttiva” ha sbloccato l’imposta di soggiorno e già alcuni comuni, come Cervia, Comacchio (a partire dal prossimo mese di ottobre), Atrani da Luglio, oppure Maiori, che ha modificato le aliquote, ne hanno colto l’opportunità. Non solo nelle grandi città, ma dal mare alla montagna, dalle località termali ai comuni sui laghi, vale a dire le cosiddette località turistiche, l’imposta è stata introdotta a: Riccione, Cattolica, San Gimignano, Vieste, Ostuni, Alberobello, Gallipoli, Otranto, Ostuni, Fondi, Sperlonga, Sabaudia, Tropea, Soverato, Scalea, Roccella Jonica, Senigaglia, San Benedetto del Tronto.

(AdnKronos)

Pubblicato in Turismo

Secondo le ultime proiezioni questa ondata di caldo durerà probabilmente almeno fino a metà della prossima settimana al Centro-Sud, anche se le temperature, nei primi giorni della prossima settimana, perderanno qualche grado rispetto ai valori record di questi giorni.

Agosto è iniziato all'insegna del caldo estremo a causa dell’Anticiclone Nordafricano, che continuerà a favorire condizioni di caldo estremo a causa della rovente massa d’aria di origine sahariana che l’accompagna.

Si tratta della quinta ondata di caldo, molto probabilmente la più intensa di questa estate. Il picco del caldo è previsto tra le giornate di oggi, venerdì, e sabato. L'emergenza siccità non potrà che aggravarsi, a causa delle alte temperature e del lungo periodo senza precipitazioni, specialmente al Centrosud e sulle Isole.

Resta estremamente elevato, inoltre, il pericolo incendi. Ieri si sono registrati ancora incendi sul Gargano, sono andati in fumo diversi ettari di macchia mediterranea nei Comuni di Mattinata e Vico del Gargano.

In molte località Centro-Sud continuano ad essere toccati picchi fino a 41-42 °C, ma anche nelle altre zone il caldo e l’umidità restano su livelli elevati.
Secondo le ultime proiezioni questa ondata di caldo durerà probabilmente almeno fino a metà della prossima settimana al Centro-Sud, anche se le temperature, nei primi giorni della prossima settimana, perderanno qualche grado rispetto ai valori record di questi giorni.

Per il 15 Agosto pare proporsi un nuovo ripristino anticiclonico, ma di tutt'altra natura rispetto all'infuocata alta pressione nordafricana di questi giorni.
Infatti, sarà l'anticiclone delle Azzorre a tornare a far visita al nostro Paese.Intorno al periodo di Ferragosto, di tempo abbastanza stabile e soleggiato soprattutto su coste e pianure, abbastanza caldo ma temperature più nella norma, senza particolari eccessi. Va messo nel conto, però, una possibile instabilità pomeridiana sui rilievi sia alpini che appenninici.

Ilmeteo.it

Pubblicato in Ambiente
Venerdì, 04 Agosto 2017 17:22

FerGargano, torna il Cantar Viaggiando

Cultura del territorio e gastronomia on the road. Parte domani, 5 agosto, l’edizione 2017 di “Cantar Viaggiando - Un viaggio slow a bordo dei vagoni delle Ferrovie del Gargano, proseguimento nel territorio con “Paesaggi sonori - Camminamenti rupestri”. Gargano da scoprire, dunque, diverso dall’immaginario collettivo che si è andato costruendo negli anni. E’ questa la proposta che il “Carpino Folk Festival” ha inteso sposare con le FerGargano. Prima tappa il 5 agosto a Calenella, il 6 a Cagnano Varano e il 7 a Carpino.
Per i prossimi tre anni, l’obiettivo del Carpino Folk Festival e Ferrovie del Gargano – grazie a “Paesaggi sonori - Camminamenti rupestri” - sarà, dunque, riportare alla conoscenza e alla fruizione dei visitatori il patrimonio storico culturale non utilizzato ovvero quei luoghi dove i nostri antenati, con fatica, creavano spazi dalla roccia per vivere, praticare culti, lavorare, nuclei sotterranei inglobati nei centri storici medievali, che scendono dalle colline dello “sperone” verso il mare, protetti da “macere”, case grotte in una mistura di pietra e terra che per millenni hanno dato rifugio alle popolazioni garganiche; innescare fenomeni di riappropriazione del patrimonio culturale da parte delle comunità locali che possono, così, strategicamente costruire nuovi percorsi con l’obiettivo di destagionalizzare i flussi o crearli dove assenti.
Prima di “Paesaggi sonori - Camminamenti rupestri” il Festival, sulle Ferrovie del Gargano, Cantar Viaggiando - Musica, teatro, danza e narrazione per caratterizzare appunto le ferrovie locali in termini di mobilità lenta e quindi di eco sostenibilità con eventi di riproposta della musica tradizionale e narrazioni a bordo dei treni che hanno lo scopo di promuovere il territorio e accogliere i visitatori con la somministrazione delle produzioni tipiche locali, ma allo stesso tempo valorizzare la rete ferroviaria per lo sviluppo, la promozione turistica e la partecipazione sociale del territorio.
Con Cantar Viaggiando il treno da mezzo di trasporto diventa palcoscenico grazie ad artisti e storyteller ma anche momenti degustativi con Alessandro Iacubino. Sull’esempio dei pionieristici happening nomadici che negli anni 70 si svolgevano negli USA, ogni tappa di Cantar Viaggiando è una festa di performance, visual e prodotti tipici che da 5 anni viene organizzata dal Carpino Folk Festival sui treni delle ferrovie del Gargano per riscoprire tesori artistici e paesaggistici, storie e leggende custodite dalla memoria.
«Una visione del trasporto in linea con le esigenze della promozione del territorio – commenta il dott. Vincenzo Scarcia Germano, direttore delle Ferrovie del Gargano -. Un impegno che, da anni, vede Ferrovie del Gargano, partner del Carpino Folk Festival. Per l’occasione i nostri treni si trasformano in vettori di marketing territoriale ma anche contenitori culturali grazie alla loro capacità di far “emigrare” uomini e tempi intorno a messaggi culturali. Un progetto che condividiamo con i nostri viaggiatori sempre più attenti a queste esigenze».
PROGRAMMA DEL CANTAR VIAGGIANDO CON ORARIO PARTENZE:
PAESAGGI SONORI - Camminando... raccontando il paesaggio attraverso la musica, la danza la letteratura il teatro.
• Visita guidata nella necropoli di Monte Pucci, Vico del Gargano con il supporto del prof. Nello Biscotti
• i “Suoni della terra”. Il primo spettacolo scientifico-musicale dove i musicisti improvvisano direttamente con le frequenze emesse dalla Terra. Attraverso la tecnologia usata per le indagini geofisiche del territorio, è possibile trasformare i dati geofisici in frequenze musicali.

Matteo Pelorosso: geologo Stefano Floris: geom. specialista acquisizione di dati geofici mediante tecniche EM Michele Empler: Network Systems engineer - sonificazione dei dati geofisici

Riccardo Scorzino: sound engineer: sistema elettronico dei pedali per alimentazione
Michele Villetti: ideatore progetto EMAGO, percussionista e compositore
6 Agosto - 17.26 Staz. San Severo
Musica, teatro, danza e narrazione con:
• Piero Brega e Oretta Orengo - Brega voce carismatica canzoniere del Lazio, Oretta del canzoniere internazionale, si ritrovano dopo trent'anni e iniziano a raccontare in musica la realtà del nostro paese come dei moderni cantastorie.

• PAESAGGI SONORI - Camminando... raccontando il paesaggio attraverso la musica, la danza la letteratura il teatro.
Visita guidata a Bagno di Varano, Cagnano Varano
●Orchestra Bottoni Un’orchestra e una voce, un viaggio tra la tradizione mediterranea e l’etnojazz
7 Agosto - 19.00 Staz. San Severo
Musica, teatro, danza e narrazione con:
• Canio Loguercio & Alessandro D’Alessandro con Fabio Renzi (segretario generale Symbola)
“Canti, ballate e ipocondrie d'ammore"
Fra appunti sparsi, chiacchiere, ballate e canzoni d’ammore a fil’e voce, una storia intima e condivisa sulla memoria, la bellezza e l’abbandono, nel ricordo dell’amico fraterno Matteo Fusilli, figlio di questa terra garganica, con il quale abbiamo imparato a scrivere parole nuove.

Visita guidata centro storico di Carpino
● LA NOTTE DI CHI RUBA DONNE - Concerti della tradizione
Incontri, documentari, presentazioni editoriali e concerti di musica tradizionale e di riproposta nel centro storico di Carpino.
Con Alessandro Portelli, Mimmo Ferraro, Piero Arcangeli, Omerita Ranalli, intervengono, in voce e in musica: Antonella Costanzo, Susanna Buffa, Sara Modigliani, accompagnati da Alessandro D’Alessandro e Gabriele Modigliani.
Con Salvatore e l'ensemble La Montagna del Sole “Vociantaurë” (prima assoluta).

Pubblicato in Manifestazioni

“Il bene è culturale”. Questo il titolo che abbiamo scelto per il programma di eventi che da agosto a dicembre comporrà la programmazione della XIII edizione di FestambienteSud, dedicata alla cultura e al patrimonio culturale. E’ facile parlare di “beni culturali” senza riflettere sui significati molteplici ed evocativi della prima delle due parole. “Un” bene è un patrimonio, un possedimento individuale o collettivo, certo, ma “il” bene è anche la predisposizione positiva nei confronti delle relazioni fondate sul rispetto delle persone, delle regole e delle cose. Quanto all’aggettivo culturale poi, è utile ricordare che cultura è costruzione del contesto di legami e informazioni senza i quali le relazioni umane si limitano ai puri rapporti di forza. Senza cultura ci sono solo violenza e la guerra di tutti contro tutti. Solo la cultura costruisce le regole di convivenza pacifica fondate sulla relazione e sul rispetto dei diritti e dei valori condivisi dai membri di una stessa comunità e tra comunità diverse. La salvaguardia del patrimonio culturale non si limita al “campanile”, che vanta come unica e superiore solo la propria identità, ma si apre alla relazione tra culture fondando, più che l’idea di tolleranza, cara agli illuministi, quelle di accoglienza, interdipendenza e contaminazione senza le quali è impossibile salvaguardare il patrimonio culturale, ed è impossibile che nuove culture possano nascere, rigenerando l’umanità.
Ecco la prima tappa del percorso di FestambienteSud 2017 (la festa dal 17 al 19 agosto), cui seguiranno l’evento dedicato alla musica jazz diretto da Paolo Fresu, dal 7 al 10 dicembre, e il Teatro Civile Festival nel periodo natalizio. La tre giorni estiva intreccia il programma con “Junno. Piccolo Festival del Rione”, evento dedicato alla letteratura diretto dal pota Raffaele Niro.

Giovedì 17 agosto
Ore 16.30 – Visita guidata al Museo Tancredi e alla chiesa di Santo Stefano
Ore 17.30 – Largo Totila - Junno. Piccolo Festival del Rione
Presentazione del libro ECONOMIA DECENTE di Francesco Maggio
Reading musicale AMORE CHE VIENI, AMORE CHE VAI con Emilia Di Padova e Antonio Riccardo
Ore 19.30 - Piazza De Galganis – Conferenza
IL PATRIMONIO CULTURALE IMMATERIALE. Le fiabe e il racconto popolare verso il riconoscimento UNESCO
segue inaugurazione di PAINTING CARE mostra di Fidelia Clemente (nei tre giorni in via Gambadoro)
Ore 21 – Piazza De Galganis - Junno. Piccolo Festival del Rione
CONCERTO SOLO PIANO di Carmine Padula
Ore 22.00 – Largo Dauno – Concerti
RHOMANIFE / KING HAMMOND & THE RUDE BOY MAFIA
Partendo dal richiamo biblico della cultura reggae, i Rhomanife, dal Rione Libertà di Bari, diffondono in pura musica il proprio convinto messaggio di fede, lontani dalle istituzioni religiose ufficiali e vicini a tutti i gli esseri umani che credono nei valori dell’amore e della pace
King Hammond è nome d’arte di Nick Welsh, artista reggae e ska londinese vincitore di un Grammy Award nel 2002. Inizia la sua carriera artistica negli anni ‘80. Membro dei Bad Manners e successivamente dei Selecter, ha poi proseguito il suo percorso da solista con numerose produzioni e successi.
Ore 23.30 – Chiostro delle Clarisse – Intorno alla mezzanotte
M.ORGAN D meets the souls (selecta/session live)

Venerdì 18 agosto
In Foresta Umbra:
Ore 16.00 – visita guidata alle Faggete Vetuste della riserva integrale di Falascone, patrimonio UNESCO, lungo il sentiero esterno alla riserva.
Segue – Concerto in Foresta Umbra di GIANLUCA PETRELLA, trombone solo
Nativo di Bari, Petrella è considerato fra i più dotati trombonisti jazz internazionali. Ha vinto nel 2006 e nel 2007 la classifica per i migliori artisti emergenti del jazz mondiale stilata dalla rivista statunitense Down Beat. Già nostro ospite, ha all’attivo collaborazioni con i migliori artisti del panorama mondiale del jazz
A Monte Sant’Angelo:
Ore 17 – Case popolari – RIGENERATION JAM - rigenerazione urbana con la street art
Writers ospiti: TORBI / SKARD / RED / NORH / SMOH
Ore 17.30 – Largo Totila - Junno. Piccolo Festival del Rione
Presentazione del libro CERCANDO L'ISOLA... di Salvatore Ritrovato
Reading musicale TERZA QUALITÀ - OMAGGIO A MATTEO SALVATORE, con Antonio Munno e Ciava
Ore 19.30 – Piazza De Galganis – Conferenza.
NATURA E CULTURA. Le faggete vetuste nel sistema del patrimonio boschivo del Gargano.
Ore 21 – Piazza De Galganis - Junno. Piccolo Festival del Rione
Reading musicale L’ATTESA DEL PADRE con Raffaele Niro e Davide Dell’Oglio
Ore 21.30 – Largo Dauno - Concerto
Open Act COUNTRYCK / LA MASNADA / J-SEP & NODA / TOTO’ NASTY & UNTOUCH / NO FANG
DJ ARGENTO con DON DIEGOH / FRANCESCO PAURA / KIAVE
Dj Argento e i suoi tre ospiti sono tra gli artisti più rappresentativi della scena Hip Hop italiana. Nell’ambito di una giornata dedicata alle quattro arti Hip Hop, propone un repertorio incentrato sul disco "ARGENTO" e sui brani più rappresentativi del repertorio di Don Diegoh, Paura e Kiave
Ore 23.30 – Chiostro delle Clarisse – Intorno alla mezzanotte

Sabato 19 agosto
Ore 11 – Visita all’Abbazia di Santa Maria di Pulsano
Ore 16.30 – Visita al complesso monumentale di San Michele Arcangelo, patrimonio Mondiale dell’Umanità
Ore 18.30 – Largo Totila - Junno. Piccolo Festival del Rione
Meditazione con una seduta di QI GONG del Maestro Pasquale Resce
Ore 19.30 – Piazza De Galganis – Conferenza
Il sistema dei siti UNESCO del Sud Italia tra conservazione e rigenerazione
Ore 21 – Largo Dauno – Concerti
DISSIDIO / COQUETTE BAND
Con i Dissidio il teatro incontra la musica, il suono veicola precise suggestioni e le vibrazioni evocano nuove visioni sceniche. Band calabrese, nasce nel marzo del 2013 e si propone nel panorama musicale con un modo personalissimo di stare sul palco e condividere col pubblico l’evento.
La Coquette Band, band di Monte Sant’Angelo, spazia dal punk melodico, al rock steady, allo ska. Una musica ricca di energia, simpatia e spensieratezza. Oltre ai brani del repertorio storico della band due nuovi singoli saranno presentati in anteprima durante il concerto.

Ore 23.30 – Chiostro delle Clarisse – Intorno alla mezzanotte con il concerto di
LEDA BATTISTI
Chitarrista e cantautrice, nativa di Poggio Bustone, s’è imposta nella scena musicale italiana con la voce ma anche con la sua competenza musicale. Il suo concerto acustico spazierà tra il suo repertorio storico e le nuove produzioni, con qualche omaggio ai grandi della musica pop e rock internazionale.

Note:
- tutti gli eventi sono a ingresso libero
- in caso di mal tempo gli eventi si sposteranno nel complesso delle clarisse
Il percorso di FestambienteSud continua:
- Dal 7 al 10 dicembre rassegna jazz a cura di PAOLO FRESU, con concerti, laboratori incontri ed eventi gastronomici
- Dal 22 al 30 dicembre con la IX edizione del Teatro Civile Festival
in caso di approvazione del progetto spettacoli presentato in Regione Puglia.

Pubblicato in Manifestazioni

Non c’è due senza tre: anche quest’anno la finale viestana del mondiale di beach soccer vedrà opposte Italia ed Argentina. Gli azzurri, vincitori nelle precedenti edizioni, ci sono arrivati agevolmente, con un secco 5-1 sul Canada grazie alla tripletta di Max Tonetto e ai gol di Esposito e Ganz. Più complicato è stato il successo argentino, ottenuto per 3-2 sull’Honduras conquistato solo durante il tempo supplementare.

Questo pomeriggio, con inizio alle 16:30, si svolgeranno le finali, partendo con quella per il terzo e quarto posto per poi passare a quella che assegnerà il titolo dell’ultima tappa del tour organizzato dalla Italia Beach Soccer di Maurizio Iorio. Nell’intervallo tra le due partite, ci sarà il tanto atteso arrivo del Foggia Calcio che sarà rappresentato dai massimi dirigenti e da mister Stroppa; per l’occasione, verranno presentati i giocatori finora acquistati per affrontare il prossimo campionato di serie B, a due giorni dall'esordio in Coppa Italia a Vicenza.

I tabellini delle gare di ieri:

Argentina-Honduras 3-2 d.t.s (2-2)
ARGENTINA: 1. Bonano, 2. Styk, 3. Rodriguez, 4. Siracusa, 5. Lago, 6. De Nichilo, 7. Grabinski. All. Alesandro Di Genaro.
HONDURAS: 1. Peschecheras, 2. Romero, 4. Ramirez, 5. Vasquez, 8. Belard, 9. Vellenos, 10. Barahona. All. Felix Moncada.
ARBITRI: Trovato e Fabi (Silvestroni)
MARCATORI: 2’ pt Lago, 8’pt Belard,9’ st Rodriguez, 8’tt Vasquez, 1’ ts Rodriguez

Italia-Canada 5-1
ITALIA: 1. Berti, 2. Cudini, 3. Tonetto, 4. Zauri, 5. Prencipe, 6. Ganci, 7. Esposito, 9. Ganz, 12. Lorusso. All. Maurizio Iorio.
CANADA: 22. Maraldo, 2. Arapovic, 3. Goyo An., 4. Kara, 6. Martins, 7. Naeem, 8 Gesualdi L., 9. Davis, 10. Gesualdi G., 11. Lanzagorta. All. Rob Ganearani.
ARBITRI: Violante e Silvestroni (Fabi)
MARCATORI: 4’ pt Esposito, 5’ pt Tonetto, 10’ pt Tonetto, 12’ st Ganz, 3’ tt Martins, 7’ tt Tonetto.

Pubblicato in Sport

Ogni settimana, due itinerari full day con visite guidate e degustazioni a Troia, Pietramontecorvino, Bovino e Orsara a soli 18€

Un altro piccolo scrigno di tesori si aggiunge all’elenco dei Borghi dei Monti Dauni che sarà possibile visitare in queste settimane di agosto da Vieste. Si tratta di Orsara di Puglia, borgo Bandiera Arancione e Città Slow, celebre per l’enogastronomia di qualità, per l’antica abbazia dell’Angelo, per le sue feste del vino, per il rito dei “Fucacoste” e per tanto altro ancora.

Nell’ambito del progetto “Monti Dauni, la Puglia che non ti aspetti”, reso possibile grazie al sostegno di Fondazione Monti Uniti di Foggia e Fondazione Puglia, ogni settimana proponiamo due itinerari con partenza da Vieste per far conoscere alcuni dei borghi più affascinanti di Puglia: Troia, Pietramontecorvino, Bovino e, adesso, anche Orsara di Puglia che sostituisce l’escursione inizialmente prevista ad Ascoli Satriano.

Gli itinerari programmati partono da Vieste di mercoledì e giovedì alle ore 08.00 con rientro previsto intorno alle 18.30. Il primo itinerario propone Troia e Pietramontecorvino ed è ancora in programma il 9, 16 e 24 agosto. Il secondo itinerario prevede la visita di Bovino e Orsara di Puglia ed è in programma per il 10, 17 e 31 agosto. Entrambi saranno proposti al costo promozionale di 18€ (13€ per i bambini).

Tante le degustazioni comprese nei tour: dalla "Passionata" al celebre Nero di Troia fino ai salumi tipici dei Monti Dauni. E tante saranno anche le visite culturali previste tra borghi, abbazie, torri, cattedrali e le tipiche viuzze di questi borghi millenari. Insomma una occasione unica per scoprire l’entroterra e il suo patrimonio immenso di cultura, arte e buon cibo. Una occasione unica per scoprire una Puglia alta e altra: i Monti Dauni.

A.c.t! Monti Dauni
Associazione Culturale &Turistica

Per info: 347/2668932 (Giuseppe Beccia)

Pubblicato in Turismo
Venerdì, 04 Agosto 2017 09:49

TEMPO DELLA LIBERTA’

“La vacanza è il tempo più nobile dell’anno, perché è il momento in cui uno si impegna come vuole col valore che riconosce prevalente nella sua vita (....). Il valore più grande dell’uomo, la virtù, il coraggio, l’energia dell’uomo, il ciò per cui vale la pena vivere, stà nella gratuità, nella capacità della gratuità. E la gratuità è proprio nel tempo libero che emerge e si afferma in modo stupefacente. Il modo della preghiera, la fedeltà alla preghiera, la verità dei rapporti, la dedizione di sé, il gusto delle cose, la modestia nell’usare della realtà, la commozione e la compassione verso le cose, tutto questo lo si vede molto più in vacanza che durante l’anno. In vacanza uno è libero e, se è libero, fa quello che vuole (...) Libertà sopra ogni cosa. Libertà di fare ciò che si vuole....secondo l’ideale! Che cosa ne viene in tasca, a vivere così? La gratuità, la purità del rapporto umano”.

(appunti da un dialogo con don Giussani, 1997)

Pubblicato in Società

Si informano le famiglie degli alunni iscritti alla Direzione Didattica “G.Rodari” di Vieste (FG) delle novità introdotte dal Decreto Legge 7 giugno 2017, n. 73, contenente misure urgenti in materia di prevenzione vaccinale.
Lo stesso ha apportato sostanziali modifiche nelle attività di prevenzione, contenimento e riduzione dei rischi per la salute pubblica con particolare riferimento al mantenimento di adeguate condizioni di sicurezza epidemiologica in termini di profilassi e di copertura vaccinale.

Il Decreto introduce nuovi obblighi a carico delle famiglie e precisi adempimenti per le scuole.

Le vaccinazioni obbligatorie e gratuite passano da quattro a dieci, mentre le vaccinazioni fortemente raccomandate passano da zero a quattro.

In particolare, saranno obbligatorie le seguenti vaccinazioni:

· anti-poliomelitica;
· anti-difterica;
· anti-tetanica;
· anti-epatitica B;
· anti-pertossica;
· anti-Haemophilusinfluenzaetipo B;
· anti-morbillosa;
· anti-rosolia;
· anti-parotite;
· anti-varicella.

Le dieci vaccinazioni obbligatorie divengono un requisito per l’ammissione all’asilo nido e alle scuole dell’infanzia (per i bambini da 0 a 6 anni), mentre per i minori da 6 a 16 anni c'è solo l'obbligo di vaccinazione con sanzioni pecuniarie in caso di inadempimento.

Per l'iscrizione a scuola è necessario presentare alternativamente:

· idonea documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni
· idonea documentazione comprovante l’esonero per intervenuta immunizzazione per malattia naturale
· idonea documentazione comprovante l’omissione o il differimento della somministrazione del vaccino
· copia della prenotazione dell’appuntamento presso la azienda sanitaria locale

Il genitore può anche autocertificare l’avvenuta vaccinazione e presentare successivamente copia del libretto.

La semplice presentazione alla ASL della richiesta di vaccinazione consente l’iscrizione a scuola, in attesa che la ASL provveda ad eseguire la vaccinazione (o a iniziarne il ciclo, nel caso questo preveda più dosi) entro la fine dell’anno scolastico.

Per l’anno scolastico 2017/2018, sono dettate specifiche disposizioni transitorie:

· entro il 10 settembre 2017 per i nidi e la scuola dell’infanzia ed entro il 31 ottobre 2017 per la scuola dell’obbligo può essere presentata, per l’avvenuta vaccinazione, la relativa documentazione oppure un’autocertificazione; per l’omissione, il differimento e l’immunizzazione da malattia deve essere presentata la relativa documentazione; coloro che sono in attesa di effettuare la vaccinazione devono presentare copia della prenotazione dell’appuntamento presso l’ASL;
· entro il 10 marzo 2018, nel caso in cui sia stata precedentemente presentata l’autocertificazione, deve essere presentata la documentazione comprovante l’avvenuta vaccinazione.

Nel caso in cui il genitore o tutore non presenti a scuola, nei termini previsti, la documentazione richiesta:

· i bambini da 0 a 6 anni non vaccinati non possono accedere agli asili nido e alle scuole dell’infanzia
· da 6 a 16 anni possono accedere a scuola.

In entrambi i casi il dirigente scolastico o il responsabile dei servizi educativi è tenuto a segnalare la violazione alla ASL entro dieci giorni; l’ASL contatta i genitori/tutori/affidatari per un appuntamento e un colloquio informativo indicando le modalità e i tempi nei quali effettuare le vaccinazioni prescritte. Se non si presentano all’appuntamento oppure, a seguito del colloquio informativo, non provvedano a far somministrare il vaccino al bambino, l’ASL contesta formalmente l’inadempimento dell’obbligo.

La mancata osservanza dell’obbligo vaccinale a seguito della contestazione dell’ASL comporta l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 100 euro a 500 euro, proporzionata alla gravità dell’inadempimento.

I genitori della scuola dell’Infanzia (interessati alla scadenza del 10 settembre 2017) saranno contattati ed informati sui nuovi obblighi, telefonicamente, da questa Istituzione scolastica a partire da mercoledì 16 agosto 2017.

Sul sito della Direzione didattica (www.direzionedidatticavieste.gov.it) è pubblicata la circolare completa con in allegato “dichiarazione sostitutiva di certificazione” (ai sensi dell’art. 46 del DPR 28 dicembre 2000 n. 445).

Il Dirigente Scolastico
Prof. Pietro Loconte

Pubblicato in Società

Al Presidente del Senato
On. Grasso
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Alla Presidente della Camera dei Deputati
On. Boldrini
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ai Presidenti delle Commissioni VII Cultura e XI Lavoro Camera dei Deputati

Onorevoli
Piccoli
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Damiano
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Alla Ministra dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca
On. Fedeli
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I Dirigenti Scolastici italiani, a poco più di un mese dall’avvio delle attività didattiche del nuovo anno, si trovano ancora una volta a dover richiamare l’attenzione di tutti sulle criticità presenti in materia di sicurezza negli edifici scolastici del Paese.

La triste realtà dei fatti è che la maggior parte delle scuole NON è ancora dotata delle certificazioni previste che secondo la normativa vigente gli enti proprietari degli immobili (Province e Comuni) sono obbligati invece ad avere, questo neppure nelle regioni che hanno subito i recenti eventi sismici.

I Capi d’Istituto, equiparati dal D. Lgs. 81/2008 ai datori di lavoro, ma senza specifiche risorse economiche né autorità giuridica per provvedere in proprio a predisporre azioni sugli edifici (le scuole non sono dotate di Ufficio Tecnico), hanno l’obbligo di richiedere tali certificazioni alle amministrazioni competenti.
Ciascun Dirigente Scolastico procede alla richiesta e segnala puntualmente all’ente proprietario eventuali criticità e documenti mancanti, attendendo fiducioso l’immancabile silenzio dell’amministrazione... che a volte quelle certificazioni “benedette” le ha, a volte no; ma la comunità scolastica, gli alunni, le famiglie degli stessi e i lavoratori sembra non debbano saperne nulla. Per l’ente proprietario meglio non scrivere nulla che certificare che non tutto è a norma! A questo punto il Dirigente Scolastico, che ha anche la piena responsabilità di vigilare sulla sicurezza e salubrità dei luoghi in cui la comunità scolastica che dirige si trova quotidianamente a operare, in assenza di elementi concreti che assicurino formalmente e sostanzialmente la sicurezza degli edifici, avrebbe come unica opzione quella di interdirne l’uso, rischiando di limitare così il diritto costituzionale all’istruzione dei propri alunni.

Nonostante la sproporzione esistente tra le responsabilità in capo ai dirigenti scolastici in materia di sicurezza e gli strumenti reali a disposizione sia paradossale e insensata ci siamo sempre dichiarati comunque pronti a collaborare in ogni modo per la sicurezza e l’incolumità di tutti gli utenti della scuola. Abbiamo richiesto però una forte presa di coscienza in tutte le sedi istituzionali, nel rispetto dei ruoli e delle funzioni, delle reali condizioni di sicurezza degli edifici scolastici e per questo sembra imprescindibile la realizzazione di una vera anagrafe della sicurezza delle scuole italiane

In una tale situazione era lecito aspettarsi che da ogni parte si prendesse atto che non è più procrastinabile la predisposizione di tutte le azioni - sia in termini di programmazione che di attuazione degli interventi - necessarie a far sì che tutte le scuole rappresentino luoghi sicuri per i lavoratori e per gli utenti. Eravamo fiduciosi che tutti soggetti coinvolti nelle sedi opportune si sarebbero adoperati affinché si procedesse alle modifiche al D.Lgs. 81/2008, in modo che diventassero chiari i compiti e le responsabilità del Dirigente Scolastico in materia di sicurezza e che si definissero le forme di attuazione del decreto medesimo nelle scuole.

Invece, in barba a qualunque principio di lealtà e di collaborazione tra Pubbliche Amministrazioni, l’UPI (Unione Province Italiane) e l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), ascoltati in audizione dalla VII commissione della Camera per discutere la necessaria revisione del D.Lgs. 81, lungi dal fare fronte comune per procedere anche con forza a richiedere i necessari finanziamenti statali per la messa a norma di tutte le scuole d’Italia, hanno dichiarato la loro indisponibilità a farsi carico di ciò che la legge impone loro, ovvero la sicurezza delle strutture di cui sono proprietari. Meglio lasciare al dirigente scolastico le responsabilità piuttosto che coalizzarsi tutti insieme sul vero tema della questione: i fabbricati da risanare.

Avremmo voluto incontrarci con tutti gli attori istituzionali del territorio, ragionare con loro su come agire per la piena sussidiarietà, su come contribuire ad avviare con urgenza una fase in cui la sicurezza trovi riscontri proporzionati nella programmazione delle risorse nazionali e regionali. Dopo la brutta sorpresa del 25 luglio questa possibilità sembra più lontana e le scuole si sentono più sole: ma come Dirigenti Scolastici siamo ancor più determinati a garantire al personale e all’utenza idonee condizioni di sicurezza. E se non dovessero esserci, inoltreremo richiesta di intervento agli organi di vigilanza competenti per territorio perché ne traggano le conseguenze del caso.

Nella delusione per la scarsa collaborazione interistituzionale, ci teniamo a sottolineare che non è soltanto una questione di responsabilità – pur enormi - da dirimere in punta di giurisprudenza, ma ne va – soprattutto in alcune regioni ad alto rischio - della vita stessa di tutti coloro che nelle scuole operano e apprendono. Se tra poco più di un mese i Prefetti o i Vigili del Fuoco dovessero decidere per la non riapertura di molti plessi scolastici non ancora a norma i Dirigenti Scolastici si adopereranno per trovare tutte le soluzioni alternative possibili per garantire il diritto allo studio di ciascuno studente, ma lo faranno soltanto nella consapevolezza che alunni, docenti e personale scolastico hanno in primis il diritto a veder garantita la propria incolumità.

Pubblicato in Società
Pagina 1 di 2

Ondaradio consiglia...

Reporter della tua città

15 Ottobre 2017 - 16:12:52

Reporter della Tua Città/ E' ottobre ma sembra estate: sul Gargano si va ancora al mare

E' ottobre ma sembra estate, anche sul Gargano dove oggi in molti hanno approfittato della bella giornata e del clima quasi estivo per tuffarsi in acqua o al più sdraiarsi al sole…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Lungomare Europa - Marina di Vieste - Lotto 24 - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 705248 - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005